Collegati con noi

Politica

Antimafia, nasce il nuovo nuovo Codice degli impresentabili con tanto di polemica sul razzismo

Pubblicato

del

Un ‘bollino nero’ anche ai candidati condannati per i reati di corruzione, caporalato, autoriciclaggio e delitti contro l’ambiente. Diventa piu’ severo il nuovo Codice di autoregolamentazione sulle liste delle candidature, con ulteriori restrizioni varate dalla Commissione parlamentare Antimafia, a distanza di quasi cinque anni dalla sua prima introduzione nel 2014. Ora la parola passa al Parlamento, che dovrebbe approvarlo in tempi brevi. E il primo test potrebbero essere le elezioni europee di maggio, da cui potrebbero rivelarsi nuovi soggetti ‘impresentabili’. Il presidente pentastellato Nicola Morra, che ha raccolto ‘l’eredita” di Rosy Bindi, si e’ detto soddisfatto delle modifiche su un documento che con il nuovo governo giallo-verde segue la scia della norma ‘spazzacorrotti’, contenuta nella nuova legge anticorruzione. Alle votazioni in Commissione sul documento si sono astenuti Pd, Fdl e Fi. Questi ultimi hanno chiesto di rendere ‘impresentabile’ solo chi ha sentenze in giudicato o doppia conforme mentre gia’ attualmente il Codice prevede l’impresentabilita’ – in merito ai reati previsti – con il solo rinvio a giudizio a carico di un soggetto. A far insorgere il Pd c’e’ invece un aspetto legato all’introduzione del “principio del cumulo”.

Quest’ultima regola stabilisce una soglia massima di 4 anni ad una serie di eventuali condanne a carico di un candidato, oltre la quale scatta l’alt del Codice alla candidatura. Da questo calcolo pero’ – grazie ad un emendamento – sono state escluse le condanne per reati di opinione, come quelli previsti dalla legge Mancino.

“L’emendamento presentato dal senatore M5s Michele Giarrusso e approvato dalla Commissione e’ una scelta che sdogana chi ha commesso colpe gravissime, fascisti e razzisti, fatta in un momento in cui sono evidenti questo tipo di rigurgiti nel Paese”, tuona il senatore Franco Mirabelli, capogruppo Pd in Commissione. “Se hai corrotto o concusso, rubato, rapinato giustamente sei impresentabile, ma – aggiunge il deputato democratico, Emanuele Fiano – se invece hai esercitato una discriminazione razziale oppure hai propagandato o hai istigato a delinquere per motivi di discriminazione razziale etnica e religiosa, allora no, allora tappeti rossi”. Ma il presidente Morra respinge le accuse: “Non c’e’ stata nessuna ‘sanatoria’ o ‘stralcio’ dal codice Antimafia per i reati sulla discriminazione razziale, etnica o religiosa. Non erano contemplati prima e non lo sono neanche ora – sottolinea il senatore M5s – . La mia storia personale dice chiaramente quanto mi faccia schifo il razzismo. Ma questo tipo di reati non e’ mai rientrato ne’ in passato, ne’ oggi, nel codice degli ‘impresentabili’ dal punto di vista della commissione Antimafia”. Anche se il documento dovesse essere approvato in Parlamento, una soluzione alla questione potrebbe arrivare in futuro grazie alla malleabilita’ del regolamento: tra le novita’ introdotte, si contempla l’eventualita’ che la stessa Commissione possa modificare il Codice a cadenza annuale e non piu’ quinquennale, come in passato. Lo stesso Morra chiarisce: “Nulla impedisce che con la prossima revisione del Codice alcuni reati particolarmente gravi possano essere presi in considerazione”.

Advertisement

Politica

Istituto Cattaneo: a Cagliari oltre 1/3 dei voti leghisti a Todde

Pubblicato

del

A Cagliari “più di un terzo degli elettori leghisti hanno votato per Alessandra Todde”. Questa la stima contenuta nell’analisi dell’istituto Cattaneo sui risultati delle ultime regionali in Sardegna. Lo studio definisce, invece, “marginale” a Sassari “la quota di elettori leghisti che hanno defezionato”. Se a Cagliari si stima che sul 3,6% dei voti incassati dalla lista della Lega, l’1,5% sia andato a sostenere Todde presidente (e il 2,1% Paolo Truzzu), a Sassari la percentuale per Todde – sul 2,6% alla lista – scende allo 0,3%. L’istituto premette che i dati raccolti “non consentono di rispondere in maniera definitiva al quesito riguardo al peso dei ‘tradimenti’ di cui, secondo una congettura diffusa, sono indiziati gli elettori della Lega”. Quindi rimarca che “risulterebbe improprio addebitare” la responsabilità della sconfitta di Truzzu “ai soli voti leghisti ‘dissenzienti. L’analisi rivela che sia a Sassari sia a Cagliari ci sono stati apporti alla candidata del centrosinistra di dimensioni nel complesso pari o superiori provenienti anche dagli elettorati di altri partiti del centrodestra”. Todde, infatti, emerge come “l’unica candidata che intercetta trasversalmente voti provenienti da elettori delle liste di altre coalizioni. Ottiene voti sia da elettori del ‘terzo polo’ guidato da Renato Soru sia dal elettori di partiti di centrodestra”. La conclusione è che il risultato sardo, nella sua conclusione inattesa, “è principalmente dovuto alle caratteristiche intraviste dagli elettori nei due principali candidati, e soprattutto dalla capacità attrattiva personale della neo-presidente, potenziata dalla forte intesa e dal convinto sostegno del Pd sardo”.

A Sassari risulta ad esempio che l’1,3% del 7,5% dei voti alla lista del terzo polo (che in Sardegna si è sostanziato nell’appoggio di Azione e Più Europa a Soru) sia andato a Todde e il 6,1% a Soru presidente. Nello stesso Comune, viceversa, si stima che abbia votato per Soru lo 0,7% di coloro che hanno espresso preferenze per la lista del Pd (16,2%). Sempre qui la neopresidente avrebbe raccolto i favori dello 0,9% degli elettori di centrodestra (0,3% della Lega e una percentuale addirittura maggiore di quelli di FdI, lo 0,5%). A Cagliari l’1% degli elettori di FI (sul 5,2% di lista) avrebbe votato per Todde e lo 0,3% per Soru. A quest’ultimo si stima sia andato anche l’1% dei voti della lista dem (13,2%). Una percentuale parzialmente ‘ricompensata’ dai voti del cosiddetto terzo polo finiti a Todde (0,6 dei 5,8 di lista).

Continua a leggere

Politica

Il generale Vannacci sospeso per “lesione al principio di neutralità delle Forze Armate”

Pubblicato

del

Il generale dell’Esercito Roberto Vannacci, è stato sospeso dall’impiego per 11 mesi. Questa decisione è emersa da fonti legali, in merito al procedimento disciplinare intrapreso dal ministero della Difesa a seguito della pubblicazione del libro “Il mondo al contrario”.

Nel provvedimento di sospensione, secondo quanto riportato dal difensore Giorgio Carta, si “stigmatizzano le circostanze della pubblicazione del libro ‘Il mondo al contrario’, che avrebbe asseritamente denotato ‘carenza del senso di responsabilità’ e determinato una ‘lesione al principio di neutralità/terzietà della Forza Armata’, compromettendo il prestigio e la reputazione dell’Amministrazione di appartenenza e ingenerando possibili effetti emulativi dirompenti e divisivi nell’ambito della compagine militare”. Il difensore ha annunciato l’intenzione di “presentare immediato ricorso al Tar Lazio, con richiesta di sospensiva, rivelandone il contrasto con il diritto alla libera manifestazione del pensiero garantito a tutti i cittadini, compresi i militari”.

Questa decisione ha suscitato una serie di reazioni, tra cui quella del vicepremier e leader leghista Matteo Salvini, che ha dichiarato: “Un’inchiesta al giorno, siamo al ridicolo, quanta paura fa il Generale? Viva la libertà di pensiero e di parola, viva le Forze Armate e le Forze dell’Ordine, viva uomini e donne che ogni giorno difendono l’onore, la libertà e la sicurezza degli Italiani”.

 

Continua a leggere

Economia

La Cgil prepara i referendum, nel mirino il Jobs act

Pubblicato

del

Licenziamenti individuali, precarietà del lavoro e appalti: la Cgil si prepara a mettere in campo referendum abrogativi su questi tre campi. Nel mirino c’è il Jobs act ma non solo. Visto che i tre temi intersecano più leggi. L’obiettivo del sindacato è “cambiare le leggi sbagliate e proporre un altro modello sociale e di sviluppo, che metta al centro la dignità e la libertà delle persone”. Leggi “balorde”, dice il segretario generale Maurizio Landini, “che stanno mettendo in discussione il futuro dei giovani. Il lavoro deve essere dignitoso, il lavoro povero e precario deve essere cancellato”. Intanto la Cgil si prepara a scendere in piazza per la pace e contro i manganelli. Sul lavoro – per estendere le tutele nei casi di licenziamento e negli appalti e per ridurre l’occupazione precaria – ricorre, quindi, anche allo strumento referendario. Il via libera arriva dall’assemblea generale che dà il mandato alla segreteria ad avviare il percorso. Percorso lungo, che prevede una serie di tappe.

La formulazione dei quesiti e il numero dei referendum dovrebbero essere definiti entro il 31 marzo, per poi procedere al deposito dei quesiti in Cassazione e alla raccolta delle firme (almeno 500mila) per poter andare al voto nella primavera 2025. A questi la Cgil si dice pronta ad affiancare anche un referendum abrogativo dell’autonomia differenziata, che intende promuovere non appena il ddl Calderoli verrà approvato definitivamente. E assicura che sarà protagonista di quella che definisce “la madre di tutte le battaglie per difendere la nostra democrazia: il contrasto al premierato”. Il percorso per arrivare al referendum è comunque aperto al confronto e, intanto, al coinvolgimento del mondo delle associazioni che già con la Cgil hanno dato vita alla “Via maestra, insieme per la Costituzione” scese in piazza insieme ad ottobre scorso.

Ora la Cgil ci riprova, già nel 2016 aveva percorso la strada del referendum contro il Jobs act, entrato in vigore il 7 marzo 2015 con il governo Renzi, che ha introdotto il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. E che in casi di licenziamento illegittimo ha previsto il superamento del reintegro nel posto di lavoro sostituito da un indennizzo economico commisurato all’anzianità di servizio (da 4 a 24 mensilità). Di fatto, come sostenuto più volte dalla Cgil, ha mandato in soffitta l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Ma il quesito non era stato ammesso. La Cgil poi scenderà in piazza sabato 9 marzo a Roma, insieme alle associazioni della mobilitazione del 24 febbraio, per il cessate il fuoco a Gaza. Ma andrà in piazza anche in difesa del diritto di manifestazione e di sciopero. Perché, rimarca la Cgil, c’è “profonda disapprovazione e preoccupazione democratica per le violente cariche delle forze dell’ordine sui cortei di studenti”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto