Collegati con noi

Cronache

Affare metanizzazione e rapporti tra mafia casalese e Cpl Concordia, il pentito Nicola Schiavone fa il “pappagallo” del pentito Iovine. Ma da anni non succede niente

Pubblicato

del

C’è un altro pentito eccellente che sta parlando di appalti, camorra, politica nel casertano e nel Sud Italia. Nicola Schiavone ai magistrati dell’antimafia di Napoli sta raccontando il patto scellerato Camorra/Imprenditoria/Politica raccontato in decine di inchieste da Giuseppe D’Avanzo, indimenticato giornalista de La Repubblica, quando si faceva giornalismo di inchiesta.

E quel che dice Nicola Schiavone è importante, anche perchè è il figlio di Francesco Schiavone alias Sandokan, da 17 anni al 41 bis, padrino e padrone della cosca mafiosa per molto tempo. Nicola Schiavone parla di metanizzazione, di un presunto patto tra la cosca mafiosa dei Casalesi e il colosso del sistema cooperativistico rosso, la Cpl Concordia.

Il pentito. Antonio Iovine ha già raccontato tre anni fa le stesse cose ai pm ma non è successo niente

Non dice nulla di più, nulla di diverso rispetto a quanto già riferito da Antonio Iovine, altro boss dei casalesi pentitosi. Aggiunge certamente altri fatti, altre circostanze, ma il sistema che descrive non è diverso da quello che la procura antimafia non conosce già. “L’assegnazione dei lavori era talmente consolidata che non c’era più bisogno del nostro gruppo”. Sui lavori di metanizzazione dell’agro aversano, c’era un accordo non scritto con la Cpl Concordia che aveva portato, nel corso degli anni, ad un meccanismo di assegnazione dei lavori da parte della cooperativa quasi automatico. C’era, a leggere gli interrogatori di Nicola Schiavone depositati in uno dei tanti processi che lo vedono protagonista, quasi un automatismo. In ogni comune dove c’erano da eseguire i lavori di metanizzazione che erano stati assegnati dalla Cpl Concordia, lo schema era automaticamente sempre lo stesso. La ditta che eseguiva i lavori in subappalto la sceglieva il clan che ne traeva profitto. Dall’appalto delle opere oltre ai soldi per la cosca c’era la parte da concedere alla politica locale. Niente di originale, cose già dette da Iovine, già scritte. Nicola Schiavone sostiene che “non è cambiato nulla nella gestione dei lavori con Cpl Concordia”. E non sempre queste dichiarazioni di collaboratori di giustizia hanno poi dato sostanza a condanne. Nell’interrogatorio sostenuto il 18 settembre scorso davanti al pm Maurizio Giordano, il figlio del padrino parla a lungo della metanizzazione, iniziativa partita più di vent’anni fa, nel 1997, quando l’opera doveva essere realizzata da un’ altra società. E qui Schiavone spiega come ogni gruppo camorristico federato ai casalesi si sceglieva “l’imprenditore di riferimento”.

Nicola Schiavone. Da poco è collaboratore di giustizia e sta ripetendo accuse già fatte da Iovine

Schiavone che pure racconta i presunti rapporti tra clan e Cooperativa Cpl Concordia, riferisce di questi rapporti e dei presunti business per averli appresi da Antonio Iovine. In cambio di tranquillità, serenità la Cpl Concordia avrebbe offerto negli anni la disponibilità ad assumere persone e ad accettare l’ indicazione da parte del clan circa gli imprenditori da incaricare. Ma di tutto questo Schiavone ne parla per sentito dire in quanto lui non avrebbe mai avuto alcun rapporto diretto con chicchessia della Cpl. Anzi, Schiavone spiega che il padre aveva voluto che fosse Iovine a “coltivare i rapporti” con la coop. E così fu, almeno così sostiene Iovine.

Advertisement

Cronache

Stop agli autovelox sotto 50km/h, arriva il decreto

Pubblicato

del

Arriva la stretta sugli autovelox: stop ai dispositivi di rilevamento della velocità su tratti di strada a 50km/h. Il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Matteo Salvini, è pronto a varare il decreto “per una omologazione nazionale” degli autovelox. “Non può esserci il fai da te”, ha detto. “Per salvare vite vicino a scuole, ospedali, una curva pericolosa ci sta, ma piazzati dalla sera alla mattina su stradoni per tassare gli automobilisti hanno poco a che fare con la sicurezza”, ha sottolineato Salvini, aggiungendo, inoltre, che i sindaci “dovranno spiegare perché li mettono e dove e con quale motivazione”. Secondo quanto ha spiegato la deputata delle Lega e componente della Commissione Trasporti della Camera, Elena Maccanti, “ci sono due provvedimenti sugli autovelox, uno è inserito nel codice della strada”, mentre quello di vietare l’installazione degli autovelox sulle strade a 50km/h “è dentro un decreto ministeriale attualmente all’esame della Conferenza Unificata, previsto da una legge del 2010 che Salvini sta sbloccando dopo 13 anni, e che passerà”.

In commissione Trasporti della Camera è in corso l’esame del ddl sulla riforma del codice della strada. E sempre Maccanti ha fatto sapere che “entro domani chiudiamo l’esame di tutti gli emendamenti” e “saremo in Aula alla Camera per la discussione generale il primo marzo”. Tra gli emendamenti approvati finora, uno riguarda una disposizione specifica per gli autovelox. “Nel caso in cui si prendano più multe per autovelox nello stesso tratto stradale, in un periodo di tempo di un’ora e di competenza dello stesso ente si paga una sola sanzione: quella più grave aumentata di un terzo, se più favorevoli”, si legge nel provvedimento. Tra le altre misure, arriva la terza fascia sui guard rail a tutela dei motociclisti e la ztl in aree tutelate dall’Unesco. Battuto in Commissione il governo sull’alcolock.

“E’ stato approvato contro il volere del governo il nostro emendamento che chiede al Mit di chiarire la tipologia di officine autorizzate all’installazione dell’alcolock all’interno delle autovetture”, ha spiegato il capogruppo del Partito Democratico nella commissione, Anthony Barbagallo. E contemporaneamente alla riforma del codice, il Mit per promuovere la sicurezza stradale lancia tre spot con l’aiuto di vip, piloti e influencer. “Fai l’unica scelta possibile”, è il titolo della campagna. Gli spot hanno come obiettivo la sensibilizzazione di guidatori, in particolare giovani, affrontando tre delle principali cause di incidenti: la distrazione del telefono al volante, l’utilizzo di sostanze stupefacenti e le “challenge” filmate con lo smartphone. La campagna istituzionale verrà diffusa nei prossimi giorni sui canali Rai e su diverse emittenti locali.

Continua a leggere

Cronache

Cellulari e droga in cella di un boss della camorra

Pubblicato

del

Dieci telefonini nuovi, 5 microtelefoni e 30 grammi di una “sostanza sospetta, con molta probabilità cocaina”, sono stati trovati poco fa, secondo quanto comunica l’Osapp, nella cella di un boss della camorra all’interno del carcere di Avellino. “Si tratta – dice Leo Beneduci, segretario generale dell’Osapp, sindacato di polizia penitenziaria – dell’ennesimo evento critico occorso nella struttura penitenziaria irpina, a dimostrazione che non solo in quel carcere non si scherza ma che vi sono posti costantemente in dubbio sicurezza e legalità, anche nell’interesse della Collettività esterna. Ancora una volta chiediamo a gran voce per Avellino come per tutte le infrastrutture penitenziarie a rischio sul territorio nazionale il rafforzamento di organici e degli strumenti di lavoro e di tutela per il Corpo di Polizia penitenziaria e la riorganizzazione della politica penitenziaria nazionale”. Solo ieri nello stesso carcere un detenuto si era opposto al suo trasferimento minacciando, anche con un tirapugni, alcuni agenti e il direttore del carcere.

Continua a leggere

Cronache

Vasca da bagno sui binari della Circumvesuviana, macchinista evita tragedia

Pubblicato

del

Una vasca da bagno abbandonata sui binari della Circumvesuviana. È quanto si è trovato di fronte ieri sera il macchinista di un treno Eav (Ente autonomo Volturno) a ridosso del passaggio a livello di via Crapolla, a Pompei, tra le stazioni di Pompei e Scafati. A denunciare l’accaduto è stato, sulla sua pagina Facebook, lo stesso presidente dell’Eav, Umberto De Gregorio, che postando anche una foto scrive come “per fortuna il macchinista ha avuto il tempo e la concentrazione per rallentare ed ha evitato un disastro”.

De Gregorio ricorda anche come, sempre ieri sera, ma sulla linea Napoli-Piedimonte Matese, un’auto “è rimasta imprigionata nel passaggio a livello al km 220+821 (gestore Infrastruttura Rfi)”. “La ferrovia deve essere protetta – la conclusione del presidente di Eav – e vanno eliminati tutti i passaggi a livello non appena possibile. Eppure troviamo resistenza ogni volta che tentiamo la soppressione”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto