Collegati con noi

Ambiente

Per (non) curare il verde di Napoli il comune ha mille giardinieri che costano alla città 40 milioni di euro ogni anno solo in stipendi

Pubblicato

del

Il comune di Napoli per la cura del verde aveva in organico nel 2013, nel senso che aveva assunto, circa mille dipendenti. Erano in organico al servizio parchi e giardini.  Per pagare questa moltitudine di persone il Comune sborsava in un anno, solo in stipendi, 40 milioni di euro. Di questi mille dipendenti giardinieri ce n’erano molti che non potevano lavorare per problemi alla colonna vertebrale, altri con difficoltà di deambulazione, altri con problemi seri di allergie gravi. Tutti, ovviamente, muniti di regolare certificato medico di esenzione dal servizio in strada, nei parchi e nei giardini di Napoli. A fine mese, ovviamente, tutti autorizzati ad incassare lo stipendio. Ogniqualvolta fa maltempo, cadono alberi, ci sono feriti, purtroppo morti, puntuale (come il maltempo) arriva la polemica. E arrivano caterve di interrogazioni, petizioni, suggestioni sul perché non si fa nulla per curare il verde della città,  perché questi benedetti giardinieri di Napoli non fanno nulla. E vari bla bla bla più o meno interessati a fare polemica piuttosto che a capire  davvero che cosa si può fare perchè Napoli abbia un servizio parchi e giardini. Che oggi esiste, ma solo sulla carta. Se vi dico che non c’è un solo parco cittadino che abbia la decenza minima per essere frequentato non aggiungo nulla di nuovo a quanto già sapete. E allora? Niente, tocca sperare che l’assessore che non si è mai preso cura dei parchi e dei giardini di Napoli finalmente capisca che è compito suo rispondere a molte delle domande che abbiamo posto noi, ma è come se le ponessero tutti i napoletani che amano Napoli e il verde. Ah, l’assessore deve sapere, se non lo sa, che questi giardinieri (quelli che sono senza certificati più o meno veri che attestano loro presunte disabilità al lavoro) del comune devono seguire, nel loro lavoro, uno strano regolamento comunale. Per cui c’è chi può curare piante fino a tre metri di altezza e chi deve fare solo lavori su piante sotto i tre metri. Non chiedeteci perchè. Come sono attrezzati? Quali mezzi hanno per fare i giardinieri? Anche questa domanda è pertinente e divertente. Non lo sanno manco loro, i giardinieri, quali sono i mezzi a loro disposizione. Si narra che in passato abbiano avuto anche mezzi del commissariato straordinario per l’emergenza rifiuti che sono spariti nel nulla. Per non parlare di altre attrezzature spicciole ma costose come motosega, pale, vanghe e mille altri utensili che spariscono…

Advertisement

Ambiente

Emergenza da fungo ‘mal secco’ per limoni della Costa di Amalfi

Pubblicato

del

L’emergenza ‘Mal secco’ preoccupa gli agricoltori della costiera amalfitana. Il fungo che colpisce i limoni rischia di mettere in ginocchio l’economia del territorio. Secondo una stima rivelata dal direttore provinciale della Coldiretti, Vincenzo Tropiano, un terzo della superficie investita a limone, tra Igp e non, è stata colpita dal disseccamento delle piante. Ne risentono non solo gli agricoltori, ma anche tutto l’indotto che coinvolge l’industria dolciaria e i liquorifici industriali e artigianali.

“Il Mal secco non è certo un problema di oggi – spiega Tropiano – da tempo stiamo provando a individuare soluzioni insieme alla Regione per l’adozione di nuovi metodi e l’utilizzo di nuovi strumenti per mitigare le fonti di infezione. Affiancheremo il Consorzio di Tutela “Limone Costa d’Amalfi IGP” per elaborare una strategia comune volta a contrastare questa emergenza fitosanitaria che ha serie ripercussioni sull’economia del territorio”.

“La diffusione del Mal secco sta raggiungendo livelli preoccupanti e potrebbe avere conseguenze devastanti per la nostra economia – fa eco Angelo Amato, presidente del Consorzio di Tutela – è necessario agire tempestivamente e con decisione. Abbiamo chiesto l’istituzione di un tavolo di concertazione con gli enti preposti per mettere in campo tutte le misure necessarie a contenere e debellare questo fungo. La salvaguardia del Limone Costa d’Amalfi IGP è fondamentale non solo per i nostri produttori, ma per tutta la comunità della Costiera Amalfitana”.

Tra le misure suggerite dal Consorzio vi è l’introduzione di pratiche agronomiche avanzate, l’utilizzo di prodotti fitosanitari più efficaci e la promozione di campagne di sensibilizzazione tra i coltivatori per il riconoscimento precoce dei sintomi di questo fungo. Inoltre, il Consorzio sottolinea “l’importanza di un adeguato supporto finanziario per i produttori colpiti dall’emergenza, per garantire la continuità della produzione e la sopravvivenza delle aziende agricole”. Il Mal secco affligge le colture della costiera amalfitana e sorrentina da almeno mezzo secolo. Il fungo raggiunge le piante trasportato dal vento. Attraverso le foglie penetra nel fusto e provoca la morte dell’albero. Coldiretti e Consorzio di tutela chiedono un piano di intervento che comprenda sia misure immediate di contenimento della malattia, sia strategie a lungo termine per la prevenzione e la ricerca di soluzioni sostenibili.

Continua a leggere

Ambiente

A Pollica e Pioppi il mare più bello: le 5 Vele di Legambiente e Touring Club Italiano a 33 comuni

Pubblicato

del

Fra i tormentoni delle estati italiane, ci sono anche i premi alle spiagge più belle. Oggi è arrivato quello di Legambiente e Touring Club Italiano, le Cinque Vele. Quest’anno sono state assegnate a 33 Comuni, 21 sul mare e 12 sui laghi, su un totale di 432 (354 marini e 78 lacustri). Prima classificata fra le località marine è Pollica, nel Cilento campano, con le sue frazioni Acciaroli e Pioppi. Al secondo posto Nardò, nel Salento pugliese.

Quindi, nell’ordine, Baunei nella Sardegna orientale e Domus De Maria in quella meridionale, poi Castiglione della Pescaia nella Maremma toscana. Per quanto riguarda i laghi, regine restano le province autonome di Trentino e Alto Adige, al primo e al secondo posto con Molveno (Trento), sul lago omonimo, ed Appiano sulla Strada del Vino (Bolzano), sul lago di Monticolo. Terzo posto per Massa Marittima (Grosseto), località maremmana sul Lago dell’Accesa, in Toscana. Al quarto posto troviamo Sospirolo (Belluno), sul lago del Mis, in Veneto, e al quinto Avigliana, sul lago omonimo in Piemonte. Le 432 località esaminate da Legambiente e Touring Club sono state inserite nella guida “Il Mare più bello 2024”.

Le Vele valutano le caratteristiche ambientali e la qualità dell’ospitalità. I parametri sono uso del suolo, degrado del paesaggio, biodiversità, attività turistiche; stato delle aree costiere; mobilità; acqua e depurazione; energia; rifiuti; iniziative per la sostenibilità; sicurezza alimentare e produzioni tipiche di qualità; mare, spiagge e oltre; struttura sociale e sanitaria. La novità delle Vele di quest’anno sono i 33 comuni amici delle tartarughe marine, segnalati con l’apposito simbolo “la tartaruga”. Si tratta di quelle amministrazioni che, attraverso un apposito protocollo d’intesa, si sono impegnate a adottare una serie di misure per rendere le spiagge accoglienti anche per le tartarughe che depongono le uova. Novità negative del 2024 è l’esclusione della Sicilia, per il primo anno, dalla classifica delle Cinque Vele.

Pantelleria (Trapani) passa da 5 a 3 a causa di una serie di interventi turistici discutibili e di un eccesso di consumo di suolo. Santa Marina Salina (Messina) passa da 5 a 4 Vele. La Sardegna è di gran lunga la regione con più comuni marini premiati con le Cinque Vele: accanto a Baunei (Nuoro) e a Domus de Maria (Sud Sardegna) ci sono Cabras (Oristano), Santa Teresa di Gallura (Sassari), San Teodoro (Sassari) Posada (Nuoro), Bosa (Oristano). Segue la Toscana che, oltre a Castiglione della Pescaia (Grosseto), piazza i comuni di Capraia Isola (Livorno), Isola del Giglio (Grosseto), Capalbio (Grosseto) e Marina di Grosseto (Grosseto). Terza è la Campania, con 4 comuni tutti nel Cilento salernitano. Alla prima classificata Pollica si affiancano San Giovanni a Piro, Castellabate (famoso per il film ‘Benvenuti al Sud’) e San Mauro Cilento. Per quanto riguarda i laghi, il Trentino-Alto Adige si conferma la regione con più località premiate, seguito a pari merito da Piemonte e Lombardia.

Continua a leggere

Ambiente

‘Eccellente’ il 95% delle coste balneabili in Italia

Pubblicato

del

L’estate italiana comincia con la siccità al Centrosud e con l’inflazione, però almeno l’acqua di mari, laghi e fiumi è pulita. Il 95% della costa italiana dedicata alla balneazione è di qualità “eccellente”, un percentuale superiore alla media europea. Lo certifica il Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (Snpa), cioè la rete delle agenzie pubbliche per l’ambiente, formata dall’Ispra nazionale e dalle Arpa regionali. Il 95,6% della costa marina italiana dedicata alla balneazione, 5.090 chilometri, spiega l’Snpa, è di qualità “eccellente”, la categoria più alta del sistema di classificazione europeo.

Le coste al top arrivano al 99,7% in Puglia, al 99% in Friuli Venezia Giulia, al 98,4% in Sardegna e al 98,2% in Toscana. Se si aggiungono i tratti con classificazione “buona” (153 chilometri, pari al 2,9% del totale), si arriva al 98,5%. Solo 32 km (0,6%) rientrano nella classe di qualità “sufficiente”, e 44 km in quella “scarsa” (0,8%). Percentuali analoghe emergono per la qualità delle acque di balneazione di laghi e fiumi. Sui 662 km su cui avviene il monitoraggio, 630 km sono bagnati da acque di qualità “eccellente”, pari al 95,2% del totale monitorato. Di qualità “buona” sono 20 km (3,1%), 6 km di qualità “sufficiente” (0,9%), 1 km di qualità “scarsa” (0,2%).

L’Snpa spiega che “si tratta di dati ormai consolidati, che confermano quanto rilevato negli anni precedenti”. Ovvero, le acque balneabili in Italia sono ottime ormai da anni. Ma non basta. A livello europeo, precisa il Servizio, le acque italiane risultano migliori della media dei paesi Ue, sulla base dei dati elaborati dall’Agenzia europea dell’ambiente. Sono due i parametri microbiologici in base ai quali viene valutata la balneabilità delle acque: le concentrazioni di Escherichia coli ed enterococchi intestinali. Nell’arco del 2023, il Snpa ha prelevato circa 26mila campioni di acqua di mare e oltre 2.300 campioni di acque di fiumi e laghi, per un totale di più di 28mila campionamenti.

Complessivamente, sono 4.710 le aree su cui viene svolto il monitoraggio. Ma se le acque balneabili sono un vanto per l’Italia, in questa estate calda il problema sono le acque potabili. L’Anbi, l’associazione dei consorzi di bacino, rivela che la siccità in Sicilia è così grave che l’Autorità di bacino della Regione ha messo all’ordine del giorno “la ripresa dei prelievi idrici da pozzi contaminati da nitrati, previa la depurazione delle acque prima del loro utilizzo”. Secondo l’Anbi “ciò potrà interessare soprattutto le zone turistiche, dove sono attesi oltre 10 milioni di ospiti nel periodo di alta stagione”. In Calabria, la società regionale di gestione delle acque, la Sorical, ha annunciato “un’estate difficile”: le sorgenti sono in calo del 50%, e la diga del Menta è al 47% della massima capacità d’invaso. Sorical ha chiesto ai Comuni di chiudere di notte gli acquedotti e di invitare la popolazione a tagliare i consumi.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto