Collegati con noi

Esteri

Pulp fiction nel consolato saudita di Istanbul, giornalista del Washington Post squartato e fatto sparire perché nemico dei reali di Riad

Pubblicato

del

Ucciso e fatto a pezzi con una sega. Poi portato a bordo di alcuni Van chissà dove per liberarsi del cadavere orrendamente mutilato. Sembra una scena pensata da Quentin Tarantino in Pulp Fiction, ma forse è la fine che ha fatto Jamal Khashoggi, il giornalista saudita dissidente che viveva negli Usa, nel Maryland, all’interno del consolato saudita. A fare questo “lavoro” 15 agenti dei servizi segreti di Riad atterrati a Istanbul con due jet privati e ripartiti dopo aver concluso il lavoro. Le autorità turche hanno un video e i loro nomi. Uno di questi, “lo squartatore”, sarebbe uno specialista in autopsie. Jamal Khashoggi, il giornalista che scrive per il Washington Post – giornale sul quale denuncia i metodi di governo brutali del principe Mohammed bin Salman – ancora non si trova. Se fosse vera questa ricostruzione, se davvero ci sono i video degli uomini della sicurezza saudita filmati al loro arrivo a Istanbul, se è vero che tra loro ci sarebbero almeno tre membri della guardia privata d’élite del principe saudita nel commando, la questione sarebbe seria anche dal punto di vista diplomatico. La Turchia è inviperita, gli Usa vogliono una inchiesta seria e trasparente. Jamal Kashoggi era quasi diventato un cittadino Usa.  Donald Trump dice di aver parlato ai sauditi al massimo livello e aggiunge “non sono contento di questa situazione, è seria. Ci arriveremo in fondo: pretendo risposte”.

Jamal Khashoggi. È l’ingresso nel Consolato di Istanbul dal quale non è mai più uscito

Da Riad smentiscono ogni coinvolgimento, ma non hanno accettato l’intervento dell’Fbi nelle indagini. Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, indicato da fonti turche come il mandate diretto dell’assassinio o del rapimento, ha annunciato la disponibilità a consentire l’ingresso agli agenti turchi nel consolato di Istanbul, dove sarebbe avvenuto il delitto o il rapimento, ma fino a ieri non era ancora stato concesso. Il commentatore, oppositore della monarchia saudita, era a Istanbul per ritirare un certificato per sposare la fidanzata turca Hatice Cengiz, che lo attendeva fuori dalla sede consolare. “È entrato all’una di pomeriggio del 2 ottobre – ha detto la donna – e non è mai più uscito”. Fra Ankara e Riad la tensione è altissima. Nel video mostrato dai media turchi si vede Khashoggi entrare nel consolato mentre qualche ora dopo escono due furgoni neri e una Mercedes con targa diplomatica che si dirigono prima verso la residenza del console a meno di 500 metri e poi all’aeroporto. I due jet privati arrivati entrambi da Riad uno alle 3,30 del mattino, con 9 agenti speciali, e l’altro nel primo pomeriggio, con 6 agenti, ripartono prendendo due rotte diverse: verso il Cairo e Dubai. Per i media turchi vicini al governo di Ankara, il corpo in pezzi di Khashoggi potrebbe essere stato trasportato dal consolato alla residenza del console a Instanbul e fatto arrivare a Riad in qualche valigia o bara diplomatica. Il Governo saudita sostiene che il giornalista sarebbe uscito dal consolato con le proprie gambe. A tutti i dipendenti turchi del consolato saudita il 2 ottobre era stato ordinato di rimanere a casa e non presentarsi al lavoro. Risposte chiare sulla presenza del giornalista Kashoggi nel consolato arrivano dall’Apple Watch nero indossato quanto è dentro nel consolato: dal dispositivo, sincronizzato coi due smartphone lasciati alla fidanzata, si spera di trarre informazioni utili sui suoi movimenti. Si tratta di un giallo internazionale. Ma probabilmente di un’esecuzione barbara che, se accertata, rischia di incrinare anche i rapporti fra Trump e Riad.

Advertisement

Esteri

La Norvegia chiude le frontiere ai turisti russi dal 29 maggio

Pubblicato

del

La Norvegia ha annunciato la chiusura delle frontiere ai turisti russi a partire dal 29 maggio, privandoli dell’ultimo punto di accesso diretto allo spazio Schengen. “La decisione di inasprire le regole di ingresso è in linea con l’approccio della Norvegia di stare al fianco dei suoi alleati e partner in risposta alla guerra illegale di aggressione della Russia contro l’Ucraina”, ha detto il ministro della Giustizia, Emilie Enger Mehl, in un comunicato stampa.

La Norvegia, membro della Nato che condivide una frontiera terrestre di 198 km con la Russia nell’Artico, ha quasi smesso di concedere visti turistici ai cittadini russi dalla primavera del 2022. Solo i titolari di un visto a lungo termine rilasciato prima di questa data o concesso da un altro paese dell’area Schengen potevano attraversare il posto di frontiera di Storskog-Boris Gleb, l’unico punto di passaggio terrestre tra i due Paesi. Ora sarà loro vietato entrare nel regno dal 29 maggio. Sono previste alcune eccezioni, ha affermato il ministero, in particolare per i cittadini russi che visitano i loro parenti stretti residenti in Norvegia e per coloro che lavorano o studiano nel Paese o in altri Stati dell’area Schengen. Sebbene non sia membro dell’Ue, la Norvegia è strettamente associata ad essa e ha adottato quasi tutte le sanzioni adottate da Bruxelles contro la Russia.

Continua a leggere

Esteri

Sfida russa: armi nello spazio e modifiche ai confini

Pubblicato

del

Il giorno dopo l’avvio di esercitazioni per l’uso di armi nucleari tattiche, da Mosca arriva un’altra notizia destinata a creare nuove tensioni con l’Occidente. Il ministero della Difesa ha avanzato una proposta per rivedere i confini sul Mar Baltico con Finlandia e Lituania. Ad una decisa smentita ufficiosa, ha fatto seguito una mezza ammissione del Cremlino, mentre Helsinki e Vilnius hanno chiesto spiegazioni a Mosca. Contemporaneamente il Pentagono ha accusato la Russia di aver lanciato il 16 maggio un satellite che “probabilmente è un’arma contro-spaziale”, posizionandolo nella stessa orbita di un satellite del governo americano.

Il vice ministro degli Esteri russo Serghei Ryabkov, responsabile delle relazioni con gli Stati Uniti, ha smentito, parlando di “fake news”. E il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha affermato che Mosca agisce “assolutamente in conformità con il diritto internazionale” e sostiene “il divieto di lanciare qualsiasi arma nello spazio”. Intanto, dopo il vertice a Pechino tra i presidenti Vladimir Putin e Xi Jinping, la Gran Bretagna afferma che la Cina sta fornendo a Mosca aiuti militari “letali” da utilizzare nel conflitto in Ucraina. Si tratta di “uno sviluppo significativo”, ha detto il ministro della Difesa di Londra, Grant Shapps, che ha parlato di prove fornite dall’intelligence britannica e americana. La proposta di rivedere le coordinate geografiche per modificare i confini marittimi nel Baltico è stata postata in un sito governativo dal ministero della Difesa, che dopo alcune ore lo ha cancellato.

La motivazione addotta è che le coordinate in vigore, stabilite dall’Unione Sovietica nel 1985, si basavano su mappe nautiche di piccola scala risalenti alla metà del XX secolo, e “non corrispondono pienamente alla moderna situazione geografica”. L’obiettivo della proposta sembra quello di dichiarare come acque interne della Russia quelle che circondano un gruppo di isole russe nel quadrante orientale del Golfo di Finlandia e quelle su cui si affacciano le località di Baltiysk e Zelenogradsk, nella exclave di Kaliningrad. Dopo che la notizia della proposta si era diffusa ieri sulle agenzie russe, una “fonte politico-militare” citata dagli stessi media ha assicurato che Mosca non ha “alcuna intenzione di rivedere la linea del confine di Stato nel Baltico”.

Ma il portavoce Peskov non ha smentito la proposta, invitando i giornalisti a rivolgersi ai suoi autori al ministero della Difesa per avere notizie in proposito. In generale, ha aggiunto, il livello delle tensioni, specie in questa regione, “richiede relativi passi” di ministeri e agenzie russe “per garantire la sicurezza nazionale”. Molto dura la risposta della Lituania. “È in corso un’altra operazione ibrida russa, questa volta nel tentativo di diffondere paura, incertezza e dubbi sulle loro intenzioni nel Mar Baltico”, ha scritto su X il ministro degli Esteri di Vilnius, Gabrielius Landsbergis. “Si tratta – ha aggiunto – di un’evidente escalation contro la Nato e l’Ue che deve essere affrontata con una risposta adeguatamente ferma”. Una fonte del governo lituano ha detto che “un rappresentante della Federazione Russa” è stato convocato “per ottenere una spiegazione completa”. Più prudente la reazione della Finlandia, che ha annunciato di voler chiedere anch’essa spiegazioni alla Russia attraverso i canali diplomatici. Il primo ministro Petteri Orpo ha affermato di “non vedere al momento motivi di maggiore preoccupazione”.

“Una volta scoperto esattamente qual è il problema si trarranno le conclusioni”, ha aggiunto il premier, sottolineando che le “autorità hanno sempre monitorato la situazione e dall’inizio sono state in contatto con la Russia attraverso i canali diplomatici”. Intanto sul terreno in Ucraina il ministero della Difesa di Mosca ha detto che le truppe russe hanno conquistato un altro villaggio, Klescheevka, nella regione di Donetsk. Mentre in quella di Kharkiv il capo dell’amministrazione politico-militare filorussa, Vitaly Ganchev, ha annunciato che 49 villaggi sono caduti finora nelle mani dei soldati di Mosca. Di questi, 13 durante l’avanzata cominciata il 10 maggio dal confine russo a nord-est e 36 in quella in corso da mesi da sud nel distretto di Kupyansk.

Continua a leggere

Esteri

Sono 9 gli Stati Ue che riconoscono la Palestina

Pubblicato

del

Dopo la decisione di Spagna e Irlanda (insieme con la Norvegia) sono saliti a 9 i Paesi dell’Unione europea a riconoscere uno Stato di Palestina. A livello Onu, secondo l’Anp, questa posizione è stata assunta dal 70% dei membri: 142 su 193. Tra loro non ci sono l’Italia e gli Stati Uniti.

* EUROPA – La Svezia è stato il primo Paese Ue a fare questo passo, nel 2014, al culmine di mesi di scontri tra israeliani e palestinesi a Gerusalemme est. Lo Stato di Palestina era già stato riconosciuto da Bulgaria, Cipro, Ungheria, Polonia, Romania, l’allora Cecoslovacchia, quando erano nell’orbita dell’Urss (ma dopo la divisione con la Slovacchia, la Repubblica Ceca ha fatto un passo indietro). Oggi, sull’onda dell’offensiva israeliana a Gaza, è arrivato il sostegno alla statualità palestinese dalla Norvegia (che non fa parte dell’Ue), dall’Irlanda e dalla Spagna. Malta riconosce il diritto dei palestinesi alla statualità ma non formalmente lo Stato di Palestina, anche se lo scorso marzo si è detta pronta a fare questo passo, così come la Slovenia, “quando le circostanze saranno giuste”.

Per Emmanuel Macron la questione del riconoscimento di uno Stato palestinese senza una pace negoziata non è più “un tabù per la Francia”, anche se Parigi al momento non è orientata a farlo. Quanto all’Italia, ritiene che questa soluzione si debba raggiungere attraverso i negoziati tra israeliani e palestinesi. Posizione condivisa con gli Stati Uniti.

* RESTO DEL MONDO – Quasi tutta l’Asia, l’Africa e l’America Latina riconoscono formalmente lo Stato palestinese. L’Algeria è stato il primo Paese, nel 1988, dopo la proclamazione unilaterale di un’entità statuale da parte dell’allora leader dell’Olp Yasser Arafat. Dopo poche settimane decine di Paesi hanno seguito l’esempio: gran parte del mondo arabo, India, Turchia, gran parte dell’Africa.

Nel biennio 2010-2011 si sono uniti una serie di Paesi sudamericani tra cui Argentina, Brasile e Cile. Nel novembre 2012 la bandiera palestinese è stata issata per la prima volta alle Nazioni Unite a New York, dopo che l’Assemblea Generale ha votato a stragrande maggioranza per elevare lo status dei palestinesi a “Stato osservatore non membro”. Il 10 maggio scorso l’Assemblea ha votato una risoluzione affermando che la Palestina è “qualificata a diventare Stato membro” con 143 voti a favore, 25 astenuti (Italia compresa) e nove contrari, tra cui gli Usa. Washington, così come Roma, mantiene comunque relazioni diplomatiche con l’Autorità Nazionale Palestinese, insieme con Canada, Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto