Collegati con noi

Spettacoli

Achille Lauro archivia il tour estivo e si lancia in un nuovo progetto nel metaverso

Pubblicato

del

Archiviato il successo del tour estivo, Achille Lauro è pronto a regalare al pubblico una nuova e futuristica iniziativa: ha infatti presentato il manifesto e il teaser di Directed by Achille Lauro, un innovativo progetto artistico che l’artista lancera’ nel 2023 nel metaverso e non solo, un incubatore di idee, esperienze creative, opere fisiche e digitali, collaborazioni con artisti emergenti e affermati del mondo dell’arte, del fashion e del design. Directed by Achille Lauro partira’ con l’apertura di un’esperienza nel metaverso, creata in collaborazione con Valuart, in cui si potranno visionare alcuni dei piu’ importanti concept creativi ed estetici ideati dall’artista e dal suo team nel corso della sua carriera, come gli iconici abiti di Sanremo 2020 e 2021, realizzati in collaborazione con il direttore creativo della Maison Gucci, Alessandro Michele. “Mi piace declinare la creativita’ nelle sue forme piu’ assolute: musica, arte, mondo digital – racconta Achille Lauro -. Una continua contaminazione tra arti, non convenzionale e libera. Sono contento che il progetto Directed By Achille Lauro si apra al metaverso, una dimensione virtuale parallela ancora inesplorata dal grande pubblico. Il progetto e’ spinto da una propensione all’esplorazione di molteplici campi applicativi, un universo di idee, storie e visioni tutte da raccontare”. Directed by Achille Lauro sara’ uno spazio dedicato a ogni forma di arte. Un progetto realizzato in collaborazione con Valuart, azienda innovativa specializzata nel supporto e nella valorizzazione di artisti nel mercato digitale, proprietaria dell’app Hadem, uno spazio nel Multiverso, sede di arte, design e intrattenimento. Il debutto di Achille Lauro nel mondo del metaverso e’ stato anticipato da una serie di attivita’ nel settore della criptoarte: dopo l’One Night Show al Teatro degli Arcimboldi di dicembre 2021 e l’NFT Live Superart dello scorso luglio, il prossimo 4 novembre sempre sulla piattaforma Crypto.com saranno messe all’asta, totalmente a scopo benefico, le riproduzioni di cinque opere d’arte generativa NFT gia’ rivelate al pubblico presente durante la data di Milano del tour estivo Achille Lauro Superstar.

Advertisement

Spettacoli

Addio all’attrice Kirstie Alley, star di ‘Cheers’

Pubblicato

del

Kirstie Alley, l’attrice due volte vincitrice dell’Emmy famosa per aver interpretato Rebecca Howe nella sitcom ‘Cheers’, è morta all’età di 71 anni. Alley è morta dopo una breve battaglia contro il cancro. “Siamo dispiaciuti di informarvi che la nostra incredibile madre è morta dopo una battaglia contro un cancro che aveva scoperto di recente”, affermano i figli su Instagram. “Era circondata dalla famiglia e ha combattuto con forza. Era un’icona sullo schermo e lo era ancora di più come madre e nonna”, aggiungono. Kirstie Alley era nata a Wichita, Kansas, nel 1951 e si era trasferita nel 1980 a Los Angeles, dove lavorava come interior designer. La sua carriera cinematografica era iniziata nel 1982 con ‘Stark Trek II’, seguito poi da ‘Blind Date’ e nel 1985 dalla miniserie ‘North and South’. Nel 1991 conquistò il suo primo Emmy per il ruolo in ‘Cheers’. Il secondo arrivò invece nel 1994 con ‘David’s Mother’, in cui interpretava il ruolo della madre di un teenager autistico. La notizia della sua morte rimbalza sui social e molti la ricordano. Lo fa John Travolta, che con Alley è stato protagonista di ‘Senti chi parla’: “Kirstie è stata una delle relazioni più speciali che ho mai auto”. “Kristie, riposa in pace”, twitta Valerie Bertinelli.

Continua a leggere

In Evidenza

I Maneskin salutano New York, ‘Italiano? Oh mamma mia’

Pubblicato

del

Da poche centinaia per il concerto di debutto a New York alla Bowery Ballroom nell’ottobre del 2021 a circa 2500 persone dell’Hammerstein Ballroom al Manhattan Center per il ritorno poco più di un anno dopo. I Måneskin hanno fatto tappa di nuovo nella Grande Mela e hanno fatto il botto con due concerti sold out nell’ambito del ‘Loud Kids Tour Usa’, che è partito da Seattle nello stato di Washington il 31 ottobre e si concluderà a Las Vegas il prossimo 16 dicembre. Una tournée diventata anche ‘louder’ (che fa ancora più rumore, ndr) perché vista l’enorme richiesta è stato necessario scegliere sale concerti più grandi ed aggiungere ulteriori date.

Ne hanno fatta di strada Damiano David (voce), Victoria De Angelis (basso), Thomas Raggi (chitarra) e Ethan Torchio (batteria), da quando, quel 26 ottobre 2021, fecero il loro debutto televisivo americano, ospiti del Tonight Show con Jimmy Fallon. Da allora i quattro ragazzi italiani hanno conquistato l’America e il mondo. Sono la band che mette d’accordo tutte le età, come ha dimostrato la lunga fila di persone che ha occupato diversi isolati prima di riuscire ad entrare al Manhattan Center. Alternando successi vecchi e nuovi i Måneskin hanno fatto andare il pubblico in delirio, anche scendendo dal palcoscenico e camminando tra i fan. E sul palco è sventolata anche una bandiera italiana lanciata durante lo show.

Il tricoloreè stato lo spunto di un siparietto per Damiano per introdurre il singolo ‘MAMMAMIA’. “Incontriamo tante persone – ha detto – e quando ci presentano la conversazione di solito fa così, ‘Ciao, piacere di conoscerti, di dove sei?’, ‘Sono italiano’, ‘Oh italiano? Mamma Miaaaa’. Così ci abbiamo fatto una canzone, perché dalla merda si possono creare fiori, dai, forza”. Prima di chiudere la serata, decine di fan sono stati fatti salire sul palco e hanno ballato e cantato con la band. Poi è arrivato il momento di ‘The Loneliest’, ultimo singolo uscito ad ottobre e che precede la pubblicazione il 20 gennaio 2023 di ‘RUSH!’, il loro terzo album. Prima di congedarsi, “Thank you New York, it’s been two amazing nights, we fucking love you, we hope to be back soon and for the last time, make some fucking noise, see you motherfuckeeeers”.

“Grazie New York – ha detto Damiamo salutando il pubblico – vi amiamo fottutametne, speriamo di tornare presto e per una volta ancora, fate del fottuto rumore stronziiii”. La prossima data prevista negli Usa è il 15 dicembre a Washington D.C.. I Maneskin sono gli italiani più ascoltati all’estero secondo ‘Spotify Wrapped 2022’, la super classifica annuale della piattaforma di streaming mentre con ‘I wanna be your slave’ hanno vinto nella categoria ‘Miglior video alternativo’ ai premi Mtv per la videomusic. Hanno vinto, inoltre, nella categoria Favorite Rock Song con il brano ‘Beggin’ agli American Music Awards in cui erano nominati insieme a Foo Fighters, Red Hot Chili Peppers, Imagine Dragons e Kate Bush. Il prossimo febbraio saranno sul palco della 65/a edizione dei Grammy Awards, in corsa nella categoria Best New Artist.

Continua a leggere

Cinema

Indiana Jones 5 e ‘La Ruota del Destino’, primo trailer con Indy giovane

Pubblicato

del

Indiana Jones torna nelle sale la prossima estate: il quinto e forse ultimo episodio della saga dell’archeologo-avventuriero con la regia stavolta di James Mangold si intitolera’ ‘La Ruota del Destino’. Appuntamento al 30 giugno, annuncia il trailer in cui alcune sequenze mostrano un Harrison Ford giovane grazie agli effetti speciali. “Mi manca il deserto. Mi manca il mare. Mi manca svegliarmi ogni mattina chiedendomi quale meravigliosa avventura mi portera’ il giorno”, dice nel trailer la voce fuori campo.

Girato tra l’altro in Sicilia, tra Segesta e Cefalu’, il film sarà l’ultimo nel ruolo per Ford che ha compiuto 80 anni lo scorso luglio e l’anno scorso si e’ infortunato sul set dei Pinewood Studios durante le riprese. Il trailer mostra una sequenza durante una parata a New York e un inseguimento a cavallo in un tunnel della metropolitana. Indy torna a usare la frusta ma nelle brevi anticipazione mancano due personaggi familiari: la moglie Marion Ravenwood (Karen Allen) e il figlio Mutt (Shia LaBeouf) che avevano giovato ruoli importanti nel quarto episodio della serie “Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo””.

Quel film fu l’ultimo di Steven Spielberg con la franchise da lui creata nel 1981 assieme a George Lucas: il regista aveva optato di girare ‘The Fablemans’ anziche’ tornare per il nuovo ‘Indiana’ sul cui copione, secondo indiscrezioni, aveva avuto qualche perplessita’. Spielberg e Lucas sono comunque produttori esecutivi del quinto film. L’Indiana Jones giovane appare in una sequenza in flashback ambientata nel 1944, otto anni dopo gli eventi di ‘I Predatori dell’Arca Perduta’. Il resto della storia si svolge alla fine degli anni ’60: Indy vive e insegna a New York fino a quando il vecchio amico Sallah (John Rhys-Davies) cerca di convincerlo a rimettersi in gioco: “Quei giorni sono finiti”, insiste il professore. “Forse. E forse no”, replica l’amico.

Non e’ ancora chiaro quale sia stavolta l’oggetto del desiderio, (la Ruota del Destino del titolo), ma gia’ dal trailer si capisce che sono in molti a cercarlo, tra questi un ex nazista entusiasta dell’aeropazio interpretato da Mads Mikkelsen e Helena (Phoebe Waller-Bridge di ‘Fleabag’), una giovane donna che sembra avere un rapporto personale con Indiana: “Sono il suo padrino” dice lui, mentre lei gli da’ sulla voce: “E’ un mezzo parente’. Nel cast anche Thomas Kretschmann, Boyd Holbrook, Shaunette Renee Wilson e Antonio Banderas. Sono 14 anni che i fan aspettano un nuovo Indiana Jones dopo che “Il Regno del Teschio di Cristallo” del 2008 non fu il successo sperato.

Tornera’ per il quinto film anche il 90enne John Williams che ha lavorato alla colonna sonora di tutti gli Indiana Jones dell’ultimo quarantennio. All’inizio di settembre il decano dei compositori di Hollywood aveva deliziato il pubblico della Hollywood Bowl con un nuovo tema intitolato “Helena’s Theme”, un riferimento al personaggio della Waller-Bridge da lui descritto come “una avventuriera e anche una femme fatale che che merita il lirismo musicale di una star della vecchia Hollywood”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto