Collegati con noi

Uncategorized

Calciomercato, intrigo Mbappè ma il Real Madrid prepara la festa

Pubblicato

del

Ultimi giorni di calcio mercato e corsa all’acquisto per centrare l’affare migliore. Salutato Cristiano Ronaldo, la Juventus si guarda intorno a caccia di un sostituto e si riaccende la tentazione Mauro ICARDI. Difficile strappare l’attaccante argentino al PSG, soprattutto se dovesse perdere Mbappe’, ma intanto i bianconeri stanno provando a sondare il terreno con la formula del prestito oneroso. Un’alternativa che piace a mister Allegri e’ Gianluca SCAMACCA del Sassuolo. Sulla giovane punta, che oggi ha ricevuto la prima convocazione nella nazionale del ct Mancini, c’erano rumors riguardanti l’Inter, ma si dovrebbe trattare, appunto, solo di voci. All’estero affascina l’operazione di ‘accerchiamento’ del Real Madrid per arrivare a Kylian MBAPPE’. Il Paris Saint Germain apre a una trattativa ed in Spagna gia’ preparano la festa per l’accoglienza del campione francese. Dopo che nella notte la squadra spagnola ha aumentato da 160 a 180 milioni la sua offerta, il club parigino ha accettato di “valutare” le richieste per il suo giocatore. Il prezzo iniziale era stato fissato a 220 milioni, ma secondo i media spagnoli il Real sta valutando come organizzare la festa di accoglienza al Bernabeu, tra domani o domenica. Al Sassuolo guarda anche la Fiorentina, alla ricerca di un esterno offensivo. Il tecnico dei viola, Italiano, ha puntato il dito su Domenico BERARDI. Operazione non semplice perche’ il Sassuolo chiede una quarantina di milioni. Infatti si lavora anche sulle alternative, che potrebbero essere ORSOLINI del Bologna, MESSIAS del Crotone (sul quale e’ pero’ anche il Torino) e PLATA dello Sporting Lisbona. Intanto, e’ sbarcato a Peretola il laterale Alvaro ODRIOZOLA, laterale sinistro in prestito per una stagione dal Real Madrid. Il Milan, dopo diversi acquisti, deve sfoltire la rosa. Andrea CONTI e’ conteso da Sampdoria, Cagliari e Genoa. Proprio quest’ultimo sembrerebbe il club piu’ vicino a chiudere la trattativa. BAKAYOKO domani sosterra’ le visite mediche. Lo staff di Pioli provera’ a portarlo in panchina gia’ per la prima sfida di San Siro contro il Cagliari. Alla Roma manca ancora il centrocampista chiesto da Mourinho. Sfumato Granit Xhaka, Tiago Pinto starebbe pensando al messicano Hector HERRERA, trentunenne dell’Atletico Madrid. La Roma sta cercando di inserire nella trattativa una contropartita tecnica, lo spagnolo Gonzalo VILLAR. Il Napoli lavora ancora per un centrocampista e spera in un colpo in dirittura d’arrivo, puntando a Sofyan AMRABAT, che potrebbe rappresentare il giusto rinforzo senza svenarsi. I partenopei vorrebbero prelevarlo in prestito con diritto di riscatto, mentre la Fiorentina chiede almeno 15-20 milioni di euro.

Advertisement

Uncategorized

Carabinieri morti nel Salernitano, deceduto anche l’anziano ferito

Pubblicato

del

Una tragedia già dolorosa si è ulteriormente aggravata questa mattina con la morte del 75enne di Campagna, Cosimo Filantropia, rimasto gravemente ferito nell’incidente stradale che ha visto la perdita dei due carabinieri, il maresciallo Francesco Pastore e l’appuntato scelto Francesco Ferraro. L’incidente, avvenuto otto giorni fa, ha portato a un bilancio complessivo di tre vittime.

Cosimo Filantropia è deceduto questa mattina, aumentando il dolore e la tristezza in una comunità già scossa dalla tragedia. L’incidente, al momento, ha coinvolto una sola indagata per omicidio stradale, la 31enne di Campagna, Nancy Liliano, alla guida di un suv bianco al momento dell’incidente.

Attualmente, la salma del pensionato è sotto sequestro all’obitorio dell’ospedale di Battipaglia, mentre proseguono le indagini per fare luce sugli eventi che hanno portato a questa terribile tragedia. La comunità di Campagna è unita nel dolore per la perdita di tre vite preziose e si stringe attorno alle famiglie delle vittime in questo momento di grande dolore e difficoltà.

Vanno avanti le indagini e resta la speranza che possano portare a una piena comprensione delle circostanze dell’incidente e a una giusta risoluzione della situazione, mentre le famiglie delle vittime cercano di trovare conforto e sostegno l’una nell’altra durante questo periodo così difficile.https://www.juorno.it/carabinieri-morti-positiva-ai-test-la-donna-che-guidava-il-suv-che-li-ha-travolti/

Schianto nella notte nel Salernitano, muoiono due giovani carabinieri

Carabinieri morti, positiva ai test la donna che guidava il suv che li ha travolti

Continua a leggere

Uncategorized

Allerta massima in Israele, l’Iran ha lanciato un attacco con droni

Pubblicato

del

Decine di droni iraniani sono stati avvistati sopra le province meridionali dell’Iraq in rotta verso Israele. Lo ha riferito la televisione Al Arabiya. Una fonte militare ha detto al canale televisivo che “decine di droni iraniani stanno attraversando le province meridionali irachene di Maysan e Al-Nasiriyah in rotta verso il territorio di Israele”.

La Casa Bianca ha confermato l’inizio dell’attacco contro Israele da parte dell’Iran sottolineando che Joe Biden è stato informato e segue la situazione con attenzione.

“L’Iran ha iniziato un attacco aereo contro Israele, si legge nella nota della portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale Adrienne Watson nella quale si sottolinea che il presidente Biden “è aggiornato sulla situazione dal suo team per la sicurezza nazionale che incontrerà questo pomeriggio alla Casa Bianca”.

Crescere di ora in ora l’allarme in Israele per la minaccia di attacchi iraniani in ritorsione del raid che a Damasco ha ucciso un generale dei Pasdaran mentre Teheran ha rivendicato il sequestro di una nave di parziale proprietà israeliana nello Stretto di Hormuz dopo averla abbordata con un elicottero e forze speciali. Secondo un alto funzionario americano citato da al Jazeera, “c’è un’alta probabilità” che l’Iran possa colpire già nella notte tra sabato e domenica, “anche con la partecipazione dei suoi affiliati in Iraq e in Siria”. In Israele il Fronte del Comando interno è corso ai ripari e per la prima volta ha cambiato le regole per i cittadini proprio a partire da stasera.

La conseguenza è che da domani tutte le attività educative sono sospese, comprese quelle organizzate da scuole e asili, che resteranno chiusi. Negli spazi aperti i raduni sono stati limitati a 1.000 persone. Le disposizioni rimarranno in vigore fino alle 23 di lunedì, salvo proroghe. Negli Usa il presidente il presidente Joe Biden ha deciso di accorciare il fine settimana in Delaware e di tornare subito alla Casa Bianca per “consultazioni urgenti” sulla crisi in Medio Oriente, alle quali ha partecipato anche il segretario di Stato Antony Blinken. Mentre il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu ha convocato una riunione urgente del gabinetto di sicurezza al ministero della Difesa a Tel Aviv.

Mentre la minaccia dell’Iran ha messo in fibrillazione l’intera comunità internazionale nel timore di uno scenario dagli esiti assolutamente imprevedibili, a confermare la notizia del sequestro della nave – e dei 25 membri dell’equipaggio che vi sono a bordo – è stata la stessa tv di Stato iraniana. Si tratta della Msc Aries, che batte bandiera portoghese ed è di proprietà della Gortal Shipping Inc, affiliata a Zodiac Maritime, di proprietà dell’imprenditore israeliano Eyal Ofer.

L’agenzia ufficiale Irna ha infatti sottolineato che la nave “appartiene al capitalista sionista Eyal Ofer” sostenendo che il cargo si stava dirigendo “verso le acque territoriali iraniane”. Gli Usa hanno chiesto il rilascio immediato della nave “fermata in acque internazionali” e ribadito “l’incrollabile sostegno” all’alleato israeliano di fronte alle minacce degli ayatollah.

L’equipaggio, ha aggiunto su X la portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale americana Adrienne Watson, “è composto da cittadini indiani, filippini, pakistani, russi ed estoni”. Che l’episodio sia parte della strategia della tensione di Teheran appare scontato, ma il grosso delle mosse riguarda l’apparato militare. Osservatori americani, citati dalla Cnn, hanno rivelato che l’Iran ha spostato “asset militari” in vista dell’imminente attacco contro Israele. Tra le armi identificate ci sono “droni e missili cruise”. Si è parlato di 100 droni e di decine di vettori con varia portata e capacità in grado forse di bucare la tripla difesa aerea israeliana, a cominciare dall’Iron Dome. La strategia individuata, sempre secondo gli Usa, è di effettuare “attacchi contro molteplici obiettivi” all’interno dello Stato ebraico.

Nell’operazione, come anticipato, “potrebbero essere coinvolti alleati di Teheran”. In Israele, dove tra l’altro continuano ad arrivare razzi dal Libano, l’esercito è ovviamente in stato di massima allerta. In un video diffuso durante il riposo sabbatico, il portavoce dell’Idf ha ammonito che Teheran “subirà le conseguenze della scelta di aggravare ulteriormente la situazione”. “L’esercito – ha ammonito Daniel Hagari – è pronto a tutti gli scenari e intraprenderà i passi necessari, insieme ai suoi alleati, per proteggere il popolo di Israele”.

Yahya Rahim, consigliere della Guida Suprema Ali Khamenei, ha osservato invece che “dopo che l’Iran ha promesso di reagire all’attacco che ha ucciso dei membri delle Guardie Rivoluzionarie, i sionisti sono in allerta e in preda al panico”. In questa situazione, si moltiplica il numero delle compagnie aeree che hanno fermato i voli su Teheran: dopo Lufthansa, oggi è stata la volta dell’olandese Klm. La stessa Olanda ha anche deciso di chiudere domenica la propria ambasciata nella capitale iraniana. Intanto nelle trattative al Cairo per una tregua a Gaza, Hamas ha fatto sapere di essere favorevole ad un accordo ma alle sue condizioni, già respinte da Israele: tra queste il cessate il fuoco permanente e il ritiro totale dell’esercito dall’intera Striscia.

Continua a leggere

Uncategorized

Omicidio a Parete, uccide il vicino dopo una lite condominiale: fermato

Pubblicato

del

Una lite condominiale è finita in tragedia a Parete, nel Casertano. Secondo quanto accertato dai carabinieri della Compagnia di Aversa, intervenuti sul posto, la vittima è un uomo di 60 anni, ucciso a colpi di pistola dal vicino 74enne, che è stato fermato. La lite è avvenuta nel parcheggio interno del condominio, e sarebbe stata provocata da screzi legati al parcheggio delle auto. I carabinieri hanno ritrovato e sequestrato l’arma usata per il delitto, una calibro nove e fermato per omicidio l’aggressore.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto