Collegati con noi

Napoli

Il Napoli sta per vincere, poi ci pensano Mandzukic e l’arbitro Banti. E allo Stadium i tifosi sputano sui calciatori azzurri e intonano cori razzisti

Pubblicato

del

Non è una partita qualunque, è la partita dell’anno. Lo era quando il Napoli galleggiava sui bassofondi della classifica, lo è ancor di più oggi che gli azzurri sono protagonisti indiscussi del calcio italiano e internazionale. Il Napoli di Carlo Ancelotti va allo Stadium per giocarsela. Il modulo tattico azzurro è quello a tre punte. Davanti, in attacco, Ancelotti schiera i tre tenori: Callejon, Insigne e Martens. Si parte così, modulo offensivo, pressing a tutto campo. La Juventus schiera la migliore formazione e in attacco c’è lui, CR7. Il match è molto tattico. La Juve comincia in difesa. Al 5 minuto primo legno del Napoli. Da fuori grande tiro di Piotr Zielinsky, il portiere fuori gioco, la palla colpisce il palo. Grande Napoli, Juve impaurita. Al 9 minuto arriva il gol. Ed è da spettacolo. Allan ruba una palla, finta il tiro, lancia Callejon che mette al centro e Mertens appoggia in rete. In dieci minuti gli azzurri allo Stadium hanno preso un palo, fatto gol e dominato il gioco. La torcida bianconera ammutolita dallo strapotere del Napoli. Lo Stadium è in silenzio. Niente cori razzisti. Quelli ad inizio match lasciano il passo al silenzio. Al 23 Chiellini ferma una palla destinata al Napoli in attacco, l’arbitro Banti dimentica di ammonire il bianconero. Passano pochi secondi e ammonisce Mario Rui per un contrasto di gioco normale. Al 25 minuto la Juve pareggia. Hysay perde un pallone, si fa “giocare” da Ronaldo che crossa al centro e trova la testa di Mandzukic che mette in rete. Si rianima lo Stadium. Tornano a tifare e a che a fare cori irripetibili contro Napoli e i napoletani. Al 28 punizione di Ronaldo da posizione angolata. Miracolo di Ospina. C’è un’altra Juve in campo. Al 42 minuto Mario Rui batte a rete con un tiro a giro alla Insigne. Di poco a lato. È stato un bel primo tempo. Per metà dominato dal Napoli. Per l’altra metà superiorità della Juve.  

Secondo tempo col Napoli subito aggressivo su ogni palla. La Juventus tiene botta, si difende bene e riparte. La partita è tatticamente bellissima. Al terzo minuto la Juventus riparte, manovra elaborata, palla al solito Ronaldo che batte in rete, Ospina si oppone e col palo riesce a salvare la porta. Arriva il solito Mandzukic che mette a segno la seconda rete. Ribaltata la partita. Il Napoli ora insegue. Al 51 minuto Zielinsky sfiora il pareggio con un cross da sinistra pericoloso. L’arbitro Banti ammonisce a senso unico. Giallo a Hjsay per un fallo lontano dalla porta. Per Cancelo nessun cartellino anche se commette lo stesso fallo. Al 56 ancora il Napoli che sfiora la rete con Mertens. Al 57 seconda ammonizione per Mario Rui per un fallo di gioco normale su Dybala che però si butta a terra come se fosse stato ferito a morte. Poi Bonucci dà una testata ad Allan ma non succede niente. Solito copione. E’ qui che si decide la partita. Il Napoli ci prova anche in 10 uomini. Al 69 minuto è Koulibaly che va sotto rete ma lo atterrano. Al 71 è Callejon che viene liberato da Milik davanti al portiere ma non riesce a far gol. Generosissimo il Napoli. Al 75 minuto Bonucci va in gol su assist di Ronaldo. Sul finire del 78 minuto Callejon va a recuperare una palla per battere il calcio d’angolo e alcune “bestie” dietro la porta gli sputano addosso. Tutto è documentato nelle immagini della partita trasmesse da Sky. Come sono documentati anche i soliti squallidi e beceri cori anti napoletani. Chissà se l’arbitro o i suoi assistenti li hanno ascoltati e annotati. E chissà se vedranno lo schifo degli sputi che Callejon ha segnalato ad uno degli assistenti.  

Advertisement

Cronache

Azienda dell’acqua di Napoli festeggia 139 anni dalla fondazione

Pubblicato

del

L’azienda che si occupa della gestione del ciclo integrato dell’acqua di Napoli compie 139 dalla sua fondazione. Un compleanno che l’Abc, azienda speciale del Comune di Napoli, ha deciso di festeggiare alla Basilica della Pietrasanta, nei cui sotterranei è stato realizzato nel 2021 il Museo dell’Acqua, grazie alla collaborazione tra Abc e associazione Pietrasanta Polo culturale Ets. Un compleanno che sarà celebrato con lo spettacolo ‘L’acqua è poca’, di e con Amedeo Colella, con le musiche del maestro Francesco Cuomo.

“Sono passati 139 anni da quando re Umberto I inaugurò l’acquedotto del Serino facendo zampillare quest’acqua purissima in piazza Plebiscito – ricorda Alessandra Sardu, presidente Abc – abbiamo deciso di festeggiare questo momento con questo spettacolo dell’artista Colella proprio per cogliere quel legame profondo che lega i napoletani all’acquedotto, un intreccio straordinario di credenze, storia, di modi di dire che svela l’identità più profonda della nostra città”.

La festa sarà anche l’occasione per ripercorrere la lunga storia che lega Napoli al suo acquedotto, la storia dell’azienda, che a seguito del referendum del 2011 sull’acqua pubblica è stata trasformata da spa in azienda di diritto speciale, ma offrirà anche l’opportunità di conoscere le innovazioni tecnologiche che si stanno mettendo in campo per rispondere alle necessità della transizione digitale e ambientale nell’ottica del contrasto al cattivo consumo della risorsa idrica. Alla Pietrasanta infatti sarà allestito uno stand per mostrare ai cittadini alcune delle nuove tecnologie che si stanno adottando e saranno illustrati anche i lavori che si stanno realizzando al sistema fognario e idrico della città.

Continua a leggere

Napoli

De Luca: Manfredi smentisca consulenze a docenti Federico II

Pubblicato

del

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, chiede al commissario di Bagnoli, vale a dire il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, di smentire quanto “sostengono gli esponenti di Fratelli d’Italia di Napoli in merito alle consulenze a docenti della Federico II”. “Io suggerirei al commissario di smentire queste illazioni oppure di fornire l’elenco delle consulenze date a docenti della Federico II per stroncare e bloccare eventuali speculazioni”, ha sottolineato De Luca.

Continua a leggere

Cronache

Auto in fiamme a Napoli, si blocca la zona collinare, traffico in tilt

Pubblicato

del

Un incendio di vaste proporzione ha creato notevoli problemi alla circolazione della zona collinare di Napoli: un’auto in fiamme in via Bernardo Cavallino per motivi da accertare, ha provocato una nuvola di fumo che ha costretto due squadre di Vigili del Fuoco ad intervenire. Non ci sono feriti, ma gli abitanti del quartiere hanno temuto il peggio. La zona è rimasta bloccata da poco dopo le 8 del mattino ed ancora si sta lavorando per mettere la zona in sicurezza. visto che si tratta di un’arteria importante delal zona collinare della città e densamente abitata

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto