Collegati con noi

Cultura

Mostre, Tutankhamon: a Napoli un viaggio verso l’eternità

Pubblicato

del

Napoli ospita la mostra Tutankhamon/Viaggio verso l’eternita’ e riscopre il profondo legame con la cultura egizia. Infatti in Campania, e soprattutto a Napoli, e’ precoce la presenza di culti orientali. Basti pensare alle innumerevoli attestazioni nel corso del II sec. a.C. del culto di Iside a Neapolis, che fanno supporre con ampia ragionevolezza l’esistenza di un tempio dedicato alla dea all’interno delle mura urbiche. E’ provato che il culto delle divinita’ egizie sia penetrato a Neapolis assai precocemente, cosi’ come a Pozzuoli e Pompei, Santa Maria Capua Vetere e Benevento gia’ alla fine del II sec. a.C. Lo stretto rapporto che intercorre tra le citta’ costiere campane e il piu’ importante scalo commerciale marittimo, l’isola di Delo, in cui sono state ritrovate epigrafi di campani (puteolani e neapolitani) praticanti culti egizi sul finire del II sec. a.C., (ad esempio l’epigrafe di un neapolitanos, Apollonios di Dioscourides, che dedico’ ad Anubis una stele marmorea), testimonia come l’isola di Delo sia stato un importante viatico di trasmissione cultuale oltre che commerciale. La presenza stanziale in citta’ di una florida colonia di alessandrini e’ ulteriormente attestata da fonti letterarie ed epigrafiche che la collocano nella regio Nilensis, l’attuale vico degli Alessandrini (piazzetta Nilo), la cui toponomastica e’ rimasta invariata anche in epoca medievale.

Nei suoi pressi fu trovato il basamento del I sec. d.C. con iscrizione dedicatoria a Iside da parte di un personaggio di rango senatorio, tale Marco Opsio Navio, che conferma l’esistenza di un Iseo risultante dal sincretismo tra Apollo, che all’epoca era divinita’ patria cittadina, ed Horus-Arpocrate. Inoltre i cittadini napoletani sono ancora fortemente legati alla statua del dio Nilo, anche nota come “Corpo di Napoli”, collocata nella omonima piazzetta. Lo storico umanista Bartolommeo Capasso la descrive acefala gia’ dal XV sec. e per tale motivo erroneamente associata alla sirena Partenope, per la presenza di lattanti sul ventre. Solo in seguito si e’ compreso che si trattava del dio Nilo, grazie all’identificazione degli elementi tipici della sua iconografia: la cornucopia, simbolo della piena del fiume, portatrice di abbondanza, la sfinge ed il coccodrillo, tipici del paesaggio nilotico, e i lattanti, simbolo degli affluenti del fiume. La statua poi fu integrata con la testa di un uomo barbato, come si ipotizza fosse rappresentato il dio fluviale. Al culto isiaco cittadino deve ricollegarsi la statua di Iside del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, la cui funzione cultuale e’ indubbia. Inoltre il ritrovamento di altre immagini di Iside (ad esempio Iside-Fortuna, custodita al MANN o la Iside-Pelagia da Posillipo) testimoniano la presenza capillare del culto isiaco a Neapolis, sia dentro che fuori le mura della citta’.

Molte sono anche le attestazioni di materiale egizio di tipo isiaco di generica provenienza e ritrovamenti sporadici o fuori contesto di materiale decorativo di tipo egizio, in particolare nella zona inquadrata tra via della Selleria, a sud-est della regio Nilensis, che potrebbero essere correlati ad un tempio dedicato ad Antinoo. Ed ancora alla dea Iside e’ dedicata la sezione egizia del Museo del Sannio, presso il Museo Arcos di Benevento, che racchiude i reperti provenienti dal tempio beneventano della dea, costruito dall’imperatore Domiziano tra l’88 ed il 98 d. C. con materiali provenienti direttamente dall’Egitto. La qualita’ e la quantita’ di questi reperti testimoniano che questo tempio fu uno dei piu’ importanti luoghi di culto nel Mezzogiorno, dedicati alla dea. Tra i siti archeologici piu’ interessanti, inoltre, si annovera il Macellum di Pozzuoli, piu’ noto come Tempio di Serapide, un ampio mercato adiacente il porto della cittadina flegrea. Nel 1750, durante la campagna di scavo borbonica, fu trovata una statua del dio egizio Serapis e per questo fu impropriamente ritenuto un luogo di culto dedicato a questa divinita’, protettrice del mondo sotterraneo e custode di ogni sorta di fecondita’, particolarmente quella della terra. Solo durante gli scavi di inizio Novecento si scopri’ la reale destinazione del sito: una vasta area rettangolare, che si sviluppava su due livelli, attorno alla quale si concentravano numerose attivita’ di scambio.

Il ritrovamento della statua del dio Serapis, il cui culto fu introdotto ad Alessandria d’Egitto dal re Tolomeo I Lagide, e’ ulteriore attestazione della profonda commistione di culti e culture in terra campana. Tracce di questa antica commistione tra culti autoctoni e orientali sono testimoniati, inoltre, dalla presenza di amuleti sacri di attribuzione egizia o egittizzanti, introdotti in Campania dall’VIII secolo a.C. in poi come oggetto apotropaico prima e scaramantico poi: si tratta di scarabei, pendagli semilunati, le statuette di Arpocrate o la mano ‘impudica’, che in Egitto erano infilati tra le bende durante le fasi della mummificazione e in Campania, deposti insieme al corredo personale nelle tombe prearcaiche e arcaiche di bambini e madri, durante il rito della tumulazione.

Advertisement

Cultura

La prima del Macbeth alla Scala è un trionfo, ma per la regia di Livermore salve di fischi e buu

Pubblicato

del

Gli oltre 12 minuti di applausi per il ‘Macbeth’ di Giuseppe Verdi che ha inaugurato questa sera la stagione del Teatro alla Scala e i contrasti fra le approvazioni del pubblico per la direzione di Riccardo Chailly e per i cantanti e le salve di fischi e buu per la regia di Davide Livermore dal loggione, hanno ridato a Milano la Scala di sempre, con le sue eterne polemiche, cancellando due anni di pandemia. Se non fosse per le mascherine indossate rigorosamente da tutti gli spettatori, quello di questa sera potrebbe essere scambiato per uno dei numerosi 7 dicembre scaligeri che tanto hanno emozionato in passato: l’opera trasmessa in diversi luoghi della citta’, la diretta tv sulla Rai e in tanti paesi del mondo, gli ospiti importanti, la Milano che conta.

Questa sera il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con la Presidente del Senato Casellati e i ministri della Cultura Franceschini e dell’Istruzione Bianchi. E poi Liliana Segre, Armani, Tronchetti Provera, Marina Berlusconi, Fedele Confalonieri e tanti altri rappresentanti del jet set ma anche del mondo del pop, con Cesare Cremonini, Alessandro Cattelan, Luca Argentero. Il successo dello spettacolo e’ stato sottolineato dal pubblico in sala con calorosi applausi ad Anna Netrebko, per la sua interpretazione di Lady Macbeth, che ha lavorato molto sui colori vocali e la ricerca timbrica per avvicinarsi a una figura di donna che per questo personaggio Verdi voleva con ‘voce aspra, soffocata, cupa’. Sonanti applausi per Luca Salsi, un Macbeth forte e vittorioso generale dell’esercito scozzese, ma debole d’animo e dominato dall’ambizione, che viene istigato dalla terribile Lady a commettere i piu’ infami crimini cominciando col pugnalare nel sonno il suo re pur di prenderne il posto. Molti applausi per Ildar Abdrazakov, Banco, l’altro generale, ucciso anch’esso dai sicari di Macbeth che, cosciente dell’orrore dei suoi delitti, e’ poi ossessionato dal suo fantasma. E approvazioni per gli altri interpreti: Francesco Meli (Macduff), Ivan Ayon Rivas (Malcom), Chiara Isotton, Andrea Pellegrini, Leonardo Galeazzi, Costantino Finucci, e soprattutto per un grande coro scaligero diretto da Alberto Malazzi. Apprezzata e calorosamente applaudita la direzione di Riccardo Chailly, che nell’edizione critica dell’opera verdiana ha ripreso la morte in scena di Macbeth, presente solo nella prima edizione del 1847.

La vicenda particolare raccontata da Verdi e dal librettista Francesco Maria Piave, ma prima ancora da William Shakespeare, si svolge nell’XI secolo, ma come tutti i grandi capolavori della letteratura e del melodramma affonda le sue radici nella storia dell’uomo e ne fa emergere gli eterni conflitti fra il bene e il male, fra la probita’ e il crimine. In questo, la vicenda di Macbeth e’ universale e la sua collocazione storica diventa indifferente perche’ potrebbe essere accaduta in ogni tempo e in ogni luogo. Le stesse streghe profetiche conferiscono al dramma un elemento di soprannaturale da sempre ricercato dall’uomo. Ne e’ perfettamente cosciente Davide Livermore che colloca il Macbeth nella nostra epoca: i costumi di Gianluca Falaschi sono ispirati agli anni ’40 del secolo scorso, le scene di Gio’ Forma utilizzano le tecnologie piu’ recenti per rappresentare ambienti che ricordano le metropoli di oggi: uno skyline, forse quello di New York o di Singapore (ma in una scena c’e’ anche Milano, con il riferimento alla facciata di un edificio mai costruito, progettato dell’architetto Piero Portaluppi nel 1926), che si specchia in cielo o semplicemente e’ capovolto a indicare lo stravolgimento determinato dalla volonta’ criminale di Macbeth, che nel primo atto si presenta al volante di un’auto. Una realta’ distopica che Livermore ha paragonato a quella evocata nel film di Christopher Nolan ‘Inception’ (2010), thriller fantascientifico che esplora dimensioni oniriche e con effetti speciali indaga il subconscio umano per carpirne i segreti. Il regista cerca cosi’ di rendere lo sforzo verdiano di scavare nel subconscio dei suoi protagonisti per metterne in luce debolezze e nefandezze. Scene e fondali sono realizzati su schermi giganteschi su cui vengono proiettate immagini, ferme o in movimento, sempre intense e coinvolgenti.

Ma la rappresentazione della tragedia e’ resa anche attraverso i colori dei costumi: rosso intenso per Lady, nero o grigio per Macbeth, abiti chiari per Banco, personaggio positivo. I ballabili del terzo atto, introdotti da Verdi per l’edizione di Parigi (1865) diventano balletto moderno, pantomime con la coreografia di Daniel Ezralow, durante il quale, Macbeth fende l’aria con un colpo di spada e un enorme schizzo di sangue arrossa il led-wall. Nelle scene che si susseguono senza sosta, un ascensore conduce i protagonisti ai piani alti del potere, cosi’ come li sprofonda agl’inferi. Una grata grande come tutta la scena cala sul popolo della ‘Patria oppressa’ imprigionandolo, e viene sollevata quando giunge Macduff, cui l’usurpatore ha fatto uccidere moglie e figli torna dall’esilio insieme a Malcom, il figlio del re assassinato, a capo di un esercito di liberazione. Lady vede perduta ogni speranza e, sopraffatta dal rimorso, sonnambula, intona sulla parte alta della scena a cinque metri d’altezza una toccante pagina musicale (“Una macchia…”). La regia televisiva di Livermore, che esplora ogni piega dei personaggi usando effetti di ‘realta’ aumentata’, la mostra al telespettatore in bilico su un grattacielo, sospesa su un abisso, che e’ la rappresentazione stessa del suo animo. La notizia della sua morte non sconvolge piu’ di tanto Macbeth (“La vita! Che importa?”). E poco dopo, sottolineata da una enorme esplosione sul led wall, arriva anche la morte del tiranno per mano di Macduff. Cala il sipario, parte il lungo applauso del pubblico.

Continua a leggere

Cultura

20 anni e Wikipedia mette all’asta la sua storia

Pubblicato

del

Wikipedia chiude l’anno del ventesimo anniversario mettendo all’asta l’inizio della sua storia. Si concludera’ il 15 dicembre da Christie’s la vendita ‘Birth of Wikipedia’ in cui sono in palio due ‘oggetti’ appartenuti a Jimmy Wales: il computer Apple iMac Strawberry, su cui il fondatore con Larry Sanger della prima enciclopedia libera online lancio’ il sito il 15 gennaio 2001, e un Nft della prima voce, il saluto “Hello World!”, che l’oggi 55enne guru del web appose sul frontespizio della ‘creatura’ appena nata. Il ‘non fungible token’ conserva il layout della home page originale il cui codice non e’ stato finora mai toccato, ma c’e’ anche un elemento dinamico che permettera’ all’acquirente di modificare la pagina e poi, se vuole, riportarla a com’era all’inizio. “Renderlo modificabile e’ il modo giusto per esprimere artisticamente quel momento di potenzialita’ e eccitazione: quando sapevi che avresti potuto creare qualcosa di straordinario o fare un flop totale”, ha detto Wales: “Spero che il pubblico capira’ e reagira’: quella non era la Wikipedia matura di oggi, era l’idea folle di Jimmy in una buffa mattina di gennaio”. Alle origini di Wikipedia, Wales, un ex trader di borsa convertito alla causa illuministica del sapere per tutti, monitorava personalmente da casa l’enciclopedia vigilando su potenziali interventi di vandali. Quando l’iMac dalle finiture color fragola divenne obsoleto, il webmaster lo richiuse nella scatola originale che e’ stata inclusa nella vendita. “Sono passati quasi vent’anni da quando ho scritto per la prima volta le parole ‘Hello World!’ e ancora oggi mi stupisco per le dimensioni e il respiro di quanto abbiamo creato”, ha detto Wales, auspicando di raccogliere abbastanza fondi per un suo nuovo progetto pilota: WT.Social vuol essere il tentativo di dar vita a un’alternativa piu’ sana e non tossica delle piattaforme social esistenti attraverso una rete decentralizzata e non commerciale, senza pubblicita’, tracking, raccolta di informazioni sugli utenti e disinformazione. Quando il 15 gennaio 2011 Wikipedia vide la luce, nessuno sapeva, e Wales come gli altri, se il meccanismo dei contributi ‘wiki’, ispirato al software creato dal programmatore Ward Cunningham avrebbe funzionato, e se i contenuti sarebbero stati affidabili. Oggi l’enciclopedia online e’ diventata la piu’ vasta fonte online di informazione libera, pubblicata in oltre 300 lingue, pattugliata da migliaia di volontari che ne verificano i contenuti e letta gratuitamente da miliardi di persone alla ricerca di informazione. Proprio per garantire ulteriormente l’ affidabilita’ del sito, lo scorso febbraio la Wikimedia Foundation ha pubblicato un codice di condotta globale contro abusi, disinformazione e manipolazione delle notizie.

Continua a leggere

Cultura

L’archivio Alinari al MAV ci racconta il Vesuvio dalla nascita della fotografia al 1944

Pubblicato

del

E’ presente in tutte le cartoline che rappresentano Napoli e le città ai suoi piedi, è l’ispiratore del fatalismo di chi vivendo nelle sue vicinanze ne è intriso dalla nascita. Non è mai stato identificato in modo anche amichevole, ma sempre rispettoso,  con soprannomi come si fa con i suoi i suoi fratelli, ‘a Muntagna   e Iddu, no, lui ha il suo nome e con quello vuole essere chiamato: il Vesuvio, ‘o Vesuvio. Giacomo Leopardi lo appella Sterminator Vesevo e il grande poeta, alle sue pendici, ci visse, lo conosceva e ben aveva inteso la sua potenza, la sentiva sotto i suoi piedi durante le passeggiate intorno a Villa le Ginestre dove scrisse molte delle sue più belle liriche. Il Vulcano Vesuvio non ha uguali e non ha uguali neanche ciò che da sempre si è sviluppato intorno ad esso, case, abitazioni, città, paesi, comunità, luoghi sacri e profani, villaggi costruiti in fretta e poi abbandonati, popolazioni intere, terrorizzate dal potenziale di questo Vulcano, ma affascinati al punto tale di voler sempre di più viverci sotto, di fianco, ai piedi, continuando all’infinito in questa forma fatalista del vivere l’oggi, del vivere adesso, perché il domani non lo si decide noi, ma lo decide lui, ‘o Vesuvio. “Il formidabil monte”, e divenuta una mostra fotografica che si può visitare al Museo MAV di Ercolano. Fotografie attinte dall’enorme patrimonio dell’Archivio Alinari, l’esposizione è uno straordinario documento visivo che ripercorre fino al 1944 partendo quasi dalla nascita della fotografia le tappe fondamentali di questa meraviglia della natura incastonata e dominante un altrettanto meraviglioso golfo. Due sezioni: Il Vesuvio – tra fotografia del Grand Tour e sperimentazione e poi la seconda, Eruzioni. La prima,   esplora per sintesi il panorama culturale di un’epoca, l’elaborazione di modelli iconografici in un periodo di grande interesse e richiesta di fotografie come souvenir di viaggio. Eruzioni, invece, ci racconta l’altra faccia del Vesuvio, quella minacciosa e distruttiva, con gli effetti devastanti della sua collera su cose e persone, attraverso un tipo di fotografia che, sempre più alla portata di tutti, si pone obiettivi di racconto, di documentazione di fatti e di emozioni.  La mostra, a cura di Rita Scartoni e Vittorio Ragone, è prodotta dalla Fondazione Cives/Mav di Ercolano con la Fondazione Alinari per la fotografia e in collaborazione con la web-rivista Foglieviaggi, con il contributo della Regione Campania e il supporto di Scabec. Ha inaugurato il 3 Dicembre al Museo Archeologico Virtuale di Ercolano e  sarà aperto, secondo le disposizioni, il mercoledì, il giovedì, il venerdì, il sabato e la domenica dalle ore 10 alle ore 16.00. 58 Opere provenienti dallo storico e rinomato Archivio Alinari, da poco acquisito dalla Regione Toscana che ci raccontano un Vesuvio già meta di viaggi, studi e forza naturale.  “Raccontare il Vesuvio è forse il modo migliore per unire memoria e futuro. – ha affermato Luigi Vicinanza, Presidente della Fondazione CIVES/MAV di Ercolano – Il destino di una città, di una comunità si fonda anche sulle suggestioni. Questa mostra me ne fa immaginare una che potrebbe intestarsi il nome di “Vesuvio valley”. La nostra California. Cultura umanistica e innovazione tecnologica fuse insieme per creare nuovi saperi e per trasformare l’area metropolitana in un luogo di ricerca avanzata, con la speranza e l’ambizione di sanare grossi divari. Nonostante gli effetti devastanti provocati dalla pandemia di Covid 19, la produzione culturale partenopea sta attraversando un momento particolarmente felice. Il successo dei film e delle fiction ci fanno sognare Napoliwood. Ma è forse solo l’aspetto più evidente dello stato di grazia di una ri-nascente industria del sapere.  La contaminazione tra intelligenza artificiale e intelligenza umana in chiave napoletana è in grado di accompagnarci nella rivoluzione digitale con spiccata originalità. La Regione Campania, grazie al suo presidente Vincenzo De Luca, ha investito nel programma di digitalizzazione dei beni culturali. È un impegno forse unico in Italia. La Fondazione CIVES e il MAV di Ercolano sono dentro questo percorso di costruzione di nuovi linguaggi; il Museo archeologico virtuale è oggi tra le strutture espositive più innovative nel panorama nazionale. Dove la tecnologia ha un volto umano. E dove si sviluppano continue forme di collaborazione con altre istituzioni culturali, in questo caso con la prestigiosa Fondazione Alinari. Il futuro del passato. All’ombra di quel Vesuvio dove tutto ha avuto inizio.” La mostra è anche un bellissimo viaggio tra una piccolissima, ma significativa parte del maestoso  Archivio Alinari, composto da oltre 5 milioni di negativi, lastre e dagherrotipi di cui ancora appena 250.000 digitalizzati. Tutto nato da   quando nel 1852 i Fratelli Alinari aprirono il loro laboratorio fotografico a Firenze, allora capitale del Granducato di Toscana, ma non avrebbero certo immaginato che, a distanza di quasi 170 anni, sotto il loro nome si sarebbe raccolta la memoria visiva di un Paese, allora ancora in via di costituzione.  Il loro contributo alla formazione della nostra cultura visuale, al nostro modo di guardare ancora oggi il paesaggio e l’arte italiani è stato importantissimo. Così come l’opera di diffusione al di fuori dell’Italia del nostro patrimonio culturale, non solo attraverso la vendita di soggetti a turisti e studiosi stranieri in visita alle nostre città ma anche tramite una strutturata rete di agenti e corrispondenti all’estero. Nel catalogo generale di vendita dello Stabilimento Alinari degli anni 1873-1887, la Campania e le città vesuviane compaiono con un considerevole numero di soggetti, incrementati ampiamente sotto la guida di Vittorio Alinari a partire dalla fine dell’Ottocento  (con un servizio fotografico alla sommità del Vesuvio proposto nel catalogo del 1907, completamente dedicato alla Campania o napoletano)  e ancora con campagne fotografiche sul sito archeologico di Pompei negli anni trenta del Novecento .  Nel secolo scorso sono poi confluiti in Alinari gli archivi di altri importanti fotografi attivi a Napoli come Chauffourier e Brogi (quest’ultimo con una produzione particolarmente ampia di soggetti campani, corrispondenti, alla fine dell’Ottocento, a quasi il 30 % dell’intero catalogo generale) ai quali si sono via via aggiunte collezioni fotografiche, le opere di atelier che contribuirono ad animare il clima culturale di Napoli come quelli di Robert Rive, Alphonse Bernoud, Giorgio Sommer, o album di fotografi amatoriali, spesso anonimi, che hanno documentato le eruzioni e i loro effetti devastanti su cose e persone, arrivando fino all’ultima eruzione del 1944. Un caso di particolare interesse è poi offerto dall’archivio Giorgio Roster, fotografo scienziato fiorentino che applicò la fotografia a vari campi di indagine scientifica. Gli Alinari nel corso della loro imponente e strutturata attività di riprese, affidata con la gestione di Vittorio ad una qualificata schiera di operatori, hanno dato un’interpretazione professionale altissima del mezzo fotografico, intendendolo sempre come strumento per diffondere e far conoscere soggetti e contenuti che, replicabili, potevano viaggiare il mondo e attraverso strade impreviste servire a sostanziare studi, ricordi, storie, genesi creative. A questa ‘regola aurea’ ci siamo ispirati nel tratteggiare il racconto sul Formidabil monte. Chiude la mostra uno scatto aereo del fotogiornalista Massimo Sestini realizzato nel 2016. Durante l’inaugurazione Marcello Colasurdo insieme a chitarra e tammorra ha intonato vari canti tradizionali dedicati al Vesuvio

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto