Collegati con noi

Spettacoli

All’Ariston è Mannino show, Sanremo riabbraccia Morandi e Angelina Mango sbanca nella top five

Pubblicato

del

Angelina Mango, Ghali, Alessandra Amoroso, Il Tre, Mr.Rain: è la terza top five di Sanremo 2024, frutto del giudizio della giuria delle radio e del televoto. Il festival, che si prepara a dar voce domani alla protesta degli agricoltori, riabbraccia Gianni Morandi e Russell Crowe, lancia appelli alla pace con Eros Ramazzotti e Giuliano Sangiorgi, grida basta alle morti bianche con Stefano Massini e Paolo Jannacci, ritrova i monologhi. L’apertura, però, è tutta nel segno dell’ironia di Teresa Mannino, che riporta la comicità all’Ariston.

L’attrice demolisce la liturgia della scala, “è inutile, ci sono altri otto ingressi”, entra in stile diva di Broadway, si stende in braccio a Il Volo, sferza a modo suo la sovraesposizione mediatica del festival: “I giornalisti stanno tutti qua, se succede un fatto nel mondo non lo sapremo mai: è un mese di incoscienza. Sanremo è un grande carnevale. L’unica cosa negativa è che stasera non mi posso vedere Sanremo”.

Uno show esilarante che ridona il sorriso ad Amadeus, dopo una giornata di polemiche legate al caso della presunta pubblicità occulta a un’azienda di scarpe nella performance di John Travolta di ieri. “Oggi si è parlato tanto, secondo me forse troppo, di John Travolta e credo non si sia dato il giusto spazio alla straordinaria testimonianza del maestro Giovanni Allevi”, sottolinea aprendo la serata il direttore artistico. Ci scherza su, invece, Fiorello, coinvolto nell’imbarazzante qua qua dance con la star hollywoodiana finita perfino sulla Reuters: “Se avessimo scippato due anziani fuori dalla posta ci avrebbero insultato di meno, lo scippo è meno grave del ballo del qua qua”, ride lo showman in collegamento dall’Aristonello. Fa una battuta anche Morandi, venuto a riprendersi l’ovazione dell’Ariston un anno dopo con C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones e Apri tutte le porte. E soprattutto a ironizzare è Russell Crowe, tornato a Sanremo con la sua band The Gentlemen Brothers.

“Al mio segnale scatenate l’inferno”, scandisce in italiano l’epica battuta del Gladiatore di Ridley Scott, poi abbraccia Mannino urlando “Teresa” e quando l’attrice cita le altre star con origini italiane, suggerisce “Travolta, what that fuck!” e mima la ‘chicken dance’. Amadeus dà il bentornato in Rai a Massimo Giletti, seduto in platea: “Tornare nell’azienda in cui sono nato e cresciuto è un’emozione molto intensa: la dedico a tute le persone che sono qui, che mi hanno dato un calore nei momenti difficili che non posso dimenticare”, dice il giornalista che il 28 febbraio condurrà in prima serata su Rai1 dedicata ai 70 anni della tv. Per i 40 anni di Terra Promessa, con cui vinse tra le Nuove Proposte, torna ospite Eros Ramazzotti.

Trascina il teatro in un mega karaoke, poi lancia il suo appello: “Ci sono quasi 500 milioni di bambini che vivono in zone di conflitto, altri milioni che non vedranno mai la terra promessa: basta sangue, basta guerre. Pace! I nostri pensieri forever”. Ricominciamo tutto… con la pace!”, urla anche Giuliano Sangiorgi citando il titolo della canzone dei Negramaro (e bacia Emma sulla bocca). C’è spazio per un momento di riflessione sulle morti sul lavoro. Stefano Massini e Paolo Jannacci cantano L’uomo nel lampo, storia di un operaio che muore in un’esplosione in fabbrica e lascia un bambino di pochi mesi. “Il lavoro è un diritto che non prevede la morte, proteggere i lavoratori è un dovere”, dice Amadeus.

