Collegati con noi

Ben'essere

Cosmetica, locomotiva economica del made in Italy: volume d’affari da 33 miliardi

Pubblicato

del

Un mondo che prospera e si sostiene, che da alle casse dello Stato ben 6,7 miliardi ogni anno di contribuzione fiscale: parliamo della cosmesi. Il presidente di Cosmetica Italia, associazione delle imprese del settore, Benedetto Lavino, spiega si tratta di una “locomotiva economica” che produce, indotto compreso, un valore di 22,3 miliardi di euro. Per capirci parliamo dell’1,25 del Pil del Paese.

“La cosmetica è uno dei fiori all’occhiello del made in Italy”, ha detto la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nel messaggio all’assemblea pubblica dell’associazione, promettendo a questo ricco comparto l’attenzione che merita. Qualche dato: il 55 per cento dei prodotti per il trucco consumati nel mondo viene realizzato in Italia;  il dato sale addirittura al 67 per cento per il make up utilizzato in Europa; 40 per cento dei cosmetici prodotti in Italia va all’estero.

È per questo che il ministro per le Imprese e per il made in Italy, Adolfo Urso, parla della cosmetica come “uno degli asset più importanti dell’export italiano. Frutto di una cultura millenaria della cura del corpo, oggi diventato simbolo anche di innovazione, eccellenza e sostenibilità”. 33 miliardi di euro di volume d’affari complessivo, 13 miliardi di euro di fatturato nel 2022, circa 400 mila addetti con l’indotto.

Eppure anche in questo settore c’è un “ma”: dei 6,7 miliardi di contribuzione fiscale  1,9 miliardi sono di Iva e per questo motivo Cosmetica Italia solleva una questione: anche se ritenuti beni essenziali, “i cosmetici, senza distinzioni tra fascia di prezzo e tipologia, sono considerati ai fini Iva beni di lusso e sono quindi assoggettati all’aliquota massima”, dice il presidente Lavino. “Riteniamo fondamentale garantirne la costante accessibilità a tutti, soprattutto in un momento in cui l’inflazione incide negativamente sulla capacità di spesa delle famiglie e delle fasce più deboli della popolazione”. La proposta dell’associazione è quella di inserire alcune tipologie di cosmetici tra i beni a Iva ridotta.

 

 

Advertisement

Ben'essere

Pasquale Damiano, dalla laurea in Economia Aziendale alla passione per la pizza che l’ha portato al Festival di Sanremo

Pubblicato

del

Partendo da una precisa scelta animata dalla passione e dal Dna di una famiglia da sempre votata all’alta cucina e alla ristorazione, Pasquale Damiano (nella foto), lasciando alla parete una Laurea in Economia Aziendale ed un Master in Management, ha presto deciso di voler seguire la strada del maestro pizzaiolo e dell’arte dell’impasto. E ciò avviandosi da solo verso una nuova avventura cominciata nel luglio del 2023 con l’apertura della sua pizzeria a Portici chiamata “I Damiano Pizza Concept”. 

Un locale di grande prestigio ed impatto sulla clientela, con 190 coperti 2 megaforni ed un altro forno riservato al senza glutine, grazie al quale propone con successo un tipo di pizza che pur rimanendo legato alla tradizione ed alle antiche regole, strizza l’occhio ai gusti di oggi e all’innovazione. Così, partendo dagli insegnamenti familiari che già quarant’anni fa prevedevano un complesso impasto realizzato con la cosiddetta “mamma d’’o mpasto” tra lievito madre e pasta di riporto, il trentenne Pasquale, oggi, riesce a proporre una pizza che per la sua raffinatezza addirittura, come lui stesso afferma, “procura dipendenza”. 

Partendo da un impasto capace di stimolare le papille gustative fino ad indurre a non potere fare più a meno di quanto assaggiato, le creazioni di patron Damiano, nascono da un blend di farine non raffinate che dal tipo “zero” s’inoltrano fino al tipo “1”. Amante dei topping armonici e ben studiati, il giovane pizzaiolo ha anche portato al successo una pizza fritta tipo “battilocchio” chiamata “Sciò Sciò” nata dalla collaborazione con lo chef stella Michelin, Peppe Guida. 

La stessa prevede una farcitura di babà al limoncello, crema pasticcera e una volta servita con un taglio centrale su di una lastra di pietra, l’aggiunta di una dose di limoncello ed una zesta di limone. Infine,  con un tocco di genialità, viene aggiunto, a parte, un biglietto della lotteria in corso di validità per donare a chi mangia, oltre al gusto, l’emozione della possibile vincita. Ed è proprio con queste premesse che Pasquale Damiano nella sua pizzeria professa quello che lui chiama “il concetto della felicità”. «Uno stato – come spiega lo stesso pizzaiolo – che, nel segno del motto la felicità sa di pizza, deriva dall’esperienza nel proporre tante qualità di pizza capaci di far stare spiritualmente bene chi le assaggia».

E sono davvero tante le pizze de “I Damiano” in via Poli a Portici, tra queste, quelle nel ruoto a doppia e tripla cottura e il “cono fritto” con mozzarella di bufala, fonduta di grana e l’aggiunta di pomodori confit che, come sostiene patron Pasquale, ricorda il cono gelato dell’infanzia. Pronto a stimolare tra i ragazzi la scelta della pizza fritta, spesso in calo e trascurata, il noto pizzaiolo propone anche la famosa “ruota di carro” ed una “Margherita” che ha conquistato il titolo di campione del mondo al “Campionato Mondiale Pizza Doc” di Paestum. Esperto nelle varie tecniche di lievitazione, Damiano è anche sostenitore di tante iniziative di solidarietà come nel caso del progetto dedicato ai ragazzi con disabilità e agli alunni dell’Istituto Comprensivo 2 “Alfredo Panzini” di Castellammare di Stabia, nato in collaborazione con la dirigente scolastica Donatella Ambrosio e con  Emanuele “Manu Food” Cuomo. Ancora, Pasquale Damiano sarà ambasciatore di felicità anche durante il prossimo  74° Festival della Canzone Italiana, in programma a Sanremo dal 6 al 10 febbraio 2024 con l’importante ruolo di pizzaiolo ufficiale dell’Arena del Gusto di “Casa Sanremo”.

[dp]

Continua a leggere

Ben'essere

Champagne, -8,2% vendite nel 2023 ma ottimismo su rialzo listini

Pubblicato

del

 I produttori di champagne hanno venduto meno bottiglie nel 2023, un anno di “ritorno alla normalità” in termini di volumi dopo un 2022 record e un 2020 buio a causa del Covid. Lo ha annunciato, in una nota, il comitato dello Champagne precisando che le spedizioni totali del famoso spumante francese nel 2023 sono state pari a 299 milioni di bottiglie, ovvero l’8,2% in meno rispetto al 2022. Tuttavia il comitato che riunisce produttori e commercianti, non segnala forti preoccupazioni: per i professionisti delle bollicine d’Oltralpe la strategia è quella di “spostarsi verso l’alto”, cioè commercializzare le bolle a un prezzo più alto, anche se ciò significa vendere di meno.

“Nonostante il calo dei volumi, lo spostamento verso l’alto dei vintage, soprattutto per l’export, ha consentito alla denominazione di mantenere il proprio fatturato sopra i 6 miliardi di euro”, cifra superata per la prima volta nel 2022, sottolinea il comitato. “Il mercato francese – viene inoltre rimarcato – soffre più dei mercati d’esportazione dell’inflazione, che ha pesato sui bilanci delle famiglie durante tutto l’anno”. Nel 2020, la pandemia di Covid-19 aveva ridotto le vendite a circa 245 milioni di bottiglie, poi nel 2021 sono salite a 320 milioni, prima di raggiungere i 326 milioni nel 2022. D’ora in poi, le esportazioni rappresentano “più del 57% delle vendite totali, rispetto al 45% dieci anni fa”, osserva il comitato.

Il presidente dell’unione generale dei viticoltori, copresidente del comitato dello Champagne, Maxime Toubart, si compiace di questo “ritorno alla normalità”. “Lo champagne è una denominazione d’origine prodotta in una zona delimitata e che soddisfa regole rigide che non consentono di sostenere in modo sostenibile una forte crescita in volume”, osserva. David Châtillon, presidente dell’Unione delle Case di Champagne e anche copresidente del comitato, aggiunge che “con un valore mantenuto, lo Champagne resta ottimista per il futuro, anche se lo champagne è sensibile al contesto geopolitico e all’evoluzione dell’economia mondiale” .

Continua a leggere

Ben'essere

Arriva il Blue monday, via la tristezza con i cibi del buonumore

Pubblicato

del

  Dalle mandorle al petto di pollo, dal provolone fino al tuorlo d’uovo, il Blue Monday si combatte a tavola con i cibi anti-tristezza che aiutano a ritrovare il buonumore aumentando il contenuto di serotonina nell’organismo e il benessere psicofisico. E’ quanto afferma la Coldiretti in occasione del giorno più triste dell’anno che cade il 15 gennaio, ovvero il terzo lunedì del mese, data individuata dallo psicologo britannico Cliff Arnall come la peggiore, poiché farebbe maturare nelle persone la consapevolezza che sono finite le festività natalizie e non si avranno altre vacanze fino all’estate. Ma a pesare, secondo gli psichiatri, sono anche il calo di luce e le basse temperature, tipici di questo periodo.

“Il segreto per recuperare il buonumore – sottolinea la Coldiretti – si trova nella tavola attraverso il consumo di cibi ricchi di triptofano, un aminoacido essenziale che si trova in alcuni comuni alimenti e che, combinato con carboidrati, ferro e vitamine del gruppo B, aiuta ad aumentare i livelli di serotonina nell’organismo, il neurotrasmettitore che tra le sue funzioni svolge anche quella di regolare il tono dell’umore”. Per iniziare bene il “lunedì blu” è meglio fare colazione a base di frutta secca, spiega Coldiretti, a partire dalle mandorle, uno dei prodotti più ricchi di triptofano con ben 398 milligrammi per 100 grammi di parte edibile (p.e.), magari accompagnate da latte o yogurt, considerato che anche i latticini “spingono” la serotonina.

Per un pranzo leggero ma ricco di buonumore ci si può indirizzare verso il farro (198 mg per 100 g/p.e.) o una zuppa di legumi a partire da fagioli (226 mg per 100 g/p.e.) e lenticchie (202 mg per 100 g/p.e.), ma anche le uova, soprattutto il tuorlo (237 mg per 100 g/p.e.), sono un’alternativa interessante per chi non vuole arrendersi al cattivo umore. A cena si può scegliere carne bianca come quella di pollo (359 mg di triptofano per 100 g/p.e.) o di maiale oppure indirizzarsi sul pesce come orate o sarde, ma anche i formaggi possono aiutare il buonumore, dal provolone (336 mg di triptofano per 100 g/p.e.) al pecorino romano, dal parmigiano reggiano al grana padano, tutti con un contenuto di triptofano superiore ai 300 milligrammi.

Per contorno vanno benissimo verdure come asparagi e spinaci, oppure i funghi, ma anche broccoli e spinaci, perché offrono un alto contenuto di vitamine e sali minerali che influenzano gli stati emotivi. Ma più in generale, conclude la confederazione, per garantirsi salute tutto l’anno è importante seguire i principi della Dieta Mediterranea che si è classificata come migliore dieta al mondo del 2024 davanti alla dash e alla mind sulla base del best diets ranking elaborato dal media statunitense U.S. News & World’s Report’s.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto