Collegati con noi

In Evidenza

La favola di Bennato che porta “Pinocchio” in tour per l’Italia, tre ore di vera musica rock

Pubblicato

del

Classica versione one man band. Lui, chitarra, armonica, kazoo e pedale di grancassa. Non ha più 30 anni, ma è tostissimo come solo un rocker puro sa esserlo. Edoardo Bennato quando sale sul palco dell’Europauditorium di Bologna viene letteralmente sommerso di applausi e affetto. Gli emiliani hanno sempre amato il cantautore napoletano. E lui parte proprio con Cantautore, una presa per il culo del cantautore. È a lui, al cantautore che prende in giro, che Edoardo si rivolge con una  voce di scherno per dirgli “tu sei bello, tu sei imbattibile, tu sei incorruttibile, tu sei  un cantautore…”.

 

Il Quartetto d’archi e le chitarre elettriche servono a completare lo spettacolo preparato per i suoi fan bolognesi. Quando il Quartetto Flegreo (Simona Sorrentino e Fabiana Sirigu violini, Luigi Tufano viola, Marco Pescosolido violoncello) sale sul palco si sentono alcune note di Vivaldi, prima di passare ad introdurre Pinocchio & Co., un viaggio musicale tra passato, presente e futuro del cantautore di bagnoli, uno dei pochi che assieme a Vasco Rossi può dirsi rocker puro. In  tre ore quasi di musica Edoardo tira fuori i brani che gli hanno dato un successo enorme e le nuove composizioni, passando da Dotti medici e sapienti alle disavventure di Pinocchio, alle peripezie di  Peter Pan, personaggi chiave dell’immaginario del rocker napoletano. A 30 anni si ha un timbro di voce, a 70 e passa se ne ha un altro, si matura. Certo è che  In fila per tre o  L’isola che non c’è o anche La Fata e Detto tra noi con questa voce più calda, meno urlata, hanno quasi un sapore nuovo. E dentro Europauditorium, dove ci sono ragazzini di 17 anni e persone con i capelli bianchi, stessa generazione del rockee, non ce n’è uno che non canti tutte le canzoni dall’inizio alla fine, dalla prima all’ultima strofa.

Con la sua band (Giuseppe Scarpato e Gennaro Porcelli chitarre, Roberto Perrone batteria e percussioni, Raffaele Lopez tastiere, Arduino Lopez basso) Bennato si inoltra in un’ America meno banale, forse più vera di quella che abbiamo sognato,  sullo schermo, alle sue spalle, su un vide wall scorrono immagini di Marylin Monroe, JFK e Martin Luther King, simboli di un’identità culturale lontana, diversa in ogni caso dalla sua. È un rocker maturo, padrone del palco come sempre, capace di esaltare anche le grandi doti dei musicisti che lo accompagnano.

Non c’è Venderò, ma in compenso Vendo Bagnoli discetta sui destini della città e l’energia va a mille. La calunnia è un venticello cita il Barbiere di Siviglia e omaggia Enzo Tortora e Mia Martini, indifesi dalle maldicenze e poi Io che non sono l’imperatore non scende a patti con nessuno, travolgendo l’audience mentre Lopez si produce in uno slap bass funkeggiante. Quando hai il ritmo, non c’è niente da fare. La luna, poi è un altro sogno americano, una svolta di umanità e “sembrava così diversa in quell’estate che non era estate”. Un attimo di pausa in questa sfuriata rock and roll dove sbuca pure una canzone d’amore per lei, la chitarra, prima di Pronti a salpare title track dell’ultimo album in cui Bennato ha ritrovato la sua vena pungente parlando di emigrazioni ed immigrazioni tra i delicati arpeggi di Scarpato ispirati all’Eric Clapton di Can’t find my way home” prima del rnr bollente di “Rinnegato” che non fa prigionieri.

Concerto intenso, divertente, chiuso da un bis dove viene calato il poker di Un giorno credi, la Non è bello ciò che bello scritta per Pavarotti, la travolgente Meno male che adesso non c’è Nerone e l’apoteosi a luci accese di In prigione, in prigione. E che vi serva da lezione…. Testi in cui c’è tutta l’irriverenza del rocker pure che non scende a patti con nessuna ideologia. E che nella sua vita professionale, questa sua assoluta indipendenza da tutti e da tutto, l’ha pagata cara ed amara. Ma era ed è un uomo libero, un rocker puro e un cantautore… Il 17 sarà al teatro Colosseo di Torino. Il 20 novembre Edoardo torna a casa sua, nella sua  Napoli, al Palapartenope, il 24 a Verona, al teatro Filarmonico, il 27 al Teatro Arcimboldi (Teatro degli Arcimboldi) di Milano, il 29 a Roma, all’Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia.

Advertisement

In Evidenza

Marcel Jacobs è tornato, dopo 2 anni va sotto i 10” a Turku

Pubblicato

del

L’Italia dell’atletica continua a stupire e a lanciare messaggi incoraggianti in vista dei Giochi di Parigi: Marcell Jacobs e Chituru Ali sono scesi sotto i 10 secondi nella stessa gara dei 100 metri: 9.92 per l’oro olimpico in carica e 9,96 per il gigante azzurro a Turku, in Finlandia. Non era mai successo prima nella storia dell’atletica italiana, reduce da un europeo trionfale. Il campione olimpico e continentale dei 100 non scendeva sotto il muro dei 10 secondi da quasi due anni: con un vento di +1.5 ha firmato il terzo tempo in carriera, superiore soltanto al 9.80 della finale di Tokyo e al 9.84 della semifinale in Giappone. Non scendeva sotto i 10” dalla finale degli Europei di Monaco di Baviera del 16 agosto 2022.

Il tempo della gara finlandese lo colloca al quinto posto delle liste mondiali dell’anno a poco più di un mese e mezzo alle Olimpiadi di Parigi. Chituru Ali, argento agli Europei di Roma, infrange per la prima volta la barriera dei 10 secondi e diventa il secondo italiano di tutti i tempi a farlo. A Roma aveva corso in 10”05. Ha superato Filippo Tortu e Pietro Mennea nelle liste italiane di tutti i tempi. I crono erano già positivi dal mattino: Jacobs 9”99 (+1.4), Ali 10”01 ventoso (+3.8). A Turku, tappa Gold del Continental Tour, si è rivisto lo Jacobs dei giorni migliori: reattivo in partenza, efficace in accelerazione, devastante sul lanciato. Sensazionale anche la prestazione di Ali, grandioso nell’uscita dai blocchi, avanti a Jacobs fin quasi a metà gara, capace di rifilare quattro centesimi al campione olimpico dei 200 Andre De Grasse (Canada) che pure ha firmato un 10 netto di tutto rispetto.

“Sono veramente contento per le due gare di oggi, due volte sotto i 10 secondi – ha detto Jacobs -. Era quello che avevo pronosticato insieme a coach Rana Reider. Passo dopo passo, gara dopo gara, poteva arrivare un’ottima conferma per il lavoro che stiamo facendo. Sono contentissimo per me, ma allo stesso tempo contentissimo per Chituru che ha fatto veramente un’ottima gara: io mi sento un po’ il suo fratello maggiore, abbiamo fatto una gara incredibile. Questo è solo l’inizio di una grande stagione che culminerà con le Olimpiadi di Parigi”. “Incredibile, incredibile – ripete Ali – oggi la sentivo ‘giusta’, era tutto perfetto, condizioni al top, io ‘a bomba’. Quando è uscito 9.96 non ci potevo credere, Marcell mi urlava ‘hai visto cosa hai fatto?’, mi tirava l’acqua addosso. Mancano ancora tanti piccoli dettagli da migliorare ma a Parigi andremo in crescendo e si potrà correre ancora più forte”.

Continua a leggere

Esteri

Rimossi i pannelli della discordia tra Argentina e Cile

Pubblicato

del

La Marina militare dell’Argentina ha rimosso le infrastrutture di un avamposto in Terra del Fuoco, nell’estremo sud del del Paese, che erano state costruite per errore oltre il confine con il Cile. Lo rende noto oggi il ministero della Difesa argentino dopo le forti proteste espresse nei giorni scorsi dal governo del presidente cileno Gabriel Boric. Buenos Aires aveva riconosciuto subito l’errore chiedendo scusa alle autorità del Paese vicino e affermando che avrebbe rimosso la struttura non appena le condizioni climatiche lo avrebbero reso possibile. Una risposta che tuttavia non ha soddisfatto il governo cileno obbligando lo stesso presidente Boric a intervenire. “Abbiamo appreso qualche tempo fa che l’Argentina, installando una base militare nella regione della Patagonia, ha collocato pannelli solari in territorio cileno. Abbiamo ricevuto le scuse del ministero degli Esteri argentino, ma vorrei dirvi molto chiaramente che i confini non sono qualcosa di ambiguo. Devono rimuovere i pannelli solari il prima possibile, o lo fanno loro o lo faremo noi”, ha detto. A fronte della protesta di Boric il governo argentino ha ordinato l’immediato invio di un equipe specializzata per la rimozione dei pannelli solari. La struttura, secondo quanto si osserva dalle immagini pubbblicate dalle autorità cilene, è stata smontata in effetti nonostante le condizioni climatiche estreme.

Continua a leggere

Esteri

Francia, 12enne denuncia: violentata perché ebrea

Pubblicato

del

Inchiesta aperta in Francia su un possibile stupro a carattere antisemita di cui sarebbe stata vittima una ragazzina di 12 anni. I presunti aggressori sono 3 adolescenti fra i 12 e i 14 anni. Lo riporta Le Parisien. Secondo il quotidiano, la ragazzina, accompagnata dai genitori, ha denunciato al commissariato di Courbevoie, banlieue di Parigi, di essere stata violentata. Ha raccontato che si trovava con un amico quando 3 coetanei, fra i quali il suo ex ragazzo, anche lui di 12 anni, l’avrebbero portata in un hangar abbandonato per poi picchiarla e insultarla a causa della sua religione.

La vittima sarebbe stata poi stuprata, sempre minacciata “di morte con frasi antisemite”, si apprende da fonti dell’inchiesta. Le indagini condotte dalla procura hanno consentito di identificare i presunti colpevoli delle violenze, che hanno 12, 13 e 14 anni. I tre sono stati posti fermati e posti in stato di fermo, il più piccolo affidato ad un centro per minori. Gravi le accuse di cui devono rispondere, dalla violenza sessuale aggravata alle minacce di morte, tutte aggravate dal fatto di essere state commesse in riferimento all’appartenenza della vittima ad una religione.

I 3 minori avrebbero parzialmente ammesso le loro colpe, affermando di aver agito “per vendetta”, sostiene Le Parisien, spiegando che l’ex ragazzo della vittima sarebbe stato “molto arrabbiato poiché la ragazza gli avrebbe nascosto di essere di religione ebraica”. Nel cellulare del ragazzo sono state trovate frasi e immagini antisemite, fra le quali quelle di una bandiera israeliana bruciata. Un altro dei presunti colpevoli ha confessato alla polizia di aver colpito la vittima in quanto avrebbe usato parole offensive nei confronti della Palestina. La vittima è stata condotta in un centro medico-legale dove l’esame ginecologico ha confermato le violenze subite.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto