Collegati con noi

Sport

F1: aspettando Hamilton, la Rossa riparte col sorriso

Pubblicato

del

Ottimismo, sorrisi e la consapevolezza di poter essere almeno la seconda forza del Mondiale che sta per partire. In casa Ferrari è tornata la speranza di poter rivedere la luce in Formula 1 dopo un lungo periodo di buio dovuto non solo alla super Red Bull degli ultimi anni ma anche ad una carenza di prestazioni non all’altezza con il rango e il passato della scuderia Rossa dove il prossimo anno approderà il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton. Miglior tempo di Carlos Sainz nel day-2 dei test e miglior tempo di Charles Leclerc nella giornata conclusiva con la Ferrari la più veloce nel precampionato in Bahrein e anche la scuderia che ha percorso più chilometri a Sakhir (2257 in totale) trovando le risposte che i tecnici di Maranello cercavano.

“Usciamo da questo test soddisfatti del lavoro fatto, sia in termini di chilometraggio percorso, e alla conseguente mole di dati raccolti, che dal punto di vista della soddisfazione di Charles e Carlos – ha detto il team principal della Ferrari, Frederic Vasseur – sono stati tre giorni produttivi e privi di intoppi, che è ciò che prima di tutto si desidera dai test, specie quando è l’unico prima del via della stagione. Il nostro primo proposito era ottenere una SF-24 sincera nei comportamenti, poco sensibile al variare delle condizioni esterne e che risultasse facile da guidare”. Rispetto alla SF-23, la SF-24 si è rivelata sin da subito una vettura capace di mettere Charles Leclerc e Carlos Sainz nelle condizioni di poter tenere con costanza e facilità un ritmo sostenuto senza dover far fronte a cali improvvisi a livello di gestione delle gomme.

“Quest’anno abbiamo un feeling migliore con la macchina – ha detto il pilota monegasco della Ferrari – L’equilibrio è abbastanza costante, è molto più facile dunque sviluppare su questa base”. Un punto di partenza fondamentale per poter proseguire il piano di sviluppi in programma per aumentare il potenziale della SF-24.

“La vettura reagisce esattamente come vogliamo ma – aggiunge Leclerc – è difficile giudicare il nostro livello di competitività per il momento. Le sensazioni di certo sono migliori di un anno fa: ora non resta che concentrarci sul Gran Premio, non vedo l’ora di tornare in macchina la settimana prossima”. Uno sguardo alla stagione che sta partire ed uno al futuro con la grande novità di Hamilton al posto di Carlos Sainz il prossimo anno. E molti tifosi della Ferrari sono già proiettati con la mente al 2025. “Sono orgoglioso dei risultati ottenuti con la Mercedes – ha detto Hamilton a Sakhir surante i test – ma ho avuto la sensazione che fosse arrivato il momento di scrivere un nuovo capitolo. Come tutti i piloti ho guardato Michael Schumacher in gioventù, nel suo periodo di massimo splendore. Pensavo a come sarebbe stato guidare in rosso un giorno. Ho corso con Vasseur e abbiamo avuto un successo straordinario in F3 e anche in GP2 – ha ricordato il futuro pilota Ferrari – siamo sempre rimasti in contatto. Quando ha ottenuto il posto alla Ferrari, sono stato felicissimo per lui. Credo che le stelle si siano allineate e che non sarebbe successo senza di lui. Quindi gli sono molto grato e sono davvero entusiasta del lavoro che sta svolgendo”.

Advertisement

In Evidenza

La morte di Mattia Giani sul campo di calcio, l’accusa del giudice sportivo: l’ambulanza arrivò dopo 17 minuti

Pubblicato

del

Una tragedia ha colpito il mondo del calcio toscano con la morte del calciatore Mattia Giani durante una partita tra Lanciotto e Castelfiorentino. Il giudice sportivo della Figc – Lega Dilettanti toscana ha ora fornito una ricostruzione dettagliata degli eventi che hanno portato alla tragedia e delle decisioni conseguenti.

Secondo il giudice sportivo, l’ambulanza è arrivata allo stadio di Campi solo 17 minuti dopo che i soccorsi sono stati richiesti per Mattia Giani. Durante questo periodo, i soccorsi sono stati forniti da un massaggiatore ospite e da un medico presente in tribuna, che sembra che abbiano utilizzato un defibrillatore per tentare di rianimare il giocatore. Successivamente, una prima ambulanza è giunta sul posto e ha continuato le operazioni di soccorso con l’aiuto di altri volontari che sono arrivati con un’altra ambulanza pochi minuti dopo. Nonostante gli sforzi dei sanitari, il calciatore è stato dichiarato morto dopo il suo trasferimento in ospedale.

Il giudice sportivo ha ritenuto giustificata la sospensione della partita, che è stata interrotta al 14′ del primo tempo, a causa dell’inevitabile turbamento di giocatori e dirigenti causato dall’evento tragico. Inoltre, ha deciso che la parte restante della partita dovrà essere recuperata in un secondo momento.

La squadra Lanciotto è stata multata di 400 euro “per mancanza di ambulanza e/o medico”,  sanzione prevista per questa mancanza.

“Giova sottolineare – scrive ancora il giudice sportivo – come il rispetto del grave evento anche da parte della società Lanciotto Campi Bisenzio e dei componenti la terna arbitrale sia sintomo di grande osservanza dei valori della solidarietà e della correttezza sportiva”.

Continua a leggere

In Evidenza

Champions, il Real Madrid di Ancelotti batte il City ai rigori e vola in semifinale

Pubblicato

del

Il “re” di coppe piazza un altro colpo: il Real Madrid di Carlo Ancelotti raggiunge la semifinale di Champions League dopo una battaglia durissima contro il Manchester City di Pep Guardiola. Raggiunge così Del Bosque come il secondo allenatore del Real Madrid con più presenze in Champions.

Con uno spettacolare pareggio 3-3 nell’andata, i Blancos di Carlos Ancelotti si sono imposti dopo i rigori (5-4) nel ritorno dei quarti di finale all’Etihad Stadium. Nonostante un inizio frenetico, con il Real che si è portato in vantaggio al 12’ grazie a Rodrygo e il Manchester City che ha colpito la traversa con Haaland, il primo tempo si è chiuso sull’1-1, firmato da De Bruyne al 76’. Il ritmo del match è stato incandescente, con entrambe le squadre impegnate in rapidi scambi e azioni fulminee. Nonostante gli sforzi di entrambi i lati nei tempi regolamentari e supplementari, il risultato è rimasto invariato.

La partita è stata caratterizzata da un gioco tattico, con Pep Guardiola e Carlo Ancelotti che hanno orchestrato le loro mosse con maestria. Ma è stata la lotteria dei rigori a decretare il vincitore, con il Real Madrid che ha avuto la meglio, accedendo così alla semifinale per il quarto anno consecutivo. Ora, i Blancos si preparano ad affrontare il Bayern Monaco in un’altra sfida emozionante per un posto nella finale di Champions League.

Continua a leggere

Sport

Champions, il Bayern va in semifinale battendo l’Arsenal di misura

Pubblicato

del

Il Bayern Monaco si consola del campionato deludente conquistando l’accesso alla semifinale di Champions League dopo una vittoria cruciale sul campo dell’Arsenal. Con un risultato finale di 1-0 all’Allianz Arena nel ritorno dei quarti di finale, i bavaresi hanno dimostrato ancora una volta la loro forza e determinazione. Il momento decisivo è arrivato nella ripresa, quando Kimmich ha trovato la rete di testa su un preciso cross di Guerreiro al minuto 63’.

La partita è stata caratterizzata da un dominio del Bayern, che ha colpito due volte il palo nella stessa azione all’inizio della ripresa, con Goretzka e Guerreiro, mettendo a dura prova la difesa dell’Arsenal. Nonostante i tentativi dei Gunners di reagire grazie ad un ottimo Jorginho, il Bayern ha mantenuto saldamente il controllo del gioco e ha difeso con determinazione il proprio vantaggio fino al fischio finale.

Questo risultato segue il pareggio 2-2 nell’andata all’Emirates di Londra, confermando la superiorità complessiva del Bayern Monaco nella doppia sfida. Ora, i bavaresi si preparano ad affrontare la vincente tra Manchester City e Real Madrid nella semifinale.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto