Collegati con noi

Politica

‘Scudo’ a rischio. Meloni, attenzione ai più deboli

Pubblicato

del

L’energia che drena il grosso delle risorse. Il resto concentrato su fisco, pensioni e natalità. Sul tavolo del governo assumono una forma sempre più definita i contenuti della manovra. Insieme alle risorse, che dovrebbero aggirarsi intorno ai 30 miliardi, di cui 22 in deficit destinati al caro-bollette. Con un mantra che si rivela determinante nella scelta di cosa aggiungere e cosa togliere: “prudenza” in vista di una legge di bilancio che però la premier Giorgia Meloni vuole concentrata soprattutto per dare sollievo alle fasce deboli. La cautela è comunque una parola d’ordine risuonata a Palazzo Chigi anche nell’incontro tra la premier e la maggioranza in vista del rush finale verso il varo della legge di bilancio. E che potrebbe essere il motivo dietro la frenata delle ultime ore sull’ipotesi di una ‘voluntary disclosure’ sui capitali all’estero. Il governo vuole fare presto e si è impegnato a portare la manovra in consiglio dei ministri lunedì (ma non è escluso che si vada a martedì). Per tirare le fila la premier ha riunito in serata i capigruppo di maggioranza, i vicepremier e il ministro dell’economia Giancarlo Giorgetti (che già in mattinata si era confrontato sul dossier con Salvini). Un vertice arrivato al termine di un tourbillon di incontri per la premier, che ha trascorso la giornata alla Camera impegnata su temi altrettanto caldi, dai migranti all’autonomia. Il confronto sulla manovra avrebbe fatto emergere il nodo dello scudo fiscale per il rientro dei capitali all’estero: misura che va verso lo stop e su cui si sarebbe profilata l’intenzione di avviare in un secondo momento una riflessione sugli strumenti per far emergere i capitali non dichiarati. Al netto dello scudo, il capitolo fiscale resta dominato dalla cosiddetta ‘tregua’ in arrivo per i contribuenti: nel mirino ci sono le cartelle fino al 2015, per le quali il governo punta a cestinare quelle fino a mille euro e sanzioni ridotte per quelle superiori a 3mila euro. Prende forma anche un ricco pacchetto di aiuti destinati alla famiglia e in particolare alla natalità. Ma il vero cuore della legge di bilancio è e resta il pacchetto energia, destinato ad assorbire i due terzi delle risorse. Si parte dai 21 miliardi in deficit delineati nella Nadef, ma altre risorse potrebbero arrivare dai fondi di coesione non spesi: si tratta di circa 4 miliardi. Occorre capire se il disco verde arriverà in tempo per la legge di bilancio, ma al momento, secondo quanto si apprende, la norma Ue per sbloccare i fondi non spesi non avrebbe ancora completato il suo iter legislativo. Al di là delle risorse, il pacchetto energia che sta prendendo forma è pensato come un “mix di aiuti”, spiega il sottosegretario all’economia Federico Freni: da una parte si lavora per confermare lo sconto benzina, il bonus sociale ed i crediti di imposta, dall’altra sono allo studio dei ristori ad hoc per settori specifici. Al netto del capitolo energia, tra le certezze della legge di bilancio c’è il taglio del cuneo fiscale: accantonato per ora l’obiettivo di legislatura di arrivare a 5 punti, ci si limiterà a riproporre i due punti introdotti dal governo Draghi per un costo di 3,5 miliardi. Sul fronte pensioni, il superamento della Fornero arriverà con una misura-ponte verso ‘quota 41’ coniugando i 41 anni di contributi con 61 o 62 anni di età. La flat tax sarà estesa (la soglia sale da 65 a 85mila euro e arriva la tassa ‘incrementale’ sui redditi del triennio precedente), ma solo per gli autonomi, mentre per i dipendenti si va verso una riduzione della tassazione sui premi di produttività. E se la revisione del Reddito di cittadinanza (con una stretta per limitarlo ai residenti in Italia) garantirà coperture sul dossier pensioni (dovrebbero essere rinnovati anche Opzione donna e Ape social), altre risorse sono attese dal restyling degli extraprofitti, con un calcolo basato sugli utili e una tassa alzata almeno al 33%.

Advertisement

In Evidenza

Mattarella in Moldavia, blindare fianco est della Ue

Pubblicato

del

La preoccupazione è chiara: bisogna blindare il fianco est dell’Unione europea e ancorare all’Europa i Paesi che hanno fatto domanda di adesione come la Moldavia. Doppia missione del presidente della Repubblica in una delle aree maggiormente attenzionate del Continente: Sergio Mattarella sarà infatti da lunedì 17 a mercoledì 19 giugno a Chisinau e Bucarest. La visita in Moldavia è particolarmente importante per la posizione geopolitica del Paese ed è attesa con grande attenzione essendo la prima assoluta di un capo di Stato italiano. Mattarella continua così a tessere la sua tela di relazioni avendo sempre al centro dei suoi obiettivi la tenuta e il rafforzamento dell’Unione europea per la quale da tempo spinge per rapidi allargamenti ai Paesi che chiedono l’ingresso come, primi tra tutti, quelli dei Balcani occidentali.

Per questo la visita in Moldavia, sottolineano al Quirinale, rappresenta un gesto di grande attenzione al fianco est dell’Europa. Romania e Moldavia sono due Paesi che confinano con l’Ucraina e i timori di uno sconfinamento dell’aggressione russa oltre Kiev sono palpabili anche tra la popolazione. Ovviamente le posizioni di Bucarest e Chisinau sono ben diverse: la Romania gode già da anni dell’ombrello protettivo dell’Unione europea mentre la Moldavia si trova sospesa nella via di mezzo e sta spingendo per entrare nella Ue per cautelarsi. Il Consiglio europeo a dicembre e la Commissione la settimana scorsa hanno infatti già approvato l’avvio dei negoziati di adesione. Non a caso la presidente Maia Sandu ha indetto per il 20 ottobre, insieme alle elezioni, un referendum che inserisca l’adesione alla Ue nella Costituzione.

L’obiettivo dell’europeista Sandu è chiaro: blindare l’adesione europea anche per il prossimo futuro e contrastare i tentativi più o meno genuini del filo-russi di riportare il Paese nell’orbita di Mosca. Il capo dello Stato atterrerà lunedì pomeriggio a Chisinau e in agenda ci sono già due appuntamenti: la visita al Palazzo della Repubblica accolto dal presidente Sandu, per poi assistere, in serata, al concerto dell’Orchestra della Filarmonica nazionale ‘Serghei Lunchevici’. Fitta anche l’agenda di martedì 18: in mattinata rivedrà Sandu, con la quale ci sarà un nuovo confronto bilaterale. Dopo il trasferimento a Bucarest, la sera del 18 giugno, Mattarella incontrerà il giorno seguente il presidente Klaus Iohannis che è al termine del suo mandato. Prima di ripartire per l’Italia, Mattarella sarà al Palazzo del Parlamento per un colloquio con il presidente del Senato romeno, Nicolae Ciuca, e a seguire al Palazzo Victoriei per un incontro con il primo ministro, Marcel Ciolacu.

Continua a leggere

Politica

Meloni: sull’aborto polemica totalmente artefatta

Pubblicato

del

Sui vertici europei “i primi due temi che interessano me e sulla base dei quali farò le mie valutazioni come governo italiano e con gli alleati è che all’Italia venga riconosciuto il ruolo che le spetta in termini di competenze dei commissari e che l’Europa comprenda il messaggio arrivato dai cittadini europei”. Così la presidente del Consiglio Giorgia Meloni nella conferenza conclusiva del G7.

“Solitamente accade che nei documenti finali non venga ripetuto quanto già acquisito, rendendoli inutilmente ripetitivi”, ha spiegato la premier riferendosi al richiamo di quanto concordato nel G7 di Hiroshima sul tema dell’aborto. “Capisco perchè queste polemiche nascano ma non c’è stata nessuna polemica” all’interno del G7 in Puglia sul tema, ha aggiungo Meloni, ribadendo la sua posizione sulla legge 194: “Non sarà modificata ma solo applicata perché non c’è bisogno di modifiche”.

Continua a leggere

Esteri

Sunak: rapporti con l’Italia mai così forti

Pubblicato

del

“Giorgia è una persona fantastica. Con l’Italia le relazioni non sono mai state così forti, dal progetto del nuovo caccia Tempest alla lotta all’immigrazione illegale e ai trafficanti di uomini. Tema che qui è diventato per la prima volta in un G7 una sessione per coordinare un intervento globale, grazie alla spinta dell’Italia e del Regno Unito, che non a caso hanno approvato programmi di ricollocamento degli irregolari in Albania e Ruanda”. A dirlo, in un’intervista a Repubblica, Rishi Sunak, primo ministro britannico.

Quanto all’accorto raggiunto al G7 sui fondi congelati russi dice: “Sarà una svolta perché sarà finanziato dai profitti e dagli interessi degli asset russi: dunque prestiti all’Ucraina con forti garanzie collaterali. È una notizia fantastica e mi sono sempre speso per questo, sin da quando ero ministro delle Finanze. Avercela fatta dimostra che il G7 è assolutamente unito nel fare tutto il possibile, “whatever it takes” ( “costi quel che costi”, ndr) per sostenere l’Ucraina contro l’aggressione russa”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto