Collegati con noi

Politica

Proteste, caos e promesse. La premier Meloni fra i migranti

Pubblicato

del

Una visita lampo toccando i luoghi simbolo dell’emergenza, tra proteste, caos e promesse. La premier Giorgia Meloni e la presidente della commissione europea Ursula von der Leyen restano a Lampedusa tre ore, il tempo necessario per raggiungere prima l’hotspot e poi il molo Favaloro, cercando di dribblare non solo la manifestazione in centro ma anche qualche applauso ironico dei residenti che denunciano la “solita passerella”. La delegazione, cui fanno parte anche il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi e la commissaria Ue per gli Affari interni Ylva Johansson, viene però fermata dai manifestanti che da giorni sono sul piede di guerra, “soffocati” dall’emergenza. “Io ci metto la faccia, siamo qui apposta”, il mantra di Meloni che ripete le parole non solo alla piazza ma anche ai pescatori del molo che continuano a chiedere di poter tornare “semplicemente” a lavorare.

L’aereo di Stato tocca l’isola pochi minuti prima delle 10 del mattino, accolto dal presidente della Regione Sicilia Renato Schifani e dal prefetto di Agrigento Filippo Romano. Il tempo di una stretta di mano e la delegazione si mette in viaggio verso l’hotspot di contrada Imbriacola, dove centinaia di migranti sono stipati da giorni in attesa di poter essere trasferiti. Nel tragitto, però, il convoglio viene fermato dai manifestanti che, poco prima, avevano già incontrato il questore in quel braccio di ferro – a suon di bustine di camomilla per tenere a freno i nervi – che va avanti ormai da 48 ore sull’ipotesi di una tendopoli sull’isola. Un’opzione che, al momento, sembra essere stata definitivamente accantonata. Loro, però, chiedono un intervento strutturale da parte del governo per quella che, da queste parti, non viene più considerata ormai un’emergenza. Meloni, Piantedosi e Von der Leyen accettano di incontrare la folla scendendo dalle rispettive auto.

“Stiamo facendo tutto il possibile”, si sovrappongono la premier e il ministro dell’Interno. “Io come sempre ci metto la faccia”, ribadisce il capo del governo che poi non manca di ricordare l’investimento di 50 milioni per l’isola. “A noi i soldi non servono, ci serve un impegno”, la replica del leader dei manifestanti, Giacomo Sferlazzo, che, poco più tardi, rincarerà la dose strappando la propria tessera elettorale. “Non mi sento rappresentato né da questo governo né dall’Europa”, il messaggio alle due presidenti che nel frattempo sono arrivate all’hotspot di contrada Imbriacola. La struttura però è stata svuotata e ripulita nottetempo, mostrandosi una ‘bella copia’ di quella che per settimane è stata sotto i riflettori a causa del sovraffollamento. Meloni e von der Leyen incontrano rifugiati e volontari della Croce Rossa, si fermano una decina di minuti e si rimettono in viaggio verso la seconda ‘tappa’ della visita, il molo che da anni si è guadagnato il triste nomignolo di ‘cimitero dei barchini’.

La delegazione si ferma alcuni istanti davanti a quel che resta delle imbarcazioni in ferro e legno, sotto lo sguardo attento di un paio di pescatori, le cui barche, invece, sono costrette a restare ferme in rada. Poco prima del loro arrivo l’ennesimo barchino era approdato sull’isola, ora invece c’è un’inusuale calma piatta, ad accompagnare le istituzioni lungo quella lingua di cemento che per migliaia di persone rappresenta il sogno di una vita nuova, lontano da casa. E davanti a quei pescatori, che da troppo tempo ormai lavorano a singhiozzo, la premier si ferma e ribadisce ancora che il governo “ce la sta mettendo tutta”. Loro aprono le braccia, salutano e se ne vanno, mentre il serpentone di auto blu lascia il molo e torna in aeroporto.

Advertisement

Politica

Pm, archiviare accusa di traffico di influenze per Grillo

Pubblicato

del

La Procura di Milano ha chiesto l’archiviazione per Beppe Grillo e Vincenzo Onorato, patron del gruppo Moby, che erano accusati di traffico di influenze illecite per una presunta “mediazione illecita” da parte del fondatore dei Cinque Stelle. In cambio di contratti, tra il 2018 e il 2019, per fare pubblicità a Moby sul suo blog, il comico, stando a quanto era stato ricostruito nelle indagini, avrebbe inoltrato a parlamentari del M5S le richieste di aiuto avanzate dall’armatore, suo amico di lunga data, quando la sua compagnia era in crisi finanziaria. I pm hanno deciso di chiedere l’archiviazione.

Continua a leggere

Economia

Slitta stop al redditometro, balneari ancora in stand by

Pubblicato

del

Per lo stop al redditometro serve ancora tempo. Il pressing di Forza Italia per abolire lo strumento anti-evasione non troverà spazio nel decreto coesione, ma arriverà con un prossimo provvedimento. Il governo prova così a risolvere uno dei due nodi finiti sotto il faro del Colle perché estranei al provvedimento. E anche l’altro nodo, quello sui balneari, si avvia verso una soluzione: dopo le rassicurazioni ricevute da Palazzo Chigi per affrontare il tema in un prossimo cdm, la Lega annuncia che il proprio emendamento (presentato peraltro in forma identica anche al dl agricoltura) sarà trasformato in ordine del giorno per impegnare l’esecutivo ad adottare una mappatura e definire un processo di riordino del settore, parametrato al valore aziendale e di un sistema di prelazione”.

La mattinata di lavori sul decreto coesione in commissione Bilancio, che ha avviato il voto sugli emendamenti, si apre con una schiarita sul redditometro. All’indomani della decisione degli Azzurri di non ritirare l’emendamento che propone l’abolizione della legge originaria sul redditometro e del decreto ministeriale di maggio in materia, poi sospeso, il sottosegretario all’Economia Federico Freni annuncia: “Le istanze di FI sono ampiamente condivise e saranno valorizzate dal governo in un prossimo provvedimento normativo”.

Il Redditometro è uno strumento “non più utilizzato da anni e che nessuno ha intenzione di utilizzare”, puntualizza l’esponente della Lega, che assicura: il viceministro Leo, il ministro Giorgetti e tutta la maggioranza “sono al lavoro” per rispondere alle esigenze dei contribuenti. Parole positive per FI, che però resta cauta. “Mi dichiaro soddisfatto”, ma “vogliamo anche un’ulteriore conferma” a livello più alto della volontà di risolvere la questione, dice il capogruppo in Senato Maurizio Gasparri. Il confronto è ancora in corso, precisa il senatore, che si dice “flessibile” sulla forma, ma non sull’obiettivo.

La soluzione che sembra profilarsi sarebbe quella di inserire l’abolizione nel parere parlamentare ad un prossimo decreto legislativo fiscale, forse già quello che corregge il concordato preventivo biennale atteso giovedì in consiglio dei ministri. Al momento, tuttavia, secondo quanto si apprende, lo strumento definitivo non sarebbe stato ancora individuato. Certo è che dopo la pausa decisa dal governo per l’incidente avvenuto con il decreto ministeriale, ora serve una soluzione: sulla materia è al lavoro il viceministro Maurizio Leo, che da settimane invita a non chiamarlo più redditometro, perché non esiste più dal 2015, e ribadisce che l’obiettivo è quello di colpire solo i grandi evasori.

Intanto il governo prepara il restyling del concordato preventivo biennale, il meccanismo rivolto a 4,5 milioni di partite Iva su cui il governo scommette per reperire risorse utili alla manovra. A quattro mesi dal provvedimento che ha varato uno dei punti nodali della riforma fiscale, sono in arrivo alcune novità con l’obiettivo di massimizzarne gli effetti. Per quest’anno, primo anno di applicazione, la scadenza prevista per l’adesione da parte del contribuente alla proposta elaborata dall’Agenzia delle Entrate slitta di 15 giorni al 31 ottobre. A regime, invece, la scadenza sarà il 31 luglio.

Inoltre, per ampliare la platea, il concordato partirà con un maxi-sconto: nel primo anno di adesione l’imponibile richiesto dal fisco verrà decurtato del 50%. Le novità arriveranno sotto forma di decreto legislativo correttivo sul tavolo del consiglio dei ministri di giovedì dove sarà esaminato anche il decreto sulle terre rare e quello sui Campi Flegrei.

Continua a leggere

Politica

Via libera del Senato all’elezione diretta del Premier e abolizione dei senatori a vita

Pubblicato

del

Con 109 voti favorevoli, 77 contrari e un astenuto, il Senato ha dato il primo via libera alle riforme costituzionali che prevedono l’elezione diretta del presidente del Consiglio. Questa approvazione segna l’inizio di un percorso legislativo che vedrà il disegno di legge “viaggiare” almeno quattro volte tra i due rami del Parlamento, come richiesto per le leggi costituzionali.

Tra le principali novità della riforma troviamo l’elezione diretta del premier da parte del popolo per un mandato di cinque anni, rinnovabile solo una volta, l’abolizione dei senatori a vita, la costituzionalizzazione del premio di maggioranza e la modifica del “semestre bianco”. La maggioranza ha fortemente sostenuto queste riforme, mentre le opposizioni sono scese in piazza per protestare subito dopo il voto della Camera Alta.

Premierato

Il presidente del Consiglio sarà eletto a suffragio universale e diretto per cinque anni, con la possibilità di essere rieletto per non più di due mandati consecutivi. In caso abbia ricoperto l’incarico per meno di sette anni e sei mesi nelle prime due legislature, potrà essere rieletto una terza volta. Il premier riceverà l’incarico di formare il governo dal Presidente della Repubblica.

Elezione delle Camere e premio di maggioranza

Le elezioni del presidente del Consiglio e delle due Camere avverranno contestualmente. Il premier sarà eletto nella Camera in cui presenta la sua candidatura, garantendo che il presidente del Consiglio sia sempre un parlamentare. La legge elettorale dovrà prevedere l’assegnazione di un premio di maggioranza su base nazionale per garantire una maggioranza dei seggi in entrambe le Camere alle liste collegate al premier.

Norma anti-ribaltone

In caso di revoca della fiducia mediante mozione motivata, il premier eletto dovrà rassegnare le dimissioni e il Presidente della Repubblica scioglierà le Camere. In altri casi di dimissioni, il premier potrà chiedere lo scioglimento delle Camere al Presidente della Repubblica entro sette giorni.

Elezione del Capo dello Stato

La riforma stabilisce che l’elezione del Presidente della Repubblica avverrà a maggioranza assoluta dopo il sesto scrutinio, anziché al terzo, come attualmente previsto.

Poteri di controfirma

Alcuni atti del Presidente della Repubblica richiederanno la controfirma dei ministri proponenti, ad eccezione della nomina del premier, dei giudici della Corte Costituzionale, della concessione della grazia e della commutazione delle pene, dell’indizione delle elezioni e dei referendum, dei messaggi alle Camere e del rinvio delle leggi.

Modifica del semestre bianco

Il Presidente della Repubblica potrà sciogliere le Camere, sentiti i loro presidenti, anche negli ultimi sei mesi del suo mandato, se lo scioglimento è considerato un atto dovuto, come nel caso di una sfiducia al premier eletto.

Abolizione dei senatori a vita

Viene soppressa la figura dei senatori a vita. Coloro che sono stati nominati prima dell’entrata in vigore della legge rimarranno in carica con disposizione transitoria.

La riforma costituzionale rappresenta un significativo cambiamento nel sistema politico italiano, con l’obiettivo di modernizzare e rendere più efficiente la struttura governativa del paese. Tuttavia, l’approvazione definitiva richiederà ancora diversi passaggi legislativi e il confronto tra le varie forze politiche continuerà ad essere intenso.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto