Collegati con noi

Esteri

Sfida russa: armi nello spazio e modifiche ai confini

Pubblicato

del

Il giorno dopo l’avvio di esercitazioni per l’uso di armi nucleari tattiche, da Mosca arriva un’altra notizia destinata a creare nuove tensioni con l’Occidente. Il ministero della Difesa ha avanzato una proposta per rivedere i confini sul Mar Baltico con Finlandia e Lituania. Ad una decisa smentita ufficiosa, ha fatto seguito una mezza ammissione del Cremlino, mentre Helsinki e Vilnius hanno chiesto spiegazioni a Mosca. Contemporaneamente il Pentagono ha accusato la Russia di aver lanciato il 16 maggio un satellite che “probabilmente è un’arma contro-spaziale”, posizionandolo nella stessa orbita di un satellite del governo americano.

Il vice ministro degli Esteri russo Serghei Ryabkov, responsabile delle relazioni con gli Stati Uniti, ha smentito, parlando di “fake news”. E il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha affermato che Mosca agisce “assolutamente in conformità con il diritto internazionale” e sostiene “il divieto di lanciare qualsiasi arma nello spazio”. Intanto, dopo il vertice a Pechino tra i presidenti Vladimir Putin e Xi Jinping, la Gran Bretagna afferma che la Cina sta fornendo a Mosca aiuti militari “letali” da utilizzare nel conflitto in Ucraina. Si tratta di “uno sviluppo significativo”, ha detto il ministro della Difesa di Londra, Grant Shapps, che ha parlato di prove fornite dall’intelligence britannica e americana. La proposta di rivedere le coordinate geografiche per modificare i confini marittimi nel Baltico è stata postata in un sito governativo dal ministero della Difesa, che dopo alcune ore lo ha cancellato.

La motivazione addotta è che le coordinate in vigore, stabilite dall’Unione Sovietica nel 1985, si basavano su mappe nautiche di piccola scala risalenti alla metà del XX secolo, e “non corrispondono pienamente alla moderna situazione geografica”. L’obiettivo della proposta sembra quello di dichiarare come acque interne della Russia quelle che circondano un gruppo di isole russe nel quadrante orientale del Golfo di Finlandia e quelle su cui si affacciano le località di Baltiysk e Zelenogradsk, nella exclave di Kaliningrad. Dopo che la notizia della proposta si era diffusa ieri sulle agenzie russe, una “fonte politico-militare” citata dagli stessi media ha assicurato che Mosca non ha “alcuna intenzione di rivedere la linea del confine di Stato nel Baltico”.

Ma il portavoce Peskov non ha smentito la proposta, invitando i giornalisti a rivolgersi ai suoi autori al ministero della Difesa per avere notizie in proposito. In generale, ha aggiunto, il livello delle tensioni, specie in questa regione, “richiede relativi passi” di ministeri e agenzie russe “per garantire la sicurezza nazionale”. Molto dura la risposta della Lituania. “È in corso un’altra operazione ibrida russa, questa volta nel tentativo di diffondere paura, incertezza e dubbi sulle loro intenzioni nel Mar Baltico”, ha scritto su X il ministro degli Esteri di Vilnius, Gabrielius Landsbergis. “Si tratta – ha aggiunto – di un’evidente escalation contro la Nato e l’Ue che deve essere affrontata con una risposta adeguatamente ferma”. Una fonte del governo lituano ha detto che “un rappresentante della Federazione Russa” è stato convocato “per ottenere una spiegazione completa”. Più prudente la reazione della Finlandia, che ha annunciato di voler chiedere anch’essa spiegazioni alla Russia attraverso i canali diplomatici. Il primo ministro Petteri Orpo ha affermato di “non vedere al momento motivi di maggiore preoccupazione”.

“Una volta scoperto esattamente qual è il problema si trarranno le conclusioni”, ha aggiunto il premier, sottolineando che le “autorità hanno sempre monitorato la situazione e dall’inizio sono state in contatto con la Russia attraverso i canali diplomatici”. Intanto sul terreno in Ucraina il ministero della Difesa di Mosca ha detto che le truppe russe hanno conquistato un altro villaggio, Klescheevka, nella regione di Donetsk. Mentre in quella di Kharkiv il capo dell’amministrazione politico-militare filorussa, Vitaly Ganchev, ha annunciato che 49 villaggi sono caduti finora nelle mani dei soldati di Mosca. Di questi, 13 durante l’avanzata cominciata il 10 maggio dal confine russo a nord-est e 36 in quella in corso da mesi da sud nel distretto di Kupyansk.

Advertisement
Continua a leggere

Esteri

Putin e Kim firmano un patto di difesa reciproca

Pubblicato

del

Un patto di assistenza reciproca in caso di aggressione a uno dei due Paesi e l’impegno comune a combattere “le pratiche neocolonialiste” dell’Occidente, a partire dalle sanzioni. La visita di Vladimir Putin a Pyongyang, conclusa da un invito al “caro compagno Kim Jong-un” a recarsi a Mosca, riporta alla memoria il mondo diviso in due dalla Guerra Fredda. Con il 38esimo parallelo che torna ad essere una delle frontiere della sfida tra Mosca, impegnata a sostenere la Corea del Nord, e Washington, alleata del Sud. Kim ha ribadito l’appoggio a Mosca nel conflitto in Ucraina, che ha reagito accusando Pyongyang di fornire aiuti militari alla Russia per compiere “assassinii di massa” di civili. Il consigliere della presidenza Mykhailo Podolyak ha quindi chiesto alla comunità internazionale “un approccio più rigoroso per arrivare ad un vero isolamento” della Corea del Nord e della Russia. La coreografia della visita di Putin sembrava studiata per sottolineare un ritorno al passato, con guardie a cavallo, bambini con i palloncini, ritratti giganti dei due leader e la folla radunata sulla Piazza Kim Il Sung che saluta la prima visita di Putin a Pyongyang dal 2000. Anche se Kim è arrivato ad affermare che il livello di “prosperità” degli attuali rapporti bilaterali non era stato toccato nemmeno ai tempi delle “relazioni coreano-sovietiche del secolo scorso”.

Ai tempi di suo nonno Kim Il Sung, appunto. Putin e Kim hanno parlato per ben 11 ore, tra incontro bilaterale con le rispettive delegazioni, due ore di faccia a faccia con i soli interpreti e poi passeggiata, cerimonia del té e cena. Abbastanza per confermare tutti i timori degli occidentali, che accusano Pyongyang di fornire a Mosca missili balistici e munizioni da usare in Ucraina e sospettano la Russia di assicurare alla Corea del Nord aiuti per sviluppare i suoi programmi missilitici e nucleari. I due Paesi si guardano bene dal confermare tali intenzioni. Ma Kim non ha perso occasione per ribadire il sostegno a Mosca nel conflitto in Ucraina, ricevendo il pubblico ringraziamento di Putin. E quest’ultimo ha detto che la Russia “non esclude una cooperazione tecnico-militare” con la Corea del Nord. Per auspicare poi una revisione da parte del Consiglio di Sicurezza dell’Onu (di cui Mosca è membro permanente) delle sanzioni in vigore contro Pyongyang. In generale, ha rincarato il presidente russo, i due Paesi si oppongono a sanzioni “motivate politicamente” che “minano solo il sistema economico e politico globale”.

Ma il pezzo forte della giornata, al termine della quale Putin è partito per il Vietnam, è stata la firma del trattato di cooperazione strategica, che impegna tra l’altro ciascuna delle due parti a intervenire a difesa dell’altra sostituendo un patto del 1961 tra Corea del Nord e Unione Sovietica. Il leader russo ha commentato l’accordo mettendolo in relazione alle dichiarazioni degli Stati Uniti e altri Paesi Nato sulla possibilità per l’Ucraina di colpire il territorio russo con armi di precisione e in un prossimo futuro con jet F16 forniti dall’Occidente. “Una flagrante violazione di tutte le restrizioni a cui i Paesi occidentali si sono impegnati nell’ambito di vari obblighi internazionali”, ha detto Putin. Da parte sua Kim ha detto che il patto serve solo a mantenere “la pace e la stabilità nella regione”. Ma, con toni entusiastici, ha sottolineato che esso dimostra come la Russia sia “l’amica e l’alleata più onesta” della Corea del Nord e lo stesso Putin “il più caro amico del popolo coreano”. Con buona pace dunque della Cina, finora il principale sostenitore politico e militare della Corea del Nord, con la quale ha un trattato di difesa.

Continua a leggere

Esteri

La finanza del terrore,l’impero di Hamas e Hezbollah

Pubblicato

del

Asset, fondazioni, banche, criptovalute, broker, agenti. Le parole della finanza cancellano la retorica ideologica di cui si ammantano Hamas e Hezbollah per mettere a nudo le imponenti risorse che nascondono. Ne ha parlato con la stampa nazionale, dopo incontri istituzionali ad alto livello a Roma, Uzi Shaya, ex alto ufficiale israeliano del Mossad, esperto di operazioni finanziarie di entità terroristiche e Paesi sponsor del terrorismo. “Distruggere la capacità militare di Hamas non è sufficiente per fermare il terrorismo. Bisogna smantellare le infrastrutture civili di Gaza da cui passano enormi flussi di denaro che finiscono per finanziare il terrore”, ha affermato Shaya, spiegando punto per punto come i canali amministrativi tra la Striscia e la Cisgiordania siano il cuore della sopravvivenza militare di Hamas.

La stima, formulata seguendo i flussi di denaro, parla di un miliardo e mezzo di dollari a disposizione ogni anno (fino al 7 ottobre) dei miliziani di Yahya Siwar per tenere in piedi l’organizzazione militare che “è riuscita a invadere Israele e infliggere la sconfitta peggiore da quando il Paese esiste”, ha sottolineato l’ex ufficiale del Mossad. I soldi passano regolarmente dai canali ufficiali per sostenere l’amministrazione palestinese per il mantenimento della vita civile. Clandestinamente fiumi di denaro arrivano da Iran e Qatar (oltre a quelli in chiaro approvati dal governo israeliano), attraverso i money transfer principalmente da Libano, Turchia, Egitto. Hamas può contare su un portfolio con asset per mezzo miliardo di dollari l’anno, entità finanziaria assistita dal sistema bancario di Ankara. La maggior parte delle aziende commerciali di proprietà sono state sanzionate dopo il 7 ottobre, ma ha detto Shaya, le operazioni sono continuate.

Una delle maggiori menti di questa rete finanziaria è Hamid al Ahmar, businessman yemenita e leader dei Fratelli musulmani a Sanaa trasferito in Turchia, con rami operativi legati a Hamas anche in Libano, Sudafrica e altri Paesi. L’attività prevede pure il finanziamento di conferenze e convegni pro-Paestina con attività di cui in Italia si occupa un broker sardo, ha raccontato Shaya. “I soldi delle commercial companies finiscono nelle tasche dei leader di Hamas e delle loro famiglie, con enormi investimenti diversificati”, ha spiegato. La montagna di soldi nella Striscia è però meno ingente in confronto all’impero finanziario gestito da Hezbollah. Il partito di Dio ha possibilità più ampie, la mole di denaro più grande, tutto viene gestito attraverso la maggiore banca libanese.

“E del resto, Hezbollah ha il controllo dell’intero sistema finanziario del Paese”, ha spiegato Shaya, “il 70% del denaro viene da Teheran. Gli islamisti di Nasrallah gestiscono centinaia di attività commerciali in tutto il mondo, Hamas ne ha a disposizione una ventina. Hezbollah ha partecipazioni ovuneque, si serve di ong, così come Hamas, partecipa al traffico di droga internazionale, sviluppa le sue attività attraverso reti che aggirano le regole finanziarie”. “L’infiltrazione del sistema finanziario internazionale è un problema che riguarda tutti. Israele, combattendo questa guerra nascosta, in questo momento rappresenta tutto l’Occidente”, ha dichiarato Shaya, “il governo italiano sta facendo il possibile. Ho chiesto una più efficace cooperazione per questa battaglia comune”, ha avvertito.

Continua a leggere

Esteri

Rimossi i pannelli della discordia tra Argentina e Cile

Pubblicato

del

La Marina militare dell’Argentina ha rimosso le infrastrutture di un avamposto in Terra del Fuoco, nell’estremo sud del del Paese, che erano state costruite per errore oltre il confine con il Cile. Lo rende noto oggi il ministero della Difesa argentino dopo le forti proteste espresse nei giorni scorsi dal governo del presidente cileno Gabriel Boric. Buenos Aires aveva riconosciuto subito l’errore chiedendo scusa alle autorità del Paese vicino e affermando che avrebbe rimosso la struttura non appena le condizioni climatiche lo avrebbero reso possibile. Una risposta che tuttavia non ha soddisfatto il governo cileno obbligando lo stesso presidente Boric a intervenire. “Abbiamo appreso qualche tempo fa che l’Argentina, installando una base militare nella regione della Patagonia, ha collocato pannelli solari in territorio cileno. Abbiamo ricevuto le scuse del ministero degli Esteri argentino, ma vorrei dirvi molto chiaramente che i confini non sono qualcosa di ambiguo. Devono rimuovere i pannelli solari il prima possibile, o lo fanno loro o lo faremo noi”, ha detto. A fronte della protesta di Boric il governo argentino ha ordinato l’immediato invio di un equipe specializzata per la rimozione dei pannelli solari. La struttura, secondo quanto si osserva dalle immagini pubbblicate dalle autorità cilene, è stata smontata in effetti nonostante le condizioni climatiche estreme.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto