Collegati con noi

Sport

Marotta sprona l’Inter ‘Campionato strano, crediamoci’

Pubblicato

del

 La vittoria contro l’Atalanta regala una pausa per i Mondiali tranquilla all’Inter. Dopo l’inizio balbettante, i nerazzurri di Simone Inzaghi, pur tra mille difficoltà, sembrano essersi rimessi in carreggiata, anche se la classifica parla di un pesante -11 dal Napoli capolista. Proprio contro i partenopei l’Inter ripartirà a gennaio, nello scontro diretto a San Siro. Una pausa che sarà un punto interrogativo per tanti, vista la portata della novità. “Abbiamo sempre avuto la consapevolezza di poter essere protagonisti fino in fondo in questo campionato anomalo. Oggi si è chiusa la prima parte e si riprenderà il 4 gennaio, è qualcosa di inedito e tutti noi siamo curiosi di capire soprattutto per quanto riguarda la sfera delle performance”, ha spiegato l’ad interista Giuseppe Marotta a Radio Anch’io lo sport su RadioRai. “Abbiamo avuto un handicap misterioso, silenzioso, di cui non capivamo le origini, poi la la squadra e l’allenatore hanno trovato i correttivi, dei rimedi. Oggi fa sensazione il fatto che fuori casa abbiamo un percorso e in casa un altro. Abbiamo subito quattro sconfitte in trasferta, ma in evidenza ci sono i 18 gol subiti, che sono tanti rispetto ai 22 totali. Questo è l’elemento che deve farci riflettere e l’allenatore dovrà trovare i correttivi: sono questi nostri compiti per casa”, ha aggiunto Marotta. Tra le tante situazioni, da tenere sotto attenzione ci sarà in particolare quella legata a Romelu Lukaku. “Questo infortunio è stato imprevisto e imprevedibile, condizionato dalla volontà di tornare in fretta, anche con la motivazione dai Mondiali. Bisogna essere cauti. Queste situazioni fanno parte del rischio d’impresa: in una rosa di 25 elementi gli infortuni sono all’ordine del giorno”, ha proseguito il dirigente. Che poi sul mercato ha aperto al rinnovo con Dzeko: “Non credo che con Dzeko finisca come l’anno scorso con Perisic, perché Edin ha dimostrato di voler rimanere con noi. E’ un giocatore che sicuramente merita il rinnovo. Mercato a gennaio? Le opportunità bisogna coglierle ma non penso ci siano opportunità che fanno al nostro caso”. Chiusura dedicata alla situazione societaria: “La famiglia Zhang merita rispetto, perché in questi anni ha profuso tante energie finanziarie, siamo intorno agli 800 milioni di investimenti. Ha dato molto al sistema-calcio Italia e soprattutto all’Inter – le parole sulla gestione Zhang a Milano -. A seguito della pandemia tutti i grandi gruppi industriali hanno avuto delle contrazioni finanziarie; dopo la pandemia non si possono più sfoggiare investimenti milionari, normale il conseguente ridimensionamento dei costi e degli investimenti. Quando dall’altra parte non ci sono queste possibilità bisogna essere bravi e competenti per rimanere competitivi in un mondo molto complicato”, ha concluso Marotta.

Advertisement

Sport

Champions: 9,2 mln incasso Inter-Atletico, 3/o più alto di sempre

Pubblicato

del

Incassi dal botteghino quasi da record per l’Inter nella sfida contro l’Atletico Madrid. Per la gara d’andata degli ottavi di finale di Champions League sono presenti a San Siro infatti 73.709 spettatori, con un incasso complessivo lordo pari a 9.218.859 euro. Si tratta del terzo incasso più alto della storia per un club italiano e secondo della storia nerazzurra, dopo i 12,5 milioni per la semifinale di ritorno di Champions League tra Inter e Milan della passata stagione e i 10,4 milioni di Milan-Inter, gara d’andata sempre delle semifinali di Champions nell’anno scorso.

Continua a leggere

Sport

Gol Arnautovic, all’Inter il primo round con l’Atletico

Pubblicato

del

Il primo round dice Inter, nel segno di Marko Arnautovic. I nerazzurri battono l’Atletico Madrid nell’andata degli ottavi di finale di Champions League grazie ad una rete dell’austriaco nella ripresa, in una gara spigolosa in cui tra l’altro Simone Inzaghi perde anche Marcus Thuram per un problema muscolare. Una partita intensa e combattuta, ma che lascia ben sperare in vista del ritorno fissato al Wanda Metropolitano il prossimo 13 marzo, non solo per il risultato (seppur di misura) ma anche per la prestazione positiva di Lautaro e compagni. L’Inter in avvio parte convinta sulla spinta dei 73mila del Meazza, ma l’Atletico fin dall’inizio dimostra di non volere solo limitarsi a difendere. Non a caso, dopo uno stop mancato di Thuram in area, dall’altra parte Lino calcia a lato col destro in area.

I nerazzurri chiedono un calcio di rigore per un tocco di mano in area di Molina ma sia l’arbitro che il Var lasciano correre. Il problema degli uomini di Inzaghi è la poca lucidità, causata anche dalla grande pressione dei colchoneros che inducono Calhanoglu e compagni a una serie di errori banali. Soprattutto sulla trequarti offensiva, con tanti palloni sprecati malamente tra passaggi e stop sbagliati. Quando tutto fila liscio, però l’Inter si riesce a rendere pericolosa. Il primo squillo è un colpo di testa di Lautaro che Oblak para senza difficoltà. La migliore occasione capita ancora allo stesso argentino: Thuram recupera palla, lancia il capitano che da solo davanti a Oblak calcia male e viene rimontato.

Nel finale di tempo tutto San Siro trema, ma non di gioia, perché Thuram si ferma per un problema muscolare. Il francese poi rientra in campo ma esce all’intervallo per una “contrattura all’adduttore destro da valutare nei prossimi giorni”, un infortunio che rischia di pesare molto anche per le prossime gare. Al suo posto entra Arnautovic, che diventa protagonista nel male e nel bene. Nel male perché spreca tutto il possibile, in un misto tra sfortuna ed errori banali che fanno mugugnare e non poco tutto San Siro. E così la spinta del Meazza un pochino si affievolisce, anche perché Simeone si gioca la carta Morata, fischiatissimo da tutti i 73mila presenti per i suoi trascorsi juventini.

Un ingresso che galvanizza gli ospiti, che non a caso creano la migliore occasione: Lino dopo uno scambio con De Paul si presenta da solo davanti a Sommer ma calcia fuori. Lo stesso De Paul lancia poi Llorente, ma De Vrij all’ultimo riesce a salvare tutto in scivolata. Nel momento in cui l’Atletico prende coraggio, l’Inter con personalità e con il gioco la fa tremare di nuovo, spedendola trenta metri indietro: Lautaro manda in porta Arnautovic, che a tu per tu con Oblak a cinque metri dalla porta calcia incredibilmente alto. E ancora l’austriaco poi chiude troppo leggero su un cross basso di Dumfries. San Siro torna a bollire, Lautaro di testa impegna di nuovo Oblak.

Gli spagnoli vanno in affanno e l’Inter stavolta ne approfitta: Reinildo e De Paul perdono ingenuamente palla, Lautaro si invola ma trova ancora Oblak sulla sua strada, a porta vuota però Arnautovic non sbaglia e porta avanti i nerazzurri. L’Atletico però non ci sta, anzi reagisce subito di carattere, prima con Lino che di destro sfiora il pareggio dal limite, poi con un colpo di testa di Morata di poco a lato. È l’ultimo brivido per Sommer, il primo round verso i quarti è interista.

Continua a leggere

Sport

Usa verso l’invio di missili a lungo raggio a Kiev

Pubblicato

del

All’indomani della sconfitta ucraina di Avdiivka, in un quadro di complessivo deterioramento della situazione militare, e con un Vladimir Putin che sbeffeggia gli avversari “fuggiti in massa dal fronte”, gli Stati Uniti si appresterebbero a un grande salto di qualità. Secondo la Nbc sarebbero infatti in procinto di inviare a Kiev la versione più potente di missili balistici Atacms, capaci di colpire un obiettivo a 300 chilometri, che metterebbero la Crimea e non solo nel mirino. Sul terreno, segnalano gli osservatori indipendenti, si registrano scontri e scaramucce tra manipoli di soldati. Le truppe russe sono impegnate nel consolidamento del fronte attorno ad Avdiivka e in tutto il Donetsk mentre premono sulle regioni di Kherson e Zaporizhzhia, lanciando attacchi per “capitalizzare” la vittoria, come ha spiegato lo stesso Putin.

Sul fronte opposto, le forze di Kiev ripiegate di alcuni chilometri rafforzano le difese e respingono gli assalti. Il comandante militare nell’area di Avdiivka, Oleksandr Tarnavskyi, riferisce che i suoi soldati sono stati attaccati 42 volte da piccoli gruppi di russi, supportati da un diluvio di artiglieria, oltre mille i colpi sparati in una zona di operazioni non particolarmente estesa. Gli ucraini, a causa della scarsità di munizioni, sono costretti a centellinarle, a prendere di mira concentrazioni di avversari per poter causare più danni. In molti casi è impossibile contrattaccare l’artiglieria nemica, “costa troppe munizioni” lamentano diversi ufficiali. Kiev torna poi a denunciare con forze le esecuzioni sommarie di soldati catturati dai russi, da ultimo vicino a Robotyny, nella regione di Zaporizhzhia. Tre i militari disarmati barbaramente uccisi, come mostra l’ennesimo video dell’orrore in due anni di guerra. Mosca intanto – rivela il think tank americano Institute for the Study of War – ha lanciato una massiccia operazione di hacking contro diversi siti di informazione ucraini per diffondere e rendere concreta l’idea di una fuga di massa dell’esercito di Kiev da Avdiivka.

Tesi rilanciata oggi da Putin in persona: “Il comando ucraino ha emesso l’ordine di ritirare le sue truppe quando queste erano già in fuga”, ha detto sbeffeggiando gli avversari e invitando le forze armate ucraine “nei territori liberati ad arrendersi”. La “vittoria va consolidata”, ha incalzato, annunciando in pompa magna la conquista del villaggio di Krynki nella regione di Kherson. Si tratta di una testa di ponte ucraina sul lato del fiume Dnipro occupato da Mosca: il ministro della Difesa, Serghei Shoigu, ha enfatizzato che nel corso della battaglia i russi “per la prima volta nella storia hanno ricevuto i rifornimenti grazie a potenti droni”. In questo quadro sempre più preoccupante, e dopo mesi di richieste da parte di Kiev, l’amministrazione Biden starebbe lavorando per fornire all’Ucraina i nuovi potenti missili balistici Atacms. Non quelli a medio raggio consegnati fino ad ora, ma quelli con una gittata da 300 chilometri. Tutto, ha sottolineato la Nbc che ha rivelato l’informazione, dipende dall’approvazione da parte del Congresso Usa del disegno di legge che prevede 95 miliardi di aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto