Collegati con noi

In Evidenza

La sceneggiata Dem napoletana, all’esordio il neo segretario Annunziata mette fuori la porta le donne e sistema i cavallucci di De Luca. Ma…

Pubblicato

del

L’assemblea regionale campana del Pd che cambia registro c’è stata. Il primo segno del cambiamento è quello che il “nuovo” segretario, il filosofo Leo Annunziata, prova a realizzare, facendo accomodare nell’ufficio di presidenza 4 maschietti. Il presidente proposto, il salernitano Nicola Landolfi, di rito deluchiano, non è stato eletto in assemblea ma lo vuole sistemare in quel posto il Capo. E così, nel Cinema Pierrot a Ponticelli, si consuma la sceneggiata del cambiamento. Sul palco c’è il filosofo Annunziata che cita Sartre, Gramsci, parla di questione morale, di partiti, simboli e liste civiche, in sala i caporioni burattinai sistemano la nomenclatura scelta dal vero dominus, Vincenzo De Luca. E così il designato presidente è Landolfi.

Il tesoriere del partito è il vicesindaco di Poggiomarino, Nicola Salvati, che avrà la cassa di Annunziata.  Nell’ufficio di presidenza ci sono Umberto De Gregorio (presidente Eav e pedina napoletana di De Luca aspirante candidato sindaco di Napoli), il sindaco Giorgio Zinno sempre in quota De Luca. Per le minoranze andrebbero Francesco Zanfardino e l’ex parlamentare Alfonso Andria.  È il caos. Il regista di questa operazione è Nello Mastursi, l’ex capostaff di De Luca, chiamato a dare una mano nel partito dopo essere stato travolto da una inchiesta della magistratura. E così mentre in sala, al Cinema Pierrot, va in scena il dibattito democratico, dietro le quinte c’è chi ricompone l’ufficio di presidenza in maniera più ipocritamente politicamente corretta. De Gregorio e Zinno escono (hanno già due bei ruoli, non soffriranno), entrano Roberta Santaniello e Paola Vairano. La prima è una consulente alla Regione di De Luca. E così il nuovo Pd, il Pd del cambiamento, avrà un sindaco incompatibile segretario cavalluccio di De Luca e un ufficio di presidenza con consulenti di De Luca. Dunque Pd compatto, De Luca ricandidato alla Regione con l’avallo di tutto il partito. Pardon, di tutto il suo partito. Chi si oppone a questa sceneggiata? A Napoli nessuno ne è capace, nessuno ne ha la forza, in tanti tengono famiglia.

Advertisement

In Evidenza

La cantante Sarah vince Amici di Maria De Filippi

Pubblicato

del

La cantante Sarah vince la 23/a edizione di Amici, il talent di Maria De Filippi. Sarah, classe 2006 originaria di Vigevano, in provincia di Pavia, porta a casa un premio del valore di 150mila euro in gettoni d’oro.

Nella finalissima ha battuto la ballerina Marisol, che porta a casa il premio di categoria del valore di 50mila euro in gettoni d’oro e il Premio della Critica di 50mila euro, assegnato da una giuria composta da 25 tra le principali testate quotidiane, agenzie di stampa e web. Sarah, classe 2006, originaria di Vigevano, in provincia di Pavia, a settembre 2023 fa il suo ingresso nella scuola di Amici. Durante il programma pubblica alcuni brani inediti: Touché, cui seguono Viole e violini, Mappamondo e Sexy Magica.

Il 17 maggio è uscito il suo Ep che porta il suo nome (Warner Music Italy). Nella serata finale erano arrivati anche il cantante Mida, il ballerino Dustin, al quale è stato assegnato il Premio Speciale Spirito Libero offerto da Oreo del valore di 30mila euro, il cantante Petit che ha conquistato il Premio speciale per la comunicazione offerto da Tim del valore di 40mila euro, il cantante Holden al quale è andato il premio delle radio, assegnato da otto network radiofonici (Radio Italia, Rds, Rtl 102.5 e Radio Zeta, Radio 105, R101, Radio Norba e Radio Kiss Kiss). Infine a ciascun finalista va il Premio Keep Dreaming offerto da Marlù del valore di 7mila euro in gettoni d’oro.

Continua a leggere

Economia

Banche, utili record: in tre mesi a 6,3 miliardi

Pubblicato

del

Il sistema bancario “continua a macinare record”. Numeri in crescita anche nel primo trimestre dell’anno con i primi sette gruppi bancari del Paese (IntesaSanpaolo, Unicredit, Bpm, Mps, Bper, Popolare di Sondrio e Credem) che hanno fatto registrare utili pari a 6,3 miliardi, per un +25,6% sui primi tre mesi del 2023. Lo rileva un report condotto dall’Ufficio studi & ricerche della Fisac-Cgil sui risultati di bilancio dei primi sette gruppi bancari nazionali nel primo trimestre del 2024.

“Dopo i risultati da record per i grandi gruppi bancari nel biennio passato – commenta la segretaria generale della Fisac-Cgil, Susy Esposito – molti si attendevano un rallentamento, complice l’attesa discesa dei tassi di interesse. Il ritardo della Bce a diminuire i tassi di riferimento, e di conseguenza la trasmissione di questo ai tassi attivi praticati dalle banche, insieme alla perdurante politica di scarsa remunerazione dei depositi, ha mantenuto elevato il livello dei ricavi dalla gestione del danaro”. Risultati che, aggiunge, “a fronte di un contenimento sul versante della spesa del personale, nonostante il rinnovo del contratto, così come delle spese amministrative, deve indurre il sistema bancario per intero a investire sull’occupazione e sul radicamento nel territorio”.

Il margine di interesse, si rileva nel report della Fisac-Cgil, sale ancora, per il campione, di quasi il 7% nei primi tre mesi dell’anno rispetto all’analogo periodo del 2023. La dinamica delle commissioni, per quasi tutti i gruppi, ha accelerato (+5,3%) e spesso deriva dalla spinta alla vendita di prodotti assicurativi ma anche da quelle relative all’amministrazione dei titoli. Il prodotto delle due componenti più significative dell’attività caratteristica bancaria ha spinto ulteriormente verso l’alto i ricavi totali (17,8 miliardi di euro per un +9,8%). Sul versante dei costi del personale, che hanno registrato un aumento del +2,5% derivato anche dal rinnovo del contratto Abi, si mantengono mediamente più elevati rispetto allo stesso periodo del 2023 seppur in maniera contenuta, così come le spese amministrative, sottolinea il rapporto della Fisac.

Questa dinamica dimostra, dal lato dei costi per il personale, “la capacità delle banche di agire gestionalmente per mantenere sotto controllo questi ultimi, anche e purtroppo attuando politiche di riduzione degli organici come di mancato turn over”, prosegue il report. Dal lato delle spese amministrative (-0,5%), la previsione di investimenti in nuova tecnologia, spiega inoltre la Fisac-Cgil, come previsto da quasi tutti i piani di impresa, “farebbe pensare ad un incremento di queste ultime anche a scapito della erosione dei margini, fenomeno che non si è ancora verificato. Viceversa il contenimento delle spese, anche attraverso la politica della chiusure delle filiali, a beneficio della redditività a disposizione della distribuzione di utili, può rallentare il processo di innovazione tecnologica, così come confermare la dinamica di riduzione di dipendenti e sportelli”.

Continua a leggere

Economia

Abi, tasso medio dei conti corrente sale allo 0,59%

Pubblicato

del

In aprile il tasso medio praticato dalle banche italiane sui nuovi depositi a durata prestabilita (cioè certificati di deposito e depositi vincolati) è stato il 3,63%. A marzo 2024 tale tasso era in Italia superiore a quello medio dell’area dell’euro (Italia 3,67%, area dell’euro 3,50%). Rispetto a giugno 2022, quando il tasso era dello 0,29% (ultimo mese prima dei rialzi dei tassi Bce), l’incremento è stato di 334 punti base.

Lo afferma il rapporto mensile dell’Abi. Il rendimento delle nuove emissioni di obbligazioni bancarie a tasso fisso ad aprile 2024 è stato il 3,81%, con un incremento di 250 punti base rispetto a giugno 2022 quando era l’1,31%. In aprile il tasso medio sul totale dei depositi (certificati di deposito, depositi a risparmio e conti correnti), è stato l’1,05% (1,04% nel mese precedente, 0,32% a giugno 2022). Il tasso sui soli depositi in conto corrente è salito allo 0,59% (0,57% nel mese precedente), tenendo presente che il conto corrente “permette di utilizzare una moltitudine di servizi e non ha la funzione di investimento”, conclude l’Abi.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto