Collegati con noi

In Evidenza

Lazio, Maurizio Sarri si dimette

Pubblicato

del

L’aria era carica di tensione già da qualche tempo, ma oggi il mondo del calcio italiano è stato scosso da una notizia sorprendente: Maurizio Sarri ha lasciato la panchina della Lazio. Una decisione che ha suscitato reazioni contrastanti tra i tifosi e ha lasciato il presidente Lotito con il compito di trovare un successore adeguato.

I messaggi sui social media non si sono fatti attendere, con molti tifosi che esprimono il loro disappunto per la partenza di Sarri. “Non ti abbiamo meritato”, “Grazie per tutto”, sono solo alcuni dei commenti che circolano online. E non è difficile capire perché: Maurizio Sarri era considerato uno dei pochi signori nel mondo del calcio, una figura rispettata non solo per le sue competenze tecniche ma anche per la sua rettitudine.

Le voci sulla sua partenza si erano diffuse dopo il post-partita con l’Udinese, quando Ciro Immobile aveva manifestato il suo dissenso per essere stato sostituito e Giovanni Martusciello, il suo vice, aveva cercato di placare gli animi. È stato chiaro fin da subito che qualcosa non andava.

Dopo una lunga notte di riflessione, durante la quale Sarri e il suo staff hanno discusso a lungo, questa mattina il tecnico ha espresso l’intenzione di dimettersi. Nemmeno il confronto con una delegazione di sei giocatori è riuscito a fargli cambiare idea. Alle 15, dopo l’incontro con i suoi ex calciatori, Sarri ha preso la sua decisione definitiva.

L’incontro tra Sarri e Angelo Mariano Fabiani, direttore sportivo della Lazio, è durato un paio d’ore a Formello, il centro sportivo del club. Dopo di che, Sarri ha salutato i suoi colleghi e ha lasciato il centro sportivo a bordo della sua auto, mentre la squadra continuava ad allenarsi in palestra sotto la guida dello staff rimasto.

La decisione di Sarri è stata preceduta dalla sconfitta contro l’Udinese e dalla decisione della dirigenza di imporre un ritiro punitivo alla squadra, una mossa che non è stata ben accolta dai giocatori. Sarri aveva già avvertito i suoi uomini che sarebbe stato pronto a fare un passo indietro se avesse perso la fiducia della squadra, e sembra che la notte post partita abbia convinto il tecnico che era arrivato il momento di lasciare.

 

La società aveva espresso pieno appoggio a Sarri solo una settimana fa, ma il tecnico ha scelto di seguire il suo senso dell’etica e ha optato per la sua uscita. Ora spetta a Lotito trovare un sostituto adeguato per la panchina della Lazio. Si valutano diversi nomi, tra cui Tommaso Rocchi, allenatore della U14, e Miro Klose, ex centravanti della squadra.

La partenza di Sarri lascia un vuoto nella squadra e nei cuori dei tifosi, ma il calcio italiano è noto per i suoi rapidi cambi di rotta. Resta da vedere chi prenderà il timone della Lazio e quali saranno le prossime mosse del club. Una cosa è certa: la decisione di Sarri continuerà a far parlare per molto tempo.

Advertisement

In Evidenza

Il ministro Crosetto ricoverato d’urgenza in ospedale

Pubblicato

del

Il Ministro della Difesa Guido Crosetto ha lasciato in anticipo il Consiglio Supremo di Difesa per essere trasportato d’urgenza in ospedale. La notizia è stata resa nota dal Ministero della Difesa, che ha confermato il ricovero del ministro presso l’ospedale San Carlo di Nancy a Roma.

Crosetto si era presentato autonomamente al pronto soccorso il 13 febbraio scorso, lamentando forti dolori al petto. I primi accertamenti, compresa una coronografia, rilevarono una sospetta pericardite, successivamente confermata dagli esami successivi. La pericardite è un’infiammazione del pericardio, la membrana che avvolge il cuore. Fortunatamente, i medici precisarono che non si erano verificati versamenti di liquido tra le membrane, situazione che avrebbe richiesto un intervento immediato. Inoltre, le analisi avevano escluso danni cardiaci.

Il Ministro aveva già subito un ricovero nel 2013 per questioni simili. Dopo due giorni, Crosetto era stato dimesso dall’ospedale in buone condizioni di salute.

Auguri di pronta guarigione sono arrivati da esponenti del governo e di tutte le forze politiche.

Continua a leggere

In Evidenza

Regole e limiti all’IA, Ue vara prima legge al mondo

Pubblicato

del

Il D-day dell’intelligenza artificiale è arrivato. I ministri dei Ventisette responsabili per le telecomunicazioni hanno approvato l’AI Act, il complesso di norme che disciplina lo sviluppo, l’immissione sul mercato e l’uso dei sistemi di IA in Ue. È il passaggio finale dopo il via libera nel marzo scorso del Parlamento europeo. E non poteva esserci finale migliore, quello di un traguardo raggiunto parlando con “una sola voce”, per parafrasare il commissario europeo al Mercato Interno, Thierry Breton. Il nuovo set di regole, il primo al mondo in materia, è stato adottato all’unanimità, a segnalare la compattezza dell’Unione davanti alle sfide poste dall’IA.

Un esito che per il relatore al Parlamento europeo dell’AI Act, Brando Benifei, “certifica la qualità del lavoro svolto su un tema di grande sensibilità politica e di mercato, che rende l’Ue il capofila globale nella regolamentazione dell’IA”. La normativa si regge su un delicato equilibrio tra spinta all’innovazione e tutela dei diritti umani, della democrazia, dello Stato di diritto e della sostenibilità ambientale.

Innovativo l’approccio al rischio adottato dal legislatore europeo grazie al quale si dettano una serie di obblighi a fornitori e sviluppatori di sistemi di IA in base ai diversi livelli di rischio identificati. Quando è inaccettabile, scattano i divieti: è il caso ad esempio delle tecniche manipolative, delle pratiche di polizia predittiva, del riconoscimento delle emozioni vietato sul posto di lavoro e nelle scuole.

E ancora è il caso del riconoscimento facciale, il cui uso è consentito solo alle forze dell’ordine e soggetto a condizioni rigorose. Altra novità è il capitolo dedicato all’IA generativa, inserito in corso d’opera con l’obiettivo di dare una prima risposta alla rapida diffusione di sistemi come ChatGPT.

La legge promuove regulatory sandboxes e real-world-testing, istituite dalle autorità nazionali per sviluppare e addestrare l’IA innovativa prima dell’immissione sul mercato. L’AI Act vestirà i panni dell’ufficialità tra pochi giorni, con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’Ue, ma non si tradurrà subito in realtà. La nuove regole saranno infatti applicabili solo tra due anni, con l’eccezione dei divieti, che scatteranno dopo sei mesi, dei controlli sui sistemi di IA per finalità generali, compresa la governance (12 mesi) e degli obblighi per i sistemi ad alto rischio (36 mesi).

Chiusa quindi la fase legislativa, si apre ora quella altrettanto cruciale dell’attuazione, che per la vicepremier belga, Petra de Sutter “contribuirà all’autonomia strategica dell’Ue” perché, dice, “avere una legislazione che è una novità mondiale come l’AI Act, può essere un vantaggio competitivo ed è essenziale per la nostra sicurezza economica”. Imperativo, spiega, “sfruttare il potenziale del mercato unico” e dotarsi di un “approccio coerente e omogeneo per sostenere le società nel loro percorso di adeguamento alle regole digitali”. Provando a fare dell’AI Act un volano d’innovazione per l’Europa.

Continua a leggere

Esteri

Turbolenza sul volo Londra-Singapore, un morto e feriti

Pubblicato

del

Una turbolenza fortissima e improvvisa ha colpito un volo Londra-Singapore provocando la morte di un britannico di 73 anni, probabilmente per infarto, e il ferimento di 40 passeggeri, di cui 7 ricoverati in gravi condizioni. Tutto è accaduto a bordo del volo SQ321 della Singapore Airlines. Dopo 11 ore di viaggio, mentre sorvolava il mare delle Andamane, in Birmania, il velivolo, un Boeing 777, in appena 5 minuti è precipitato nel vuoto, perdendo all’improvviso 2.000 metri di quota. Il pilota è riuscito a recuperare il controllo ma è stato comunque costretto ad un atterraggio di emergenza a Bangkok. Difficile a caldo stabilire con certezza le cause di questa turbolenza, definita dai vertici della compagnia aerea “improvvisa ed estrema”. Tuttavia, secondo diversi esperti citati dalla Bbc, questo tipo di fenomeni sarebbero sempre più frequenti, provocati dagli effetti del cambio climatico.

La cronaca degli ultimi tempi pare confermare questa tendenza: nel marzo 2023 una grave turbolenza su un jet privato ha provocato la morte di un ex funzionario della Casa Bianca. Nel luglio dello stesso anno, sette persone sono rimaste ferite su un volo della Hawaiian Airlines per Sydney, in Australia, anche in quel caso per una forte turbolenza. Secondo uno studio del 2022 le turbolenze “in aria limpida” aumenteranno in modo significativo in tutto il mondo nei prossimi decenni. Intanto in rete circolano le immagini drammatiche dei momenti di panico vissuti dai 211 passeggeri e dai 18 componenti dell’equipaggio a bordo, decollati dall’aeroporto londinese di Heathrow alle 22.30 di ieri (ora di Londra, le 23.30 italiane). Pare che il velivolo – riferiscono alcuni testimoni – abbia iniziato a puntare verso l’alto, quindi sono iniziate delle oscillazioni sempre più forti e infine la drastica caduta.

“I passeggeri che erano seduti senza cintura di sicurezza allacciata, si sono ritrovati scaraventati lontani dai loro posti”, ha raccontato all’agenzia Reuters il 28enne Dzafran Azmir. Altre immagini mostrano cappelliere ammaccate, oggetti vari sparsi sul pavimento e mascherine d’ossigeno d’emergenza pendere sopra i sedili. Singapore ha inviato subito una squadra di suoi investigatori per indagare meglio sull’accaduto, mentre Boeing, dal suo quartier generale di New York, ha immediatamente espresso le sue condoglianze ai parenti della vittima e la sua vicinanza ai passeggeri rimasti feriti, compresi i 9 componenti dell’equipaggio. Condoglianze anche dal presidente di Singapore Tharman Shanmugaratnam: “Non abbiamo i dettagli delle persone colpite, ma sappiamo – ha detto in una nota – che tutti stanno facendo del loro meglio per aiutare le persone colpite e collaborando con le autorità di Bangkok, dove l’aereo è atterrato”. Ancora nessuna indicazione sull’identità della vittima e dei feriti. La compagnia aerea ha solo diffuso le nazionalità dei passeggeri, confermando che non c’erano italiani a bordo ma 56 australiani, 47 del Regno Unito, 41 di Singapore, 23 dalla Nuova Zelanda, 16 dalla Malesia, cinque dalle Filippine, quattro dall’Irlanda e dagli Usa, tre dall’India, due dall’Indonesia, dal Myanmar, dalla Spagna, dal Canada, uno dalla Germania, da Israele, dall’Islanda e dalla Corea del Sud.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto