Collegati con noi

Sport

Usa verso l’invio di missili a lungo raggio a Kiev

Pubblicato

del

All’indomani della sconfitta ucraina di Avdiivka, in un quadro di complessivo deterioramento della situazione militare, e con un Vladimir Putin che sbeffeggia gli avversari “fuggiti in massa dal fronte”, gli Stati Uniti si appresterebbero a un grande salto di qualità. Secondo la Nbc sarebbero infatti in procinto di inviare a Kiev la versione più potente di missili balistici Atacms, capaci di colpire un obiettivo a 300 chilometri, che metterebbero la Crimea e non solo nel mirino. Sul terreno, segnalano gli osservatori indipendenti, si registrano scontri e scaramucce tra manipoli di soldati. Le truppe russe sono impegnate nel consolidamento del fronte attorno ad Avdiivka e in tutto il Donetsk mentre premono sulle regioni di Kherson e Zaporizhzhia, lanciando attacchi per “capitalizzare” la vittoria, come ha spiegato lo stesso Putin.

Sul fronte opposto, le forze di Kiev ripiegate di alcuni chilometri rafforzano le difese e respingono gli assalti. Il comandante militare nell’area di Avdiivka, Oleksandr Tarnavskyi, riferisce che i suoi soldati sono stati attaccati 42 volte da piccoli gruppi di russi, supportati da un diluvio di artiglieria, oltre mille i colpi sparati in una zona di operazioni non particolarmente estesa. Gli ucraini, a causa della scarsità di munizioni, sono costretti a centellinarle, a prendere di mira concentrazioni di avversari per poter causare più danni. In molti casi è impossibile contrattaccare l’artiglieria nemica, “costa troppe munizioni” lamentano diversi ufficiali. Kiev torna poi a denunciare con forze le esecuzioni sommarie di soldati catturati dai russi, da ultimo vicino a Robotyny, nella regione di Zaporizhzhia. Tre i militari disarmati barbaramente uccisi, come mostra l’ennesimo video dell’orrore in due anni di guerra. Mosca intanto – rivela il think tank americano Institute for the Study of War – ha lanciato una massiccia operazione di hacking contro diversi siti di informazione ucraini per diffondere e rendere concreta l’idea di una fuga di massa dell’esercito di Kiev da Avdiivka.

Tesi rilanciata oggi da Putin in persona: “Il comando ucraino ha emesso l’ordine di ritirare le sue truppe quando queste erano già in fuga”, ha detto sbeffeggiando gli avversari e invitando le forze armate ucraine “nei territori liberati ad arrendersi”. La “vittoria va consolidata”, ha incalzato, annunciando in pompa magna la conquista del villaggio di Krynki nella regione di Kherson. Si tratta di una testa di ponte ucraina sul lato del fiume Dnipro occupato da Mosca: il ministro della Difesa, Serghei Shoigu, ha enfatizzato che nel corso della battaglia i russi “per la prima volta nella storia hanno ricevuto i rifornimenti grazie a potenti droni”. In questo quadro sempre più preoccupante, e dopo mesi di richieste da parte di Kiev, l’amministrazione Biden starebbe lavorando per fornire all’Ucraina i nuovi potenti missili balistici Atacms. Non quelli a medio raggio consegnati fino ad ora, ma quelli con una gittata da 300 chilometri. Tutto, ha sottolineato la Nbc che ha rivelato l’informazione, dipende dall’approvazione da parte del Congresso Usa del disegno di legge che prevede 95 miliardi di aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan.

Advertisement

In Evidenza

La morte di Mattia Giani sul campo di calcio, l’accusa del giudice sportivo: l’ambulanza arrivò dopo 17 minuti

Pubblicato

del

Una tragedia ha colpito il mondo del calcio toscano con la morte del calciatore Mattia Giani durante una partita tra Lanciotto e Castelfiorentino. Il giudice sportivo della Figc – Lega Dilettanti toscana ha ora fornito una ricostruzione dettagliata degli eventi che hanno portato alla tragedia e delle decisioni conseguenti.

Secondo il giudice sportivo, l’ambulanza è arrivata allo stadio di Campi solo 17 minuti dopo che i soccorsi sono stati richiesti per Mattia Giani. Durante questo periodo, i soccorsi sono stati forniti da un massaggiatore ospite e da un medico presente in tribuna, che sembra che abbiano utilizzato un defibrillatore per tentare di rianimare il giocatore. Successivamente, una prima ambulanza è giunta sul posto e ha continuato le operazioni di soccorso con l’aiuto di altri volontari che sono arrivati con un’altra ambulanza pochi minuti dopo. Nonostante gli sforzi dei sanitari, il calciatore è stato dichiarato morto dopo il suo trasferimento in ospedale.

Il giudice sportivo ha ritenuto giustificata la sospensione della partita, che è stata interrotta al 14′ del primo tempo, a causa dell’inevitabile turbamento di giocatori e dirigenti causato dall’evento tragico. Inoltre, ha deciso che la parte restante della partita dovrà essere recuperata in un secondo momento.

La squadra Lanciotto è stata multata di 400 euro “per mancanza di ambulanza e/o medico”,  sanzione prevista per questa mancanza.

“Giova sottolineare – scrive ancora il giudice sportivo – come il rispetto del grave evento anche da parte della società Lanciotto Campi Bisenzio e dei componenti la terna arbitrale sia sintomo di grande osservanza dei valori della solidarietà e della correttezza sportiva”.

Continua a leggere

In Evidenza

Champions, il Real Madrid di Ancelotti batte il City ai rigori e vola in semifinale

Pubblicato

del

Il “re” di coppe piazza un altro colpo: il Real Madrid di Carlo Ancelotti raggiunge la semifinale di Champions League dopo una battaglia durissima contro il Manchester City di Pep Guardiola. Raggiunge così Del Bosque come il secondo allenatore del Real Madrid con più presenze in Champions.

Con uno spettacolare pareggio 3-3 nell’andata, i Blancos di Carlos Ancelotti si sono imposti dopo i rigori (5-4) nel ritorno dei quarti di finale all’Etihad Stadium. Nonostante un inizio frenetico, con il Real che si è portato in vantaggio al 12’ grazie a Rodrygo e il Manchester City che ha colpito la traversa con Haaland, il primo tempo si è chiuso sull’1-1, firmato da De Bruyne al 76’. Il ritmo del match è stato incandescente, con entrambe le squadre impegnate in rapidi scambi e azioni fulminee. Nonostante gli sforzi di entrambi i lati nei tempi regolamentari e supplementari, il risultato è rimasto invariato.

La partita è stata caratterizzata da un gioco tattico, con Pep Guardiola e Carlo Ancelotti che hanno orchestrato le loro mosse con maestria. Ma è stata la lotteria dei rigori a decretare il vincitore, con il Real Madrid che ha avuto la meglio, accedendo così alla semifinale per il quarto anno consecutivo. Ora, i Blancos si preparano ad affrontare il Bayern Monaco in un’altra sfida emozionante per un posto nella finale di Champions League.

Continua a leggere

Sport

Champions, il Bayern va in semifinale battendo l’Arsenal di misura

Pubblicato

del

Il Bayern Monaco si consola del campionato deludente conquistando l’accesso alla semifinale di Champions League dopo una vittoria cruciale sul campo dell’Arsenal. Con un risultato finale di 1-0 all’Allianz Arena nel ritorno dei quarti di finale, i bavaresi hanno dimostrato ancora una volta la loro forza e determinazione. Il momento decisivo è arrivato nella ripresa, quando Kimmich ha trovato la rete di testa su un preciso cross di Guerreiro al minuto 63’.

La partita è stata caratterizzata da un dominio del Bayern, che ha colpito due volte il palo nella stessa azione all’inizio della ripresa, con Goretzka e Guerreiro, mettendo a dura prova la difesa dell’Arsenal. Nonostante i tentativi dei Gunners di reagire grazie ad un ottimo Jorginho, il Bayern ha mantenuto saldamente il controllo del gioco e ha difeso con determinazione il proprio vantaggio fino al fischio finale.

Questo risultato segue il pareggio 2-2 nell’andata all’Emirates di Londra, confermando la superiorità complessiva del Bayern Monaco nella doppia sfida. Ora, i bavaresi si preparano ad affrontare la vincente tra Manchester City e Real Madrid nella semifinale.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto