Collegati con noi

Cronache

Terra dei Fuochi, le competenze passano al ministro Costa che promette: subito messa in sicurezza e bonifiche

Pubblicato

del

Per ora i fatti dicono che c’è un decreto legge passato in Consiglio dei Ministri che trasferisce le competenze sulla Terra dei Fuochi dal dicastero dell’Agricoltura a quello dell’Ambiente. Per il ministro Sergio Costa  “è una conquista storica la competenza del ministero dell’Ambiente sulla Terra dei Fuochi”. Per la verità sembrava strano che fosse stato scelto Sergio Costa al dicastero dell’Ambiente per combattere il fenomeno della Terra dei Fuochi, gli affari di mafia che girano intorno al traffico di rifiuti e l’esigenza di avviare bonifiche dei siti inquinati e che quella delega fosse poi stata attribuita al ministro leghista dell’Agricoltura. Comunque, sanata questa stranezza, che forse non è una conquista storica ma una cosa normale  ora «si può iniziare un percorso nuovo», ha spiegato Costa in una diretta su Facebook, privilegiando anche lui come altri leader politici un mezzo di comunicazione veloce, semplice, senza fronzoli e senza domande da parte dei giornalisti. Nel decreto, aggiunge Costa, «si parla anche di messa in sicurezza e di bonifiche su tutto il territorio nazionale che saranno di competenza dell’Ambiente. Potremo fare un lavoro organico insieme e guardare a tutto il Paese e le sofferenze che ha patito in questi anni».

Ambiente. Il ministro Costa alla guerra dei veleni nella Terra dei Fuochi

Un altro momento «storico», prosegue Costa, è che «per la prima volta si parla di economia circolare» e anche questo «rientra nelle competenze del ministero dell’Ambiente. Riuso, riutilizzo, reimpiego» che caratterizzano l’economia circolare consentono di immaginare «un nuovo sistema di fare impresa ambientale – ha detto Costa – dando agli imprenditori la garanzia di poter procedere bene e al cittadino la garanzia che quello che è un prodotto sano, che gli imballaggi verranno visti con uno sguardo diverso, che il prodotto verrà reimpiegato, che le materie prime-seconde potranno essere una risorsa». Il ministro aggiunge di aspettarsi «che il decreto venga convertito in legge» e sui dice «persuaso che il Parlamento intero sia disponibile perchè l’Ambiente è di tutti, non ha coloro nè appartenenze nè steccati». Il passaggio delle competenze al ministero dell’Ambiente «non è un credito a me ma a voi cittadini. Adesso avrete un alleato in più – conclude – e possiamo iniziare un percorso mai iniziato». Più o meno cose già sentite da altri ministri di altri governi. Ora toccherà aspettare che il ministro Costa faccia quello che altri ministri prima di lui hanno promesso di fare. La gente, in certi posti d’Italia, nella Terra dei Fuochi in particolar modo, dunque tra Napoli e Caserta, continua a morire di cancro, continua a vivere di meno rispetto a quella che è l’aspettativa di vita degli altri italiani, continua a subire il fenomeno indiscriminato dell’abbandono e dell’incendio dei rifiuti con ricaduta di diossina sul terreno, continua ad assistere al traffico di rifiuti della camorra. 

Advertisement

Cronache

Spari in piazza ad Afragola dopo i battesimi, due feriti

Pubblicato

del

Due persone sono rimaste ferite da alcuni colpi d’arma da fuoco esplosi oggi, intorno a mezzogiorno, in piazza Castello, ad Afragola, in provincia di Napoli. Poco prima che scoppiasse la lite – tra due gruppi di persone – sfociata prima in rissa a colpi di mazze da baseball e poi in sparatoria, nella vicina chiesa di San Giorgio si erano tenuti dei battesimi. Secondo quanto si appreso i due feriti sono stati colpiti uno alla gamba e l’altro anche all’addome. Altre persone sono rimaste ferite a causa dei colpi inferiti anche alla testa da corpi contundenti. Per uno dei due feriti dai colpi d’arma da fuoco si è reso necessario un intervento chirurgico in ospedale: le sue condizioni sarebbero gravi ma non rischierebbe la vita. Sul posto sono intervenute diverse ambulanze del 118, la Polizia di Stato e i carabinieri. Per ricostruire la dinamica dell’accaduto, che avrebbe potuto provocare il ferimento di persone estranee alla vicenda, sono in corso indagini da parte della polizia di Afragola e della squadra mobile della Questura di Napoli. Trovati a terra e sequestrati, alcuni proiettili inesplosi e alcuni bossoli. Sequestrato anche uno scooter.

Continua a leggere

Cronache

Porta la droga al figlio in carcere, arrestata

Pubblicato

del

Portava al figlio la droga in carcere ed è stata arrestata dalla Polizia penitenzaria. E’ successo ieri, ad Avellino. La donna, che si accingeva ad avere un colloquio con il figlio detenuto, nascondeva addosso “un ingente quantitativo di hashish. Grazie ai controlli svolti dagli uomini della Polizia Penitenziaria, è stata scoperta ed associata nella casa circondariale irpina”, rende noto Tiziana Guacci, segretaria regionale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, Sappe, che sottolinea la “professionalità ed astuzia” con cui il personale della penitenziaria “porta avanti ogni giorno una battaglia per contrastare il traffico di sostanze stupefacenti all’interno del penitenziario, nonostante la critica carenza di organico, che si attesta a circa 83 unità in meno rispetto ai poliziotti previsti, ed il grave sovraffollamento”.

Per Donato Capece, segretario generale del Sappe, “il problema dell’ingresso della droga in carcere è questione ormai sempre più frequente, a causa dei tanti tossicodipendenti ristretti nelle strutture italiane. Dai dati in nostro possesso sappiamo che quasi il 30% delle persone, italiane e straniere, detenute in Italia, ossia uno su tre, ha problemi di droga. La loro presenza comporta da sempre notevoli problemi sia per la gestione di queste persone all’interno di un ambiente di per sé così problematico, sia per la complessità che la cura di tale stato di malattia comporta. Non vi è dunque dubbio che chi è affetto da tale condizione patologica debba e possa trovare opportune cure al di fuori del carcere”.

In evidenza la foto di una delle tante carceri italiane dove purtroppo la droga entra 

Continua a leggere

Cronache

Blitz contro i parcheggiatori abusivi a Napoli

Pubblicato

del

Parcheggiatori abusivi nel mirino della Polizia locale di Napoli: durante una vasta operazione di contrasto condotta a Chiaia, ne sono stati sorpresi 11. Quattro sono stati sanzionati ai sensi del codice della strada e sette sono stati denunciati alla magistratura perchè recidivi. Sempre nella zona di Chiaia, la Polizia locale ha denunciato il titolare di un locale che in via Bisignano è stato sorpreso a somministrare alcool a un ragazzo di meno di 16 anni; lo stesso locale è stato sanzionato per aver venduto alcol a minori tra i 16 e i 18 anni.

Sanzioni anche al titolare di bar che esercitava senza autorizzazione; ad altri due per occupazione abusiva di suolo pubblico; due per violazione delle norme sull’impatto acustico; tre perché privi di autorizzazione all’istallazione di tende ed insegne; uno per non aver ottemperato all’ordinanza di chiusura. Ad altri quattro locali è stato notificata la diffida a non reiterare l’occupazione abusiva di suolo pubblico. Ancora, in Largo Sermoneta, nell’ambito dell’operazione interforze con la Polizia di Stato “Alto Impatto”, sono stati controllati 18 veicoli e 7 quelli sanzionati per violazioni al codice della strada. Infine, personale dell’unità operativa Avvocata è intervenuta in via Supportico dove ha denunciato il titolare di un esercizio per invasione di aree pubbliche, danneggiamento e inottemperanza agli ordini dell’autorità; verbali per occupazione abusiva di suolo pubblico anche nei confronti di quattro locali.

Parcheggiatori abusivi nel mirino anche dei carabinieri della compagnia di Bagnoli, che questa notte insieme ai militari del reggimento Campania hanno effettuato un servizio a largo raggio nelle zone della movida partenopea tra Bagnoli, appunto, Fuorigrotta e Posillipo. Cinque i parcheggiatori abusivi denunciati. Un uomo di 64 anni è stato invece arrestato perchè trovato in strada nonostante avesse l’obbligo di rimanere in casa perché sottoposto ai domiciliari. Nella lente dei controlli anche il rispetto del codice della strada con 15 sanzioni per un totale di 7mila euro e 4 scooter sequestrati. Diversi i ragazzi segnalati alla Prefettura perché trovati con modiche quantità di droga.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto