Collegati con noi

Sport

Tonali ai pm: ho scommesso sul calcio e sul Milan

Pubblicato

del

Dopo Fagioli, anche Sandro Tonali ha ammesso di aver scommesso. E di aver puntato somme di denaro “sul calcio e sul Milan”. La confessione è arrivata nel corso di due deposizioni fotocopia rese prima agli 007 della procura della Figc e poi, mercoledì, al pm Manuela Pedrotta e agli investigatori della squadra mobile di Torino, che lo hanno interrogato a Palazzo di giustizia nella veste di indagato. “Ha fornito piena collaborazione alle autorità inquirenti chiarendo in modo esauriente la sua posizione”, confermano gli avvocati difensori, Marco Feno e Maurizio Scaccabarozzi. L’ex rossonero ha incassato anche il “pieno sostegno” del Newcastle, la squadra in cui milita, mentre da ambienti vicino al Milan si sottolinea che la società non è a conoscenza dei fatti e ha appreso le parole del centrocampista dagli organi di stampa.

Ma se la giustizia sportiva intende chiudere rapidamente la partita con i giocatori coinvolti, come dimostra il patteggiamento di Fagioli a 7 mesi di stop più 5 di iniziative di formazione per uscire dal tunnel della ludopatia, sul versante penale l’indagine è in pieno svolgimento e si affaccia su nuovi scenari. Bisogna capire se dal groviglio di dati, chat e password salteranno fuori i profili di frode sportiva, non solo per i calciatori coinvolti, ma anche per le altre persone che si servivano delle piattaforme non autorizzate. Un conto, per un atleta, è infatti scommettere sulla vittoria della propria maglia, un altro è puntare su un risultato negativo. Per non parlare delle giocate su falli, ammonizioni, calci d’angolo, autoreti e qualsiasi altra minuzia in grado, potenzialmente, di alterare il corretto andamento di una gara. Al momento, comunque, non sarebbe emerso nulla del genere, ma l’elenco dei soggetti da monitorare è ancora molto lungo. Fagioli, nel lungo interrogatorio davanti agli 007 della Figc, ha messo a verbale di avere scommesso “anche su Torino-Milan” perché le puntate sul calcio gli servivano per recuperare qualche somma da restituire ai creditori, ma “mai sulla Juventus”.

“Nel periodo successivo a settembre 2022 giocavo in modo compulsivo davanti alla tv su qualsiasi evento sportivo che stessi vedendo, calcio compreso” ha aggiunto il bianconero che avrebbe così bruciato ben 3 milioni di euro e per questo avrebbe subito minacce: “mi dicevano paga o ti spezziamo le gambe”. Così si sarebbe rivolto ad alcuni giocatori amici: il compagno Gatti, che gli avrebbe dato 40mila euro, ma anche Dragusin. E proprio Federico Gatti è uno dei tre nuovi nomi che Fabrizio Corona, dopo aver denunciato di esser stato “censurato” dalla Rai, ha svelato a ‘Striscia la Notizia’ nell’ambito della sua inchiesta parallela. Gli altri due sarebbero il romanista Stephan El Shaarawy e il laziale Nicolò Casale.

L’unico che figura nelle carte delle indagini è però Gatti, che non è indagato, proprio per quanto raccontato da Fagioli. Quanto alle presunte talpe dell’ex fotografo, smentisce ogni suo coinvolgimento Antonio Esposito, l’ex primavera dell’Inter individuato da ‘La Verità’ come il nipote della talpa. “Sono distrutto – dice all’ANSA – quello che sta succedendo è allucinante, non c’entro niente, la gente su questa vicenda delle scommesse fa i nomi a caso”. Lo zio però racconta un’altra storia e ammette chiaramente di essere una delle fonti. A Corona, dice il 55enne Maurizio Petra, origine napoletane e un passato di piccoli precedenti per droga, “ho raccontato solo la verità, soltanto fatti veri che possono essere verificati. L’ho fatto per aiutare mio nipote Antonio che è a conoscenza di puntate illecite fatte dai calciatori”. In che modo stia però aiutando il nipote, Petra non lo dice. “Lui mi ha messo in questa situazione per farsi aiutare. Mi hanno offerto qualsiasi cifra. Ma non l’ho fatto né per notorietà né per soldi”.

Advertisement

Sport

L’Inter mercoledì recupera con l’Atalanta, Calha è out

Pubblicato

del

Un “quasi” match point attende l’Inter. I nerazzurri mercoledì a San Siro ospiteranno l’Atalanta nel recupero della giornata saltata a gennaio per la Supercoppa italiana, con un obiettivo chiaro in testa: volare a +12 in classifica sulla Juventus per avvicinare ancora di più la seconda stella. Lautaro e compagni infatti continuano a volare, in un inizio di 2024 da 10 vittorie in 10 partite considerando tutte le competizioni, e non intendono fermarsi.

Il recupero contro i bergamaschi è l’occasione quindi non solo per togliere l’asterisco in classifica, ma anche per cucirsi un altro pezzo di scudetto sul petto. Resta però il tema infortuni in casa nerazzurra, visto che mercoledì al Meazza non ci sarà Hakan Calhanoglu, già fuori domenica nella sfida contro il Lecce. Il centrocampista turco si è sottoposto questa mattina a esami strumentali che hanno evidenziato un “leggero risentimento muscolare all’adduttore lungo della coscia destra. Le sue condizioni saranno rivalutate nei prossimi giorni”, ha spiegato il club nerazzurro in una nota ufficiale pubblicata sul sito.

Calhanoglu, fermatosi nella rifinitura alla vigilia del match di domenica contro il Lecce, salterà così la gara di mercoledì contro l’Atalanta e dovrebbe rimanere fuori per circa 7/10 giorni, con l’obiettivo di rientrare tra Genoa (lunedì 4 marzo, anche se in panchina nelle migliori ipotesi) e Bologna (sabato 9 marzo) per poi essere al top nella sfida di ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro l’Atletico Madrid in Spagna (13 marzo). Partita per cui punta a tornare al meglio anche Marcus Thuram, che potrebbe essere a disposizione già dalla precedente sfida col Bologna, mentre è in fase di recupero anche Francesco Acerbi, pedina fondamentale in difesa e assente da diverse gare.

Continua a leggere

Sport

‘Esultanza immorale’, e ora Riad indaga su Cr7

Pubblicato

del

Non c’è pace in Arabia Saudita per Cristiano Ronaldo. Cr7 finisce nuovamente al centro delle polemiche per il suo “comportamento immorale” nel paese: il portoghese stavolta è sotto indagine per un gestaccio nei confronti dei tifosi avversari durante la vittoria del suo Al Nassr contro l’Al Shabab. Ogni volta che toccava palla partivano cori a favore dell’arci-rivale Lionel Messi, così quando Ronaldo ha segnato si è prima portato le mani alle orecchie e poi ha platealmente indicato il proprio inguine, agitando la mano, in segno di provocazione. Il Comitato disciplinare della Federcalcio saudita ha immediatamente aperto un’inchiesta con l’acquisizione delle immagini, riportano i media locali con ampia eco in Portogallo, patria di Cr7.

Nel paese saudita, dove vige una rigidissima osservanza delle prescrizioni musulmane, un gesto di questo tipo non è assolutamente permesso in pubblico. Inoltre, i sostenitori dell’Al Shabab si aspettano un intervento duro. La questione va oltre il “politically correct” saudita. Come se non bastasse l’ex pallone d’oro è anche recidivo. La scorsa settimana è spuntato un video che lo ritraeva mentre lasciava il campo al termine della partita persa con l’Al Hilal: si vede l’attaccante raccogliere una sciarpa della squadra avversaria, strofinarsela contro l’inguine e nuovamente buttarla a terra. Le intemperanze del campione europeo rischiano di divenire un problema non solo per lui ma per la stessa federazione saudita che lo ha indicato come testimonial in vista dei Mondiali di calcio. Un contratto da 1 miliardo di euro.

A gennaio si sono sollevate polemiche per una questione familiare. Nel Paese è vietato convivere al di fuori del matrimonio ma il calciatore lusitano vive insieme alla compagna Giorgina con la quale non è sposato. La questione è stata sollevata ma il regno saudita ha concesso una deroga alla coppia: una sorta di legge “ad personam” che consente loro di convivere sotto lo stesso tetto. Sembra che nel caso del calciatore si sia chiuso un occhio. Il sospetto è che anche questa volta si possa fare la stessa cosa e chiudere la questione del gestaccio con una semplice multa. La stessa Giorgina ha destato ulteriore scandalo nel paese. La modella che sui social posta spesso selfie in costume da bagno o mini abiti, è accusata di essersi presentata in alcune occasioni pubbliche vestendo in modo inappropriato. Un mese fa sarebbe andata al ristorante indossando un vestito nero che metteva in mostra le gambe. La regola saudita prescrive alle donne di “vestirsi in modo modesto, coprendo sempre gambe e spalle” vietando di fatto vestitini e minigonne. Motivo per il quale è scoppiato l’ennesimo scandalo. (

Continua a leggere

Sport

F1: Leclerc pronto al lungo Mondiale, ‘sono eccitato’

Pubblicato

del

Ventiquattro Gran Premi di Formula 1 per una stagione lunghissima che vedrà il primo verdetto sui rapporti di forza tra i vari team già questo venerdì, con le prime prove ufficiali della stagione in Bahrain. Sabato 2 marzo, con il Gran Premio di Sackhir anticipato di un giorno per rispettare il ramadan nel paese islamico, si potrà valutare il passo gara effettivo delle varie monoposto e scoprire se sarà il solito campionato dominato dalla Red Bull di Max Verstappen o se Ferrari, Mercedes, McLaren e Aston Martin avranno delle chance di poter lottare anch’esse per vincere. In un Mondiale così lungo sarà poi importante, come sottolineato da Charles Leclerc “la gestione del tempo, perché 24 gare sono veramente tante”.

Oltre alle gare tradizionali ci saranno di nuovo sei gare sprint il che allungherà l’impegno di team e piloti su ben 30 eventi. “Sarà impegnativo per tutti gli addetti ai lavori e anche per noi che in macchina dobbiamo essere sempre al 100% – ha spiegato il pilota monegasco della Ferrari – Ma faccio quel che mi piace di più al mondo. Sono sempre eccitato in questo momento della stagione, perché ci sono tanti momenti interrogativi. Venerdì sapremo di più”.

Una lotta quella per la pole a Sackhir il prossimo 1 marzo che svelerà quanto non si è potuto capire con esattezza nella tre giorni di test invernali sulla stessa pista la scorsa settimana: “Adrian Newey ha ribaltato la propria vettura e ha spiazzato le altre squadre – spiega l’ex pilota e ora opinionista di Sky, Ivan Capelli – il direttore tecnico Red Bull ha fatto invecchiare di colpo tutte le altre macchine. È vero che la Ferrari si è avvicinata e la Red Bull si è nascosta – prosegue Capelli – e sicuramente ci sarà grandissima battaglia. Max Verstappen ha alzato l’asticella sul pilotaggio e sulla preparazione, mentale e fisica. Come aveva fatto Senna, come Schumacher. Max è il prototipo del pilota del futuro e riesce a compiere un ulteriore step nella preparazione mentale dei 24 Gp che si dovranno affrontare. Bisognerà capire cosa sarà l’effetto Horner sulla squadra, perché questa potrebbe essere l’unica debolezza della Red Bull”.

Vicenda Horner a parte, per il futuro si sta pensando ad una stretta sul rispetto del budget cap, altro tema che non ha mancato di suscitare polemiche per i provvedimenti adottati riguardo agli sforamenti di Red Bull e Aston Martin. Secondo la testata tedesca Auto Motor und Sport, la grande novità è che dal 2026 cambierà radicalmente le carte in tavola per quanto concerne il budget cap. Da quella stagione, infatti, ogni dipendente di una scuderia che viene impiegato sulla F1 anche non al 100% risulterebbe inserito nel budget cap con lo stipendio pieno. Questa decisione è dovuta al fatto che è troppo complicato e cervellotico per i delegati della Federazione districarsi tra organici talvolta a quattro cifre da scandagliare tra dipendenti full-time, part-time e con che percentuale di impiego su progetti legati alla F1. Dal 2026, dunque, i team non potranno più contare su ‘acrobazie’ legate al part-time per abbassare il monte salariale da inserire nel budget cap.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto