Collegati con noi

Sport

In serie A la vittoria del Napoli sul Milan consegna all’Inter lo scettro di campione d’inverno

Pubblicato

del

Il Napoli dopo due sconfitte di fila e nonostante le tante assenze fa sua la gara piu’ importante, il big match della 18/a giornata a San Siro, battendo 1-0 il Milan e raggiungendolo al secondo posto a quota 39 punti. Un risultato che laurea l’Inter campione d’inverno con un turno di anticipo, lanciandola verso una possibile fuga mentre i rivali non riescono a tenere il suo passo, diventato imperioso. La gara del Meazza e’ stata indirizzata dalla rete al 5′ di Elmas, bravo a eludere di testa su corner la difesa rossonera, col Milan incapace di far male ad una difesa azzurra ben organizzata. Sterili i rossoneri anche nell’assalto finale, ma fara’ discutere l’annullamento della rete di Kessie’ al 44′ per fuorigioco di Giroud. Il risultato rafforza i propositi dell’Inter di cercare il bis scudetto: sostituendo Conte con Inzaghi il prodotto non cambia. Il risultato di ieri Bergamo riapre invece una corsa Champions che sembrava quasi in archivio. L’Atalanta, in affanno in casa, sprofonda con la migliore Roma di Mourinho e i giallorossi, insieme alla Juve di Allegri, arpionano al quinto posto la Fiorentina frenata dal Sassuolo. Mourinho ed Allegri riaffiorano e promettono battaglia nel girone di ritorno. Si puo’ aggregare alla rincorsa la Lazio di Sarri se riuscira’ ad assestare i reparti e ad arginare le conflittualita’ latenti tra giocatori, club e tifo. La Fiorentina sciupa l’occasione di restare da sola al quinto posto pareggiando in rimonta col solido Sassuolo, al sesto risultato utile consecutivo, in una gara vibrante ed equilibrata. Solo il Torino vince nella altre gare della domenica pomeriggio, battendo 1-0 e scavalcando il Verona, mentre si chiudono 1-1 Spezia-Empoli e Samp-Venezia, un piccolo passetto in avanti per tutte. La Fiorentina di Italiano si fa sorprendere nel primo tempo dalle ripartenze del Sassuolo che si difende bene dalle incursioni viola che sciupano molto anche per i tempestivi interventi di Consigli. Scamacca e Frattesi in pochi minuti colpiscono duro, ma i viole nella ripresa si rimboccano le maniche e riprendono la gara con Vlahovic e Torreira. Il sorpasso sembra dietro l’angolo ma Biraghi si fa espellere, Italiano sostituisce Vlahovic che non la prende bene. La partita torna in equilibrio con possibilita’ ben distribuite. E’ il primo pari della Fiorentina in stagione e la gara regala le emozioni di due bomber di razza: Vlahovic e’ alla sesta gara con gol, guida la classifica marcatori con 16 reti, eguaglia con 33 reti il record nell’anno solare di Ronaldo nel 2020. Nel Sassuolo brilla ancora Scamacca, gigante agile che si libera come pochi e scarica conclusioni violente alla Bobo Vieri: e’ al sesto gol stagionale e si fonde sempre meglio con l’altro emergente Raspadori. Due sciagurate autoreti disegnano il pari tra Spezia ed Empoli, risultato che accontenta entrambe ma non le esalta. E’ il male minore. I liguri non approfittano del ko delle tre che seguono in classifica ma si portano a +3 dalla zona retrocessione. I toscani frenano dopo la vittoria di Napoli e si rifanno scavalcare dalla Lazio. Prima Marchizza e poi Nikolaou infilano il proprio portiere nel goffo tentativo di respingere, poi l’Empoli reclama il rigore per un tiro di Cutrone deviato da Amian in maniera scomposta. Ma alla moviola l’arbitro constata che e’ petto. E’ l’Empoli poi che va piu’ vicino al successo ma il pari non cambia. Il Torino fa tesoro della rete di Pobega nel primo tempo e resiste al finale aggressivo dell’Hellas, peraltro rimasto in 10 gia’ dal 15′ pt. Per i granata, il successo, secondo consecutivo, vale il decimo posto. Il Venezia festeggia il gol in extremis di Henry che equilibra quello segnato al 1′ da Gabbiadini e avvicina i liguri, che dopo il successo nel derby contavano su una nuova vittoria per allontanarsi dai bassifondi.

Advertisement

In Evidenza

Calcio, paura per il giallorosso N’Dicka: malore in campo, sospesa Udinese – Roma

Pubblicato

del

Una serata di calcio a Udine si è trasformata in un momento di paura e apprensione quando Evan N’Dicka, difensore della Roma, è improvvisamente collassato in campo durante il secondo tempo della partita contro l’Udinese. Il giocatore è stato soccorso immediatamente dai medici e portato fuori dal campo su una barella, mentre la partita è stata sospesa inizialmente per due minuti per verificare le sue condizioni. Successivamente l’incontro è stato definitivamente rinviato.

Secondo le prime informazioni, N’Dicka avrebbe avvertito un forte dolore al petto prima di crollare. Tuttavia, il giocatore ha fatto il segno dell’ok verso la panchina mentre veniva trasportato via, indicando che era cosciente. Nonostante ciò, la partita è stata momentaneamente interrotta in attesa che i medici potessero valutare la situazione in modo più approfondito.

Il tecnico della Roma, Daniele De Rossi, insieme al capitano Gianluca Mancini, si è recato negli spogliatoi per monitorare la situazione e dopo qualche minuto sono tornati in campo per comunicare che N’Dicka stava bene. Tuttavia, la gara è rimasta sospesa in attesa di ulteriori aggiornamenti sulla condizione del giocatore.

Fonti del club giallorosso hanno confermato che N’Dicka è rimasto cosciente dopo il malore e che è stato trasferito in ospedale per ulteriori accertamenti.

Daniele De Rossi ha riunito la squadra in cerchio per decidere il da farsi e ha successivamente comunicato all’arbitro e al tecnico dell’Udinese che la Roma non si sentiva in grado di continuare la partita. L’Udinese ha accettato la decisione e la partita è stata ufficialmente sospesa, mentre il capitano Lorenzo Pellegrini si è rivolto ai tifosi per spiegare l’accaduto.

Questa tragica serie di eventi ha messo in evidenza l’importanza della salute e del benessere dei giocatori, oltre alla solidarietà e alla compassione nel mondo del calcio. Mentre tutti sperano in una pronta guarigione per Evan N’Dicka, questo episodio servirà da richiamo per l’importanza di prestare sempre attenzione alla salute di coloro che partecipano al mondo dello sport.

Continua a leggere

Sport

Spalletti al ‘Maradona’, applausi e lacrime di gioia: era la prima volta dopo scudetto

Pubblicato

del

Il commissario tecnico della nazionale Luciano Spalletti torna al ‘Maradona’ per la prima volta dopo la straordinaria stagione alla guida del Napoli culminata con lo scudetto conquistato al termine dello scorso campionato. Spalletti è oggi ospite nella tribuna dell’impianto di Fuorigrotta dove assiste alla partita Napoli-Frosinone. Dopo vittoria dello scudetto il ct azzurro non era mai più tornato a Napoli per assistere a una gara della sua ex squadra.

Momenti di commozione per Spalletti allo stadio Maradona. Il ct della nazionale per la prima volta dal ‘divorzio’ e’ tornato a seguire da spettatore interessato la sua ex squadra, ha ricevuto un caldissimo saluto da parte di tutto il pubblico. L’allenatore ha salutato per ringraziare i tifosi, ma poi non è riuscito a trattenere le lacrime prima di lasciarsi andare ad un grandissimo sorriso.

Continua a leggere

Sport

I tifosi del Napoli contestano duramente gli azzurri e De Laurentiis

Pubblicato

del

Finisce con una durissima contestazione ai giocatori del Napoli la partita pareggiata con il Frosinone. Al termine della gara, nonostante che già al fischio finale dell’arbitro Fabbri e prima ancora sul finire della gara bordate di fischi si fossero levate verso gli azzurri, i calciatori sono andati verso una delle curve per salutare il pubblico.

A questo punto i fischi si sono fatti ancora più intensi e sono partiti i cori di disapprovazione da parte dei tifosi. “Andate a lavorare” e “Meritiamo di più” sono soltanto alcuni degli slogan utilizzati in coro del pubblico.

Durissima anche la contestazione nei confronti della società e in particolare del presidente De Laurentiis, preso di mira durante buona parte del secondo tempo. Sugli spalti del ‘Maradona’ erano presenti 50 mila spettatori che avevano sperato di sostenere la squadra e di assistere a una vittoria che rilanciasse il Napoli nella corsa verso la qualificazione a uno dei tornei d’Europa della prossima stagione.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto