Collegati con noi

Esteri

Bombe e neve sull’Ucraina. Zelensky, premere su Putin

Pubblicato

del

Cade la prima neve sull’Ucraina, alle prese con la carenza di elettricità per i raid missilistici russi che sono continuati oggi prendendo di mira anche impianti di produzione del gas. Di fronte al duro inverno che si prospetta, Volodymyr Zelensky ha fatto appello all’Occidente perché resti unito e “aumenti la pressione sulla Russia”. Ma dal fronte opposto è arrivato un appello uguale e contrario, con Mosca che ha chiesto a Washington di “esercitare un’influenza su Kiev rendendola più flessibile” e inducendola a negoziare. Perché, ha avvisato il vice ministro degli Esteri Serghei Ryabkov, la Russia non intende rinunciare ai territori annessi. Mentre il Cremlino ha attribuito al rifiuto ucraino di intavolare trattative serie le sofferenze dei civili e i blackout. Intanto, dopo due giorni in cui ha puntato con certezza il dito contro la Russia, suscitando anche qualche irritazione a Washington, Volodymyr Zelensky ha ammesso di non avere prove sulla responsabilità di Mosca per il missile caduto sulla Polonia. “Non so cosa sia successo”, ha detto, continuando però a dichiararsi “sicuro che si sia trattato di un missile russo”. I nuovi raid hanno intanto colpito varie regioni dell’Ucraina, secondo quanto riferiscono fonti ufficiali di Kiev.

Il primo ministro Denys Shmihal ha affermato che sono stati attaccati impianti per la produzione di gas, in un Paese già alle prese con le interruzioni di energia elettrica in seguito ai ripetuti bombardamenti russi sulle centrali. Il vice capo dell’ufficio presidenziale ucraino, Kyrylo Tymoshenko, ha affermato che almeno sette persone sono state uccise da un attacco missilistico su un edificio a Vilniansk, nella regione di Zaporizhzhia. Mentre nello stesso oblast, ma nella parte controllata dai russi, le autorità locali hanno denunciato l’uccisione di due persone e il ferimento di altre sette in un bombardamento ucraino sul villaggio di Mikhailovka. Sopra Kiev, che per la maggior parte del giorno rimane senza elettricità, sono stati abbattuti due missili da crociera. “Un brutto segnale da parte della Russia”, ha commentato il ministro degli Esteri Antonio Tajani. Il presidente polacco Andrzej Duda si è intanto recato per un sopralluogo nel paesino di Przewodow, dove martedì si è abbattuto il missile che ha ucciso due civili. Il capo dello Stato ha incontrato le famiglie delle vittime, i cui funerali si svolgeranno sabato, e ha nuovamente descritto l’accaduto come “un incidente non intenzionale”.

Quanto alle affermazioni di Zelensky, che continua a respingere la ricostruzione americana e della Nato secondo la quale il missile era probabilmente ucraino, Duda ha risposto seccamente, dicendo che “ognuno raccoglie le informazioni per suo conto”. Ma Kiev insiste perché le sia consentito di partecipare alle indagini e ha già inviato in Polonia una squadra di suoi esperti, secondo quanto ha annunciato il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba. Fredda nei confronti di Kiev anche la reazione alcune ore prima del presidente Usa Joe Biden, che alla richiesta di commentare le accuse di Zelensky, si era limitato a dire che “questo non è ciò che dicono le evidenze”. “Non so cosa sia successo – ha poi ammesso il leader ucraino -. Non lo sappiamo per certo. Il mondo non lo sa. Ma sono sicuro che si sia trattato di un missile russo e sono sicuro che abbiamo sparato dai sistemi di difesa aerea”. Nel frattempo da Mosca è giunto l’annuncio che dal 29 novembre al 6 dicembre inviati russi e americani si incontreranno al Cairo nell’ambito della commissione bilaterale che sovrindente all’applicazione del trattato New Start sulla riduzione degli arsenali nucleari. Mentre in merito all’incontro tra i capi dell’Intelligence per l’estero dei due Paesi svoltosi lunedì ad Ankara, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha detto che le parti si sono assicurate reciprocamente che si asterranno dall’uso di armi nucleari.

Advertisement

Esteri

I funerali di Navalny venerdì a Mosca, la vedova alla Ue: ‘Putin sanguinario’

Pubblicato

del

La Russia e il mondo intero si preparano per il commovente addio a Alexei Navalny, figura di spicco dell’opposizione russa. La cerimonia funebre, annunciata dalla sua portavoce Kira Yarmysh, si terrà venerdì nella suggestiva chiesa dell’Icona della Madre di Dio a Maryeno, nel sud-est di Mosca. È stato dichiarato che il servizio commemorativo avrà inizio alle 14 del primo marzo, con un invito rivolto a tutti coloro che vogliono onorare la memoria di Navalny ad arrivare presto per partecipare. Il luogo scelto per la sua sepoltura sarà il cimitero di Borisovskoe, dove troverà riposo eterno.

Le parole della vedova di Navalny, Yulia Navalnaya, pronunciate durante la Plenaria dell’Eurocamera, riflettono la tensione e l’incertezza che circondano l’evento. “Il funerale si svolgerà dopodomani e non so ancora se sarà pacifico o se la polizia arresterà coloro che sono venuti a salutare Alexei”, ha condiviso con il pubblico. Queste parole sono un’amara testimonianza delle difficoltà che l’opposizione e i sostenitori di Navalny affrontano in Russia, dove le autorità possono reprimere le manifestazioni e le commemorazioni che non sono state autorizzate ufficialmente.

Yulia Navalnaya ha espresso anche la sua sorpresa per la fretta con cui è stata organizzata la cerimonia funebre. “Pensavo che nei 12 giorni trascorsi dalla morte di Alexei avrei avuto il tempo di preparare questo discorso”, ha confessato. “Ma prima abbiamo passato una settimana a prendere il corpo di Alexei e a organizzare il funerale. Poi ho scelto il cimitero e la bara”. Queste parole testimoniano non solo il dolore della perdita personale, ma anche le difficoltà pratiche e le pressioni politiche che circondano la morte di Navalny.

L’eredità di Alexei Navalny rimarrà un faro per coloro che cercano la libertà e la giustizia in Russia. La sua morte, avvolta nel mistero e nella controversia, continua a suscitare interrogativi sulla democrazia e sui diritti umani nel paese. Mentre la sua famiglia, i suoi amici e i suoi sostenitori si preparano a dirgli addio, il mondo osserva con attenzione, rimanendo in attesa di vedere quale sarà il futuro per l’opposizione russa e per coloro che si battono per un cambiamento significativo.

 

Continua a leggere

Esteri

Alain Delon, trovate in casa 72 armi e oltre 3.000 munizioni

Pubblicato

del

Un vero e proprio arsenale di 72 armi da fuoco e oltre 3.000 munizioni è stato sequestrato la settimana scorsa durante una perquisizione a casa di Alain Delon a Douchhy-Montcorbon, nel centro della Francia. Lo ha annunciato oggi la procura di Montargis. L’attore, 88 anni, gravemente malato e di recente al centro di dispute tra i figli che hanno lacerato la famiglia, “non è in possesso di nessuna autorizzazione che gli permetta di detenere armi da fuoco”. La perquisizione è stata ordinata dal giudice tutelare l’8 febbraio, in quanto era stata osservata – durante una visita legale a casa dell’attore – la presenza di un’arma da fuoco. Ce ne erano addirittura 72 di diverse categorie, da guerra, da tiro sportivo e quelle utilizzate per difesa personale. Nella residenza di Alain Delon è stata “constatata anche l’esistenza di un poligono di tiro”, ha aggiunto il procuratore. Un’inchiesta è stata aperta per detenzione illegale di armi.

Continua a leggere

Esteri

Libera la famiglia italiana rapita due anni fa in Mali

Pubblicato

del

Sono finalmente liberi e sono rientrati nel pomeriggio in Italia Rocco Langone, la moglie Maria Donata Caivano e il figlio Giovanni Langone, che erano stati sequestrati il 19 maggio 2022 nella loro abitazione alla periferia della città di Koutiala, a sud est della capitale del Mali, Bamako. L’annuncio della riconquistata libertà è stato dato da Palazzo Chigi, precisando subito che “nonostante la lunga prigionia, i componenti della famiglia Langone godono di buone condizioni di salute”. Il rapimento era stato compiuto da una fazione jihadista riconducibile al Jnim, Gruppo di supporto per l’Islam e i musulmani, legato ad Al Qaida, attiva in larga parte dell’Africa Occidentale.

La famiglia Langone, originaria di Ruoti, in Basilicata, viveva a Koutiala da diversi anni, all’interno di una comunità di Testimoni di Geova, del tutto integrata. Larghe zone del Mali sono sotto il controllo delle forze jihadiste, che spesso rapiscono cittadini stranieri per ottenere un riscatto o per chiedere il rilascio di miliziani. I militari hanno preso il potere con un golpe nel 2021 accusando tra l’altro il governo di non aver fatto abbastanza per reprimere l’insurrezione jihadista. La giunta ha espulso le truppe francesi e i peacekeeper Onu portando il Paese nell’orbita dei russi (e del famigerato gruppo Wagner) ma l’attività dei gruppi ribelli prosegue.

Il rilascio della famiglia, ha sottolineato comunque la presidenza del Consiglio, “è stato reso possibile grazie all’intensa attività avviata dall’Aise, di concerto con il ministero degli Esteri, fin dall’immediatezza del sequestro, e in particolare grazie ai contatti dell’Agenzia con personalità tribali e con i servizi di intelligence locali”. La premier Giorgia Meloni ha subito espresso le sue “più sentite felicitazioni per la liberazione dei nostri tre connazionali”, ringraziando tutte le agenzie e istituzioni che hanno lavorato per questo obiettivo, mentre il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani ha parlato di “una bellissima notizia a dimostrazione che quando si agisce in silenzio e non si fa rumore e propaganda si ottengono ottimi risultati. Siamo felici che questi tre connazionali possano tornare liberi a casa dopo essere stati tanto tempo ostaggi dei jihadisti”.

Tajani si è recato personalmente all’aeroporto di Ciampino ad accogliere i tre italiani: “Sono molto contento, tutto è bene quel che finisce bene. Hanno incontrato qui i familiari, sono in buone condizioni, attestate già ieri dalle prime visite mediche e con lo psicologo, ed ora dovranno essere interrogati”. “La signora mi ha invitato ad un pranzo, è un’ottima cuoca”, ha aggiunto sorridendo il ministro. Allo scalo di Ciampino c’erano Daniele Langone, l’altro figlio della coppia, ed il fratello della signora Maria Donata Caivano, che hanno abbracciato i loro cari rientrati.

“Vorrei ringraziare con tutto il cuore il governo italiano, l’Unità di crisi, che ci ha lavorato giorno e notte, per quanto mi sono stati vicino veramente – ha detto Daniele -. Non ho mai perso la speranza e non ho dubitato un giorno che me li avrebbero riportati a casa sani e salvi. Un’emozione immensa, non ho tante parole. Non auguro a nessuno di passare quello che ho passato. I miei familiari stanno bene. Mi hanno detto tante cose, ma sono private. Motivi del rapimento? Sinceramente non mi interessa dare una risposta. Sono state scritte molte stupidate. Ora saremo a Roma, poi si vedrà. Sono l’ultimo che li aveva sentiti al telefono un’ora prima del rapimento”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto