Collegati con noi

Ben'essere

Il te’ sempre più verde, nelle tazze vince il salutismo

Pubblicato

del

Il tè verde sta soppiantando, negli ultimi 20 anni, il consumo del tè nero in una scalata che sembra inarrestabile, grazie anche alle scelte di mercato dei salutisti che percepiscono il green tea come prodotto più sano, con numerosi benefici per la salute, dalla protezione contro tumori specifici e l’Alzheimer all’abbassamento del colesterolo Ldl. Ciò ha comportato, segnala l’osservatorio di Mondothè, che il tè nero perdesse diversi punti percentuali nella classifica dei tè standard tra il 2003 e il 2016, mentre il tè verde ha guadagnato due punti percentuali.

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha proclamato il 21 maggio Giornata internazionale del tè, riconoscendo la lunga storia e il significato culturale ed economico di questa coltura in tutto il mondo, nonché il suo ruolo significativo nello sviluppo rurale, soprattutto nei paesi in via di sviluppo. E la Fao celebra la ricorrenza puntando i riflettori sulle donne nel settore del tè, evidenziando i loro “diversi contributi lungo tutta la catena di approvvigionamento”, dal raccolto alla degustazione in tazza.

La Cina, la Repubblica di Corea e il Giappone hanno quattro siti di coltivazione del tè designati dalla Fao come sistemi del patrimonio agricolo “di importanza globale”, ma il tè prospera in condizioni e ambienti agroecologici – è il monito dell’agenzia internazionale delle Nazioni Unite – molto specifici, spesso colpiti dai cambiamenti climatici. Nonostante le incognite sul futuro si tratta di un’industria multimiliardaria, composta sia da multinazionali che da piccoli produttori, che rappresenta un’importante fonte di occupazione e reddito per milioni di famiglie povere in tutto il mondo. Dopo l’acqua, il tè è la bevanda più consumata a livello planetario.

Per molti è un bere quotidiano, ad alta versatilità negli abbinamenti, da assaporare sia caldo che freddo in ogni momento della giornata. Quello che cambia è la geografia dei consumi: secondo i dati di Euromonitor International, il Paese a maggior consumo al mondo di tè è la Cina, con oltre 70 miliardi di litri di tè caldo e oltre 15 miliardi di litri di tè freddo. Per il tè caldo, tra i più grandi consumatori, dopo la Cina, seguono l’India e la Russia con 27 miliardi di litri. Tra i Paesi europei, oltre alla Russia, si distingue la Gran Bretagna (11 miliardi di litri) e la Germania (7 miliardi di litri). A sorpresa, si scopre che in Giappone si consuma meno tè caldo che in Germania.

Per il tè freddo i Paesi a maggior consumo sono, dopo la Cina, rispettivamente il Giappone (con oltre 6 miliardi di litri, quasi quanto il tè caldo) e gli Stati Uniti (5,6 miliardi di litri). Tra i primi 10 maggiori Paesi consumatori al mondo di tè freddo, quale prodotto perlopiù industriale, c’è anche l’Italia. Sul mercato italiano, precisa Sergio Grasso, esperto di NielsenIq, le bevande a base tè crescono del 5% in giro d’affari, ma perdono il 3.3% dei volumi venduti.

“Cresce – aggiunge l’analista – l’incidenza delle promo sulle vendite. Inoltre le bevande a base tè senza zucchero crescono anche a volume, in controtendenza rispetto alla categoria. Le capsule di tè crescono, mentre sono le bustine di tè a perdere volumi”. Intanto all’estero, nonostante l’aumento del consumo di tè nei principali paesi produttori, il consumo pro capite, evidenzia la Fao, rimane relativamente basso, suggerendo che in queste economie esiste ancora un notevole potenziale di crescita.

Advertisement
Continua a leggere

Ben'essere

Nel 2024 il vino torna a tavola, vendite attese +2,6%

Pubblicato

del

Nel 2023 si è “bevuto meno ma meglio” ma nel 2024 i big del vino si attendono una crescita anche nelle vendite (+2,6%) con un’accelerazione nell’export (+3%). E’ l’orizzonte su cui si affaccia la nuova indagine sul settore vinicolo in Italia dell’Area Studi di Mediobanca che ha analizzando i bilanci di 253 società di capitali italiane con fatturato 2022 superiore ai 20 milioni di euro e ricavi aggregati per 11,8 miliardi di euro, pari all’88,4% del fatturato nazionale del settore. Nel 2023 la produzione mondiale di vino è stimata in 237 milioni di ettolitri (-9,6%) con un consumo diminuito l’anno scorso del 2,6% a 221 milioni di ettolitri.

La rimodulazione della domanda, indotta dal ricambio generazionale e dal diffondersi di modelli salutistici così come dai cambiamenti climatici, hanno causato un calo dei consumi di vino rosso, passati da una quota del 51,3% medio nel periodo 2000-2004 al 48,3% del 2017-2021. In controtendenza i consumi di vini bianchi (dal 40% al 42,2% +2,2 punti) e quelli di rosé (dall’8,7% al 9,5%+0,8 punti). L’Italia segue la tendenza mondiale registrando -23,2% nella produzione rispetto al 2022 e -1,6% nei consumi, con 37,4 litri pro-capite all’anno). Nel complesso i margini sono stabili (Ebit margin +1,4%, risultato netto su fatturato +4,2%).

La leadership di vendite è sempre del gruppo Cantine Riunite-GIV (670,6 milioni, -3,4%); al secondo posto Argea (449,5 milioni, -1,2%), seguita da IWB (429,1 milioni, -0,3%). Osservando la redditività (rapporto tra risultato netto e fatturato), il 2023 vede in testa la toscana Frescobaldi (29%) seguita dalla veneta Santa Margherita (18,5%). Chiude il podio Antinori con un utile su fatturato del 17%, in aumento di 2,6 punti percentuali sul 2022. Alcune aziende hanno una quota di export molto elevata, in alcuni casi quasi totalitaria: Fantini Group tocca il 96,4%, Ruffino il 91,1%, Argea l’89,9 per cento.

Il mondo del vino è ancora fortemente una ‘questione di famiglia’, il 64,8% del patrimonio netto è in mano alle famiglie, quota che sale all’81,4% se si considerano anche le cooperative. Gli investitori finanziari partecipano al 10,9% dei mezzi propri: le banche e assicurazioni (5,2%) sono assenti nelle imprese più piccole, mentre i fondi di private equity (4,1% del patrimonio netto) partecipano nei capitali delle principali imprese vinicole indipendentemente dalla loro dimensione. Tra gli aspetti da migliorare, secondo l’indagine, c’è quello della sostenibilità. Solo il 34,9% delle maggiori imprese vinicole italiane redige un Bilancio di Sostenibilità (38,6% i produttori con più di 50 milioni di fatturato).

Continua a leggere

Ben'essere

Spagnolo primo ristorante al mondo, 4 italiani in top 50

Pubblicato

del

Nelle ultime edizioni ha scalato il podio una posizione alla volta fino a raggiungere quest’anno il gradino più alto: il ristorante ‘Disfrutar’ di Barcelona è stato nominato il miglior del mondo del 2024. L’incoronazione è arrivata all’evento The World’s 50 Best Restaurants la scorsa notte a Los Angeles, che ha riunito il mondo dell’alta gastronomia.

Il locale spagnolo, gestito dal trio di chef Oriol Castro, Eduard Xatruch e Mateu Casañas (nella foto in evidenza), ha scalzato il vincitore del 2023, Central di Lima, incluso quest’anno nella hall of fame dei ristoranti Best of the Best. Si è piazzato davanti ad Asador Etxebarri (Numero 2) di Atxondo e a Table by Bruno Verjus (Numero 3) di Parigi.

Quattro gli italiani presenti nella classifica tra i top 50: al 12/mo posto Lido 84 a Gardone Rivera (Brescia), che scende di 5 posizioni rispetto alla scorsa edizione, Reale (19/mo) a Castel di Sangro (L’Aquila) e Uliassi a Senigallia (50/mo) che perdono rispettivamente 3 e 16 posizioni e Piazza Duomo ad Alba (39/mo) che invece sale di 3 posizioni.

All’evento di Los Angeles, sponsorizzato da S. Pellegrino & Acqua Panna, sono stati premiati anche i migliori talenti gastronomici provenienti da 26 Paesi in cinque continenti. Disfrutar, che arrivò secondo nel 2023 e terzo nel 2022, è conosciuto per le sue tecniche innovative e per l’eccellenza degli ingredienti e propone un menu degustazione caratterizzato da un’identità mediterranea cui si innestano sapori all’avanguardia per offrire una cucina contemporanea e audace capace di sorprendere.

“ll team, guidato da Oriol Castro, Eduard Xatruch e Mateu Casañas, ha dimostrato un’incredibile dedizione, deliziando ad arte i commensali con ogni piatto del suo ampio menu. – ha detto William Drew, direttore editoriale di The World’s 50 Best Restaurants, – Quest’anno il mondo dell’alta gastronomia celebra una classifica veramente globale che comprende i ristoranti di 26 paesi, dimostrando che il desiderio per la varietà e l’eccellenza nel settore dell’ospitalità non mostrano segni di cedimento”.

La classifica è votata da 1.080 esperti internazionali nella ristorazione e da esperti gourmet itineranti che compongono la The World’s 50 Best Restaurants Academy. Tra gli altri riconoscimenti assegnati in questa edizione quello a Mitsuharu ‘Micha’ Tsumura, lo chef-proprietario del Maido a Lima, che ha vinto l’Estrella Damm Chefs’ Choice Award 2024, l’unico premio votato dai colleghi del settore, grazie al suo impegno nel portare il Perù sul palcoscenico gastronomico mondiale, come dimostra la posizione del Maido nel 2023 al Numero 1 nella classifica Latin America’s 50 Best Restaurants.

Continua a leggere

Ben'essere

Lorenzo Ruggeri è il nuovo direttore del Gambero Rosso

Pubblicato

del

Si apre un nuovo importante capitolo per il Gambero Rosso con la nomina di Lorenzo Ruggeri come nuovo direttore responsabile della testata. Giornalista professionista, giovane e talentuoso, Ruggeri è una figura di spicco nel settore enogastronomico internazionale e italiano, e guiderà lo storico gruppo. Questo traguardo rappresenta il culmine di una carriera professionale di 15 anni all’interno dell’azienda, iniziata come studente, poi proseguita come editor internazionale, e infine come vicecuratore della Guida Vini d’Italia.

Il presidente Paolo Cuccia ha commentato: «Ruggeri è la figura ideale per la nuova direzione del Gambero Rosso, per la profonda conoscenza del settore e per il suo illuminato percorso con noi in questi anni. Da sempre il nostro gruppo è impegnato a creare un ambiente capace di valorizzare e coltivare i talenti, promuovendo una cultura di crescita e sviluppo professionale, dove ciascuno possa esprimere al meglio il proprio potenziale. Lorenzo è un esempio di questo impegno e sono certo che, con la sua esperienza e competenza, saprà valorizzare ancora di più il ruolo del Gambero nel panorama dell’enogastronomia italiana e internazionale».

Romano, 38 anni, Ruggeri è entrato a far parte del Gambero Rosso nel 2008. Si è formato nel vivaio, ovvero nel master in giornalismo enogastronomico alla Città del Gusto di Roma, e ha proseguito negli anni successivi all’interno della redazione. Qui ha dimostrato la sua passione e competenza per il mondo del cibo e del vino, diventando il più giovane degustatore e curatore di alcune delle principali guide, tra cui la Guida dei Migliori Ristoranti Italiani nel Mondo, la Guida Vini d’Italia e Berebene. Questa esperienza lo ha portato ad assaggiare circa 100mila etichette e a visitare ristoranti in tutti i continenti.

Ruggeri vanta una vasta esperienza internazionale, avendo partecipato agli eventi più prestigiosi nel settore enogastronomico, tra seminari e degustazioni, e avendo svolto il ruolo di giudice in concorsi mondiali sul vino. «Accetto questa sfida con grande entusiasmo, felice di poter contribuire al futuro dell’azienda che mi ha visto crescere e che ha riposto in me la sua fiducia», dichiara Ruggeri. «Il mio obiettivo è quello di rafforzare l’autorevolezza del Gambero Rosso, in Italia e nel mondo, rinnovandone lo stile e il linguaggio, rendendo ancora più incisivi i nostri contenuti editoriali. Ho la fortuna di guidare una redazione di professionisti straordinari. Insieme affronteremo le tante sfide che abbiamo davanti, con massimo impegno, passione e chiarezza».

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto