Collegati con noi

Ambiente

Greta con 100 esperti per The Climate Book

Pubblicato

del

Sara’ in libreria il 27 ottobre 2022 nel Regno Unito ‘The Climate Book’ , a cura di Greta Thunberg. Ad annunciare la pubblicazione Allen Lane, Penguin Press. In Italia il libro sara’ pubblicato da Mondadori a novembre 2022. Nel libro la Thunberg ha riunito un parterre senza precedenti di piu’ di 100 autorevoli esperti, attivisti e comunicatori sulla destabilizzazione climatica contemporanea, in modo da fornire anche a tutti noi quel sapere. A insigni scienziati del calibro di Johan Rockstroem, Michael Mann, Katherine Hayhoe, Friedrike Otto, Stefan Rahmstorf, Saleemul Huq e Carlos Nobre si affiancano luminari come Thomas Piketty, Tedros Adhanom Ghebreyesus, Naomi Klein e Amitav Ghosh. “Questa e’ la storia piu’ grande del mondo, e bisogna raccontarla in lungo e in largo, fin dove arrivera’ la nostra voce, e ancora piu’ lontano. Ecco perche’ ho deciso di sfruttare la mia piattaforma per dar vita a questo libro che si basa sulla migliore scienza a nostra disposizione ad oggi: un libro che parla della crisi climatica, ecologica e della sostenibilita’ con un approccio olistico. Perche’ la crisi climatica e’, ovviamente, solo un sintomo di una ben piu’ ampia crisi della sostenibilita’. La mia speranza e’ che questo libro possa essere una sorta di riferimento imprescindibile per comprendere tali crisi, distinte ma altresi’ intimamente interconnesse” dice la Thunberg che con i suoi discorsi ha scosso il mondo. Con ‘The Climate Book’ ha creato uno strumento essenziale per chiunque voglia contribuire a salvarlo. Il libro offre una panoramica globale su come le molte crisi del pianeta si colleghino tra loro, raccontando la verita’ nuda e cruda sul come e il perche’ il nostro mondo sta cambiando. Geofisici ed esperti di salute, oceanografi e meteorologi, ingegneri e leader indigeni, economisti, psicologi e filosofi hanno usato le loro competenze e la loro esperienza in prima linea per sviluppare una comprensione profonda delle crisi con cui siamo chiamati a misurarci. Dalla fusione delle calotte di ghiaccio al tema della sovranita’ delle popolazioni indigene, dal fast fashion al futuro del cibo e alla piu’ ampia crisi della sostenibilita’, le loro testimonianze sono qui presentate come storie avvincenti di cambiamento, azione e resilienza, amplificate da efficaci grafici e fotografie. Insieme a loro, Greta condivide le sue personali storie di scoperta, dimostrazione e messa a nudo del greenwashing in tutto il mondo, rivelandoci fino a che punto siamo stati tenuti all’oscuro di cio’ che stava accadendo. Questo, ci dimostra, e’ uno dei nostri piu’ grandi problemi, ma anche la nostra piu’ grande fonte di speranza. A meno che non riusciamo a collegare tutti questi puntini, non troveremo soluzioni sostenibili alla crisi climatica ed ecologica. Una volta che avremo tutti il quadro completo, saremo in grado di agire. Se lo sciopero di una studentessa e’ stato capace di accendere una protesta globale, cosa potremmo fare collettivamente, se solo ci provassimo? “Con The Climate Book Greta si e’ dimostrata una delle nuove scrittrici piu’ raffinate ed elettrizzanti che abbiamo. In una serie di contributi acuti, perspicaci e accalorati, che fanno da collante tra le varie parti del libro, condivide le proprie esperienze e le reazioni a cio’ che ha imparato. I passaggi sull’inerzia dei governi palesano in modo straordinario il greenwashing attuale, e il suo appello alla giustizia climatica non puo’ essere ignorato. Questo e’ un libro unico, che vive di un obiettivo morale e punta a cambiare per sempre il dibattito sul clima” dice Chloe Currens, editor, Penguin Press, Londra.

Advertisement

Ambiente

Neve fresca, attenti alle valanghe: i consigli dei Carabinieri

Pubblicato

del

Dal Centro Nazionale Meteomont arrivano i consigli per evitare di trovarsi coinvolti in valanghe in montagna: le recenti nevicate, scrivono i carabinieri, localmente ancora in corso ed associate a vento forte, determinano attualmente e per i prossimi giorni un ulteriore aumento del pericolo valanghe su tutti i settori alpini. Fortemente sconsigliate le uscite escursionistiche ed alpinistiche al di fuori delle piste battute e segnalate. Attendere qualche giorno dopo le perturbazioni affinchè il manto nevoso si stabilizzi. Pericolo moderato ma in diminuzione alle alte quote dei settori liguri, emiliani ed abruzzesi. Seguire attentamente l’evoluzione dei prossimi giorni anche attraverso l’app METEOMONT CARABINIERI. In dettaglio:

ALPI. Le diffuse ed abbondanti nevicate delle ultime 24 ore, localmente ancora in corso, associate con quelle dei giorni precedenti e con un forte vento, hanno determinato un ulteriore aumento del pericolo valanghe su tutti i settori alpini, con gradi diversificati a seconda delle cumulate registrate al suolo, delle quote e della posizione geografica. Dalle Alpi Marittime a quelle Lepontine, dalle Retiche alle Giulie, in generale, il grado di pericolo sale a FORTE 4 alle alte quote al di sopra dei 1700/1900 mslm, per problemi connessi principalmente alla NEVE FRESCA, localmente anche ai LASTRONI DA VENTO, mentre al di sotto di tali quote sale a MARCATO 3, per problemi connessi alla NEVE BAGNATA.

In generale, le uscite escursionistiche al di fuori delle piste battute e segnalate, sono sconsigliate alle alte quote delle Alpi. Attendere qualche giorno che il manto nevoso si stabilizzi. Fortemente limitate le attività a quote inferiori. Previste localmente in alta quota ulteriori nevicate nel corso della settimana. Seguire con attenzione l’evoluzione giornaliera e settimanale delle condizioni di stabilità del manto nevoso.

In alta quota il problema è legato alle nevicate in atto o più recenti, il cui sovraccarico progressivo prodotto sul manto nevoso preesistente è il fattore cruciale. Possibili valanghe di medie e, in taluni casi, di grandi dimensioni, a lastroni e a debole coesione asciutte, spontanee e provocate con debole sovraccarico, a tutte le esposizioni, per presenza di strati deboli nel manto nevoso e mancanza di coesione tra le particelle di precipitazione recenti. Pericolo presente durante le nevicate residuali ancora in corso e fino ad alcuni giorni dopo le nevicate. In caso di ulteriori nevicate pericolo stazionario. Avvertenze: fare attenzione ai cambiamenti minimali delle condizioni meteorologiche (es: il cambiamento dell’umidità e della temperatura dell’aria) che influenzano le condizioni della neve fresca. In alcuni casi il pericolo di caduta è più importante del pericolo di seppellimento. Attenzione ai pendii ripidi !

A quote inferiori il problema è legato all’indebolimento del manto nevoso per la presenza di acqua che si infiltra per fusione o per pioggia. Possibili valanghe di medie e, in taluni casi, anche di grandi dimensioni, a lastroni ed a debole coesione di neve bagnata, principalmente spontanee, a tutte le esposizioni (al di sotto dello zero termico o della quota limite della nevicata). Durata del pericolo da ore ad alcuni giorni, possibile una rapida perdita della stabilità. Avvertenze: l’inizio della pioggia, la formazione di pallottole e chiocciole di neve e piccole valanghe a lastroni bagnati o valanghe di neve bagnata a debole coesione sono precursori di un ciclo di valanghe spontanee a lastroni di neve bagnata. Un elevato sprofondamento dello scarpone è un altro segnale di progressivo inumidimento del manto nevoso. Valutare ed evitare le abituali zone di scorrimento ed accumulo delle valanghe di neve bagnata.

– APPENNINO, pericolo valanghe di grado MODERATO 2 alle alte quote dei settori LIGURI,  EMILIANO ed ABRUZZESE, per NEVE BAGNATA, ma in progressiva e rapida diminuzione. Da seguire con attenzione l’evoluzione sui settori liguri (Alpi ed Appennino) nel corso della settimana.

Per le necessarie ed indispensabili informazioni locali, di dettaglio e di approfondimento, da seguire con attenzione nel corso della settimana, nonché per interpretare con correttezza i termini, le simbologie, i problemi e le situazioni tipo sopra riportate ed indicate nei bollettini valanghe nel rispetto degli standard europei EAWS, si consiglia di consultare il sito e l’app METEOMONT CARABINIERI.

Continua a leggere

Ambiente

Le polveri sottili calate in 10 anni, ma non basta

Pubblicato

del

L’inquinamento da polveri sottili è sceso in Italia negli ultimi anni, ma non basta ancora. Le concentrazioni di Pm10 sono calate del 45% fra il 2013 e il 2022 (-2,1% annuo). Ma nel 2022 il valore limite giornaliero della normativa nazionale è stato sforato nel 20% delle giornate. E l’Italia è ancora lontana da rispettare i limiti delle polveri sottili raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità, l’Oms. Mentre scoppia l’emergenza inquinamento atmosferico in Lombardia, il 4/o Rapporto Ambiente del Snpa (Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente, la rete formata da Ispra nazionale e Arpa regionali) inquadra il problema nella sua prospettiva storica. Ma non solo. Lo studio fa anche una carrellata su tutte le principali questioni ambientali del paese. Nel 2022, è stato registrato un solo sforamento del limite annuale fissato dalle legge italiana per le Pm10: solo lo 0,2% dei casi. Ma il valore limite giornaliero è stato superato nel 20% delle giornate.

Il limite annuale di legge delle Pm2,5, le polveri più pericolose, è stato sforato solo in 4 stazioni dimonitoraggio, pari all’1,3% dei casi. Il 93% delle stazioni supera però i limiti annuali di Pm10 raccomandati dall’Oms, e il 99,7% quelle delle Pm2,5. Si tratta di limiti molto più severi rispetto a quelli delle normative italiane, e giudicati da alcuni esperti troppo ambiziosi. Il ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica Gilberto Pichetto, alla presentazione del rapporto a Roma ha commentato che contro l’emergenza smog “l’azione è sul fronte della decarbonizzazione, con la modernizzazione del sistema industriale e dei fabbricati. Dobbiamo andare avanti con l’efficientamento energetico e dei veicoli e con la modernizzazione del sistema agricolo”. “Questo è un percorso che non si risolve con un provvedimento immediato – ha proseguito Pichetto -. L’emergenza del giorno può essere combattuta con blocchi veicolari. Ma è un cerotto sul breve periodo”.

Sulle altre questioni ambientali, il Rapporto di Snpa ha rivelato che nell’ultimo anno il consumo di suolo in Italia è stato di oltre 21 ettari al giorno, 2,4 metri quadrati al secondo. Le emissioni di gas serra sono ripartite dopo la pandemia (+8,5% nel 2021), e l’inquinamento acustico è sceso appena dell’1,3% rispetto al 2013. In compenso, è in costante discesa la quantità di rifiuti smaltiti in discarica. Dal 63,1% del 2002 si è passati al 17,8% del 2022. La Campania è la regione che usa meno le discariche, il Veneto il campione in raccolta differenziata. Il 78% dei fiumi e il 69% dei laghi sono in stato chimico buono. In Italia è protetto il 21,7% dei suoli e l’11,2% dei mari. L’agricoltura biologica interessa il 18,7% della superficie agricola e il 7,3% delle aziende del settore.

Continua a leggere

Ambiente

A Napoli in pieno inverno come ad agosto, folla sulle spiagge

Pubblicato

del

In pieno inverno come ad agosto. Sulle spiagge di Napoli oggi in tanti erano in costume da bagno, qualcuno addirittura si è avventurato in acqua per un tuffo fuori stagione. La temperatura mite, tra i 17 e i 19 gradi, ha favorito, dal lungomare a Posillipo ma anche in costiera amalfitana l’afflusso di persone che hanno approfittato della bella giornata di sole. In molti hanno portato da casa le sdraio aperte sulle spiagge libere e organizzato un pic nic ma si registra il tutto esaurito anche nei lidi, sia per chi è rimasto in spiaggia sia per chi ha preferito consumare un pranzo con vista mare. Mare ideale anche per chi lo ha attraversato in canoa.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto