Collegati con noi

Guerra Ucraina

Mosca, condannato il dissidente Kara Murza a 25 anni di carcere

Pubblicato

del

Un altro dissidente condannato a Mosca: Vladimir Kara-Murza il tribunale ha inflitto 25 anni di prigione che dovrà trascorrere in un carcere di massima sicurezza. Kara Murza, passaporto britannico, è stato processato per tradimento e per le critiche rivolte alla guerra in Ucraina. Secondo i giudici l’accusa sarebbe legata fra l’altro alla “diffusione di informazioni consapevolmente false sulle azioni delle forze armate russe”.

Vladimir Kara-Murza alla lettura della sentenza ha urlato “La Russia sarà libera, ditelo a tutti”: l’Onu ha chiesto il rilascio immediato del dissidente, così come ha fatto la Germania attraverso il ministero degli esteri

 

Advertisement

Esteri

Kiev: a corto di missili, senza aiuti Usa perderemo

Pubblicato

del

Le lancette corrono e a Kiev è iniziato il conto alla rovescia: le forze ucraine “sono in procinto di esaurire le scorte di missili” per contrastare i continui attacchi dal cielo dei russi, incluse le micidiali bombe a guida laser, e senza i 60 miliardi di dollari a tutt’oggi congelati dal Congresso americano “si rischia di perdere la guerra”. Prospettive inquietanti rese ancor più cupe dal presunto piano segreto di Donald Trump per porre fine al conflitto se fosse rieletto alla Casa Bianca: premere su Kiev per cedere la Crimea e l’intero Donbass a Mosca, rivela il Washington Post. Il tycoon, saldamente in testa nei sondaggi negli Stati chiave americani, sarebbe convinto che “per alcune aree dell’Ucraina andrebbe bene essere parte della Russia”.

E Vladimir Putin non aspetta altro. La situazione sul campo preoccupa da settimane, gli ucraini si affidano oramai quasi esclusivamente ai droni per attaccare. Anche obiettivi estremamente delicati come la centrale nucleare di Zaporizhzhia, controllata dai russi, dove un velivolo armato sarebbe esploso “danneggiando un camion parcheggiato vicino alla mensa”. Immediata la reazione del capo dell’Agenzia atomica internazionale, Rafael Grossi: “Esorto ad astenersi da azioni che contraddicono i 5 principi dell’Aiea e mettono a repentaglio la sicurezza nucleare”.

“I lavoratori dell’impianto e i tecnici Aiea sono illesi e al riparo, il livello di radiazioni è nella norma”, ha dichiarato un responsabile della centrale controllata dai russi. Decine di droni sono stati poi intercettati nelle regioni russe al confine: nei pressi di Belgorod i frammenti di un velivolo abbattuto hanno ucciso una donna e ferito 4 persone, compresi due bambini. Nel complesso, Mosca dichiara di aver abbattuto 239 droni nelle ultime 24 ore, e distrutto un magazzino di droni marini – vero e proprio incubo della Flotta russa – “forniti dalla Nato”. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ammonito che “la difesa aerea si sta esaurendo”, e se i russi “continuano a colpire l’Ucraina ogni giorno come hanno fatto nell’ultimo mese, potremmo rimanere senza missili, e i nostri partner lo sanno”. Il leader ucraino è tornato a sollecitare Washington, avvertendo che se il Congresso Usa “non aiuta l’Ucraina, l’Ucraina perderà la guerra”.

A fargli eco il ministro degli Esteri, Dmytro Kuleba: i soldati ucraini “vengono attaccati in modo massiccio e direi anche di routine da bombe aeree guidate che spazzano via le nostre posizioni”, ha detto al Financial Times. Secondo i funzionari della difesa di Kiev, dall’inizio dell’anno le forze russe hanno sganciato quasi 3.500 bombe aeree guidate, un record pari a 16 volte quelle utilizzate in tutto il 2023. E mentre Kiev si aspetta un’altra offensiva russa per la fine di maggio, ha ribadito il capo dell’intelligence militare, Kyrylo Budanov, a Mosca gli occhi sono puntati sulla missione di due giorni in Cina del ministro degli Esteri, Serghei Lavrov. Il capo della diplomazia russa sarà a Pechino “su invito del ministro degli Esteri cinese Wang Yi”. Gli incontri si svolgono all’indomani del j’accuse americano: a Washington si ritiene infatti che la Cina stia intensificando il suo sostegno alla Russia fornendo, fra l’altro, intelligence geospaziale – ovvero immagini satellitari – per aiutare Mosca a vincere la guerra.

Continua a leggere

Esteri

Media, ‘attacchi chimici quotidiani contro i soldati ucraini’

Pubblicato

del

Le truppe russe stanno conducendo una campagna sistematica di attacchi chimici illegali contro i soldati ucraini: è quanto emerge da un’inchiesta del quotidiano britannico The Telegraph. Alcuni comandanti hanno riferito di essere stati oggetto di attacchi regolari da parte di piccoli droni che lanciavano gas lacrimogeni e altre sostanze chimiche (note come CS), il cui uso è vietato in tempo di guerra dalla Convenzione sulle armi chimiche.

Mosca è stata accusata di aver utilizzato armi chimiche in un attacco con droni al porto di Mariupol nelle prime fasi della sua invasione nel febbraio 2022. Slava, un tenente anziano la cui unità è schierata vicino a Lyman, nella regione orientale di Donetsk, ha affermato che alcune unità ucraine nella sua zona sono state oggetto di attacchi con gas “quasi quotidiani”. Anche Igor, il comandante di una squadra di ricognizione ucraina schierata vicino alla città in prima linea di Chasiv Yar (sempre nel Donetsk), ha detto al Telegraph: “Quasi ogni posizione nella nostra zona del fronte riceveva una o due granate a gas al giorno”.

Continua a leggere

Esteri

Aerei da combattimento russi distrutti da un attacco di droni ucraini a Rostov

Pubblicato

del

Sei aerei da combattimento russi sono stati distrutti da un attacco di droni ucraini ieri sera nella regione di Rostov, vicino al confine. Lo hanno riferito alla Bbc le autorità di sicurezza ucraine. Nello stesso attacco sono stati danneggiati altri otto aerei da combattimento e feriti 20 persone. La Bbc ha riferito che la base ospitava aerei di tipo Su-27 e Su-34.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto