Collegati con noi

In Evidenza

Rai, il contratto di servizio torna in cda

Pubblicato

del

“Il M5S si batterà con la massima determinazione perché sia tutelato e anzi rafforzato il giornalismo d’inchiesta, che per la Rai è un aspetto qualificante della sua mission quale servizio pubblico, plurale e imparziale. L’attenzione del M5S su questo punto sarà massima e sarà rivolta a ottenere che questa garanzia sia messa nero su bianco”. Giuseppe Conte rilancia il suo altolà alla vigilia della riunione del cda Rai che dovrà votare la bozza del nuovo contratto di servizio 2023-2028 tra Viale Mazzini e il ministero del Made in Italy: un testo che ha suscitato critiche relative in particolare all’assenza di un articolo specifico sulla valorizzazione del giornalismo d’inchiesta, ma anche alla minore importanza alla coesione sociale e allo spirito di accoglienza a fronte di una attenzione alla promozione della natalità.

A sollevare il caso del giornalismo di inchiesta era stato per primo Sigfrido Ranucci, conduttore di Report, a Forrest su Radio1 (programma nel frattempo arrivato all’epilogo), suscitando reazioni contrariate dalla segretaria del Pd Elly Schlein al presidente della Fnsi Vittorio Di Trapani. La Rai aveva però definito le polemiche “prive di ogni fondamento”, spiegando che nel testo “si fa esplicito riferimento al giornalismo d’inchiesta nel capitolo dedicato all’informazione come genere specifico, per dare particolare rilievo a tutte le modalità che riguardano la valorizzazione della qualità dell’informazione” e ricordando che nei prossimi palinsesti i programmi di inchiesta aumenteranno “per numero e per quantità di ore”, a partire proprio da Report. Considerazioni che con ogni probabilità saranno ribadite domani in cda dall’Ad Roberto Sergio, che proverà a trovare una mediazione dopo le criticità segnalate anche in consiglio da Riccardo Laganà, Francesca Bria e Alessandro Di Majo.

Dopo il voto, la bozza di contratto verrà sottoposta al parere obbligatorio, ma non vincolante, della commissione di Vigilanza. Poi verrà formulato il testo definitivo che dovrà essere nuovamente votato in consiglio prima di entrare in vigore. Domani in cda è prevista anche la presa d’atto dei nuovi palinsesti Rai, che saranno ufficializzati il 7 luglio a Napoli. Gli occhi sono puntati su Bianca Berlinguer, che indiscrezioni dei giorni scorsi hanno dato in procinto di passare a Mediaset per condurre una prima serata su Rete4. Cartabianca è stato confermato dal nuovo vertice aziendale su Rai3 e il silenzio di queste ore sembrerebbe escludere clamorosi traslochi per l’ex direttrice del Tg3 verso Cologno Monzese, ma il condizionale è d’obbligo.

Al valzer degli addii – dopo quello di Serena Bortone a Oggi è un altro giorno, lo spazio pomeridiano di Rai1, è arrivato il saluto di Maurizio Mannoni a Linea Notte su Rai3, “quello che verrà si vedrà” – si è aggiunto ieri l’annuncio che Barbara D’Urso non condurrà più Pomeriggio 5. Al suo posto potrebbe approdare Myrta Merlino. Gli ultimi rumors, lanciati dal sito Tv Blog, vorrebbero anche Ilary Blasi fuori dalla prossima stagione di Canale 5. Al momento solo voci, che alimentano l’attesa per la presentazione della nuova offerta Mediaset, prevista il 4 luglio.

Advertisement

Cronache

Maltempo nel Nord Italia, emergenza in Veneto, disagi per la circolazione

Pubblicato

del

Il maltempo continua a imperversare nel nord del Paese, con particolare intensità nella regione del Veneto. Da ieri, l’allerta meteo è stata elevata, passando dal livello giallo in Piemonte, Lombardia e Toscana, all’arancione in Emilia-Romagna, fino al rosso su parte del Veneto. La situazione più critica si registra proprio in quest’ultima regione, con il Vicentino particolarmente colpito.

Il sindaco del capoluogo, Giacomo Possamai, ha reso noto un primo bilancio del maltempo durante una riunione operativa tenutasi dalle prime ore del mattino. Il presidente della regione, Luca Zaia, ha annullato tutti gli impegni per seguire da vicino l’evolversi della situazione dalla sede della protezione civile.

 

 

La pioggia e il vento non risparmiano altre regioni, con segnalazioni di disagi anche in Piemonte, Emilia Romagna e Toscana. Tra le principali preoccupazioni, vi è il monitoraggio dei livelli dei fiumi, che potrebbero superare la soglia di guardia.

Anche il settore dei trasporti risente degli effetti del maltempo. Trenitalia ha avvisato che i convogli Alta Velocità ed Euronight potrebbero subire cancellazioni e deviazioni su percorsi alternativi per garantire la sicurezza dei passeggeri.

Le autorità invitano la popolazione a prestare massima attenzione e a seguire le indicazioni delle autorità locali e dei servizi di protezione civile. Si consiglia di evitare gli spostamenti non essenziali e di prestare particolare attenzione alle condizioni meteorologiche in costante evoluzione.

Colpita in particolare la città di Vicenza e le zone circostanti: richiesta un’intensa opera di soccorso da parte dei vigili del fuoco, impegnati senza sosta per fronteggiare gli effetti devastanti delle precipitazioni. Fin dalle prime ore del mattino, le squadre di soccorso sono state mobilitate per rispondere alle emergenze in tutta la provincia e nella regione.

Nel corso della giornata, si sono susseguite più di ottanta operazioni di soccorso, testimonianza dell’ampiezza e della gravità della situazione. Tra queste operazioni, spicca l’evacuazione di sette persone rimaste isolate in un maneggio nella zona del bacino di laminazione a Montebello. Grazie all’intervento tempestivo e coordinato dei vigili del fuoco, le persone sono state prontamente trasportate in salvo utilizzando l’elicottero Drago 154 e un gommone, garantendo la loro incolumità in una situazione di pericolo imminente.

In un’altra delicata operazione di salvataggio, dieci impiegati delle poste sono stati evacuati con un gommone dalle squadre Saf (Speleo Alpino Fluviali) dei vigili del fuoco. Questi dipendenti si erano trovati bloccati al centro di smistamento di via Marosticana a causa dell’innalzamento delle acque, che ha reso impossibile la circolazione e ha messo a rischio la loro sicurezza. L’intervento rapido e coordinato delle squadre di soccorso ha permesso di portare in salvo anche queste persone, garantendo la continuità delle operazioni di soccorso e il benessere degli impiegati coinvolti.

Attualmente, tredici squadre dei vigili del fuoco sono attivamente impegnate nelle operazioni di prosciugamento delle zone allagate, comprese cantine, garage e taverne, al fine di limitare i danni materiali e ripristinare la normalità il prima possibile. Tuttavia, nonostante gli sforzi incessanti, sono ancora in attesa ottanta interventi, segno che la situazione resta critica e richiede un impegno costante da parte di tutti gli operatori coinvolti.

Continua a leggere

Cronache

Ischia, trovata morta Antonella Di Massa: era scomparsa il 17 febbraio

Pubblicato

del

Un’ombra di tristezza si è abbattuta sulla comunità di Casamicciola sull’isola di Ischia con la tragica notizia del ritrovamento del corpo senza vita di Antonella Di Massa, una donna amata e rispettata, scomparsa misteriosamente da casa il 17 febbraio scorso.

La scoperta è avvenuta nella tarda mattinata di oggi grazie agli inviati della trasmissione televisiva ‘Chi l’ha Visto’, Francesco Paolo Del Re e Marco Monti, i quali hanno individuato il cadavere della 51enne madre di due figlie. L’incontro con la morte è avvenuto in circostanze cupe, poiché il corpo giaceva in un terreno sotto la protezione di alcuni alberi, in un’area non distante dalla piazza di Succhivo. È proprio lì che Antonella Di Massa aveva lasciato la sua vettura e dove era stata vista per l’ultima volta da alcuni testimoni, il giorno della sua scomparsa, gettando un velo di mistero su ciò che le sia accaduto.

Il compito di riconoscere il corpo è toccato al marito della donna, un momento di indicibile dolore che ha gettato un’ombra ancora più cupa sull’intera vicenda. Ora, mentre la famiglia e la comunità cercano di fare i conti con questa perdita insopportabile, si attende l’arrivo del giudice di turno per autorizzare la rimozione del cadavere e consentire agli inquirenti di avviare le indagini per far luce su questa tragica vicenda.

La morte di Antonella Di Massa lascia un vuoto indelebile nei cuori di coloro che l’hanno conosciuta e amata. La sua scomparsa ha scosso la tranquillità di una comunità che ora si ritrova unita nel dolore e nell’incredulità di fronte a una tragedia così improvvisa e scioccante. Resta l’auspicio che la verità venga alla luce e che giustizia sia fatta per questa donna che ha lasciato troppo presto questo mondo, lasciando dietro di sé un vuoto che non potrà mai essere colmato.

Continua a leggere

Esteri

I funerali di Navalny venerdì a Mosca, la vedova alla Ue: ‘Putin sanguinario’

Pubblicato

del

La Russia e il mondo intero si preparano per il commovente addio a Alexei Navalny, figura di spicco dell’opposizione russa. La cerimonia funebre, annunciata dalla sua portavoce Kira Yarmysh, si terrà venerdì nella suggestiva chiesa dell’Icona della Madre di Dio a Maryeno, nel sud-est di Mosca. È stato dichiarato che il servizio commemorativo avrà inizio alle 14 del primo marzo, con un invito rivolto a tutti coloro che vogliono onorare la memoria di Navalny ad arrivare presto per partecipare. Il luogo scelto per la sua sepoltura sarà il cimitero di Borisovskoe, dove troverà riposo eterno.

Le parole della vedova di Navalny, Yulia Navalnaya, pronunciate durante la Plenaria dell’Eurocamera, riflettono la tensione e l’incertezza che circondano l’evento. “Il funerale si svolgerà dopodomani e non so ancora se sarà pacifico o se la polizia arresterà coloro che sono venuti a salutare Alexei”, ha condiviso con il pubblico. Queste parole sono un’amara testimonianza delle difficoltà che l’opposizione e i sostenitori di Navalny affrontano in Russia, dove le autorità possono reprimere le manifestazioni e le commemorazioni che non sono state autorizzate ufficialmente.

Yulia Navalnaya ha espresso anche la sua sorpresa per la fretta con cui è stata organizzata la cerimonia funebre. “Pensavo che nei 12 giorni trascorsi dalla morte di Alexei avrei avuto il tempo di preparare questo discorso”, ha confessato. “Ma prima abbiamo passato una settimana a prendere il corpo di Alexei e a organizzare il funerale. Poi ho scelto il cimitero e la bara”. Queste parole testimoniano non solo il dolore della perdita personale, ma anche le difficoltà pratiche e le pressioni politiche che circondano la morte di Navalny.

L’eredità di Alexei Navalny rimarrà un faro per coloro che cercano la libertà e la giustizia in Russia. La sua morte, avvolta nel mistero e nella controversia, continua a suscitare interrogativi sulla democrazia e sui diritti umani nel paese. Mentre la sua famiglia, i suoi amici e i suoi sostenitori si preparano a dirgli addio, il mondo osserva con attenzione, rimanendo in attesa di vedere quale sarà il futuro per l’opposizione russa e per coloro che si battono per un cambiamento significativo.

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto