Collegati con noi

Esteri

Johnson vuole un accordo senza backstop, ma l’Ue chiude

Pubblicato

del

E’ ancora la questione del confine irlandese il nodo per un possibile accordo tra Londra e Bruxelles sulla Brexit, con il premier britannico Boris Johnson che, in una lettera indirizzata al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, apre a una possibile intesa sull’uscita britannica dall’Unione ma solo con un passo indietro dell’Ue sul “backstop” – il protocollo di salvaguardia per evitare un confine fisico tra Repubblica d’Irlanda e Irlanda del Nord – considerato da Londra “antidemocratico e in contrasto con la sovranita’” del Regno Unito. Ma Tusk ha risposto a Downing Street chiudendo su qualunque cambiamento del meccanismo, che per l’Ue rappresenta “una garanzia” contro la reintroduzione di una frontiera. Intanto la Gran Bretagna continua il suo processo di allontanamento dall’Unione, con i ministri di Sua Maesta’ che da settembre non parteciperanno ad alcune riunioni Ue e il premier Johnson che discute con il presidente americano Donald Trump dell’accordo di libero scambio tra Stati Uniti e Regno Unito. “Grande discussione con Johnson. Abbiamo parlato della Brexit e di come procedere rapidamente con un accordo di libero scambio. Non vedo l’ora di incontrarmi con Boris questa fine settimana al G7 in Francia”, ha twittato Trump. Nella lettera indirizzata a Tusk, Johnson garantisce il suo “personale impegno” sul fatto che il suo governo “lavorera’ con energia e determinazione per raggiungere un accordo” sulla Brexit entro il 31 ottobre, ma esclude che tale accordo possa comprendere il backstop.

Il primo ministro ha anche affermato che il suo sostegno rischierebbe di compromettere il processo di pace nell’Irlanda del Nord. E la paura sembra essere concreta, dopo che due uomini sono stati arrestati a Dublino nell’ambito delle indagini relative alla recente scoperta di una bomba piazzata sotto un’auto della polizia nordirlandese a Belfast. Al documento di 4 pagine di Johnson, Tusk risponde con un rapido tweet, nel quale sottolinea che “il backstop sta a garanzia che una frontiera fisica sara’ evitata sull’isola di Irlanda, a meno che e fino a quando venga trovata un’alternativa. Chi e’ contro il backstop e non propone alternative realistiche, nei fatti, sostiene la reintroduzione di una frontiera. Anche se non lo ammette”. Una dichiarazione che ha trovato il sostegno della Commissione Europea, che da’ “il benvenuto all’impegno britannico per un divorzio ordinato, che e’ nel migliore interesse sia dell’Ue che del Regno Unito”, sottolineando pero’ che “non e’ stata proposta una soluzione legale per evitare frontiere fisiche sull’isola di Irlanda”. Inoltre, secondo Bruxelles, la lettera di Johnson contiene affermazioni “non corrette” e “fuorvianti”, affermando che l’attuale intesa sulla Brexit “rispetta in pieno l’Accordo del Venerdi’ Santo, lo status costituzionale dell’Irlanda del Nord e l’integrita’ territoriale del Regno Unito”. Londra tuttavia rimane ferma sulla sua posizione: “Se non sara’ riaperto l’accordo sul ritiro, con l’abolizione del backstop, non ci sono prospettive per un accordo”, ha spiegato Downing Street, sottolineando che “siamo sempre stati chiari sul fatto che non intendiamo mettere infrastrutture, verifiche o controlli al confine” tra Eire ed Irlanda del Nord.

Advertisement

Esteri

Usa condannano gli incontri di Dodik con Putin e Lukashenko

Pubblicato

del

L’amministrazione americana ha condannato gli incontri avuti nei giorni scorsi dal leader serbo-bosniaco Milorad Dodik con i presidenti russo e bielorusso Vladimir Putin e Aleksandr Lukashenko, nel corso di visite a Kazan e Minsk. “Tali visite sono gli ultimi di una serie di esempi che mostrano quanto Milorad Dodik sia isolato dalla comunità euro-atlantica”, ha riferito in una nota il Dipartimento di Stato.

“Gli Stati uniti – ha aggiunto – sono al fianco di tutto il popolo della Bosnia-Erzegovina e sostengono il futuro sicuro e prospero di quel Paese nella comunità euro-atlantica”.

Nella nota del Dipartimento di Stato – ripresa dai media a Sarajevo – si afferma al tempo stesso che “riterremo responsabili anche gli individui e le istituzioni che minacciano la stabilità e la sicurezza della Bosnia-Erzegovina”. Critiche agli incontri di Dodik con Putin e Lukashenko sono giunte anche dalla rappresentanza Ue a Sarajevo, secondo cui tali visite “non sono in linea con il percorso europeo della Bosnia-Erzegovina”.

Continua a leggere

Esteri

Media opposizione: sono circa 80.000 i russi morti in Ucraina

Pubblicato

del

Sarebbero circa 80.000 i soldati russi morti nei due anni di conflitto in Ucraina, secondo uno studio realizzato dalle testate dell’opposizione Meduza e Mediazona. Almeno 75.000 risultano deceduti fino alla fine del 2023, ma se si suppone che durante l’offensiva per conquistare Avdiivka, dall’inizio dell’anno, le perdite siano state almeno le stesse dell’ultimo trimestre del 2023, i morti sarebbero 83.000, affermano le due testate.

Almeno 20.000 caduti sarebbero ex detenuti che hanno ottenuto l’amnistia a condizione che si arruolassero nelle forze armate per andare a combattere. I calcoli sono stati fatti sulla base dei dati del registro per le eredità, quelli dell’istituto statistico nazionale Rostat e di una lista di caduti che Mediaziona tiene aggiornata in collaborazione con il servizio russo della Bbc. Una decina di giorni fa lo Stato maggiore delle forze armate ucarine affermava che i russi caduti erano 400.000. I dati relativi ai propri morti e feriti non vengono pubblicati né da Mosca né da Kiev, trattandosi di un segreto militare.

Continua a leggere

Esteri

007 Gb, 350mila soldati russi morti o feriti in 2 anni

Pubblicato

del

Secondo il report quotidiano dell’intelligence militare britannica su X, durante i due anni di guerra in Ucraina le perdite russe sono pari e in molti casi superiori al numero di soldati inviati sul campo nei primi giorni dell’invasione: 350.000 militari russi sono rimasti uccisi o feriti dal 24 febbraio 2022 a oggi. Tuttavia, Mosca è riuscita a recuperare le perdite. “L’esercito russo in Ucraina è attualmente più numeroso rispetto al 2022. I russi sono in grado di continuare gli attacchi in prima linea e applicare la strategia di logoramento per esaurire le forze ucraine”, hanno affermato i servizi britannici.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto