Collegati con noi

Sport

Trappola Napoli per Inter in fuga, rischia il Milan

Pubblicato

del

Il Napoli vuole evitare di passare il testimone già a dicembre a un’Inter sempre più autorevole, lanciata in una fuga scudetto che appare compatibile col potenziale della sua rosa. Simone Inzaghi, dopo la prova di forza data a Lisbona col recupero di tre gol in una gara che contava poco e con otto sostituti in campo, ha la forza dei nervi distesi. Una sconfitta potrebbe essere tutto sommato rimediabile, una vittoria significherebbe rafforzare la fuga e infliggere un colpo tremendo a un Napoli che tenta di riguadagnare l’autostima col sergente di ferro Mazzarri che, proprio con la squadra con cui ha ottenuto i risultati migliori dieci anni fa, cerca di tornare in auge dopo un’eclissi che l’ha fatto scomparire dai radar del calcio che conta. Tutto lascia presagire un incontro spettacolare e dal risultato in bilico, nel match clou della 14/a di A, domenica sera al ‘Maradona’.

Il recuperato Osimhen e il rinfrancato Kvara sfidano, orgogliosi dello scudetto sul petto, gli affiatati e irresistibili Lautaro e Thuram. Anche a centrocampo i confronti sono equilibrati, mentre sulle fasce prevale l’Inter. Anche se hanno la migliore difesa, in quel reparto gli ospiti potrebbero rendere qualcosa per le assenze di Pavard e Bastoni, ma il Napoli non ha ancora elaborato il ‘lutto’ della partenza di Kim visto che il sostituto Natan convince a metà. Però, dopo l’esonero di Garcia, i partenopei hanno ritrovato lo spirito giusto, come hanno dimostrato a Bergamo e a Madrid. Rischia molto di più, in realtà, il Milan di Pioli colpito e (quasi) affondato in Champions in un girone comunque complicato. I tumultuosi movimenti di mercato sembrano avere alla distanza disunito il gruppo falcidiato da una sequela di infortuni che non possono essere ascrivibili solo alla sfortuna.

La difesa manca di cinque elementi e domani, contro il volitivo Frosinone, il reduce Tomori sarà affiancato dal baby Simic. Senza Leao e lo squalificato Giroud Pioli sarà costretto a ricorrere all’inconsistente Jovic. Di Francesco si sta togliendo molti sassolini dalle scarpe: dopo i molteplici esoneri sta facendo volare il Frosinone come aveva fatto col Sassuolo a inizio carriera. I ciociari divertono, sfruttano i prestiti di Soule’, Barrenechea, Reinier, Cheddira per creare un gruppo sfacciato e ambizioso, per ora ancorato al nono posto. Un ulteriore passo falso potrebbe far traballare la panchina di Pioli, che è comunque al terzo posto. Osservate speciali, nel turno successivo alla quinta tappa delle coppe, sono le attardate Roma, Atalanta, Fiorentina e Lazio, oltre alla sorpresa Bologna. La Roma, criticata aspramente da Mourinho dopo la frenata a Ginevra, gioca in casa del Sassuolo di Berardi e degli ex Vina e Defrel. Rientrerà Mancini, le chance dei tre punti sono affidate a Lukaku e Dybala, insolitamente opaco col Servette.

L’Atalanta ha ritrovato il miglior Scamacca e renderà visita a un Torino sempre più inconcludente, con l’ex Zapata smanioso di farsi rimpiangere. La Fiorentina deve cambiare marcia dopo le quattro sconfitte in cinque gare che hanno frenato la sua ascesa: sembra favorita contro la Salernitana che è ultima ma che ha mostrato orgoglio e qualità vincendo con la Lazio grazie all’ex Candreva. I biancazzurri hanno frenato le difficoltà recenti con la qualificazione agli ottavi di Champions e le prodezze del ritrovato Immobile, ma il bilancio in campionato e’ deprimente: sono 11/i, a -7 dal quarto posto.

Servono tre punti contro il Cagliari che sembra in progresso e ha una batteria di attaccanti superiore ai suoi avversari per la salvezza. Se buona parte delle squadre arrancano, ce n’è una che vola. E’ il Bologna di Thiago Motta, trascinato da Ferguson, Aebischer e Zirkzee, che ha il miglior rendimento degli ultimi 20 anni. Gli emiliani sono quinti con la Roma e hanno la possibilità di ottenere la quarta vittoria in sei gare in casa di un deludente Lecce che Baroni non riesce a riassestare dopo un buon inizio. Le altre due gare riguardano la volata salvezza. Il Genoa, che Gilardino sta pilotando verso il centroclassifica, recupera Retegui, dà fiducia a Malinovskyi e ospita l’alterno Empoli, che però ha tratto giovamento dal ritorno di Andreazzoli. Molto piu’ delicato è il derby del nord-est: l’Udinese con Cioffi sembra più competitivo, ma la classifica è deficitaria e rimane l’enigma del recupero di Deulofeu, fermo ai box da un anno. I friulani ospitano il Verona di Baroni in caduta libera: dopo le due vittorie iniziali ha collezionato tre punti in 11 partite. Un ulteriore stop potrebbe decapitare anche la panchina dei veneti.

Advertisement
Continua a leggere

Sport

Napoli formato Champions con Kvara e Osimhen, Raspadori abbatte la Juve nel finale

Pubblicato

del

ittoria nel finale per il Napoli di Francesco Calzona, che batte 2-1 la Juventus e torna a farsi vedere in zona Europa. Decisive per i partenopei le reti di Kvaratshkelia e Raspadori, intervallate da quella di Chiesa e dal rigore sbagliato da Osimhen. La prima occasione pericolosa se la crea la Juventus, con Chiesa che sfrutta l’errore di Olivera e dalla sinistra cross in area per Vlahovic, liberatosi di Rrahmani ma di poco impreciso nel centrare la porta di testa. Risponde il Napoli, al 27′, con la punizione dal limite di Politano che calcia forte mettendo in difficoltà Szczesny, comunque reattivo a bloccare in due tempi. Gara intensa e Juventus ancora vicina al vantaggio al minuto 34, sempre con Vlahovic, servito nuovamente in profondità da Chiesa e bravo a superare Meret con il pallonetto che sbatte tuttavia sul palo. L’undici di Allegri sembra non dare punti di riferimento offensivi al Napoli, che però sul finire di primo tempo troverà l’1-0, grazie al pallone raccolto da Kvaratshkelia sulla respinta momentanea di Bremer e calciato al volo proprio dal georgiano, con il pallone che, aiutato dalla deviazione di Cambiaso, finisce alle spalle di Szczesny.

Bianconeri in svantaggio ma per la terza volta vicini al gol, con la palla persa da Traore al limite della propria area in favore di Rugani che va da Vlahovic, impreciso col sinistro che termina alto. Nella ripresa è ancora l’attaccante serbo l’uomo più pericoloso per la Juventus, con continui movimenti sul fronte offensivo e anche un conclusione ben parata da Meret al 61′. Il Napoli di Calzona prova a far rifiatare i suoi interpreti, inserendo Raspadori e Zielinski per dare maggiori forze al reparto d’attacco. All’81’ però la Juventus trova il tanto ricercato pareggio, con Chiesa che riceve il pallone sulla destra e scarica il tracciante destro vicino al palo alla destra di Meret, che non può nulla. Passano però soli cinque minuti e il Napoli ritrova il vantaggio: fallo in area di Nonge su Osimhen che causa il calcio di rigore in favore degli azzurri, fallito dal centravanti nigeriano ma ribadito in rete da Raspadori, che rimette il punteggio sul 2-1 e decide così la sfida del ‘Maradona’.

Continua a leggere

Sport

Bologna vince ancora, rimonta l’Atalanta e resta quarto

Pubblicato

del

Zirkzee su rigore e Ferguson ribaltano il vantaggio iniziale di Lookman e il Bologna, infilando la sesta vittoria consecutiva, respinge l’assalto al quarto posto dell’Atalanta tenendosi la posizione-Champions e relegando i locali al sesto. Dopo un primo tempo a predominio nerazzurro, agli uomini di Motta è bastata una fiammata nel secondo nel giro di 6′, con Saelemaekers e Zirkzee grandi protagonisti, per la rimonta da 3 punti. Lookman è lesto ad aprire il punteggio in una partita tatticamente piuttosto chiusa, approfittando dalla corta respinta di Skorupski sul destro in corsa di Zappacosta servito da De Ketelaere a 2 minuti dalla mezzora di gioco. Era stato proprio il belga a sprecare alta la prima occasione, dopo un solo minuto e mezzo, sul pallone basso da sinistra di Ruggeri.

Poco più tardi del decimo Fabbian alza di testa l’angolo di Orsolini, ex di turno come Freuler, e Ruggeri non sfrutta a dovere lo scarico di Lookman. Bergamaschi padroni del campo o quasi: al quarto d’ora, Lookman fa le prove generali di vantaggio impegnando il portiere ospite col diagonale sinistro e Kristiansen evita problemi in mischia. Il collega Carnesecchi, invece, non ha problemi a bloccare il sinistro da fuori di Orsolini a metà frazione, mentre a stoppare Zirkzee ci pensa il muro a due Kolasinac-Scalvini, come pure il destro di Posch al trentaduesimo. Al vantaggio nerazzurro non segue subito la reazione della squadra di Motta, che preferisce non alzare i ritmi, e anzi è Beukema a evitare guai a 8′ dall’intervallo deviando sopra la traversa il tentativo di doppietta dalla lunetta del primo marcatore di giornata.

Nella ripresa la sfuriata bolognese produce il colpo di testa di Calafiori al decimo parato miracolosamente da Carnesecchi su angolo di Saelemaekers e il fallo di Koopmeiners sulla stessa ala belga, che lascia al suo assistman Zirkzee l’incombenza di pareggiare dal dischetto. L’olandese smista per Ndoye e la respinta col corpo di Ruggeri finisce per liberare al tiro Ferguson dal limite per una traiettoria imprendibile nell’angolino. Gasperini passa al 4-2-3-1 con Holm terzino e Scamacca dietro Miranchuk-Koopmeiners, Lookman, ottenendone un’azione a due Lookman-Scamacca nei pressi della mezzora con scarico per il tiro di De Roon bloccato da Kristiansen. In precedenza, Ferguson prova a sorprendere Carnesecchi, lontano dai pali, sbagliando misura. I padroni di casa ci provano dalla distanza e da schema con Miranchuk e Koopmeiners, trovando però solo un angolo e l’ostacolo Zirkzee in piena area. Sipario su un successo esterno costruito intelligentemente, fortemente voluto e meritato.

Continua a leggere

Sport

Caos voto in Sardegna, 19 sezioni mancanti, Todde serena

Pubblicato

del

A una settimana esatta dal voto in Sardegna, regna ancora il caos sull’esito delle elezioni. La governatrice in pectore Alessandra Todde si dice serena ma dovrà attendere molto probabilmente sino a fine mese per essere proclamata la prima donna presidente della Regione in 75 anni. Il distacco con il candidato del centrodestra Paolo Truzzu – secondo dati non ufficiali – si sarebbe assottigliato. Ora bisogna attendere che gli uffici dei Tribunali finiscano il lavoro di verifica delle sezioni mancanti per poi inviare tutti i verbali alla Corte d’appello di Cagliari, cui spetta il compito di proclamare il nuovo presidente della Regione e i 60 eletti in Consiglio regionale.

Sezioni mancanti che – come ha precisato oggi la Regione – sono 19 e non 22 come circolato in questi giorni. Era stato completato in Zona Cesarini, infatti, lo spoglio in due seggi a Sorso e uno a Bonarcardo. E ballano anche 20mila schede nulle. Confusione che potrebbe avere ripercusioni anche nelle prossime regionali in programma in Abruzzo, dove la stessa Todde ha annunciato che si recherà l’8 marzo per il comizio di chiusura del candidato presidente del centrosinistra Luciano D’Amico. Anche in Abruzzo, infatti, M5s e Pd si presentano assieme con le altre forze di centrosinistra.

E la stessa Todde oggi ha ribadito che “l’unica strada possibile per costruire un’alternativa seria e solida di centrosinistra è l’alleanza del M5s con il Pd”. Il vantaggio che si sta riducendo e l’incognita di un riconteggio dei voti in Sardegna potrebbe infastidire il centrosinistra e dall’altra parte dare una spinta al centrodestra nel rush finale della campagna elettorale abruzzese. Ma Todde, intervistata da Monica Maggioni a In Mezz’ora, precisa: “la legge non prevede il riconteggio totale. Si può fare ricorso al Tar nelle singole circoscrizioni, con delle motivazioni precise. Io sono molto serena, poi naturalmente aspettiamo la comunicazione della Corte d’appello.

I dati in nostro possesso delle sezioni mancanti ci lasciano tranquilli. Abbiamo una forchetta tra i 1450 e i 1600 voti. Questo è il conto finale per noi, ben lontano dai 200 o 400 voti di scarto che ho sentito vagheggiare da qualche giorno”. Dalla parte di Truzzu – che ha sempre detto di voler attendere l’ufficialità prima di prendere decisioni su un eventuale ricorso – non mollano: “malgrado la sconfitta, per ora, nessuno si ritira – afferma il deputato di FdI Salvatore Deidda -. Non mi illudo, in base ai dati disponibili fino ad oggi non è possibile immaginare una rimonta. Prima vediamo come si conclude lo spoglio e poi decideremo il da farsi. Un conto è un margine di 1500-1200 voti, altro è 800-700. Noi comunque dobbiamo vigilare per garantire anche il rispetto dei quozienti che fanno scattare o no un consigliere in più. Non è un aspetto trascurabile”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto