Collegati con noi

Economia

L’impero economico di Cristiano Ronaldo dalle cliniche agli investimenti milionari nel mattone anche in Italia

Avatar

Pubblicato

del

Il fatto che abbia investito di recente in cliniche per il trapianto di capelli vi fa capire che Cristiano Ronaldo ovvero CR7 non è solo un campione di calcio inarrivabile ma anche uno che ha il bernoccolo per gli affari.  Ora sta investendo denaro in acquisto di miniere aurifere da sfruttare. Per dirigerle sceglierà come al solito persone di lealtà incrollabile. Prima nella sua famiglia – soprattutto sua madre -, poi il suo agente, Jorge Mendes, e quindi  l’albergatore Dionísio Pestana, col quale condivide il business degli Hotel CR7. Tutte le persone che gestiscono il patrimonio di Cristiano Ronaldo hanno alcune caratteristiche comuni. Tutti hanno fatto fortuna dal nulla, sono portoghesi, indefessi  lavoratori.

CR7 è una fabbrica di soldi. Qualche giorno fa è volato a Madrid (dove è amato alla follia nonostante il divorzio), ed ha inaugurato una delle tante cliniche per l’impianto dei capelli in cui ha investito somme consistenti di denaro. In questo settore i suoi interessi saranno curati da una manager d’eccezione, Georgina, la sua compagna. Certo, sarà affiancata da un manager di grandi capacità, ma la garanzia della cura dell’investimento è lei, Georgina. A Madrid fanno sapere che CR7 ha sborsato per iniziare 2 o forse 3 milioni di euro. E l’ufficio stampa di Ronaldo ha spiegato la scelta di questo investimento diramando una nota. “Oltre al calcio, sono appassionato di salute, tecnologia e ricerca, sono aree in cui ho voluto investire. Ho voluto che la clinica fosse situata a Madrid, una città in cui ho vissuto per molti anni”. Quello che possiamo dire è che la  caduta dei capelli che disturba i vanitosi per Ronaldo non è un problema ma un affare. Più ne cadranno e più girerà il pallottoliere della sua Insparya Hair Medical Clinic che a Madrid ha prenotazioni per i prossimi 12 mesi. C’è chi ci va a impiantare capelli, ciglia e barbe a ritmi non più sostenibili solo in una clinica. Ne servono altre. E farne nascere altre, a Madrid, a Milano, forse a Madeira, è un business che sta curando Georgina Rodriguez Hernandez, la bella modella argentina compagna e madre di Alana Martina, quarta figlia del fuoriclasse portoghese. È lei che amministra ufficialmente la società iscritta nel registro delle imprese spagnole il 22 marzo 2018 con un capitale sociale di 200mila euro. Forse, chissà, le recenti disavventure con il Fisco spagnolo, che hanno portato l’asso del football a patteggiare a gennaio di quest’anno 18,8 milioni di euro per reati tributari, lo hanno anche consigliato di affidare in mani a lui vicine gli affari nella penisola iberica.

Con Georgina, ad affiancarla c’è Paulo Joaquim Silva Ramos, cofondatore al 50% della società spagnola. L’altro 50% è proprio nelle mani del 5 volte pallone d’oro, nato (poverissimo) 34 anni fa nell’isola di Madeira. C’è poco da dire, CR7 ha fiuto per gli affari almeno quanto ne ha per fare gol. È una fabbrica di soldi.

A giugno la rivista Forbes lo proclamerà lo sportivo più pagato al mondo, forse anche più ricco di Mayweather e Messi. Nell’ultimo anno, secondo Forbes, il campione della Juventus ha incassato 92,3 milioni di euro, di cui 52,1 in stipendi e premi e 40 in contratti pubblicitari. Il contratto con la Juventus, che migliora lo stipendio precedente di nove milioni di euro netti, può farlo diventare l’atleta più ricco dell’anno. Oltre al reddito derivante dall’immagine pubblicitaria, Ronaldo ha costruito un marchio, CR7, imitando pionieri come Beckham o Michael Jordan. L’azienda Ronaldo fa soldi anche quando il giocatore dorme.

La ventenne Marisa Mendes, primogenita dell’agente Jorge Mendes, proprietaria della società di rappresentanza Gestifute, è responsabile delle attiività di Ronaldo  sui social network. Il pubblico di CR7 supera 350 milioni di persone, secondo Hookit, che misura l’impatto dei marchi nel mondo digitale. Ogni post pubblicato nei profili di CR7 genera 2,3 milioni di interazioni, che generano 1,5 milioni di euro di entrate per ogni marchio supportato dal giocatore. Su Instagram, Ronaldo nel 2018 ha incassato 351.000 euro l’anno scorso solo per aver scritto un post per pubblicizzare una azienda.

Ronaldo pubblicizza prodotti legati alla sua immagine, alla sua fama professionale, alla sua prestanza fisica. Pubblicizza acqua di colonia, biancheria intima, biancheria da letto, prodotti per la nutrizione (Herbalife), bevande analcoliche, coperte di lusso (Elite Team), orologi, videogiochi, scarpe, acciaio egiziano, operatori telefonici (Meo e Turk). Ne ricava montagne di soldi, ma nessun contratto è paragonabile a quello firmato con Nike per la vita. Qualcosa di simile capitato solo a Michael Jordan e Lebron James. La Nike pagherà a Ronaldo un miliardo di dollari (885 milioni di euro) per averlo come testimonial a vita.

Ronaldo non è aduso a rischi o avventure finanziarie.  Lui crede in quello che vede. E infatti i primi affari di CR7 sono nel campo del mattone. E ne ha fatti ovunque è andato per lavoro. Ha case a Londra, Madrid, Lisbona,  nella Trump Tower a New York, ne sta acquistando una a Torino e ne cerca una a Ischia, nel golfo di Napoli. C’è un albergo che vorrebbero trasformare in una villa. Tutto quello che Ronaldo possiede viene gestito con oculatezza e scaltrezza. Gli investimenti sono decisi da Ronaldo e dai suoi manager in base alle leggi dei Paesi in cui lavora ed ha interessi. Se ha bisogno di un jet privato, lo compra ma crea una società, Dutton Invest, per affittarlo quando non lo usa. Va spesso in palestra? E allora, meglio acquisire quote di Crunch Fitness, un franchising con oltre 250 negozi in America, e ora anche a Madrid.

Ronaldo trascorre spesso soggiorni in alberghi di lusso? Bene, allora meglio investire in hotel di charme. E così CR7 ha messo 40 milioni in una catena di hotel che soddisfa i suoi gusti: strutture per il relax, wi-fi buona, pasti sani in qualsiasi momento. Nel 2015 ha fatto una società al 50% con un suo concittadino di Madeira, Dionísio Pestana. Hanno creato gli hotel CR7. Il primo fu inaugurato a Funchal (Madeira), poi a Marrakech, Madrid, Amsterdam, New York. Il prossimo? Forse a Ischia se compra l’albergo che sta trattando e non lo trasforma in casa sua. In molte di queste società Ronaldo ha sistemato suoi familiari. Sua madre, Dolores Aveiro, si occupa di un settore (unghie e sopracciglia) della clinica per capelli di Madrid.  Hugo, il fratello, gestisce il museo della stella a Funchal. Sua sorella Katia si occupa dei ristoranti. Sua madre anche di vini e pubblicità. E tra un poco occorrerà trovare una sistemazione anche al suo primogenito, Cristianinho.

Infortunio Ronaldo: “Tranquilli, torno tra una settimana o due”

Advertisement

Economia

Accordo di partnership siglato tra SytApp e Pmi/Confederazione nazionale piccole e medie imprese

Avatar

Pubblicato

del

Le difficoltà delle piccole e medie imprese italiane ad intercettare la domanda dei consumatori di prodotti di buona qualità made in Italy al giusto prezzo. Le aggressive campagne pubblicitarie di Internet Company straniere che invitano all’acquisto online di prodotti non sempre utili, di qualità spesso scadente e talvolta spediti in Italia da paesi del mondo molto lontani dove i processi produttivi non hanno gli stessi standard qualitativi e gli stessi controlli cui sono soggette le aziende italiane. Di questo e di altro ancora si è discusso nel corso di un incontro tra Tommaso Cerciello, Presidente di PMI – Confederazione nazionale delle piccole e medie imprese italiane – e Roberto Galloro, socio fondatore di SYT APP, l’azienda napoletana che è impegnata in queste ore nel lancio del portale (https://www.sytapp.it). 

SytApp ha lanciato infatti una campagna di informazione sui contenuti dei suoi servizi (l’App su Smartphone si scarica sugli store Apple e Google Play)  con uno spot veicolato attraverso 50 canali della piattaforma Sky. La mission è quella di usare l’App e dunque il web non per allontanare i consumatori dai negozi, come sta avvenendo in questi anni, ma per riavvicinarli.  Syt App vuole spingere,  anche attraverso altre modalità di comunicazione e piattaforme che sono in via di elaborazione, i consumatori a fare acquisti consapevoli sul Web mettendo in relazione diretta, senza intermediari e senza costi aggiunti nascosti, consumatori e venditori. 

I componenti della delegazione di SytApp, guidata dal commercialista e socio fondatore Roberto Galloro, hanno risposto alle domande  e alle tante curiosità del presidente di Pmi Cerciello sul funzionamento della piattaforma e della App, sulla gratuità dei servizi offerti per i consumatori, sul costo abbordabile per i merchant che possono offrire i loro prodotti e/o servizi sulla piattaforma. Una discussione lunga, cordiale, esaustiva che ha portato alla firma di un protocollo di intesa tra Pmi – che riunisce in tutta Italia migliaia di esercenti – e SytApp. 

L’accordo consentirà agli iscritti di Pmi di poter accedere alla piattaforma Syt App ad un prezzo scontato oltre ad avere a disposizione consulenti fiscali e commerciali che potranno consigliare su come usare al meglio la tecnologia per rilanciare le loro imprese in un periodo di congiuntura economica difficile.  “Come cittadino e come imprenditore sono contento – ha dichiarato Roberto Galloro – che l’associazione PMI abbia creduto al progetto SytApp, perchè il tessuto economico dell’Italia è fatto da tante piccole e medie imprese e sono tutte guidate da grandi uomini che combattono ogni giorno senza alcun sostegno. SytApp – ha concluso Galloro- è per loro un supporto innovativo,  al passo con i tempi, darà loro grande visibilità nel mercato, crescita ed un motivo in più per non arrendersi, anzi andare avanti, far crescere le loro imprese”.

 

Continua a leggere

Economia

Stretta sul salvataggio di Carige, domani si riunisce il consiglio del Fondo interbancario per decidere

Avatar

Pubblicato

del

Stretta sul salvataggio Carige. Domani si riunisce a Roma un consiglio del Fondo interbancario. Questo è quanto si apprende da fonti vicine al dossier, a conferma di anticipazioni di stampa con l’ipotesi che il consorzio di banche sia al lavoro su un piano alternativo a quello proposto dal fondo Apollo. L’appuntamento del Fitd dovrebbe comunque tornare sulla bozza di offerta di Apollo, in cui l’investitore si immaginava un intervento nell’ordine dei 120 milioni di euro nell’ambito di una ricapitalizzazione da 450-500 milioni di Carige, con la conversione in capitale dell’obbligazione per 318 milioni (convertibile per poco piu’ di 313 milioni) sottoscritta dallo Schema volontario del Fitd. Dai vertici del Fitd si raccoglie un ‘no comment’. Da altre fonti finanziarie si apprende intanto che il fondo Apollo è comunque al lavoro – e così i commissari Carige – per rimodulare l’offerta già fatta pervenire a Kpmg, advisor del Fitd. Se in queste ore ci fossero sviluppi nella trattativa tra l’Interbancario e Apollo, il consiglio del consorzio di banche potrebbe valutare la proposta già domani.

Su tutto domina una scadenza importante della supervisione bancaria con una riunione del Supervisory Board della Bce attesa in settimana (forse già mercoledì) a cui si guarda per capire se la vigilanza darà ancora tempo per un salvataggio privato di Carige o si vada piuttosto a scenari più estremi. L’idea che il Fondo Interbancario possa intervenire in una soluzione complessa per Carige – un ‘piano B’ rispetto al salvataggio targato Apollo – era stata di fatto anticipata dal presidente Salvatore Maccarone. In settimana, a margine del consiglio ordinario del fondo, aveva per la prima volta aperto a un passaggio del bond dal cappello dello Schema volontario, che ha sottoscritto l’obbligazione, direttamente alla parte obbligatoria del fondo, come ormai ipotizzabile a valle della sentenza che ha stabilito come non ci siano stati ‘aiuti di Stato’ nel salvataggio di Tercas da parte del Fitd. Se l’operazione su Carige fosse “piu’ complessa” rispetto alla sola conversione del bond “potrebbe essere opportuno” cambiare, aveva detto, indicandola come “una cosa concettualmente ipotizzabile” e di cui cominciare a parlare. Tale operazione “complessa” potrebbe far forza su fondi del Fitd nell’ordine degli 1,5 miliardi. Da capire la posizione del primo azionista Malacalza (con il 27,7%) che in settimana ha tuonato contro l’invito alla sobrieta’ giunto dai commissari, attaccando una possibile intesa tra Carige e Apollo, rispetto alla vendita delle compagnie assicurative Amissima.

Continua a leggere

Economia

Convegno di studio dei commercialisti, Moretta: siamo le sentinelle delle piccole e medie imprese, spina dorsale e vera risorsa economica del Paese

Avatar

Pubblicato

del

“Il Paese ha necessità di un concreto rilancio economico, il commercialista può e deve svolgere un ruolo sempre più determinante nell’ambito delle riforme relative al processo tributario, crisi d’impresa, sistema di controlli e semplificazione fiscale anche attraverso le specializzazioni. Perché i commercialisti rappresentano il termometro dell’economia del Paese e, soprattutto, sono le sentinelle delle piccole e medie imprese, vera risorsa della nostra Italia”.

Vincenzo Moretta. Presidente dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli

 

Quello che avete letto è solo uno dei passaggi più significativi dell’intervento di Vincenzo Moretta, presidente dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli, al termine della due giorni di studio a Lacco Ameno, nella sala congressi dell’Albergo della Regina Isabella, sull’isola d’Ischia. Con questa due giorni si rinnova la tradizionale  collaborazione tra l’Odcec di Napoli, il Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria e il Consiglio nazionale dei Commercialisti. “Per quanto concerne la riforma della Giustizia tributaria, i commercialisti da tempo chiedono una maggiore specializzazione nella selezione dei futuri Giudici tributari, preferendo coloro che abbiano conseguito titoli di studio e di servizio nella specifica materia tributaria e preservando con un’adeguata fase transitoria le professionalità oggi operanti nelle Commissione tributarie. Sulla riforma fiscale – ha aggiunto Moretta -, oltre alle necessarie politiche di riduzione della pressione fiscale, va anche perseguita con maggiore incisività la strada della semplificazione. Quanto al primo versante, la flat tax è un primo passo, ma un giudizio più compiuto potrà essere fornito soltanto quando si avranno maggiori dettagli sulle proposte di riforma allo studio del Governo nazionale”.

“Sulla semplificazione, invece – ha sottolineato Moretta – , siamo purtroppo ancora troppo lontani dal realizzarla, come testimoniato recentemente dagli inaccettabili ritardi relativi ai nuovi ISA e alle notevoli difficoltà cui i professionisti hanno dovuto far fronte con la fattura elettronica obbligatoria e, in questi giorni, con i corrispettivi telematici. Su questi aspetti occorre un deciso e repentino cambio di passa che si auspica possa arrivare al più presto.

Francesco Fimmanò. Vicepresidente del Consiglio di Presidenza della Corte dei Conti

“La Corte dei Conti ha elaborato una risoluzione, accogliendo una mia proposta, che prevede il mantenimento delle Commissioni Tributarie con un ruolo ad esaurimento”, ha ricordato Francesco Fimmanò, vicepresidente del Consiglio di Presidenza della Corte dei Conti. “L’obiettivo – ha spiegato il professor Fimmanò – è quello di affidare la giustizia tributaria ai magistrati della Corte dei Conti, con esplicito concorso e che andrebbero in un ruolo speciale. Ciò consentirebbe alla Corte di Cassazione di mantenere il terzo grado giudizio e risolverebbe anche le problematiche di una magistratura non professionalizzata”.

Catello Maresca. Magistrato inquirente che ha destrutturato militarmente il clan dei Casalesi era tra i relatori al convegno di studio

Catello Maresca, sostituto procuratore della repubblica presso il Tribunale di Napoli, auspica che per la “giustizia tributaria venga effettuata una riforma nel più breve tempo possibile all’insegna di terzietà e imparzialità degli organi giudicanti, valorizzando la professionalità dei giudici, prevedendo il sistema monocratico che consente una rapidità di giudizio e riportando il settore sotto l’alveo della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Poi, occorre ricordare che la piattaforma di conflittualità della giustizia tributaria è stimata intorno ai 30 miliardi di euro, da qui, purtroppo, la deriva verso le ipotesi corruttive che periodicamente si registrano”. E questa è la fase patologica sottolineata da  Maresca, il magistrato che ha sconfitto militarmente il clan dei Casalesi con alcune delle più importanti inchieste di questi anni e l’arresto dei capi mafiosi. Secondo Massimo Miani, numero uno dei commercialisti italiani, “le imprese italiane per il 95% sono medio-piccole e grazie al nostro lavoro quotidiano lo Stato incassa tra i 134 e i 178 miliardi di euro di imposte. Siamo sicuramente un elemento di collegamento tra il Paese e il mondo imprenditoriale. Le riforme sono assolutamente necessarie in momento di difficolta nella ripresa e noi stiamo cercando di dare un contributo nelle tematiche di nostra competenza”. “Il ruolo dei commercialisti con la riforma della crisi di impresa è stato valorizzato – ha rimarcato Maurizio Masini, presidente dell’Odcec di Pisa -, evidenziando il supporto da dare alle aziende anche nei processi di pianificazione e di organizzazione per cercare di percepire tempestivamente quelli che sono gli indicatori di anomalia che potrebbero portare alla crisi e per intervenire per tempo e risolvere la crisi”.

Le multinazionali “tendono a comprimere l’attività delle piccole imprese che si trovano a subire una concorrenza molto forte con lo schiacciamento dei loro ricavi. E’ necessario che lo Stato intervenga – ha spiegato Stefano Coppola, presidente dell’Odcec di Ancona – non in senso punitivo, ma è importante la tassa sul web per restituire dignità al lavoro delle micro strutture”. I commercialisti “sono utili e necessari nel percorso di sostegno all’economia del Paese – ha puntualizzato Alessandro Bonazzi, presidente dell’Odcec di Bologna – accompagnando gli imprenditori nelle difficoltà dell’economia e nei continui e improvvisi cambiamenti. I nostri valori deontologici e la nostra preparazione possono esser d’aiuto al cliente nella comprensione degli obiettivi”.

 

All’incontro sono intervenuti anche Nicola Graziano (Giudice della Commissione Tributaria di Napoli), Giuliano Caputo (Associazione Nazionale Magistrati), Stanislao De Matteis (consigliere di presidenza della Giustizia Tributaria), Livia De Gennaro (magistrato sezione Fallimentare Tribunale di Napoli), Angelo Contrino (professore Ordinario Diritto tributario Università Bocconi), Achille Coppola (segretario nazionale dei commercialisti), Roberto Cunsolo, consigliere tesoriere del Cndcec), Stefano Coppola (presidente Odcec di Ancona), Alessandro Bonazzi (presidente dell’Odcec di Bologna), Simona Bonomelli (presidente Odcec di Bergamo), Massimo Conigliaro (presidente Odcec di Siracusa), Dante Carolo (presidente Odcec di Padova), Giuseppe Crescitelli (presidente Odcec di Torre Annunziata), Giovanni D’Antonio (presidente Odcec Nocera Inferiore), Luigi Fabozzi (presidente Odcec di Caserta), Maurizio Masini (presidente Odcec di Pisa), Domenico Ranieri (presidente Odcec di Nola), Fabrizio Russo (presidente Odcec di Benevento), Francesco Tedesco (presidente Odcec dì Avellino), Giuseppe Venneri (presidente Odcec di Lecce), Mauro Nicola (presidente Odcec di Novara), Gilberto Gelosa e Massimo Scotton (consiglieri nazionali dei commercialisti).

Continua a leggere

In rilievo