Collegati con noi

In Evidenza

I Mertens tornano a casa e stasera saranno al Maradona per Napoli-Liverpool

Pubblicato

del

Le piante stanno bene, la luna è splendida e il mare luccica: bentornati a casa Mertens! Intercettati all’aeroporto di Capodichino all’arrivo da Istanbul con un sorriso smagliante Dries Mertens e sua moglie Kat Kerkhofs con il piccolo Ciro. Il primo ritorno a casa, a Posillipo dopo la partenza un po’ traumatica da Napoli. La foto pubblicata da Kat su Instagram ha anche un cuore azzurro, il segno di un amore che non passa a dispetto del trasferimento in Turchia.

 

Chissà quanto riusciranno a stare qui, nella città che hanno scelto come punto di riferimento e che è anche il luogo dove è nato il piccolo Ciro Romeo, prima di tornare sulle rive del Bosforo, sul campo del Galatasaray. Del resto come non ricordare che tra i benefit offerti dalla società turca al calciatore ce ne è anche uno…emotivo: i biglietti d’aereo Istanbul-Napoli della Turkish Airlines … ovvero la consapevolezza da parte dei dirigenti del Galatasaray del grande amore di Ciro Mertens per la città partenopea.

La foto è di @lucacerchioneofc pubblicata sul suo profilo Instagram

Con ogni probabilità i Mertens questa sera saranno allo stadio Maradona per vedere Napoli-Liverpool e il cuore azzurro lascia pochi dubbi sul loro tifo. Ed incontreranno altre vecchie conoscenze dei napoletani perchè allo stadio in veste di commentatori per Amazon Prime ci saranno anche Fabio Cannavaro e Pocho Lavezzi che a Napoli è già da qualche giorno ed ha incontrato i suoi amici , la Jena Clementino e Joseph Capriati che ha avuto il merito di portarlo già a Napoli quest’estate.

 

Advertisement

Esteri

Kiev, Mosca verso nuovo esercito privato ‘anti-Wagner’

Pubblicato

del

Mosca ha nominato un nuovo “guardiano” per le carceri in Russia e nei territori dell’Ucraina occupati con il compito di creare una nuova “compagnia militare privata” per cercare di contrastare il monopolio detenuto in questo settore da Evgenij Viktorovic Prigozhin, proprietario del Gruppo Wagner, de facto l’esercito privato (PMC) di Putin. Lo riferisce l’Odessa Journal. Secondo il capo dell’intelligence della Difesa ucraina, un criminale di Horlivka vicino alla famiglia dell’ex presidente fuggitivo Viktor Yanukovych – Armen Sarkisyan – è diventato la nuova “guardia” per le carceri della Federazione Russa e dei territori ucraini occupati. L’Odessa Journal ricorda che Sarkisyan è sulla lista dei ricercati ucraini come uno degli organizzatori degli omicidi di Maidan (gli ucraini definiscono “Cento eroi celesti” i connazionali che hanno perso la vita durante le proteste antigovernative nel 2013-14). “Uno degli scopi principali della sua attività è la creazione di una nuova ‘compagnia militare privata’ – scrive l’intelligence della Difesa ucraina -. Si ipotizza che entro un tempo limitato la nuova struttura recluterà un numero significativo di ‘reclute'”. Il modello del progetto dovrebbe essere il famigerato Gruppo Wagner e le nuove forze saranno reclutate nelle carceri. Il “progetto”, commenta l’intelligence, dovrebbe rafforzare il contingente di occupazione e creare concorrenza interna tra gli eserciti privati russi. Il nuovo PMC è stato sponsorizzato dall’uomo d’affari russo-armeno Samvel Karapetyan, fedele di Putin di origine armena, uno degli sponsor dell’invasione russa in Ucraina. I servizi d’intelligence di Kiev commentano infine che una “nuova struttura è un tentativo di contrastare l’effettivo monopolio di Evgenij Viktorovic Prigozhin nel campo delle PMC in Russia”.

Continua a leggere

Esteri

Kiev, russi si preparano a lasciare centrale Zaporizhzhia

Pubblicato

del

 Secondo il presidente dell’agenzia nucleare ucraina Energoatom Petr Kotin ci sarebbero segnali che l’esercito russo si starebbe preparando a lasciare la centrale nucleare di Zaporizhzhia: “Nelle ultime settimane abbiamo effettivamente avuto informazioni secondo cui ci sono segnali che i russi potrebbero lasciare la centrale di Zaporizhzhia”, ha detto alla tv nazionale, citato da Ukrainska Pravda. Kotin ha sottolineato che “è troppo presto per dire che l’esercito russo stia lasciando l’impianto”, ma si può dire che si stanno “preparando”, “c’è l’impressione che stiano facendo le valigie e rubando tutto quello che riescono a trovare”.

Kotin ha anche sottolineato che “sulla stampa russa viene indicato che potrebbe valere la pena di abbandonare la centrale di Zaporìzhzhia e di porla sotto il controllo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea)”. Il presidente di Energoatom infine ha ricordato che i russi “hanno stipato tutto quello che potevano nell’impianto di Zaporizhzhia: attrezzature militari, il personale, camion, probabilmente con armi ed esplosivi” e hanno messo trappole esplosive nel territorio della centrale.

Continua a leggere

Esteri

Madri dei soldati russi lanciano petizione contro la guerra

Pubblicato

del

Un gruppo di madri di soldati russi si è unito ad un gruppo di attiviste per chiedere il ritiro delle truppe di Mosca dall’Ucraina, lanciando domenica una petizione online. lo riporta la Cnn. La campagna, organizzata dal gruppo russo Resistenza femminista contro la guerra, coincide con la festa della mamma che si celebra oggi in Russia. La petizione è pubblicata su Change.org e indirizzata ai parlamentari delle commissioni competenti della Duma e del Consiglio della Federazione. La petizione aveva oltre 1.800 firme alle 16.30 italiane. “Da nove mesi va avanti la cosiddetta ‘operazione militare speciale’, che porta distruzione, dolore, sangue e lacrime”, si legge nella petizione. “Tutto ciò che accade in Ucraina e in Russia preoccupa i nostri cuori. Indipendentemente da nazionalità, religione o stato sociale, noi – le madri della Russia – siamo unite da un desiderio: vivere in pace e armonia, crescere i nostri figli in un ambiente pacifico e non aver paura per il loro futuro”. “In molte regioni le famiglie dei mobilitati hanno dovuto provvedere autonomamente alla raccolta dell’equipaggiamento per i propri uomini da mandare a morire, comprando tutto a proprie spese, anche i giubbotti antiproiettile. Chi provvederà alle famiglie che hanno perso i loro capifamiglia? Conosciamo la risposta. Tutte queste difficoltà saranno un peso aggiuntivo sulle spalle già sovraccariche delle madri!”, continua la petizione. L’iniziativa descrive le madri dei coscritti e dei soldati mobilitati come “costrette a bussare alle soglie delle amministrazioni cittadine” per tentare di riportare a casa i loro uomini. Organizzano sit-in, scrivono appelli collettivi, depositano petizioni, ma “nessuno le ascolta”. “Siamo contrarie alla partecipazione dei nostri figli, fratelli, mariti, padri. Il vostro dovere è proteggere i diritti e le libertà delle madri e dei bambini, non dovresti chiudere un occhio davanti a tutto questo”, si legge nella petizione.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto