Collegati con noi

Cronache

Tumori al seno, bene i dati sulle cure del Pascale di Napoli

Pubblicato

del

E’ la piu’ lunga sopravvivenza finora raggiunta per il tumore della mammella allo stadio avanzato e permette di parlare di vera e propria cronicizzazione della malattia. Lo dimostrano i risultati dell’analisi finale sulla sopravvivenza globale dello studio di Fase III Monaleesa-2, illustrati nel corso del Congresso 2021 di Esmo, la Societa’ europea di oncologia medica. Al centro dell’attenzione c’e’ un farmaco, il ribociclib, usato insieme al letrozolo: un trattamento che e’ stato dato a un particolare gruppo di donne in post-menopausa con tumore della mammella in stadio avanzato o metastatico. Il lavoro ha dimostrato che dopo 5 anni le pazienti trattate in questo modo hanno avuto piu’ del 50% di possibilita’ di sopravvivenza rispetto a quelle che assumevano solo il letrozolo. I dati, spiega Michelino De Laurentiis, direttore direttore del Dipartimento di Oncologia Senologica e Toraco-Polmonare dell’Istituto nazionale tumori Irccs Fondazione Pascale di Napoli sono “molto solidi” e “confermano l’efficacia della terapia”. “Vi erano gia’ due studi con ribociclib condotti su popolazioni diverse: Monaleesa-7 e Monaleesa-3 – aggiunge – il ‘pezzo’ mancante era proprio il Monaleesa-2. Meta’ delle pazienti e’ stata seguita per almeno 7 anni. Siamo di fronte a una sperimentazione il cui risultato e’ stabile, definitivo. Ribociclib ha mostrato una riduzione del 24% del rischio di morte, coerente con quanto gia’ visto negli altri due studi Monaleesa. Altro dato che conferma la validita’ del farmaco e’ la sopravvivenza globale mediana, pari a 63,9 mesi. E’ la piu’ lunga mai registrata in tutti i tipi di tumore della mammella. Significa che meta’ delle pazienti vive piu’ di 5 anni”. Per Pierfranco Conte, direttore della divisione di Oncologia Medica 2 dell’Istituto oncologico veneto di Padova, “un altro ‘numero’ che misura la portata dello studio Monaleesa-2 e’ che”, a 6 anni di controlli, “quasi la meta’ delle donne, il 44%, e’ ancora vivo. Sono dati mai visti con nessun trattamento in questa popolazione di pazienti – aggiunge – l’Italia ha contribuito in maniera importante a tutto il programma degli studi”. Nel 2020, in Italia, sono stati stimati circa 55mila nuovi casi di tumore della mammella allo stadio avanzato e piu’ di 37.000 vivono con una diagnosi di malattia metastatica. Saverio Cinieri, direttore dell’Oncologia Medica e Breast Unit dell’Ospedale ‘Perrino’ di Brindisi e presidente eletto Aiom (Associazione italiana di oncologia medica), sottolinea che “le donne in post-menopausa rappresentano circa il 70% di quelle con tumore al seno endocrino-sensibile e la meta’ di queste corrisponde al profilo delle pazienti incluse nello studio. Questi importanti dati di sopravvivenza globale con ribociclib sono incoraggianti e ci consentono di affermare che e’ stato raggiunto l’obiettivo di cronicizzare la malattia avanzata”.

Advertisement

Cronache

Rider picchiato per scooter a Napoli, condannati babyrapinatori

Pubblicato

del

Lo inseguirono e poi lo presero a claci e pugni. Volevano lo scooter che lui usava per consegnare le pizze in giro per la citta’ a Napoli. Quell’azione cosi’ brutale compiuta nella notte tra il 1 e il 2 gennaio scorso in via Calata Capodichino a Capodichino fu ripresa da un passante con lo smartphone. Il video del rider malmenato e poi investito da uno dei rapinatori in sella a un altro scooter fu pubblicato sui social e fece il giro del web in poche ore. Una settimana dopo la gang fu arrestata. Erano tutti giovani, quattro minorenni e due maggiorenni, tutti residenti tra il quartiere di Scampia e il comune dell’hinterland partenopeo di Casoria. Poco prima del ‘colpo’ ai danni del rider 50enne, ex macellaio disoccupato che ‘faticava’ con il mezzo prestattogli dalla figlia, avevano messo a segno un’altra rapina. Sempre con le stesse modalita’. Tre baby rapinatori sono stati condannati a 4 anni e 8 mesi ieri dal giudice del tribunale dei Minori parenopeo; il quarto imputato, che risponde solo di una rapina, ha incassato 3 anni e 4 mesi. Tutti sconteranno la condanna in una comunita’ di recupero in cui erano gia’ dall’arresto. I maggiorenni, Vincenzo Zimbetti e Michele Spinelli, nel luglio scorso sono stati condannati dal gup del tribunale di Napoli Nord, con il rito abbreviato, a 10 anni di reclusione.

Continua a leggere

Cronache

Dentista no vax sospeso esercitava professione, denunciato

Pubblicato

del

Un medico odontoiatra e’ stato denunciato alla procura per esercizio abusivo della professione. Il nucleo carabinieri antisofisticazioni e sanita’ di Ragusa ha effettuato un controllo in uno studio dentistico di Siracusa dove hanno scoperto che l’odontoiatra, sospeso dall’Azienda sanitaria provinciale e dall’Ordine dei medici perche’ non vaccinato, continuava a svolgere la propria attivita’.

Continua a leggere

Cronache

Nove arresti per agguato a due fratelli, arrestato anche un comandante dei vigili urbani

Pubblicato

del

La Polizia sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare a carico di 9 presunti capi e affiliati al clan Parisi-Palermiti, ritenuti responsabili, a vario titolo, dell’ omicidio aggravato dal metodo mafioso del 24enne Michele Walter Rafaschieri e del tentato omicidio del fratello Francesco Alessandro Rafaschieri, 34 anni, avvenuti nel quartiere Carbonara il 24 settembre 2018. Tra gli arrestati c’è anche il comandante della Polizia locale di Sammichele di Bari, Domenico D’Arcangelo. Non sarebbe però  coinvolto nel delitto ma avrebbe favorito l’attività di alcuni pregiudicati.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto