Collegati con noi

Napoli

Carlo Ancelotti a “Il Mattino”: Napoli è una città straordinaria, De Laurentiis è un uomo vulcanico e generoso, lo scudetto non è un sogno

Pubblicato

del

Carlo Ancelotti ospite della redazione de Il Mattino. La formula per intervistarlo è tanto semplice quanto interessante. Il mister al centro di un tavolo, intorno a lui i giornalisti schierati che lo sottopongono ad un fuoco di fila di domande. Don Carlo risponde a tutti, non si sottrae a nessuna domanda, e lo fa con intelligenza e schiettezza. Sempre diretto, sempre ironico, sempre portato a sdrammatizzare certi aspetti deleteri ed asperità di un calcio italiano troppo infognato in pratiche vecchie quanto le strutture fatiscenti in cui si celebra lo sport più praticato d’Italia. Che poi sia anche il più bello degli sport, non tutti sono d’accordo. Ma tant è!

Il Mattino. Quello con Carlo Ancelotti è uno dei tanti forum organizzati nella nuova sede al Centro Direzionale del giornale diretto da Federico Monga

Le interviste diventano interessanti non solo perché è interessante il personaggio ma perchè i giornalisti le affrontano con intelligenza. E la chiacchierata di Carlo Ancelotti con i giornalisti de Il Mattino è interessante  perché non c’è nulla di banale da registrare, solo sentimenti, risentimenti, sogni, bisogni, rapporti umani, gioie e bellezza del mondo del calcio, giudizi e pregiudizi sul calcio e su una città come Napoli. Tutto in un’ora di chiacchierata informale in cui Carlo Ancelotti non si risparmia su niente. Dall’eccellente rapporto nato con il presidente Aurelio De Laurentiis, alla voglia di scoprire e conoscere Napoli oltre i pregiudizi, dalla sfida Champions al campionato con la solita Juventus che fa cose straordinarie, al prossimo impegno con la Roma. Ancelotti è un grande lavoratore, ha un eccellente team che lo coadiuva (a partire dal figlio Davide), ma certezze non ne ha. Anzi, a sentirlo, le sue certezze sono due. La prima: se vuoi far bene, devi lavorare bene. E l’altra certezza è che lui è il più forte di tutti. Non a calcio, ovviamente, “ma a giocare a tressette”. Proviamo a ripercorrere  l’intervista dei giornalisti de Il Mattino riportando solo alcuni passaggi e rimandandovi al Mattino on line per quella integrale, che vi consigliamo perché così potrete apprezzare la genuinità di un allenatore che è tra i migliori, se non il migliore, al mondo, ma si fa apprezzare sempre per umiltà e mai per spocchia.  

Lo strapotere del calcio del Nord.

“C’è solo il Napoli come grande squadra sotto Roma. I grandi investimenti, i grandi gruppi industriali li hanno fatti solo altrove. Hanno messo risorse solo nelle squadre del Nord”.

Ad inizio stagione in pochi credevano nel Napoli.

“Il giornalisti sportivi in estate devono scrivere e si fidano delle campagne acquisti delle squadre. La Juventus fa l’acquisto più importante al mondo, Cristiano Ronaldo. L’inter fa una campagna acquisti importante. Il Milan pure. Il Napoli ha preso Meret, ha acquistato Fabian Ruiz. Non sono nomi altisonanti, ma per me sono giocatori giovani, di livello, che si faranno. E poi io ho una rosa di calciatori di eccellente qualità già. Questo per dire che capisco che i giornalisti ad inizio stagione vedevano davanti a tutti Juve e Inter, poi Milano e le altre”. 

L’addio a Sarri? La squadra non ne ha risentito

“Abbiamo fatto un ritiro molto lungo solo perché avevo necessità di spiegare ai giocatori il mio modo di giocare, un po’ più verticale. Ma non è stato un grande sforzo. Ho ereditato una squadra eccezionale, una rosa calciatori in cui davvero si equivalgono tutti. Sulla bellezza del gioco del calcio ho una mia opinione. Io credo che ogni allenatore vuole che la sua squadra vinca e convinca con un bel calcio. E poi, francamente, io penso che se giochi male perdi”. 

Dalle rose calciatori miliardarie di Real, Bayern, Chelsea, Psg a quella del Napoli

“La gestione di una rosa calciatori non cambia con il cambiare dei cognomi dei calciatori. Io ho un rapporto franco con tutti gli atleti. Non importa come ti chiami. Anzi, vi dirò di più. I più bravi sono sempre professionali e seri. Ho allenato Ronaldo, Maldini, Ibrahimovic. Sono fenomeni nel mondo del calcio ma anche grandi professionisti. Sempre ad allenarsi, sempre pronti ad ascoltarti, sempre rispettosi delle decisioni dell’allenatore. In squadre come il Real non ho mai fatto rotazioni, turn over così ampi come a Napoli. In quelle squadre hai dei fenomeni del calcio che non puoi non far giocare anche perché chi può degnamente sostituirlo non è la stessa cosa. Se ho Ronaldo che è fenomenale e dietro ho uno con meno qualità, certo faccio giocare sempre Ronaldo. A Napoli c’è una qualità media della rosa eccellente. I calciatori sono tutti di livello e si equivalgono. Se esce Hamsik ed entra Diawara non cambia niente. Ed è per quello che giocano tutti”. 

Allan non sarà più nel team Italia.

“Allan convocato dalla nazionale del Brasile? É un premio. Se lo merita. É importante per noi e per il Brasile. È un calciatore straordinario. Un grande professionista. Con una grande continuità”.

Forum al Mattino. Carlo Ancelotti con i giornalisti della redazione sportiva

 

Il senso del calcio a Napoli

“Il calcio è parte importante della vita della città. É l’aspetto predominante. La squadra che va bene dà un senso di felicità, un senso di gioia in una città che ha i suoi problemi anche se mi sembra di poter dire che l’immagine che ha Napoli fuori è diversa da quella che ha chi la vive. Per vedere la bellezza di Napoli dovete vivere a Londra, a Parigi, a Monaco di Baviera.  Solo dopo capite quanto è bella Napoli”.  

Gli insulti a Napoli e ai napoletani negli stadi d’Italia

“In Italia la rivalità sportiva si è trasformata in insulto, maleducazione. Questo fenomeno deve essere sradicato. Siamo l’unico Paese in cui i tifosi si comportano cosi. Anche tra Real e Barcellona c’è rivalità, ma non si oltrepassa mai il limite. Occorre abbassare i toni e rendere gli stadi più adatti alle persone perbene e alle famiglie”. 

I pregi e i difetti di Ancelotti, l’aziendalista e il papà

“Il mio migliore pregio è la pazienza. Il mio peggiore difetto? Ho troppa pazienza. Essere aziendalista non è una brutta cosa. Io rispetto tutti i presidenti con cui ho lavorato, anche perché se ho lavorato con Florentino Perez, Abramovich, Al Thani, De Laurentiis è perché mi hanno voluto loro. De Laurentiis è una persona schietta e leale, è un personaggio vulcanico e molto generoso, con il quale si sta molto bene.
Davide, mio figlio e mio vice, mi chiama papà. Quando mi chiama mister è perché mi sta prendendo in giro, lo fa con ironia. Davide ha fatto e sta facendo grandi esperienze. Sarà un ottimo allenatore”.  

Lo staff, l’organizzazione

“Tutto il mio staff è ottimo. A Castelvolturno, poi, abbiamo stabilito subito una ottima intesa con tutti: dai medici, ai magazzinieri, ai fisioterapisti. Tutti ci hanno accolto con rispetto e amicizia. Abbiano trovato un ottimo ambiente familiare. Una cosa è lavorare in un’azienda e un’altra è lavorare in famiglia. Altrove c’era una organizzazione perfetta, ma fredda, focalizzata solo sul risultato. È questione di cultura e carattere. A Milano ero in famiglia come a Napoli mi sento in famiglia. L’importante è rispettare i ruoli. Ho ottimi rapporti con tutti”. 

 

Insigne è un top player

“Insigne sta facendo bene. Segna con continuità. Sta migliorando ancora, diventerà ancora più maturo. Ed è uno che si mette al servizio della squadra. Nel suo ruolo è tra i migliori”.  

Tra i calciatori del Napoli si nascondono futuri ottimi allenatori.

“Hamsik sarebbe un ottimo allenatore. Anche Ghoulam e Albiol. Ma un grande allenatore potrebbe esserlo Jose Maria Callejon. È uno che vede il gioco in anticipo e parla solo al momento giusto”. 

La lingua, il Napoletano

“Devo imparare il napoletano. Voglio impararlo. So però che cosa è la cazzimma. La mia squadra per ora ha poca cazzimma”.  

La Juve e la Roma

“Io spero che il campionato si decida prima dell’ultima giornata. La favorita? La Juve è forte. Molto forte ed ha continuità. Per battere la Juve occorre fare cose straordinarie. La partita con la Roma? Sarà una bella partita. Son due squadre che vogliono giocare ed imporre il gioco. Sarà una partita aperta. Con un bel ritmo e con qualità. E che vinca sempre il migliore”. 

Il Napoli.

Advertisement

Cronache

Napoli, evacuata palazzina a rischio crollo: due auto in una voragine a causa di una perdita d’acqua

Pubblicato

del

In azione al Vomero, a Napoli, nella zona di via Morghen, i Vigili del Fuoco che stanno facendo evacuare un’intera palazzina a rischio crollo per una perdita d’acqua. Si è aperta una voragine stradale che ha inghiottito almeno due auto e si lavora con la luce delle fotoelettriche.

L’incidente ha causato l’avvallamento di una porzione di terreno, inghiottendo una vettura in transito con a bordo due persone. Fortunatamente, l’intervento tempestivo dei vigili del fuoco ha permesso di trarre in salvo gli occupanti, evitando gravi conseguenze.

Sul posto sono intervenuti anche tecnici di Abc e agenti della polizia locale, per cercare di comprendere le cause di tale disastro. Si sospetta che una perdita d’acqua abbia minato la stabilità del terreno, provocando il cedimento improvviso.

Parallelamente, si è reso necessario l’evacuazione di un edificio situato in Via Solimena, sempre nel quartiere Vomero. Anche in questo caso, l’allarme è stato innescato da un guasto alla condotta idrica, con conseguente allagamento della struttura. Non è la prima volta che la via è teatro di simili disastri: solo qualche giorno fa, un altro guasto idrico ha costretto all’evacuazione di un palazzo, richiedendo interventi di estrema urgenza per riparare la condotta e garantire la sicurezza degli abitanti.

Voragine a Napoli, salvi per miracolo. Le testimonianze

L’episodio mette in luce la fragilità delle infrastrutture urbane e l’importanza di un monitoraggio costante per prevenire simili tragedie. La comunità locale, già provata da eventi simili, si interroga sullo stato di manutenzione delle condotte idriche e sulla sicurezza delle abitazioni. È urgente l’intervento delle autorità competenti per garantire la stabilità e il benessere dei cittadini del quartiere Vomero e di Napoli nel suo complesso.

Continua a leggere

Cultura

La Flagellazione di Cristo del Caravaggio esposta al Museo di Donnaregina di Napoli dal 28 febbraio al 31 maggio

Pubblicato

del

Caravaggio nel cuore di Napoli. E’ anche un messaggio alla città del neo direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte, Eike Schmidt, l’esposizione al Museo diocesano Donnaregina de ‘La Flagellazione di Cristo’, dal 28 febbraio al 31 maggio. Dipinto nel 1607 per la Chiesa di San Domenico Maggiore, il capolavoro di Caravaggio da oltre un cinquantennio è una delle opere iconiche di Capodimonte, molto in viaggio negli ultimi tempi: appena rientrato dal Louvre, si fermerà ora tre mesi nel centro storico di Napoli.

Per Schmidt, che è già da qualche anno presidente del Consiglio di amministrazione del Fondo Edifici di Culto, “l’esposizione della Flagellazione di Caravaggio al Museo diocesano di Donnaregina non offre solo la possibilità a tutti i napoletani di rivedere il capolavoro di Michelangelo Merisi dopo le lunghe assenze dalla città per mostre all’estero, ma consente anche un approfondimento teologico-pastorale e storico-artistico del quadro, e consolida i rapporti forti e reciproci tra le tre istituzioni coinvolte”. Iniziativa voluta fortemente dall’arcivescovo Domenico Battaglia in occasione della Pasqua, per il curatore Pierluigi Leone de Castris la mostra “costituisce un coraggioso tentativo di riavvicinare quest’opera così straordinaria al territorio e alla città” e di farlo attraverso il racconto delle grandi chiese costruite o ricostruite nel cosiddetto ‘secolo d’oro’ dell’arte napoletana.

Passeggiando con Caravaggio tra i suoi vicoli, un biglietto unico consentirà di ammirare insieme a “La Flagellazione” anche le “Sette Opere di Misericordia”, tesoro del vicinissimo Pio Monte. Il valore religioso ed etico dell’esposizione è sottolineato da mons. Adolfo Russo: “Nel periodo antecedente la Pasqua saranno moltiplicati gli incontri culturali per consentire a tutti di fissare, nella tela di Caravaggio, quella testa di Cristo reclinata, abbandonata sulla spalla sinistra, con i suoi occhi socchiusi e le labbra serrate. Là dove tutto preannuncia pittoricamente che il momento della crocifissione si sta avvicinando. Mentre la luce bianca che illumina il corpo di Cristo, per quanto ne sottolinei le sofferenze, ne preannuncia già la futura risurrezione.

Per la città – conclude Russo – tutta l’esposizione della Flagellazione sarà uno stimolo a non arrendersi alle difficoltà incontrate lungo il cammino del proprio riscatto sociale”. La mostra “Caravaggio a Donnaregina” è sotto l’egida dell’arcidiocesi di Napoli, del ministero dei Beni culturali e del ministero dell’Interno Fondo Edifici di Culto, proprietario dell’opera; curatore anche del catalogo è Pierluigi Leone de Castris, coordinamento di Elio de Rosa. “Obiettivo strategico del ministero dell’Interno è quello di adeguatamente tutelare le opere dello Stato, ricercando anche opportunità di consona valorizzazione – spiega il prefetto Angelo Tortorella, direttore del Fondo Edifici di Culto -. La mostra rappresenta una ulteriore opportunità per visitatori, appassionati e viaggiatori di conoscere ed approfondire le radici che caratterizzano la storia del nostro Paese”.

Si annuncia intanto un altro evento dedicato al grande pittore lombardo: dal 1 marzo a Palazzo Ricca – Fondazione Banco di Napoli arriva “La presa di Cristo” dalla Collezione Ruffo.

Continua a leggere

Cronache

Napoli sotto attacco: vandalizzati 10 autobus dell’ANM

Pubblicato

del

Nella notte appena trascorsa, la città di Napoli è stata teatro di un gravissimo episodio di vandalismo, che ha visto come bersaglio i mezzi pubblici dell’Azienda Napoletana Mobilità (ANM). Dieci autobus sono stati deliberatamente incendiati in diverse parti della città, generando sgomento e indignazione tra la popolazione.

A dare la notizia è stato il consigliere comunale di Napoli, Nino Simeone, presidente della Commissione Trasporti. Simeone ha annunciato che sarà sporta denuncia alle autorità competenti per questo atto criminale che ha colpito uno dei servizi essenziali per la mobilità cittadina.

La presidente del Consiglio comunale, Enza Amato, ha condannato fermamente l’accaduto, definendolo un episodio senza precedenti e un grave attacco alla città di Napoli e alle sue istituzioni. Amato ha sottolineato che questi attacchi non solo minacciano la sicurezza della comunità, ma danneggiano gravemente il servizio pubblico offerto dall’ANM a migliaia di cittadini napoletani.

Il Consiglio Comunale di Napoli, riunito in seduta straordinaria, ha espresso la sua più ferma condanna nei confronti di questa azione criminale, riconoscendo la gravità dell’incidente. Enza Amato ha dichiarato: “Gli attacchi contro i mezzi pubblici non solo mettono a rischio la sicurezza degli operatori, ma danneggiano anche la fiducia della comunità nel sistema di trasporto pubblico.”

La solidarietà è stata estesa ai lavoratori dell’ANM, i quali, secondo la presidente del Consiglio Comunale, svolgono un ruolo cruciale ogni giorno nel garantire la mobilità all’interno della città. La preoccupazione è rivolta non solo alla sicurezza degli operatori ma anche al danno provocato alla fiducia della comunità nel sistema di trasporto pubblico.

Il Consiglio Comunale ha lanciato un appello alle autorità competenti affinché indaghino tempestivamente su questi gravi episodi e perseguano con fermezza coloro che sono responsabili di questo attacco criminale. La necessità di garantire che chiunque si renda colpevole di simili atti risponda di fronte alla legge è stata sottolineata come fondamentale per ripristinare la sicurezza e la fiducia nella città di Napoli

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto