Collegati con noi

Politica

Conte a Bruxelles dalla von der Leyen, patto su migranti e crescita

Pubblicato

del

Un patto con la nuova Europa su migranti e crescita, i due nodi piu’ spinosi su cui si gioca il futuro del governo giallorosso. Ottenuto il voto di fiducia dal Parlamento, Giuseppe Conte vola a Bruxelles nella sua prima visita all’estero dopo il bis, dove incassa parole di stima e amicizia dai leader delle istituzioni Ue e la disponibilita’ ad affrontare insieme le grandi sfide che l’Italia ha di fronte. In valigia il premier porta i dossier immigrazione e conti pubblici, ma anche la proposta di un ‘Patto con l’Europa’, per rendere l’Italia un Paese digitalizzato, verde e votato all’economia circolare, per una crescita sostenibile che “crei occupazione” e “riduca il debito”, in piena sintonia col programma della legislatura comunitaria nascente di Ursula von der Leyen. Contenuti che il premier mette sul tavolo degli incontri con i presidenti di Commissione e Consiglio europeo entranti ed uscenti – von der Leyen, Jean-Claude Juncker, Donald Tusk e Charles Michel, e con il leader dell’Eurocamera David Sassoli – ottenendo sostegno, a partire dalla questione degli sbarchi, che nell’era post-Salvini sono una delle questioni piu’ delicate sul tavolo dell’alleanza M5S-Pd. Se l’Unione vuole togliere terreno al sovranismo, indebolendo il cavallo di battaglia cavalcato per mietere consensi, serve che ora dia prova della sua volonta’ di essere davvero al fianco dell’Italia.

La posta in gioco e’ altissima. E Parigi e Berlino, che spingono per arrivare ad una soluzione sulla ripartizione dei migranti salvati in mare, lo sanno bene. A riprova arriva l’endorsement della portavoce del governo francese, Sibeth Ndiaye, alle parole di Conte sulla necessita’ di “superare il regolamento di Dublino” e di “rafforzare” Frontex, per accelerare sui rimpatri. “Ho avuto la massima disponibilita’ a trovare subito un accordo, ancorche’ temporaneo. Lo modificheremo, lo stabilizzeremo, ma dobbiamo uscire dai casi emergenziali affidati alla sola Italia”, spiega Conte, ora alle prese con la situazione della Ocean Viking. “Adesso dobbiamo definire un po’ i dettagli. Sicuramente l’Italia vuole che anche in questo meccanismo temporaneo ci sia sostanziale condivisione. In prospettiva, quando lo perfezioneremo, avremo probabilmente dei Paesi che saranno riluttanti. C’e’ consapevolezza pero’ che chi non partecipera’ ne risentira’ molto sul piano finanziario, in modo consistente. Se siamo in Europa tutti devono partecipare a meccanismi di redistribuzione – avverte – e quindi un meccanismo di solidarieta’ non puo’ essere disatteso, se non a grave prezzo”. I quattro dei Visegrad, Ungheria in testa, sono avvisati. Una presa di posizione che incassa, quasi in diretta, il plauso del segretario del Pd Nicola Zingaretti: “Bene Conte che ha posto con chiarezza il tema della riforma del regolamento di Dublino in Europa trovando la convergenza di Von der Leyen”. L’occasione per portare a casa un primo risultato sostanziale sulla ridistribuzione dei migranti sara’ tra fine settembre e ottobre, con il minisummit di Malta (a cui partecipano Francia, Germania, Italia, Malta, Finlandia e Commissione Ue) ed il Consiglio Affari Interni di Lussemburgo. E Bruxelles e’ pronta a dare tutto il suo “supporto finanziario e operativo”. Ma Conte all’Europa propone anche un “patto” sull’economia, chiedendo tempo, con l’obiettivo di “ridurre il debito” attraverso “una crescita ragionata e sostenibile”, tenendo “i conti in ordine”. L’idea e’ quella di “una stagione riformatrice” che percio’ “non si esaurisce in qualche mese”, per “rendere l’Italia digitalizzata, orientare il sistema industriale verso una green economy, e incrementare l’occupazione, ponendo “grande attenzione sul mezzogiorno”, con un “piano di intervento che sia nel segno della straordinarieta’”. Un piano che a Bruxelles piace, con Juncker che fa sapere: “L’Italia puo’ contare sulla solidarieta’ ed il sostegno della Commissione europea su tutta la linea”.

Advertisement

Politica

Mattarella a Piantedosi: mai manganelli sui ragazzi

Pubblicato

del

Le immagini dei ragazzini colpiti dagli agenti a Pisa hanno scosso anche Sergio Mattarella che, con una mossa irrituale, ha chiamato il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, per fargli presente, “trovandone condivisione”, che “l’autorevolezza delle Forze dell’ordine non si misura sui manganelli ma sulla capacità di assicurare sicurezza tutelando, al contempo, la libertà di manifestare pubblicamente opinioni”. “Con i ragazzi i manganelli esprimono un fallimento” è la chiusura della nota del capo dello Stato, una presa di posizione netta, in linea con l’opposizione che si è scagliata contro la gestione ‘muscolare’ delle manifestazioni mettendo sotto accusa il governo di centrodestra. La maggioranza non ci sta e respinge gli addebiti: “le forze dell’ordine non si toccano”, dice il ministro degli Esteri, Antonio Tajani. “La sinistra spalleggia i violenti”, fa eco FdI.

Lunedì, intanto, il ministro vedrà i leader sindacali, che hanno chiesto un incontro per salvaguardare il diritto a manifestare “che deve essere garantito a tutti”, ha sottolineato il segretario della Cgil, Maurizio Landini. Dal Viminale fanno notare che le parole di Mattarella sono state condivise dal ministro. Mercoledì scorso al question time alla Camera lui stesso aveva respinto “ogni suggestione che vi sia un disegno del Governo per reprimere il dissenso politico e che questo disegno sia eseguito dalle forze di polizia”. Assicurando che non ci sono state “indicazioni volte a cambiare le regole operative di gestione dell’ordine pubblico, da sempre improntate a cautela, equilibrio e professionalità, a prescindere dal colore politico del governo in carica”.

Ma, con il capo della Polizia, Vittorio Pisani, sono in corso riflessioni e verifiche su ciò che è andato storto nella gestione di alcune manifestazioni. Perchè quando schiacciati a terra o sotto i manganelli finiscono non i cosiddetti “professionisti del disordine”, ma studenti e studentesse minorenni inermi o madri che espongono bandiere – è successo sotto la sede Rai di Napoli nei giorni scorsi – qualcosa non ha funzionato. A livello preventivo ed anche poi operativo, con più di un agente che si è lasciato scappare il manganello. In casi analoghi capita che, calmate le acque, si sostituisce il questore. C’è tuttavia la possibilità di nuove direttive per scongiurare i ripetersi di situazioni analoghe, visto che le manifestazioni continueranno in tutta Italia e prevedibilmente con maggior frequenza. La lettura dell’opposizione è netta: è l’esecutivo Meloni che in nome del ‘law and order’ ha dato mandato a gestire senza troppi riguardi le manifestazioni. E le parole di Mattarella hanno rafforzato il convincimento.

Il capo dello Stato, spiega la segretaria dem Elly Schlein, “ha già detto tutto quello che c’era da dire. Quello che colpisce è il silenzio del governo e di Piantedosi. Meloni si esprima su quello che è successo ieri, con studenti minori bloccati a terra, e si esprima sulla gestione dell’ordine pubblico e su un clima di repressione che ha superato il limite”. ll leader del M5s Giuseppe Conte si rivolge direttamente alla premier Meloni: “il governo reprime il dissenso con i manganelli e tu sei rimasta silente senza proferire parola, ignorando le violente manganellate che ieri hanno provato a silenziare i giovani scesi pacificamente per le strade di Pisa e Firenze””. Matteo Renzi (Iv), invita il governo “a darsi una regolata sulle questioni di ordine pubblico”. Ora, afferma il segretario di SI, Nicola Fratoiani, “Piantedosi chieda scusa a quei ragazzi e a quelle ragazze”.

Esprime preoccupazione, poi, la Conferenza dei rettori: “il diritto a manifestare rappresenta una delle più importanti conquiste della storia della democrazia occidentale e come tale va garantito e preservato”. La maggioranza tira però dritto e ribalta le accuse. FdI “difende le regole democratiche di convivenza che si basano sul diritto di manifestare e il dovere di farlo pacificamente e nel rispetto della legge. La sinistra che spalleggia i violenti è la causa dei disordini ai quali abbiamo assistito”.

Per Tajani “se ci sono responsabilità per quello che è accaduto ieri il ministro valuterà e prenderà provvedimenti, ma le Forze dell’ordine non si toccano. Sono persone che difendono lo Stato con stipendi bassi, non sono figli di radical chic”. Anche il sottosegretario all’Interno leghista Nicola Molteni difende gli agenti, osservando che “chi scende in piazza pacificamente, senza insultare e senza pretendere di disobbedire a indicazioni di buonsenso, non ha nulla da temere”.

Continua a leggere

Politica

Schlein rilancia sulla cannabis: legalizziamola

Pubblicato

del

“Battiamoci insieme per il matrimonio egualitario e per la legalizzazione della cannabis”. All’indomani del via libera della Germania alla cannabis legale, la segretaria del Pd Elly Schlein decide di lanciare la sfida anche in Italia. Lo fa davanti a una platea molto sensibile al tema, gli invitati all’appuntamento organizzato da Più Europa in vista delle prossime europee. Ma i suoi interlocutori sono tutte le forze di opposizione, chiamate a convergere su una battaglia, che fino ad ora è stata spesso ingaggiata ma mai vinta. Anche a causa delle resistenze in seno allo stesso Partito Democratico. La nuova legge tedesca è stata voluta dalla coalizione di sinistra-centro del cancelliere Olaf Scholz per togliere il mercato allo spaccio. E il medesimo obiettivo orienta anche il Nazareno che starebbe guardando con attenzione alla raccolta firme per una legge di iniziativa popolare lanciata dall’associazione “Meglio Legale”.

Ma non è escluso che tra non molto i dem si facciano promotori anche di una proposta articolata da portare in Parlamento. Il segretario di Più Europa, Riccardo Magi, ricorda: “C’è la nostra proposta di legge già depositata e c’è la proposta di legge di iniziativa popolare IoColtivo che ricalca proprio il modello tedesco. Portiamo insieme la battaglia in Parlamento”. In casa Pd, dopo le forti tensioni registrate sul terzo mandato, l’uscita di Schlein su legalizzazione e matrimonio egualitario non è passata inosservata e ha generato qualche mugugno soffocato nell’area più moderata. Ma, alla vigilia del voto in Sardegna, l’orientamento dei più è non rinfocolare altre polemiche: “Abbiamo fatto il fioretto del silenzio fino a lunedì”, ironizza un rappresentante dei riformisti. Dopo le urne, eventualmente, se ne parlerà. Nel M5s la scelta del Bundestag viene rilanciata in solitaria dal fondatore e garante, Beppe Grillo, che dai suoi social esorta: “Il parlamento tedesco ha approvato la legalizzazione della cannabis e la sua coltivazione ad uso ricreativo. E noi stiamo a guardare”.

La maggioranza fa muro. “Grillo, la Schlein e tutti i loro sodali si dovrebbero vergognare per le loro affermazioni – dice il capogruppo di Forza Italia al Senato, Maurizio Gasparri – Evidentemente le opposizioni preferiscono dare le droghe ai ragazzi piuttosto che favorire la vita, la prevenzione ed il recupero”. Più soft ma non meno incisivo il vicepremier Antonio Tajani: “Ho qualche dubbio sull’idea che si debba legalizzare la cannabis”, “io non mi sono mai fatto una canna in vita mia”.

Continua a leggere

Politica

La famiglia Berlusconi si congratula, Fascina assente

Pubblicato

del

La famiglia Berlusconi si congratula con il neo eletto segretario Antonio Tajani, ma la compagna del Cavaliere, Marta Fascina diserta il congresso di Forza Italia, anche se incassa l’elezione del “suo” Stefano Benigni alla vicesegreteria del partito. Fascina in realtà, dalla scomparsa di Silvio Berlusconi, non ha quasi mai partecipato agli appuntamenti pubblici del Movimento. Non andò a Paestum, né a Gaeta alla festa dei giovani, né per il trentennale della discesa in campo di Berlusconi. Ma quella di Fascina è senz’altro l’unica assenza che si registra nella due giorni dedicata alla costruzione del nuovo partito e all’elezione del primo segretario del dopo-Berlusconi. Tutti presenti, infatti, i 1200 delegati, quelli di diritto e quelli elettivi, e in platea anche chi ricopre cariche istituzionali, a livello locale e nazionale.

Nelle prime file della sala del Palazzo dei Congressi di Roma (decisamente in over-booking visto che se ne è dovuta allestire un’altra con tanto di maxi-schermo per ospitare tutti) ministri e sottosegretari, i vicepresidenti di Camera e Senato, Giorgio Mulè e Licia Ronzulli, i presidenti di Commissione e quasi tutti i parlamentari. Al tavolo, sul palco, i capigruppo Maurizio Gasparri e Paolo Barelli che hanno scandito i tempi della kermesse, decidendo le modalità di voto e dando la parola a circa 70 esponenti di Forza Italia che si sono alternati sul podio degli oratori. Per gli altri 20 che avevano chiesto di intervenire, invece niente da fare. Hanno dovuto lasciare il posto alla presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola, che è stata accolta da Tajani fuori del Palazzo e che per circa 20 minuti ha tessuto le lodi del suo “amico Antonio”, di Berlusconi che a suo dire “ha scritto la storia d’Italia e d’Europa degli ultimi 30 anni” e di Forza Italia.

Applauditissimo anche il discorso dello spagnolo Antonio Lopez che si è concluso con un caloroso abbraccio tra lui e l’altro Antonio che lo ascoltava sorridente qualche metro più in là sullo stesso palco. Tra gli interventi più significativi, anche quelli dei ‘fuoriusciti’ rientrati nel partito. Uno dei più intensi quello di Letizia Moratti che alla fine si è anche commossa. Nutrita la pattuglia dei giovani, per lo più uomini, che rigorosamente in abito blu e spilletta d’ordinanza, hanno fatto più di una ‘foto di classe’ sulla scalinata accanto al loro leader Stefano Benigni. Decisamente entusiasta per il voto unanime ricevuto, Antonio Tajani che, dopo aver abbracciato sempre sul palco anche i componenti della Direzione e della segreteria appena eletti, sulle note dell’Inno, di Azzurra libertà e di ‘Felicità’ di Albano, alla fine del congresso ha fatto il giro tra i tavoli della sala stampa per ringraziare tutti augurando buon lavoro.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto