Collegati con noi

Cronache

Sequestrata la villa bunker di Casal di Principe all’imprenditore killer del clan dei casalesi Luigi De Vito

Avatar

Pubblicato

del

Togliere ai mafiosi quello che hanno depredato sui territori in cui hanno seminato morte e devastazione morale ed economica. All’alba la Direzione Investigativa Antimafia di Napoli ha eseguito l’ennesimo  provvedimento di sequestro beni, emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – Sezione Misure di Prevenzione, su proposta dei Procuratori della Repubblica di Napoli e Santa Maria Capua Vetere e del direttore della Dia. Sono queste le inchieste più importanti dell’antimafia, quelle che consentono di spogliare i mafiosi di tutto quello che hanno accumulato in maniera criminale. Oggi la Dia di Napoli si riprende, in nome del popolo italiano, un fabbricato di 422 m2, totalmente abusivo, edificato con le caratteristiche tipiche di una vera e propria villa bunker ubicata nel centro di Casal di Principe. Il valore stimato è di circa mezzo milione di euro.

Centro Dia di Napoli. È una delle strutture investigative di eccellenza del Paese. Da Napoli sono partite tante inchieste che hanno portato al sequestro di ingenti patrimoni mafiosi

La villa bunker è riconducibile a Luigi De Vito, già titolare dell’omonima impresa individuale attiva nel settore edile, scavo e movimento terra, detenuto ininterrottamente dal 2009, prima in custodia cautelare e poi in espiazione pena dell’ergastolo, dal 2015 ristretto al 41 bis del regolamento penitenziario, il carcere duro per intenderci.

Luigi De Vito, organico al clan “dei casalesi”, gruppo Bidognetti, nel quale rivestiva un ruolo di primo piano quale autista e guardaspalle del capo clan Francesco Bidognetti alias Cicciotto e Mezzanotte, si è reso responsabile di estorsioni ed omicidi commessi in nome e per conto del sodalizio.

Nel tempo l’interessato è stato raggiunto da numerose sentenze di condanna, fra le quali quelle del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere per il delitto di cui all’art. 416 bis c.p. (associazione di tipo mafioso) e quelle della Corte di Assise di Santa Maria Capua Vetere, alla pena dell’ergastolo, per i delitti di omicidio aggravati dal metodo mafioso.

Advertisement

Cronache

Scoperto il Bed and Breakfast del sesso, donne in fila per prostituirsi: ammesse solo italiane

amministratore

Pubblicato

del

Lo hanno scoperto i carabinieri a Belluno in Veneto. Era un vero e proprio bed and breakfast del sesso con donne che arrivavano da tutto il nord Italia per prostituirsi. Non prostitute di professione. No, donne normali che arrotondavano per soldi.

Quando i carabinieri di Belluno hanno messo piede nell’appartamento hanno scoperto l’esistenza di un vero e proprio calendario in cui si alternavano le donne che offrivano i loro servizi nell’alcova di Fiammoi nel bellunese. Era un pensionato 62enne a cambiarle spesso. Sempre lui a selezionarle: uno dei requisiti, per esempio, era che fossero italiane. Chiedeva di vedere le foto e in anticipo parlava con loro al telefono per verificare che fossero all’altezza dei suoi standard.

Continua a leggere

Cronache

L’ex pm antimafia Ingroia ubriaco a Parigi, costretto a non salire sull’aereo che doveva portarlo in Italia

Avatar

Pubblicato

del

Volare ubriachi non si può. Per questo motivo l’ex pm Antonio Ingroia è stato fermato ieri all’aeroporto parigino di Roissy mentre si stava imbarcando su un volo per l’Italia. L’hanno fermato perché era “visibilmente in stato di ebbrezza”. L’ha rivelato “Repubblica.it” spiegando che “Ingroia è stato così costretto a tornare indietro” e a non volare perché ubriaco.

“Secondo fonti aeroportuali – si legge sul quotidiano – il rifiuto di imbarco non avrebbe provocato resistenza da parte di Ingroia, che è stato portato in una zona di Roissy non lontano dai gate. Il consolato italiano a Parigi è stato avvertito. Ingroia è stato fatto partire qualche ora dopo, una volta ripresi i sensi e in grado di viaggiare per rientrare in Italia”. Che brutta cosa per un magistrato che per una vita intera ha combattuto la mafia dalla trincea della procura di Palermo. Speriamo sia stato solo un infortunio passeggero.

Continua a leggere

Cronache

Chiara Ferragni risponde a tono sui social ai “giudicatori di sto ca…”

Avatar

Pubblicato

del

Chiara Ferragni e Federico Fedez sono in partenza per le vacanze pasquali. I cosiddetti haters dei social invece non vanno mai in vacanza. Anzi sono sempre in servizio permanente effettivo. Così, mai stanchi, continuano a bombardare di messaggi (e spesso anche di insulti) il profilo Instagram della fashion blogger. Ogni sua foto è soggetta a centinaia di migliaia di commenti. Sempre commenti di elogio perché Chiara Ferragni è assai social è assai amata. Ma spesso e volentieri accade che questi commenti vadano un po’ troppo oltre e anche la calma Chiara non può sopportarlo. Non può fare finta di nulla. E così risponde anche lei a tono ai cosiddetti haters.

Qualche giorno fa, infatti, ha pubblicato una foto con il figlio Leone mentre è seduto sul passeggino. Ma qualcuno, i soliti imbecilli, ha trovato del marcio in una foto volendo dolce: una mamma col suo bimbo sorridente a favore di obiettivo. Davanti a questa immagine c’è stato uno che ha scritto: “Non hai così tanto amore per tuo figlio. Guarda caso tutte e due le foto evidenziano sponsor”. E leggi un commento e leggine un altro, Chiara Ferragni è “esplosa”. “Se fosse un post sponsorizzato – risponde – avrebbe la dicitura advertising o prenderei una multa. Sveglia giudicatori di sto cazzo”. Ecco, la Ferragni non ci va per il sottile. Non è stata fine, ma alla fine l’hanno capita tutti.

Continua a leggere

In rilievo