Collegati con noi

Economia

Produzione industriale italiana torna in calo, -0,7% ad aprile

Avatar

Pubblicato

del

La produzione dell’industria italiana diminuisce ancora, ad aprile 2019, dopo il calo di marzo. L’Istat registra una flessione dello 0,7% rispetto al mese precedente e una contrazione, anche rispetto ad aprile 2018, dell’1,5% nei dati corretti per gli effetti di calendario. Il secondo trimestre dell’anno inizia cosi’ con il segno meno anche per le fabbriche italiane, dopo che quelle tedesche hanno registrato per la produzione un risultato negativo oltre le attese (-1,9% ad aprile) e portato la Bundesbank a tagliare le stime di crescita del Paese per il 2019 a 0,6%. Sul risultato di aprile, spiegano dall’Istat, potrebbero aver inciso i “ponti” di fine mese tra le festivita’ di Pasqua, della Liberazione e del primo maggio. I cali sono comunque ampi e diffusi. Solo il comparto energia e’ in crescita su base mensile, del 3,2%, mentre sono in contrazione tutti gli altri a partire dai beni strumentali (-2,5%) e dai beni di consumo durevoli. Su base annua arretra quasi l’80% dell’industria con segni meno in 13 settori su 15. In particolare gli autoveicoli vedono un crollo del 17,1%, in peggioramento anche rispetto al risultato – negativo – della media dei primi mesi dell’anno (-14,7%).

L’insieme dei mezzi di trasporto segna -6,1% e cali ancora piu’ ampi colpiscono i macchinari (-6,2%), la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-7,4%) e le industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-8,2%). Si salvano solo la fornitura di energia elettrica e gas (+5,8%) e le industrie alimentari, bevande e tabacco (+4,9%). Gli analisti leggono in questi dati un “quadro debole”, con le parole dell’ufficio studi di Confcommercio. Il responsabile Analisi macroeconomica di Intesa Sanpaolo, Luca Mezzomo, prevede una nuova riduzione della produzione industriale nel secondo trimestre, mentre il terzo trimestre potrebbe vedere una “moderata ripresa” anche se le le prospettive “rimangono caratterizzate da un livello insolitamente elevato di incertezza”. Sindacati e associazioni dei consumatori esprimono la loro preoccupazione. “Siamo drammaticamente a crescita zero”, dichiara il segretario generale della Cisl, Anna Maria Furlan, sottolineando come “le rappresentanze sociali delle imprese e quelle del lavoro, oggi hanno molti punti in comune per l’analisi della situazione”.

“Iniziamo il secondo trimestre nel peggiore dei modi. Un dato che avra’ effetti sul Pil e sulle previsioni di crescita del Governo, alzando il rischio di una manovra correttiva”, afferma poi il presidente dell’Unione nazionale Consumatori, Massimiliano Dona, mentre Federconsumatori vede un Paese in “stato di convalescenza”. I dati economici entrano anche nel dibattito politico. “Continua a peggiorare l’economia italiana – scrive su Facebook il segretario nazionale del Pd, Nicola Zingaretti – voltiamo pagina”. “I risultati economici non si nutrono di annunci e propaganda ma poggiano sull’efficacia delle politiche”, e’ invece il commento del deputato di Forza Italia Francesco Paolo Sisto.

Advertisement

Economia

La carica dei navigator, in 54 mila a Roma per tre giorni per 2980 posti di lavoro al Mise

Avatar

Pubblicato

del

Per tre giorni affolleranno cinque grandi padiglioni, con la speranza di conquistare, fino al 30 aprile 2021, il compenso annuo di 27.388,76 euro lordi. E’ la carica dei candidati navigator che per tre giorni mettera’ a dura prova il quadrante ovest della capitale. Alla linea di partenza della selezione sono 53.907. Erano quasi 79mila ma una prima selezione e’ stata fatta in base al voto di laurea. Ora solo uno su venti ce la fara’. I posti in palio, per questa prima ondata di ‘tutor’ del reddito di cittadinanza saranno solo 2.980. Poi ci saranno le altre selezioni per i centri impieghi regionali, altri 5.600 posti per i quali bisogna attendere ancora un po’. La scelta dei navigator e’ di fatto un maxi-concorso. Per una occupazione a tempo, che servira’ a trovare il lavoro a chi non ce l’ha e per questo percepisce il reddito di cittadinanza. La sfida, per chi si e’ candidato, passa attraverso 100 domande a risposta multipla. Non solo cultura generale e quesiti psicoattitudinali, ma anche domande di logica e informatica, economia aziendale, politica e mercato del lavoro…e soprattutto sul reddito di cittadinanza. Sono stati i temi affrontati con libricini e guide, selezionati con chat nate su internet per fare gruppo e scambiarsi consigli ed esperienze. Ma il primo ostacolo da superare sara’ quello di raggiungere la Fiera di Roma in tempo, alle 9 del mattino, e poi alle 14,30 per il secondo turno.

Chi non rispetta l’orario e’ fuori dal gioco. E il luogo e’ fuori citta’. Si raggiunge con la metro o con un trenino. I parcheggi sono molti, ma l’ingorgo va dato per scontato. Poi le distanze a piedi non sono piccolissime: del resto visti i numeri non era possibile scegliere location meno ampie. Sul sito dell’Anpal ci sono tutte le indicazioni. Si consiglia l’ingresso Nord. Poi bisogna andare al Padiglione 9 dove si mostra la copia firmata della domanda di partecipazione con il codice di identificazione. Solo dopo un ulteriore passaggio di identificazione si arriva ai padiglioni dal 3 all’8, nei quali si svolge la prova. L’identikit del ‘candidato’ e’ stato stilato dall’Anpal. Il primo dato che emerge e’ che tre quarti sono donne – 39.528 le candidate iscritte – e che nella meta’ dei casi si tratta di una persona con eta’ compresa tra i 30 e i 40 anni. Il 31% ha la laurea in legge e moltissimi sono coloro che vengono dal meridione. Dal Sud arrivano in 29.193: per la gran parte da Campania (9.420), Sicilia (8.580) e Puglia (4.960).

Nel proprio curriculum la laurea piu’ frequente (per 16.953 aspiranti) e’ quella in giurisprudenza, seguita da psicologia (12.080) e scienze economico-aziendali (7.242). I 2.980 idonei dovranno ricoprire le posizioni indicate da Anpal Servizi nel piano di distribuzione dei navigator per ciascuna zona d’Italia, un piano elaborato con l’obiettivo di uniformare gli standard dei servizi per l’impiego su tutto il territorio nazionale. Nella regione Campania c’e’ il maggior fabbisogno di navigator (471) con la sola provincia di Napoli che ne prevede 274. Segue la Sicilia con 429 posti di cui 125 a Palermo e 100 a Catania. Al Nord c’e’ la Lombardia con 329 navigator, di cui 76 a Milano e 50 a Brescia mentre nel centro Italia e’ il Lazio la regione che ha maggiore necessita’ di copertura con 273 operatori, 195 nella provincia di Roma. Chi superera’ la selezione avra’ un contratto di collaborazione, anche se il vicepremier Luigi Di Maio ha promesso piu’ volte una stabilizzazione: ma per ora l’incarico scadra’ il 30 aprile 2021, periodo nel quale oltre al compenso lordo annuale di 27.338,76 euro si aggiungeranno 300 euro lordi mensili come rimborso forfettario per le spese di viaggio, vitto e alloggio. Avranno l’obiettivo di realizzare ‘politiche attive’ per l’occupazione, anche innovative. Una scommessa che, da qualsiasi parte si guardi, gira attorno ad una sola parola: lavoro.

Continua a leggere

Economia

Tute blu in piazza, ‘il Governo fa come Schettino’

Avatar

Pubblicato

del

I metalmeccanici hanno scioperato per otto ore e sono scesi in piazza a Milano, Firenze e Napoli per chiedere a governo e imprese di mettere al centro lavoro, industria, diritti e salari. Politiche assenti per i sindacati visto che, sintetizza il segretario della Fim-Cisl Marco Bentivogli, “il Governo in questa permanente campagna elettorale fa un po’ come Schettino: si avvicina alla scogliera per prendere applausi ma sta facendo affondare la nave”. I confederali hanno dato una prova unitaria nel percorso partito a Roma il 9 febbraio e che si chiudera’ il 22 giugno a Reggio Calabria. A Milano hanno sfilato con Bentivogli il segretario Cgil Maurizio Landini e il predecessore Susanna Camusso. A Firenze c’erano i segretari Cisl Annamaria Furlan e Uilm Rocco Palombella. A Napoli quelli di Uil, Carmelo Barbagallo, e Fiom, Francesca Re David. “Il Governo deve sapere che se non cambia non ci fermiamo” ha detto Landini guardando la piazza che ha piu’ volte chiesto lo sciopero generale. “Se il Governo continua a non ascoltarci e’ chiaro che non escludiamo nulla” ha aggiunto. Se “le richieste nostre resteranno inascoltate” ha annunciato Palombella “chiediamo a Cgil Cisl e Uil di prepararsi a un nuovo sciopero generale”, mentre Barbagallo ha puntualizzato che “gli scioperi non li minaccio: se necessario, li faccio”. Il perimetro dell’azione del sindacato l’ha rivendicato Bentivogli. “Non ci spetta fare opposizione politica, ma quando si attacca il lavoro non e’ un optional mobilitarsi: e’ il nostro dovere” e “a chi dice ‘prima gli italiani’ noi diciamo ‘prima il lavoro”. Cosi’ tra Milano, Firenze e Napoli e’ stato un lungo elenco delle mancanze imputate al Governo. Dalle tante crisi aziendali – in testa Whirlpool all’ArcelorMittal – che per Fim mettono a rischio dagli 80.000 ai 280.000 posti, col Mise diventato, per Bentivogli, “un luogo fantasma, dove si convocano per inerzia le parti ma non si trova mai nessuna soluzione”. Di conseguenza, soprattutto al Sud c’e’ una “desertificazione” industriale per Francesca Re David. La critica all’esecutivo e’ a 360 gradi. Furlan, da Firenze, ha dato l’affondo alla Flat Tax (“una riforma che prema i ricchi”) mentre Bentivogli ha strigliato chi minimizza gli effetti dello spread: “e’ una tassa occulta che toglie i soldi a chi ne ha bisogno per darli agli speculatori”. Imputando al Governo di non dire “neanche una parola sulla carneficina che c’e’ ogni giorno nei luoghi di lavoro” mentre riduce “i premi Inail per le imprese” e con lo Sblocca Cantieri “da’ il via libera al subappalto dando spazio non solo a illegalita’ e insicurezza ma anche mafia, alla camorra e ‘ndragheta”.

Continua a leggere

Economia

Procedura per debito, dai vincoli alle sanzioni: ecco cosa rischia l’Italia

Avatar

Pubblicato

del

Essere vincolati a rispettare gli obiettivi indicati dall’Ue per i conti pubblici e subire uno stretto monitoraggio della loro gestione: questa la prima conseguenza dell’eventuale apertura di una procedura per deficit eccessivo dovuto al debito, come tecnicamente viene definito nel gergo europeo il provvedimento che finora non è mai stato applicato. Ecco le tappe principali della procedura.

– Fase uno. Dopo aver compiuto tutti i passaggi previsti dall’istruttoria della procedura attraverso scambi di pareri tra la Commissione e il Comitato economico e finanziario, la decisione finale sull’apertura della procedura viene presa dal Consiglio dei ministri delle Finanze che puo’ bocciare la raccomandazione della Commissione solo con un voto a maggioranza qualificata.

– Fase due. Il Paese sotto procedura deve applicare le raccomandazioni di Bruxelles per riportare in linea con le regole Ue deficit e debito entro un massimo di sei mesi attraverso l’adozione di misure gia’ quantificate.

– Fase tre. Nel caso in cui il Paese sotto procedura non dovesse rispettare le richieste Ue, scatterebbe un nuovo giro di raccomandazioni che potrebbe contemplare il pagamento di una multa compresa tra lo 0,2% e lo 0,5 del Pil.

– Fase quattro. Successivamente, nel caso di continua e grave inottemperanza alle richieste Ue, potrebbe scattare anche la sospensione del versamento dei fondi strutturali.

Continua a leggere

In rilievo