E Massini: “C’è un amore di cui non si parla mai, ma fondamentale, quello che dovremmo avere per i nostri diritti, quelli che ci spettano, chiunque tu sia. Viva la dignità”. Nel suo monologo Mannino riflette invece sull’uomo che si è montato la testa e pensa di essere superiore alla natura: “Al potere su – dice – preferisco il potere di, che ha un’altra energia, il potere di ridere e far ridere, di vestirmi con le piume, di cantare stonata, di ballare per strada”. In quota fiction Sabrina Ferilli, interprete di Gloria, e Edoardo Leo, protagonista di Clandestino, che invita a proteggere “i commedianti e gli artisti”. “Quando il sole della cultura è basso, i nani hanno l’aspetto di giganti”, dice citando Karl Kraus. “Splenda sempre a mezzogiorno il sole della cultura, ultimo spiraglio di luce prima del buio”.

Advertisement

In Evidenza

Fiorello e gli altri, la Rai lavora al dopo Amadeus

Pubblicato

del

Il giorno dopo l’annuncio ufficiale del divorzio, a Viale Mazzini si lavora al dopo Amadeus. Gli occhi sono puntati su Fiorello: lo showman continua a ribadire che, dopo il 10 maggio, lo aspetta un “lungo letargo” sul divano di casa. I prossimi palinsesti dovranno quindi fare a meno di Viva Rai2!? Il dubbio è legittimo, ma il re dell’intrattenimento è imprevedibile. E chissà che non faccia capolino sul Nove per una rimpatriata con Ama, una reunion degli Amarello. Si rincorrono intanto indiscrezioni sui possibili nuovi addii alla tv pubblica: su tutti, quello di Sigfrido Ranucci, che potrebbe cambiare squadra dopo essere finito a più riprese nel mirino della maggioranza di governo (e non solo) per le inchieste di Report.

Domani e dopodomani è in programma un cda della Rai che dovrebbe decidere anche sulle repliche estive del programma. Non è attesa, invece, prima di un paio di giorni la firma di Amadeus sotto il contratto per Nove, che gli affiderà la fascia strategica dell’access e un format musicale di prima serata, sul modello di Arena Suzuki o dello storico Festivalbar. Gli avvocati sono al rush finale, mentre Affari Tuoi – nel giorno del video social di addio del conduttore – fa il botto su Rai1, oltre 6 milioni e il 28.4% di share. Per trattenere Fiorello – è il retroscena del Corriere della Sera – si sarebbe mossa Giorgia Meloni in persona con una telefonata ai dirigenti di Viale Mazzini. Fantasie, dicono fonti vicine alla premier. Lo showman commenta a modo suo: “La cosa un pochino mi lusinga… Ma addirittura convincetelo, legatelo, coccolatelo? Un bel massaggio all’ego certamente, però tutto questo non regge, chi mi conosce sa che purtroppo io ho un contratto con il mio divano: dal 10 maggio chi mi vuole sa dove trovarmi, mi riposo per un lungo periodo, devo fare solo riposo, un lungo letargo”.

E ripete che il suo destino non è legato a quello di Amadeus: “Siamo molto amici, ma abbiamo due vite diverse: mia moglie si chiama Susanna, lui è sposato con Giovanna, abbiamo figli diversi, facciamo cose diverse, lui vive a Milano, io a Roma, lui va al Nove, io no”. La strategia di crescita del gruppo Warner Bros Discovery, sempre più protagonista del panorama televisivo italiano, potrebbe puntare anche sul potenziamento dell’informazione: di qui i rumors – rilanciati dalla Stampa – su una campagna acquisti che guarderebbe a personaggi come Ranucci, Federica Sciarelli, Francesca Fagnani. Senza dimenticare i volti di punta di La7, come Giovanni Floris, Lilli Gruber, Corrado Formigli.

“A partire da domenica 21 aprile, dalle 20.55 su Rai3 Report sarà ancora in onda. Almeno fino a giugno”, scrive Ranucci su Facebook. In bilico sarebbero le repliche estive del programma, questione finita anche in Vigilanza: se ne parlerà nell’ambito dei palinsesti estivi domani in cda, ma l’orientamento sarebbe quello di mandarle in onda rimontate. “La sola prospettiva che personaggi del calibro di Sigfrido Ranucci, Federica Sciarelli o Francesca Fagnani possano lasciare la Rai è emblematica del problema gigantesco che chi si appresta a dirigere l’azienda deve affrontare”, avverte il capogruppo M5S in Vigilanza, Dario Carotenuto. “In fuga da TeleMeloni, in fuga dalla Rai. Se scappano tutti forse Giorgia Meloni una domanda se la dovrebbe porre”, afferma Peppe De Cristofaro (Avs).

Per l’Usigrai, perdere Ranucci e Sciarelli sarebbe “ancor più doloroso perché si tratta di giornalisti interni da sempre impegnati nella ricerca della verità”: “ci chiediamo se il mandato di questo vertice sia quello di distruggere la Rai”. È partito anche il totonomi per riempire le caselle lasciate vuote da Amadeus. Ad Affari Tuoi, nella fascia cruciale dell’access prime time, potrebbe approdare Stefano De Martino, ma non si esclude l’ipotesi Marco Liorni, che sta ottenendo risultati molto positivi nel preserale con L’Eredità. Più complessa è la partita Sanremo: in pole position per raccogliere l’eredità del quinquennio di Ama sarebbe Carlo Conti, che ha già condotto il festival – come peraltro Antonella Clerici – anche se i bookmaker sono pronti a scommettere sul ritorno di Paolo Bonolis.

Continua a leggere

Spettacoli

Amadeus, è divorzio dalla Rai

Pubblicato

del

È ufficiale il divorzio tra la Rai e Amadeus. È quanto è emerso – si apprende – da un incontro tra il conduttore e il direttore generale di Viale Mazzini, Giampaolo Rossi, che si appena concluso.

A quanto si apprende, quello tra Amadeus e Rossi è stato un incontro cordiale: il conduttore ha ufficializzato la sua decisione di non rinnovare il contratto con la Rai, in scadenza a fine agosto, per affrontare nuove sfide professionali. Stando ai rumors delle ultime settimane, lo aspetta il gruppo Warner Bros. Discovery, pronto ad ingaggiarlo per farne un volto di punta del canale Nove. Una scelta di cui Rossi avrebbe preso atto, nonostante gli sforzi fatti dalla Rai nelle ultime settimane per trattenere il conduttore di Affari Tuoi e degli ultimi cinque festival di Sanremo.

L’ex ragazzo di via Massena, il giovanotto di Radio Deejay con l’orecchio per la musica, che da bambino sognava di fare il bravo presentatore ed è arrivato ad eguagliare il primato di Pippo Baudo e Mike Bongiorno nella conduzione di cinque festival di Sanremo consecutivi, centrando tutti i record in termini di ascolti, spot e vendite di dischi, è pronto per una nuova sfida professionale. Amadeus lascia la Rai: lo aspetta a braccia aperte Warner Bros. Discovery, dove inizierà una nuova avventura ripartendo però dalle passioni di sempre: il quiz e l’intrattenimento musicale. Amedeo Umberto Rita Sebastiani nasce a Ravenna il 4 settembre 1962. Cresce a Verona, dove i genitori, originari di Palermo, si trasferiscono per il lavoro del padre, istruttore di equitazione. Prende il diploma di geometra e poi inizia a muovere i primi passi a Radio Verona e Radio Blu. Nel 1986, durante un servizio radiofonico dal Festivalbar, in diretta dall’Arena di Verona, viene contattato da Claudio Cecchetto, che decide di dargli una chance (oltre poi al nome d’arte): di qui il debutto su Radio Deejay, con Fiorello, Jovanotti e Marco Baldini. Speaker di punta di Radio Capital, volto di Deejay Televion, due anni dopo esordisce in tv, con 1, 2, 3 Jovanotti su Italia 1. Ma a consacrarlo è il Festivalbar: voluto da Vittorio Salvetti – dal quale si è fatto notare dopo uno storico appostamento di sei ore – nel 1993 è al timone dello show musicale con Cecchetto, Fiorello e Federica Panicucci su Italia 1. Un’esperienza che si ripeterà, premiata dal successo, anche nelle due edizioni successive e poi nel 1996 e nel 1997. Tra il 1996 e il 1998 è la volta di Buona Domenica, con Claudio Lippi e Lorella Cuccarini. Nel 1999 lo sbarco in Rai, al timone di Domenica in. Verranno poi Mezzogiorno in famiglia e soprattutto dal 2002 L’eredità: è il primo a condurre il longevo game show, appuntamento quotidiano sui quali costruisce il suo patto di ferro con il pubblico. Nel 2006 il passaggio a Mediaset, forse il momento più difficile per la sua carriera: Amadeus conduce nel preserale Formula segreta, che viene però interrotto dopo tre settimane per gli scarsi ascolti. Nel 2007 torna nella stessa fascia con 1 contro 100, in onda tutta l’estate. Dopo alcuni anni difficili, con il telefono che non squilla più, nel 2009 la rinascita, ancora a Viale Mazzini, con Mezzogiorno in famiglia, il quiz Reazione a catena, la partecipazione come concorrente a Tale e Quale Show di Carlo Conti che consolida l’affetto del pubblico nei suoi confronti.

Al punto che il sodale Fiorello, tramite la sua @edicolafiore organizza una campagna per evitare l’eliminazione dell’amico dalla competizione. Verranno poi gli speciali di Capodanno, Stasera tutto è possibile e soprattutto Soliti Ignoti, con cui diventa il re dell’access prime time, in alternanza con Affari tuoi. Il 2 agosto 2019 la Rai gli affida la direzione artistica e la conduzione di Sanremo: “Ho avuto oggi la notizia che uno aspetta da una vita quando fa il presentatore: il sogno, da quando si è ragazzi, è quello di poter condurre da grandi il Festival di Sanremo”, commenta emozionato Amadeus. Sarà l’edizione della gioia, con l’amico Ciuri: in una cavalcata inarrestabile il bravo presentatore e l’infallibile scaldapubblico, il gaffeur inconsapevole del ‘passo indietro’ delle donne e il badante 2.0, l’ex solito ignoto e il re del karaoke si prendono il festival. È la prima di cinque edizioni consecutive, che vedranno sempre lo zampino e la complicità di Fiorello.

La più difficile, quella del 2021, segnata dal Covid, senza il pubblico, ma anche quella della rivoluzione musicale, del trionfo dei Maneskin. L’ultima, quella in cui Ama batte se stesso e porta a casa il 66% di share, oltre 60 milioni di raccolta pubblicitaria, raggiungendo poi quota 90 brani certificati e 14 milioni di copie vendute in cinque edizioni, per la gioia degli sponsor e delle case discografiche. Sceso dalla carrozza in stile Cenerentola che lo porta via dall’Ariston con Fiorello, il direttore artistico ribadisce la volontà di fermarsi. “Dissi già a maggio che questo sarebbe stato l’ultimo festival, anche se nessuno ci ha creduto. Sento che mi devo fermare e pensare fermare e pensare ad altro. Questo non significa che vado a fare l’eremita, ma che ho bisogno di trovare altre idee, altre sfide, altre scommesse”. Sposato con Giovanna Civitillo, conosciuta quando conduceva L’Eredità e mamma di Josè Alberto (il conduttore ha anche un’altra figlia, Alice, avuta da Marisa Di Martino), Amadeus potrà ora – una volta perfezionato il contratto con Discovery (“una scelta di vita”, l’ha definita Fiorello) – vivere stabilmente a Milano, più vicino alla famiglia. E a San Siro, dove potrà seguire l’Inter di cui è tifoso da sempre.

Continua a leggere

Spettacoli

Amadeus, è countdown per l’addio alla Rai verso il Nove

Pubblicato

del

Il countdown è partito, anche se il d-day dovrebbe scattare all’inizio della prossima settimana: Amadeus sarebbe ormai a un passo dalla firma con il Nove, l’ammiraglia del gruppo Warner Bros. Discovery. L’annuncio ufficiale potrebbe arrivare già lunedì, o al massimo martedì, dopo un incontro tra il conduttore e il direttore generale della Rai, Giampaolo Rossi. Ma nel clima infuocato di queste ore non si escludono sorprese, e si registra l’irritazione di Viale Mazzini contro le indiscrezioni che vorrebbero l’uomo di punta del palinsesto pronto a cambiare squadra per le pressioni ricevute, in particolare nell’ambito dell’ultimo Sanremo. Interpretazioni “tanto false quanto dannose per l’azienda”, scandisce la tv pubblica.

“Ricostruzioni che appaiono tanto più fantasiose quando fanno riferimento a presunte pressioni che Rai avrebbe esercitato nei confronti di Amadeus che invece – come da lui stesso più volte ripetuto anche durante l’ultimo Festival di Sanremo – ha sempre goduto, nelle proprie scelte, della massima autonomia e libertà, che gli sono state riconosciute e garantite dalla Rai stessa, in nome della stima e della profonda fiducia, assolutamente mai venute meno”. Una presa di posizione netta, anche in replica alle critiche dell’Usigrai, che parla del possibile addio di Amadeus come “l’ennesimo duro colpo per la Rai”, “una perdita che potrebbe avere gravi ripercussioni sugli ascolti ed anche sui conti dell’azienda”. A rilanciare i rumors sull’imminente addio di Amadeus, è ancora una volta Fiorello: “Tre, due, uno, Amadeus lascia la Rai e va al Nove”, dice tutto d’un fiato lo showman, dopo aver letto, a Viva Rai2! il finto comunicato ufficiale della Rai, firmato anche dai vertici del passato, da Carlo Fuortes a Fabrizio Del Noce, sul divorzio del conduttore di Affari Tuoi da Viale Mazzini.

“Oggetto: sono sempre i migliori che se ne vanno. La comunicazione è relativa alle indiscrezioni che vogliono uno dei più noti volti emigrare verso il canale 4 + 5, archiviata con la sigla in codice ‘Ama non si ama’”, ironizza Fiorello, che chiama il Nove anche “il canale radice quadrata di 81”, “3 per 3”, “8 + 1”. E commenta le voci – virali sui social – sulla possibilità che anche lui passi a Discovery: “A me nessuno ha offerto nulla, nessuno mi ha chiamato”. E ancora: “Ho il contratto blindato col mio divano”. Fiorello lancia il sasso nello stagno anche sul futuro di Sanremo: “Le autostrade sono spianate. Carlo è stato contattato per #Sanremo2025, ci sta pensando. Da oggi sicuramente sarà sì. Posso dire la mia? Dopo Amadeus bisogna andare sul sicuro e Carlo Conti è il sicuro”. La Rai ha messo nero su bianco la sua controproposta per il rinnovo del contratto di Amadeus, in scadenza a fine agosto. Ma sarebbe ormai agli ultimi dettagli la definizione dell’accordo con il gruppo guidato in Italia da Alessandro Araimo, che ha già messo a segno il colpo Fabio Fazio.

Per Amadeus sul Nove sarebbe pronto l’access prime time, la sua fascia di elezione, quella su cui ha costruito il suo patto di ferro con il pubblico, magari con Soliti Ignoti, il cui contratto con la Rai sarebbe in scadenza. In ballo anche l’ipotesi di una serie di prime serate legate alla musica, in cui Amadeus metterebbe in campo l’esperienza del quinquennio da direttore artistico e conduttore di Sanremo, con risultati storici in termini di ascolti (66% la media 2024), spot (oltre 60 milioni la raccolta dell’ultima edizione, record di sempre) e impatto sul mercato discografico (90 i brani certificati oro e platino da Fimi e 14 milioni di copie vendute in cinque edizioni del festival). A spingere il conduttore verso nuove sfide professionali, oltre agli aspetti economici, sarebbe comunque il desiderio di maggiore libertà dai condizionamenti, anche della politica, sulla Rai, più che mai con il cambio dei vertici in vista, nonché la possibilità di innovare e sperimentare sulla rete cresciuta di più in questa stagione rispetto al resto del panorama tv.

Lo conferma, ancora una volta, l’amico Fiorello, a Tv Talk in onda domani alle 15 su Rai3 (RPT a Tv Talk in onda domani alle 15 su Rai3): “Amadeus ha fatto questa scelta. È una scelta di vita. Non c’è dietrologia, non ci sono soldi o tutto quello che si sente: vuole nuovi stimoli…”. Ma ribadisce anche di essere “libero. Il mio contratto inizia alla prima puntata di un programma e finisce all’ultima”. Dopo il 10 maggio si vedrà.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto