Collegati con noi

Sport

Ozil sposa miss Turchia, Erdogan testimone sul Bosforo

Pubblicato

del

La cornice è quella ideale per i rotocalchi: calciatore famoso sposa miss nell’incantevole scenario di un hotel extra-lusso sulle rive del Bosforo. Ma quando c’e’ di mezzo Recep Tayyip Erdogan, tutto assume un tratto politico. Tanto più se il giocatore in questione, il tedesco di origini turche Mesut Ozil, è già stato al centro di accese polemiche proprio per la sua relazione privilegiata con il presidente. Oltre la cronaca rosa, non potevano quindi passare inosservate le nozze da sogno celebrate ieri sera a Istanbul tra la stella dell’Arsenal e l’attrice e modella Amine Gulse, miss Turchia nel 2014. Testimoni, uno per parte, il capo dello stato e la first lady Emine. Felice ed emozionata, la coppia ne ha accolto gli auguri di prosperita’ davanti al jet-set locale e internazionale, insieme alle lodi per la loro generosita’: i regali di matrimonio dei tifosi sono stati dirottati verso opere benefiche, insieme a una massiccia donazione alla Mezzaluna Rossa turca: mentre al Four Seasons si festeggiavano i novelli sposi, veniva reso noto che a 15 mila turchi e profughi siriani era stata offerta una cena. La parabola di avvicinamento del calciatore al presidente non e’ pero’ avvenuta senza incidenti.

Tutto e’ cominciato con una foto tra maglie con dedica e sorrisi, durante una visita di Erdogan a Londra. Oltre a Ozil, compariva Ilkay Gundogan, centrocampista tedesco del Manchester City, anche lui con radici nella Mezzaluna, e l’attaccante turco Cenk Tosun. Un episodio che alla vigilia del Mondiale dello scorso anno – e delle elezioni presidenziali in Turchia – scateno’ dure polemiche in Germania, e non solo tra i tifosi. Irritata per lo spot pro-Erdogan reagi’ persino la cancelliera Angela Merkel. E dopo l’eliminazione dalla competizione arrivo’ l’addio tra i veleni di Ozil alla nazionale, con cui 4 anni prima si era laureato campione del mondo: “Sono un tedesco quando vinciamo, ma un immigrato quando perdiamo”, scrisse in un lungo j’accuse contro il presidente federale Reinhard Grindel e il “razzismo” di cui si sentiva vittima. E naturalmente a difenderlo a spada tratta arrivo’ proprio Erdogan, che da grande appassionato di calcio non ne ha mai trascurato il potenziale propagandistico. Gia’ nel referendum presidenzialista del 2017 scateno’ polemiche l’appoggio manifestatogli da Arda Turan, all’epoca stella del Barcellona. Ora la scelta di Ozil di volerlo come testimone, su cui il portavoce di Merkel ha espresso “delusione”. E anche stavolta l’incontro ha assunto un connotato politico, visto che tra due settimane a Istanbul si torna a votare per le comunali, dopo il contestato annullamento dell’elezione a sindaco del candidato dell’opposizione Ekrem Imamoglu. Tutto questo mentre si rafforzano le voci di un passaggio del 30enne fantasista dall’Arsenal al Basaksehir, il club di Istanbul ritenuto vicinissimo al governo. Per Erdogan, lo spot elettorale perfetto.

Advertisement

Sport

Ferrari fa il bis a Le Mans, vince di nuovo la 24 ore

Pubblicato

del

La Ferrari ha vinto la 24 Ore di Le Mans 2024 bissando il trionfo dello scorso anno. La N.50 dell’italiano Antonio Fuoco, dello spagnolo Miguel Molina e del danese Nicklas Nielsen ha preceduto la Toyota N.7 e l’altra Ferrari, la N.51, vincitrice lo scorso anno sul leggendario tracciato di Manceau.

Per il Cavallino Rampante si tratta dell’11esima vittoria assoluta nella classica maratona endurance francese, la seconda consecutiva dopo quella ottenuta l’11 giugno 2023 con la 499P numero 51: i precedenti risalgono al 1949, 1954, 1958, e agli anni compresi tra il 1960 e il 1965. Nell’albo d’oro della Casa di Maranello a Le Mans figurano, inoltre, 29 successi di classe: le vittorie complessive, quindi, raggiungono quota 40. La gara, valida come quarto round del FIA WEC 2024, ha visto la 499P numero 83 del team AF Corse – a lungo protagonista, occupando anche la testa della corsa – ritirarsi dopo 248 giri.

Continua a leggere

Sport

Tennis: Berrettini ko a Stoccarda, sconfitta che fa male

Pubblicato

del

Non riesce a Matteo Berrettini l’impresa di vincere per la terza volta in carriera l’Atp 250 di Stoccarda. In finale il tennista romano, reduce da una stagione travagliata, si è arreso al britannico Jack Draper, vittorioso in rimonta nel suo primo successo in un torneo Atp. “Questa sconfitta mi farà male per un po’ ma ho vinto e ho perso partite così” dice Berrettini al termine del match, complimentandosi con l’avversaro: “hai giocato un torneo e una finale incredibile. Sono convinto che Jack vincerà tanti altri tornei”.

Niente “happy end” per il tennista romano sull’erba di Stoccarda: il 28enne romano, n.95 ATP, in gara con il ranking protetto, vincitore delle edizioni del 2019 e del 2022, ha ceduto per 3-6 7-6(5) 6-4, dopo oltre due ore di gioco, al mancino britannico Jack Draper, n.40 del ranking e sesto favorito del seeding. Da domani il 22enne di Sutton salirà al n.30 del ranking (“best”) diventando il nuovo numero uno di Gran Bretagna.

A Berrettini non sono bastati 14 ace (contro 3 doppi falli) anche perché il suo avversario ne ha scagliati 12 (e 2 doppi falli), né una percentuale maggiore di prime in campo (68% contro il 64%) perché Jack è stato superiore sia per punti vinti con la prima di servizio (87% contro 83%) che con la seconda (58% contro 52%). L’azzurro ha salvato 2 palle-break su 3, il britannico 3 su 4. Berrettini, però, ha chiuso con più vincenti, 38 ( a fronte di 13 gratuiti): 34 contro 12 il bilancio di Draper. “Sono stato andato molto vicino a vincerla, questa sconfitta mi farà male per un po’ ma ho vinto e ho perso partite così – ha commentato l’azzurro – Devo dire naturalmente grazie al mio team, solo noi sappiamo cosa abbiamo passato, gli alti e bassi, gli infortuni: fa comunque tutto parte dello sport e della vita. Le persone che lavorano con me mi hanno dato forza quando pensavo di non averne, grazie. E’ solo il primo passo nella stagione sull’erba”.

Poi il ringraziamento “anche a tutti quelli che hanno seguito la partita da casa, mi spiace di non avervi soddisfatto, ma leggo i voatri messaggi, i vostri commenti: siete i migliori”. Domani per Berrettini si apre un nuovo capitolo ad Halle. L’azzurro esordirà contro un qualificato nella marcia di avvicinamento a Wimbledon nel primo torneo che vedrà Jannik Sinner giocare da n.1 del ranking.

Continua a leggere

Sport

Pallavolo, l’Italdonne sorride e Velasco dice: siamo in crescita

Pubblicato

del

L’Italia fa 4 su 4 a Fukuoka. Dopo Canada, Corea del Sud e Stati Uniti, le azzurre chiudono la Pool 6 di Volleyball Nations League mettendo a segno la quarta vittoria consecutiva contro la Serbia 3-1 (25-20; 20-25; 25-23; 25-22). Dando spazio a chi aveva trovato meno campo finora, Julio Velasco ha ricevuto importanti risposte dal gruppo che ha approcciato bene e poi reagito al ritorno delle serbe in un match che ha anche consentito all’Italia di consolidare il proprio ranking in ottica sorteggio dei gironi Olimpici. Un successo che, inoltre, permette alle azzurre di chiudere la fase intercontinentale di VNL con 10 vittorie e 2 sconfitte in attesa di conoscere la propria avversaria nel primo turno delle Finals in programma a Bangkok dal 20 al 23 giugno.

“E’ stata una partita complicata – ha ammesso il ct azzurro – perché prima di tutto la Serbia ha giocato molto bene, hanno difeso ed attaccato in banda con grande continuità mentre noi siamo state un po’ impacciate, forse per via della qualficazione raggiunta e della vittoria sugli USA. Non ho voluto cambiare nel momento di difficoltà perché volevo che le ragazze che solitamente giocano meno venissero fuori da questa situazione. E devo dire che ci sono riuscite, non certo giocando benissimo come avevamo fatto con la Corea del Sud, ma adattandoci ad una squadra che non ci ha permesso di fare il nostro gioco”.

Velasco è comunque soddisfatto: “Al di là della prestazione penso che questa sia stata una bella prova, un’esperienza importante per chiudere una settimana con quattro vittorie e tante situazioni affrontate. Le ragazze che giocano bene adesso sanno che devono e possono dare una mano importante quando arriveranno le difficoltà in partite in cui ci giocheremo di più. Alle Finals arriviamo ancora in formazione perché di tempo assieme per lavorare in un certo modo ne abbiamo avuto davvero poco. E’ chiaro che in ottica Parigi dovremo fare un ulteriore step di crescita di squadra ed individuale. In tal senso giocare le finals ci aiuterà”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto