Collegati con noi

In Evidenza

Calcio, Napoli: dopo gli sbagli occorre ripartire

Pubblicato

del

Facendo i conti: se l’opaco Napoli di Garcia avesse continuato, gli azzurri sarebbero quarti, in piena zona Champions. Oggi il
confuso, irriconoscibile Napoli di Mazzarri galleggia stancamente a metà classifica. I nuovi acquisti vengono utilizzati con il contagocce come è nello stile (antico) di Mazzarri: ricordate Verratti? Il Napoli lo aveva praticamente già acquistato quando lui disse che bisognava lasciarlo un anno a maturare al Pescara… e il ragazzo se ne andò al PSG. Non ama le novità Walterone figurarsi se può dare le chiavi del campo agli acquisti di gennaio. Ma parlare dell’allenatore è come sparare sulla croce rossa..
Tornando ad oggi si è sbagliato tutto quello che si poteva sbagliare e anche di più. Dal perdere l’allenatore che ha portato la squadra allo scudetto agli acquisti dell’estate, all’ingaggio di Mazzarri, del direttore sportivo che ha preso il posto di Giuntoli, un’ottima persona che però si vede che non ha il polso di quello che succede, ai prestiti fatti in inverno in piena emergenza (leggi Gaetano e Zerbin) ma anche in precedenza (Folorunsho), fino alla perdita a zero di Demme fuori rosa dovunque e di Zielinski che voleva stare a Napoli ma è stato dissuaso. Inoltre Osimhen che fa quello che gli pare…


Questo non significa che bisogna ‘sparare’ a zero su De Laurentiis: sbagliare è umano, lo ha pure riconosciuto, ma occorre fare attenzione a non perseverare negli errori. Il presidente faccia il presidente perché lo sa fare e bene, ma lasci agli altri i loro compiti e si avvalga di collaboratori di livello, magari ascoltando anche i calciatori oggi sballottati in schemi dove non sono abituati a giocare.
Calzona, Hamsik, Sinatti? Ben vengano se è vero. Sono una continuità e una garanzia. Anche per quelli che scendono in campo.

 

Nella foto di apertura Hamsik e Calzona

 

Advertisement

In Evidenza

Italiani in farmacia per consigli su pelle, solari e trucco

Pubblicato

del

Perché ritenuti meno aggressivi sulla pelle e adatti alle pelli più delicate, perché contengono ingredienti naturali e anche perché eco-sostenibili. Così gli italiani giudicano i prodotti di bellezza venduti nelle farmacie che scelgono soprattutto perché si fidano del ‘camice bianco’ del farmacista, ritenuto preparato e competente quando ci si deve orientare nella scelta. Le scelte beauty, i giudizi e le abitudini d’acquisto dei prodotti di bellezza di chi varca la soglia delle farmacie della penisola sono state approfondite da Cosmetica Italia – Associazione nazionale imprese cosmetiche, durante il Cosmetic Summit format sul settore beauty all’interno di Cosmofarma Exhibition, la manifestazione dedicata al mondo delle farmacie in corso alla fiera di Bologna.

“La fiducia nel sistema combinato tra camice bianco e brand specializzati è elevata, gli italiani scelgono le farmacie per i cosmetici di qualità e per l’assistenza del personale formato e competente nel campo, – spiega Gian Andrea Positano, responsabile del centro studi di Cosmetica Italia. – La funzionalità dei prodotti è il primo motivo di scelta, insieme alla capacità dei farmacisti di dare consigli”. Dall’indagine risulta che per lo shopping beauty si va in farmacia per motivi precisi e diversi rispetto agli acquisti fatti in altri canali di vendita.

Gli italiani coinvolti nell’indagine hanno dichiarato che nelle farmacie si aspettano prodotti di bellezza poco aggressivi, per pelli delicate e per problemi specifici, perché ci si fida, per gli ingredienti naturali e per i prodotti eco-sostenibili. Inoltre per i consigli dei farmacisti e degli assistenti preparati e competenti, perché si interagisce con il personale e perché i prodotti beauty danno ottimi risultati e perché scelti con i consigli del farmacista che aiuta a scegliere quelli più giusti per sé e per la famiglia. Camice bianco e prodotti di qualità hanno fatto scegliere le farmacie soprattutto per i cosmetici per la cura della pelle del viso (+10,7%) e per i protettori solari (+10,9%), secondo i rilevamenti di Cosmetica Italia che segnala, tra i settori più dinamici, anche i prodotti da trucco venduti in farmacia che sono cresciuti del 13% nell’ultimo anno.

Continua a leggere

Esteri

Ribadito il no alla Russia per cerimonia anniversario Hiroshima

Pubblicato

del

Per il terzo anno consecutivo, la Russia e la Bielorussia non saranno invitate alla commemorazione dell’anniversario della bomba atomica che si terrà il 6 agosto nella città di Hiroshima, mentre l’invito sarà esteso a Israele. Lo anticipa il giornale online Asahi Shimbun, che cita fonti a conoscenza del dossier, spiegando che i rappresentanti di Russia e Bielorussia saranno considerate “persone non grate” alla cerimonia annuale al Memoriale della Pace, a causa del conflitto in corso in Ucraina .

“La situazione non è cambiata rispetto all’anno scorso, e per questo motivo attueremo le stesse decisioni , ha dichiarato all’Asahi un funzionario dell’amministrazione cittadina, con il governo centrale che è stato già informato della decisione. Hiroshima ha tuttavia intenzione di invitare un rappresentante di Israele – che da ottobre è impegnato in una guerra contro il gruppo militante islamico Hamas da ottobre, riferisce l’Asahi.

“Non c’è in questo momento un’opinione condivisa nei Paesi del mondo sul conflitto in corso in Medio Oriente. Per questo motivo vogliamo trasmettere un messaggio di pace invitando Israele”, affermano le fonti. Nel 2023, per il 78/esimo anniversario del bombardamento atomico, Hiroshima aveva richiesto la presenza dei leader e degli ambasciatori di 167 Paesi. La mattina del 6 agosto del 1945 un ordigno atomico venne sganciato dal bombardiere B29 statunitense ‘Enola Gay’, causando la morte di circa 140.000 residenti. Una seconda bomba venne utilizzata su Nagasaki il 9 agosto, con un bilancio di 74.000 vittima, decretando di fatto la fine della Seconda guerra mondiale pochi giorni dopo, con la resa incondizionata del Giappone.

Continua a leggere

Esteri

Somalia rifiuta dialogo con l’Etiopia su accordo col Somaliland

Pubblicato

del

Il Governo federale somalo ha dichiarato con fermezza che non avvierà alcun dialogo con l’Etiopia in merito agli accordi tra Addis Abeba e l’autoproclamata regione del Somaliland. La decisione, come riporta il sito Shabelle Media, è stata annunciata in risposta a un comunicato del G7 che esprimeva preoccupazione per l’accordo tra Etiopia e Somaliland, che la Somalia considera una violazione della propria sovranità e integrità territoriale.

La Somalia ha manifestato un forte impegno a mantenere la pace e la stabilità regionale e ha espresso la volontà di collaborare con il G7 e altri partner internazionali. Il Somaliland non è riconosciuto a livello internazionale come Paese indipendente, sebbene gestisca le proprie forze armate e la propria banca centrale e tenga regolari elezioni dal 1991, anno in cui ha rivendicato l’indipendenza dalla Somalia, pochi mesi dopo la caduta del Paese nella guerra civile.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto