Collegati con noi

Sport

Il Comandante Sarri è dentro il Palazzo, ora vediamo se lo cambia o se sará lui a cambiare

Avatar

Pubblicato

del

Scendete in piazza, bruciate gli abbonamenti, non pezzottate le card Sky e il canone pagatelo solo per il pacchetto cinema e cartoni per i bambini. Alla fine di tutto, il “Comandante” al Palazzo ci è arrivato, ora bisogna vedere se cambia lui o cambia il palazzo.

L’ultimo post “sparato” nell’etere dalla pagina Fb che si ispira a Sarri, profeta del comunismo e della libertà applicata al calcio, affare capitalista (e spesso mafioso) per eccellenza

 

Dalla macchinetta contasoldi di una filiale di banca, dove computava i soldi per altri, ora li valuta per se. Da Bagnoli, quartiere operaio, passando per la rossa Figline è riuscito in poco tempo ad arrivare al Palazzo, dove tutti quelli che ci sono stati c’erano arrivati per bravura, talento e preparazione (alcuni) ma tanti soltanto per servilismo, paraculaggine o perché sopravalutati dalla stampa e dagli speculatori.  Ora sulla panchina dei senza colore c’è lui, che forse darà voce a tanti che nel corso di questi ultimi anni hanno dovuto far silenzio. Un silenzio imposto dalla prepotenza che si è impadronita di quello che alla fine resta un semplice sport.

Tanti in questi anni, ai quattro angoli del pianeta, non la pensavano come quelli che dagli spalti gridavano a squarciagola “NEGRO” o inneggiavano al Vesuvio per una calda lavata ai napoletani e ai meridionali in generale e mai hanno avuto spazio sui media o negli stadi. Lui è arrivato dove altri hanno pensato che doveva esser fatta giustamente solo tabula rasa.

Tanti dicono oggi che si sia venduto e abbia venduto i suoi valori, ma se siamo cosi sicuri che una svendita ci sia stata, allora ragionevolmente non dovremo far lavorare il comandante inscenando proteste e blocchi e scontri e barricate, come non avremmo dovuto far lavorare tanti governi che sappiamo bene dove ci hanno portato e dove ci porteranno. E’ questo tipo di diversità di valutazione che mi ha sempre sconcertato e fatto pensare che alla fine chi a gran voce reclama l’etica, forse eticamente non si comporta in maniera etica. Per ora il vincitore è lui, per ha vinto l’Europa League al primo anno su una panchina difficile in un paese straniero. L’ha vinta lui.

Per ora nel Palazzo ci è entrato lui, vedremo se lo cambierà. Magari ritirerá la squadra al primo “sporco Negro” o Vesuvio lavali col fuoco” che ululeranno le bestie dagli spalti, oppure quando gli chiederanno quanti scudetti hs vinto la squadra che allena. Per ora il gioco è suo. Tutto il resto sono chiacchiere.

Fotogiornalista da 35 anni, collabora con i maggiori quotidiani e periodici italiani. Ha raccontato con le immagini la caduta del muro di Berlino, Albania, Nicaragua, Palestina, Iraq, Libano, Israele, Afghanistan e Kosovo e tutti i maggiori eventi sul suolo nazionale lavorando per agenzie prestigiose come la Reuters e l’ Agence France Presse, Fondatore nel 1991 della agenzia Controluce, oggi è socio fondatore di KONTROLAB Service, una delle piu’ accreditate associazioni fotografi professionisti del panorama editoriale nazionale e internazionale, attiva in tutto il Sud Italia e presente sulla piattaforma GETTY IMAGES. Docente a contratto presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli., ha corsi anche presso la Scuola di Giornalismo dell’ Università Suor Orsola Benincasa e presso l’Istituto ILAS di Napoli. Attualmente oltre alle curatele di mostre fotografiche e l’organizzazione di convegni sulla fotografia è attivo nelle riprese fotografiche inerenti i backstage di importanti mostre d’arte tra le quali gli “Ospiti illustri” di Gallerie d’Italia/Palazzo Zevallos, Leonardo, Picasso, Antonello da Messina, Robert Mapplethorpe “Coreografia per una mostra” al Museo Madre di Napoli, Diario Persiano e Evidence, documentate per l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, rispettivamente alla Castiglia di Saluzzo e Castel Sant’Elmo a Napoli. Cura le rubriche Galleria e Pixel del quotidiano on-line Juorno.it E’ stato tra i vincitori del Nikon Photo Contest International. Ha pubblicato su tutti i maggiori quotidiani e magazines del mondo, ha all’attivo diverse pubblicazioni editoriali collettive e due libri personali, “Chetor Asti? “, dove racconta il desiderio di normalità delle popolazioni afghane in balia delle guerre e “IMMAGINI RITUALI. Penitenza e Passioni: scorci del sud Italia” che esplora le tradizioni della settimana Santa, primo volume di una ricerca sui riti tradizionali dell’Italia meridionale e insulare.

Advertisement

Sport

A Motegi la pole position 90 per Marquez

Avatar

Pubblicato

del

Novanta pole position in carriera. Marc Marquez, a soli 26 anni, ha raggiunto oggi a Motegi, togliendosi la soddisfazione di eliminare uno dei pochi vuoti dal suo curriculum, visto che sul circuito di casa della sua Honda non si era mai preso questa soddisfazione nella classe MotoGp. Appena laureatosi campione del mondo per l’ottava volta, lo spagnolo non ha rinunciato ad attaccare anche su una pista insidiosa per la pioggia caduta in precedenza, chiudendo il giro migliore in 1’45”763. Solo altri due piloti, portacolori della Yamaha Srt, sono riusciti a stare sotto il muro dell’1’46”, Franco Morbidelli (+132 millesimi su Marquez) e Fabio Quartararo (+181), che partiranno entrambi in prima fila. Morbidelli a parte, e’ stata una qualifica non brillante per gli altri italiani, con Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci che partiranno dalla terza fila con la Ducati ufficiale col settimo e l’ottavo tempo (a oltre 6 decimi da Marquez), mentre Valentino Rossi, nonostante il cambio di stile di guida, non ha fatto meglio del decimo tempo, a quasi otto decimi.

Continua a leggere

In Evidenza

Zlatan Ibrahimovic pensa all’Italia e al Napoli “dove Ancelotti è un grande e io riempirei il San Paolo”

Avatar

Pubblicato

del

“Ho 38 anni e l’entusiasmo di un ragazzino, con la stessa voglia di vincere: questo, per me, è tutto”. Lo ha detto l’attaccante svedese Zlatan Ibrahimovic in un’intervista alla Gazzetta dello Sport, alla vigilia del via dei play-off della Mls. In caso di un ritorno in Italia, che non esclude perché “da voi ho vissuto momenti indimenticabili”, Ibra avrebbe già le idee chiare: “Vorrei andare in una squadra che punti allo scudetto, posso ancora fare la differenza. Non cerco chi mi dà fiducia solo perché sono Ibrahimovic. Non sono un animale da zoo che la gente va a vedere, posso ancora fare una ventina di gol a stagione”. Uno strappo lo farebbe, però, per Mihajlovic: “È un amico, se scegliessi Bologna lo farei solo per lui. Ci siamo sentiti”. Ibra non dà indicazioni ma lancia un indizio: “Dopo aver visto l’ultimo documentario su Maradona mi verrebbe quasi voglia di provare un’esperienza a Napoli, magari replicando ciò che fece Diego. Con me il San Paolo sarebbe sempre pieno e Ancelotti è un grande. Ma la decisione finale dipenderà da vari aspetti”. L’ex attaccante di Juve, Inter e Milan parla delle sue squadre italiane. “Conte? Non lo conosco personalmente, ma tutti dicono dia il 500% ogni giorno. In questo siamo uguali, ci saremmo trovati bene insieme: entrambi crediamo nel sacrificio, l’unica strada per il successo. L’Inter ha fatto un super colpo”. Poi sul Milan. “Questo Milan non è lo stesso che ha fatto innamorare migliaia di tifosi in Italia e nel mondo. È un disastro: molte parole, pochi fatti”. Sulla Juventus, la sua prima squadra italiana, non ha dubbi: “È la favorita per lo scudetto, ma la Champions è una cosa diversa e la vittoria non dipende dal potenziale. Prendete ad esempio il Psg: squadra superiore a tante, ma in Europa arranca”.

Continua a leggere

Sport

Football Leaks, il Telegraph: il manager Pino Pagliara parla di combine di una partita Manchester – Juventus con rolex donato a Ferguson

Avatar

Pubblicato

del

La questione è seria. Per ora è sui giornali inglesi, presto la leggerete anche sui media italiani. I pochissimi che già lo fanno, impiegano più tempo a parlare dell’inchiesta sul marcio che emergerebbe nel mondo del calcio inglese che delle implicazioni italiane.  Di certo Premier League e tutto il calcio inglese sono in subbuglio dopo un’inchiesta sulla corruzione del mondo del football britannico lanciata dal Telegraph quasi quattro anni fa, all’inizio del 2016.

Sam Allardyce. L’ex Ct della Nazionale inglese fu cacciato perchè coinvolto nella inchiesta giornalistica del Telegraph sulla corruzione nel mondo del calcio

Il primo a cadere nella rete della giornalista Claire Newell, che sotto copertura utilizzava lo pseudonimo di Claire Taylor, fu Sam Allardyce, che allora era il ct della Nazionale di Sua Maestà. Sam era (ed è) amato in patria. Fu avvicinato da finti uomini d’affari orientali ai quali, in cambio di 450mila euro e qualche viaggio di lusso, accettò di prestarsi a dare consigli su come aggirare le norme relative alle terze proprietà dei giocatori, una pratica vietata da anni tanto dalla FA quanto dall’Uefa.Che problema c’è? Disse Sam, senza sapere che il problema era nel registratore che i suoi interlocutori avevano acceso sotto il tavolo e che lo incastrò, costringendolo a ignominiose dimissioni. Fine della popolarità e della carriera, ma non dell’inchiesta, si disse allora, perché nella rete del Telegraph parevano essere caduti altri allenatori inglesi e alcuni club fuori dalla Premier League, in un intreccio che andava a legarsi addirittura a Football Leaks. Nell’ambito di questa stessa inchiesta giornalistica  dall’Inghilterra arriva un’altra notizia clamorosa. Si parla sempre di calcio, di grandi club e di corruzione. Il protagonista è  Pino Pagliara, agente-manager di 64 anni già coinvolto in vicende non sempre chiarissime nel mondo del calcio. Davanti ai giudici di Londra dove è in corso un processo per bustarelle che vede imputato Pagliara, è venuta fuori, è stata ascoltata una registrazione nella quale Pagliara tira in ballo addirittura sir Alex Ferguson, monument del calcio inglese.

Alex Ferguson e Antonio Conte. Sono i due allenatori che a vario titolo vengono tirati in ballo dalle accuse o millanterie di Pino Pagliara

Secondo il Daily Telegraph, l’agente italiano ha raccontato di una combine fra Manchester e Juventus per una partita di Champions dei tempi in cui lui collaborava con Luciano Moggi. Pagliara avrebbe suggellato l’accordo – così sostiene il Telegraph  –  ringraziando Ferguson a suo modo. Come? Un bel Rolex d’oro dal costo di circa 35 mila euro. Questo è quel che dice Pagliara. Prima domanda: un allenatore con un ingaggio da 10 milioni di euro l’anno (sono i dati del suo ultimo anno da allenatore, il 2012), si fa corrompere con un Rolex da poche decine di migliaia di euro? Vattelapesca, è un affare che dovrà dipanare la giustizia inglese. L’inchiesta del Telegraph di tre anni fa portò già alle dimissioni di Sam Allardyce da commissario tecnico della nazionale inglese. Spacciandosi per investitori asiatici, i reporter del Telegraph registrarono anche Pagliara a sua insaputa. E lui, disinvolto e senza limiti, si lasciò un po’ andare puntando il dito su Ferguson e su altri nomi famosi del calcio inglese, da Steve McClaren a Nwankwo Kanu, Harry Redknapp…

“Se c’è una cosa su cui posso sempre fare affidamento è l’avidità degli allenatori — sosteneva Pagliara in un incontro —. Pensavo che gli italiani fossero corrotti, ma qui in Inghilterra va ancora peggio. Si nasconde tutto sotto il tavolo… Non sai quanti mi chiamano dopo il trasferimento di un loro giocatore e mi chiedono: “Pino, c’è un caffè per me?”. Ho aperto tanti di quei conti correnti in Svizzera…”. In questo caso, Pino Pagliara chiama in causa anche Antonio Conte ai tempi in cui era tecnico del Chelsea.  Verità? Millanterie?

Alex Ferguson

Certo è che Pagliara non è esattamente un millantatore e non è manco nuovo a scandali sportivi. A Genova, per esempio, lo ricordano come l’uomo della valigetta. Nel 2005 trattava calciatori per conto del Venezia, all’epoca il dg della squadra lagunare che militava in B era Franco Dal Cin. Pino Pagliara  fu fermato in macchina dai carabinieri di Monza fuori degli uffici della Giochi Preziosi del patron del Genoa. Aveva 250 mila euro in contanti infilati in un sacchetto. Si parlò anche in quel caso di partita truccata, Genoa-Venezia, match decisivo per il ritorno nella massima serie della squadra della Lanterna, con quella lagunare già matematicamente retrocessa. Finì 3 a2 perirossoblù ma la festa durò poco. Ci furono condanne e squalifiche e il Genoa venne costretto dal giudice sportivo alla retrocessione in serie C. Per la Procura ligure i 250 mila euro avuti da Enrico Preziosi erano una parte del prezzo della combine, per lui era invece la prima tranche dell’acquisto di una calciatore del Venezia, Ruben Maldonado.  Ora Pino Pagliara parla di una presunta combine tra Manchester e Juventus e tocca sir Alex Ferguson. Un po’ troppo in Inghilterra, anche se potrebbe trattarsi di millanterie di pessimo gusto.  Perchè in Inghilterra si può davvero fare tutto, ma non toccare la Regina e Sir Alex Ferguson.

Continua a leggere

In rilievo