Collegati con noi

Corona Virus

Johnson riapre con cautela, normalità dal 21 giugno

Avatar

Pubblicato

del

Avanti tutta con i vaccini, avanti piano verso un’uscita cautissima e in gran parte differita dal terzo lockdown nazionale. Il premier britannico Boris Johnson formalizza l’annunciata roadmap su tempi, modi e condizioni per la riapertura dell’isola, a due mesi dall’imposizione del nuovo ‘tutti a casa’ reso necessario per riportare sotto controllo l’impennata di casi e morti scatenata dall’aggressivita’ della cosiddetta variante inglese del Covid. Lo fa sullo sfondo di dati freschi fragorosamente positivi sull’efficacia degli antidoti, nel Paese capofila d’Europa su questo fronte con ormai oltre 18 milioni di dosi somministrate e la copertura dell’intera popolazione adulta nel mirino a fine luglio; ma lo fa al rallentatore, senza revoche immediate: con una prima fase limitata alla ripresa delle scuole d’Inghilterra e a poco altro fra l’8 e il 29 marzo e una prospettiva di vera svolta rispetto al confinamento rinviata fra il 12 aprile, il 17 maggio e addirittura il 21 giugno. Lungo 4 tappe spalmate in ben 4 mesi. Il piano offre qualche speranza per l’avvenire e un gancio alla naturale propensione all’ottimismo di un BoJo che, dopo tante accuse di avventatezza, finisce stasera per essere paragonato al flemmatico predecessore laburista Harold Wilson: quello che diceva di essere ottimista, ma di “portare sempre un impermeabile” con se’. E in effetti e’ un piano condito di se, di ma, di forse, anche se i vaccini nelle parole del primo ministro “hanno rovesciato clamorosamente a nostro favore le chance” di fronte ai rischi comunque “inevitabili” d’un qualsiasi superamento del lockdown. Se non altro perche’ “la cautela” e’ condizione essenziale per far si’ che stavolta “i cambiamenti siano davvero irreversibili”, rispetto a restrizioni che non possono pesare “all’infinito sull’economia, sulla vita delle persone, sulla nostra salute mentale”.Anche se non esiste un futuro prevedibile “a Covid zero ne’ per la Gran Bretagna ne’ per il mondo”. La prima data messa nero su bianco e’ dunque quella dell’8 marzo, quando potra’ riaprire i battenti la generalita’ delle scuole inglesi, chiuse da Natale. Una tappa accompagnata da poco altro: il via libera alle visite di un familiare agli anziani ospiti delle case di riposo (dove la prima dose dei vaccini e’ stata gia’ somministrata a tappeto) e quello a intrattenersi fino a 2 persone in un parco; mentre bisognera’ attendere il 29 marzo per tornare alla “regola del 6”, ossia al permesso di riunirsi outdoor fino a un massimo di sei persone appartenenti a non piu’ di due nuclei familiari, o di praticare all’aperto sport come il calcio, il tennis, il golf. La fase 2 scattera’ invece solo il 12 aprile con la riapertura di negozi non essenziali, parrucchieri, musei, biblioteche, nonche’ di piscine e palestre per l’esercizio individuale; la fase 3 il 17 maggio, con un ulteriore graduale incremento dei contatti sociali, il ritorno distanziato il pub o ristoranti e l’ok a eventi sportivi e pubblici con un tetto di 10.000 spettatori; e la fase 4 non prima del 21 giugno, con l’auspicata fine di tutte le limitazioni interpersonali in vista dell’estate e la resurrezione dei locali notturni. Il tutto, ha avvertito peraltro Johnson in Parlamento, solo a patto che nel frattempo siano rispettate quattro condizioni: sul progresso ulteriore delle vaccinazioni, sul loro impatto sul calo in atto di casi e decessi, sul contenimento dell’indice di contagio Rt sotto la soglia 1, sul controllo delle nuove varianti piu’ minacciose. Ad alimentare le speranze ci sono del resto i risultati della prima ricerca nazionale britannica a vasto raggio, condotta sull’intera popolazione della Scozia comparando le persone gia’ vaccinate e quelle in attesa. Risultati che attestano un’efficacia “spettacolare” dei sieri gia’ dopo la prima dose, nelle parole del professor Aziz Sheikh, dell’universita’ di Edimburgo, fino a una riduzione dell’85% dei ricoveri in ospedale con il vaccino Pfizer/BioNTech e addirittura del 94% con AstraZeneca/Oxford. In barba ai dubbi di tante cassandre.

Advertisement

Corona Virus

Covid, morta una bambina di 11 anni: la famiglia non era vaccinata

Avatar

Pubblicato

del

Sarebbe stata infettata dalla sorella, al rientro da un viaggio in Spagna, la bambina di 11 anni morta nell’ospedale Di Cristina di Palermo per i postumi di un’infezione da variante Delta da Coronavirus. La famiglia non era vaccinata ed era risultata positiva. Il particolare era stato rivelato dopo il ricovero dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che aveva parlato di “no vax”, anche per ribadire l’importanza della somministrazione del vaccino per attenuare gli effetti del virus soprattutto nei pazienti fragili. La piccola soffriva di una malattia metabolica rara e, secondo i medici, la variante Delta Covid, che e’ fortemente contagiosa, sarebbe stata determinante nell’aggravare il quadro clinico della piccola che era gia’ molto delicato. Migliorano invece le condizioni di salute del bambino di due mesi, anche lui positivo al Covid, ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Cervello di Palermo. Sulla vicenda dell’undicenne e’ tornato il governatore Musumeci che si e’ detto “vicino, come padre e come presidente, alla famiglia della piccola, che vive il dolore piu’ grande”. “Ogni qualvolta il Covid spegne una vita – ha aggiunto – e’ una sconfitta per tutti. E non c’e’ consolazione, da parte nostra, nella consapevolezza di aver fatto tutto quanto nelle nostre possibilita’ per evitarlo. Solo il buon Dio potra’ dare la forza necessaria ai genitori per andare avanti. Oggi e’ momento di silenzio e di dolore”. Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha sottolineato che “la pandemia continua a mietere vittime” e che “in questo momento difficile” si “stringe alla sofferenza dei familiari ai quali va il mio piu’ sentito cordoglio”. Il parlamentare del Pd Davide Faraone ha invitato tutti a rispettare “il silenzio per questo lutto”, ma non a “restare zitti invece contro chi, ancora oggi, nega il Covid, liscia il pelo ai negazionisti e si scaglia contro i vaccini e il green pass”. “Tutti i componenti della famiglia non erano vaccinati – ha scritto su Facebook – non so se fossero no vax, come riportano i quotidiani, so solo che non si puo’ restare indifferente a questa tragedia, ancor di piu’ quando da giorni i riflettori si sono accesi sulle manifestazioni no vax e no pass”.

Continua a leggere

Corona Virus

Covid, ecco perché i bambini si ammalano molto meno

Lo hanno scoperto i ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate di Napoli, studiando i meccanismi di attacco del virus all’interno delle prime vie respiratorie in soggetti di età inferiore o superiore ai 20 anni

Avatar

Pubblicato

del

Fin dall’inizio della pandemia medici e ricercatori si sono interrogati riguardo i motivi della differente espressività clinica dell’infezione da SARS-CoV-2 in età pediatrica.  I bambini ed i giovani di età inferiore ai 20 anni hanno infatti una suscettibilità a contrarre l’infezione pari a circa la metà rispetto agli adulti e, oltre ad essere molto spesso asintomatici, presentano quadri clinici comunque molto meno severi (e più spesso a carico del tratto gastrointestinale) con una prognosi nettamente migliore ed una letalità decisamente inferiore rispetto agli adulti.

Il gruppo di ricercatori coordinati da Roberto Berni Canani, professore di Pediatria dell’Ateneo Federico II e Principal Investigator delCEINGE-Biotecnologie Avanzate, ha finalmente svelato la causa di queste differenze.  

Gli studiosi hanno analizzato i campioni biologici ottenuti dalle alte vie del respiro e dall’intestino (le due principali vie di ingresso del Coronavirus nel nostro organismo) di bambini e adulti sani ed hannodimostrato che una molecola, denominata Neuropilina 1, nel tessuto epiteliale nasale dei bambini è molto meno espressa.  Si tratta di un recettore in grado di potenziare l’entrata del virus SARS-CoV2 nelle cellule e la diffusione nell’organismo. La Neuropilina1 ha un ruolo cruciale nel consentire l’attacco al recettore ACE-2 con cui la proteina spike del Coronavirus si lega per entrare nelle cellule dell’ospite.

Lo studio, che sarà pubblicato sul prossimo numero della prestigiosa rivista Frontiers in Pediatrics*, è frutto di una collaborazione tra gruppi di ricerca operanti presso il CEINGEBiotecnologie Avanzate e guidati rispettivamente da Roberto Berni Canani (tra l’altro membro della Task Force per gli studi del Microbioma dell’Università di Napoli Federico II) e Giuseppe Castaldo (professore dell’Università Federico II, Principal Investigator e coordinatore della Diagnostica CEINGE), con i gruppi di ricerca dell’Università degli Studi Federico II, guidati da Elena Cantone e Nicola Gennarelli e dell’Università Vanvitelli, guidati da Caterina Strisciuglio.

Abbiamo identificato un importante fattore in grado di conferire protezione contro SARS-CoV-2 nei bambini – afferma Roberto Berni Canani – che si aggiunge ad altri fattori immunologici che stiamo studiando. La definizione di questi co-fattori sarà molto utile per la creazione di nuove strategie per la prevenzione ed il trattamento del COVID-19”.

Continua a leggere

Corona Virus

Covid, ultimo appello di Grimaldi a Speranza: coinvolgete i nostri medici nella revisione dei protocolli di cura Covid

Avatar

Pubblicato

del

L’Unione per le Cure, i Diritti e le Libertà, associazione di cittadini a sostegno del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, in occasione della consegna al Ministro della Salute, Roberto Speranza delle quasi 30 mila sottoscrizioni di cittadini alla petizione per ottenere l’adozione dello schema terapeutico del comitato nelle linee guida del Ministero della Salute e per ottenere la partecipazione dei medici che hanno agito sul campo ai tavoli di lavoro per la revisione dei protocolli di cura domiciliare precoce, ha incontrato alcuni dirigenti del Ministero della Salute, in particolare della direzione generale di prevenzione e dell’ufficio di gabinetto.

 

    
Il Presidente Ucdl Erich Grimaldi ha relazionato i dirigenti circa il lavoro dei medici che da oltre sedici mesi assistono i malati covidutilizzando uno schema terapeutico diverso da quello licenziato dal Ministero e chiesto ancora una volta di coinvolgerli nella strenua battaglia al Covid.

A sostenere le istanze di Ucdl, all’ingresso del Ministero sono arrivati migliaia di cittadini, alcuni di loro guariti dal Covid grazie al lavoro dei medici del Comitato Cura Domiciliare Covid-19.

Sempre per sostenere la battaglia per le cure precoci e domiciliari, è intervenuta spontaneamente, a seguito dell’invito rivolto a tutte le forze politiche, anche l’onorevole Giorgia Meloni, la quale si è detta stupita del mancato dialogo con coloro che hanno lavorato senza sosta e come volontari per supportare la cittadinanza a partire dalla prima ondata.

 

“Abbiamo spiegato ai dirigenti ministeriali quanto sia importante il lavoro svolto sul territorio dai nostri medici”, ha spiegato il presidente Erich Grimaldi, “il nostro Consiglio Scientifico consegnerà al Ministero una relazione dettagliata entro le prossime 48 ore, e poi torneremo negli uffici ministeriali la prossima settimana, mi auguro per avviare finalmente la collaborazione tra il Dipartimento di Prevenzione e i medici del Comitato, fino ad oggi impedita senza una comprensibile ragione”.

“Quanto accaduto oggi lo dobbiamo a tutti i medici, ai volontari e soprattutto al presidente Grimaldi che non ha mai mollato”, ha dichiarato Valentina Rigano, portavoce Ucdl, “veder riconosciuto il lavoro di oltre un anno sarebbe una vittoria per tutti i cittadiniitaliani oltre che dare seguito al voto del Senato dello scorso 8 aprile”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto