Collegati con noi

Ambiente

Primavera di fuochi a Ischia, distrutti ettari di bosco di castagni e un querceto sulle colline di Barano

Pubblicato

del

L’incendio si è sviluppato in due zone collinari che affacciano sulla baia dei Maronti, “Guardiola” e “Monte Cotto”. Siamo nella frazione di “Piano” a Testaccio nel Comune di Barano d’Ischia. E per avere ragione dell’incendio alimentato da un forte vento di tramontana sono  state impiegate  le squadre antincendio di Ischia e grazie alla sala operativa regionale della protezione civile è arrivato anche  un elicottero (che vedete nelle immagini)  che acquisiva acqua a largo di Sant’Angelo, scaricava sui roghi e torna a riprendere acqua. L’incendio ha distrutto alcuni ettari di bosco di castagni e un querceto bellissimi. Molti di questi incendi primaverili sono figli della mancata pulizia del sottobosco.

Advertisement

Ambiente

Allarme caldo, decalogo da medici di famiglia Napoli

Pubblicato

del

«Sono anni ormai che d’estate riceviamo chiamate dai nostri pazienti per colpi di calore e altri problemi legati all’aumento delle temperature, ma non abbiamo mai dovuto affrontare un caldo come quello prospettato in questi giorni. Siamo molto preoccupati per gli effetti che le massime previste, con temperature percepite vicine ai 40, potranno avere. Non solo le persone anziane, ma tutti, dovrebbero evitare per quanto possibile di uscire nelle ore più calde e, comunque, di affrontare lunghi tratti al sole». È un vero e proprio allarme caldo quello lanciato da Luigi Sparano e Corrado Calamaro (medici di famiglia della Fimmg) a fronte dell’arrivo di Minosse, anticiclone che sta per travolgere l’Italia con temperature record su quasi tutto il Nord, il Centro e il Sud. Alla luce delle previsioni meteo che prospettano un’ondata di caldo senza precedenti, i medici di famiglia della Fimmg lanciano un appello alla popolazione, in particolare alle persone anziane e fragili, affinché adottino misure precauzionali per proteggersi ed evitare di dover ricorrere al pronto soccorso.

In Campania da domani e fino a venerdì criticità per ondata calore

«Il grande caldo può rappresentare un serio pericolo, soprattutto per coloro che soffrono di patologie croniche o hanno un sistema immunitario compromesso», chiariscono Sparano e Calamaro.

I medici di famiglia hanno anche elaborato un decalogo di consigli pratici per aiutare le persone più vulnerabili a gestire al meglio le giornate di caldo intenso:

• Rimanere idratati: Bere almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno, anche se non si avverte la sete. Evitare bevande alcoliche, zuccherate o gassate.

• Evitare le ore più calde: Non uscire e non svolgere attività fisica nelle ore più calde della giornata, solitamente tra le 11:00 e le 17:00.

• Indossare abiti leggeri: Utilizzare abiti leggeri, di colore chiaro e in tessuti naturali come cotone e lino, che permettono una migliore traspirazione della pelle.

• Prediligere ambienti freschi: Trascorrere il più tempo possibile in ambienti freschi e ventilati. Se necessario, utilizzare ventilatori o condizionatori, assicurandosi di non esagerare con la differenza di temperatura rispetto all’esterno.

• Alimentazione leggera: Consumare pasti leggeri, ricchi di frutta e verdura, evitando cibi pesanti e molto conditi che aumentano la sensazione di calore.

• Rinfrescarsi regolarmente: Fare docce o bagni freschi per abbassare la temperatura corporea. In alternativa, utilizzare panni umidi su polsi, fronte e collo.

• Monitorare la salute: Prestare attenzione ai segni di disidratazione o colpo di calore, come mal di testa, vertigini, debolezza, nausea o crampi muscolari. In caso di sintomi sospetti, contattare immediatamente un medico.

• Evitare l’esposizione diretta al sole: Utilizzare cappelli a tesa larga, occhiali da sole e creme solari con alto fattore di protezione quando si deve uscire.

• Pianificare le attività: Organizzare le attività giornaliere in modo da evitare le ore più calde e privilegiare le prime ore del mattino o la sera.

• Assistere i più fragili: Verificare regolarmente le condizioni di salute di familiari, amici o vicini anziani o fragili che vivono soli. Semplici ma fondamentali consigli per affrontare in sicurezza le prossime settimane di caldo intenso.

«È importante che ogni cittadino faccia la propria parte per proteggere la propria salute e quella dei propri cari», concludono i medici di famiglia.

Continua a leggere

Ambiente

In Campania da domani e fino a venerdì criticità per ondata calore

Pubblicato

del

Il Centro Funzionale della Protezione Civile della Regione Campania, in considerazione del quadro meteo in atto, ha emanato un avviso di criticità per “Ondata di calore”: dalle ore 14 di domani e per una durata di circa 66 ore, potranno verificarsi condizioni di criticità. Sono previste temperature massime che, soprattutto nelle giornate di giovedì 20 e venerdì 21 giugno, potranno essere superiori ai valori medi stagionali di 5-6°C, associate ad un tasso di umidità che, soprattutto nelle ore serali e notturne sul settore costiero, potrà superare anche il 60ö70% e in condizioni di scarsa ventilazione.

Le autorità locali competenti sono invitate a porre in essere le procedure di propria pertinenza relative alla vigilanza per le fasce fragili della popolazione. La Protezione civile raccomanda di non uscire nelle ore più calde della giornata, di non esporsi al sole o praticare attività all’esterno e di limitare gli spostamenti con l’auto. Particolare attenzione devono prestare i cardiopatici, gli anziani, i bambini e i soggetti a rischio. Tenere sempre correttamente arieggiati gli ambienti. Provvedere a tenersi idratati bevendo acqua. Prestare attenzione anche agli animali domestici.

Continua a leggere

Ambiente

Isole minori, la sfida della Sostenibilità: Capri la migliore, Ischia tra le peggiori

Pubblicato

del

La sostenibilità ambientale nelle isole minori italiane rappresenta una sfida ancora lontana dall’essere vinta. Secondo il VI rapporto “Isole Sostenibili 2024” redatto da Legambiente e Cnr-Iia, l’indice medio di performance delle isole minori si attesta al 46%. Questo dato, basato su vari parametri tra cui il consumo di suolo, la gestione dei rifiuti e delle risorse idriche, lo sviluppo delle energie rinnovabili, la mobilità e le aree naturali protette, riflette il lento progredire della transizione ecologica in queste aree.

Capri e Sant’Antioco in vantaggio

Tra le isole analizzate, Capri e l’isola di Sant’Antioco in Sardegna si distinguono per le loro performance di sostenibilità, con un indice rispettivamente del 62% e del 60%. Seguono l’isola del Giglio con il 57%, le isole Tremiti con il 55%, l’isola sarda di San Pietro con il 54% e Ustica con il 53%.

Ischia: una sfida impegnativa

Purtroppo, non tutte le isole mostrano risultati incoraggianti. Ischia, insieme alle isole Eolie e La Maddalena, presenta performance di sostenibilità inferiori al 40%. Questa situazione evidenzia la necessità di interventi mirati per migliorare la gestione ambientale e promuovere pratiche sostenibili. L’isola di Salina, parte dell’Arcipelago delle Eolie, si distingue negativamente con un indice di sostenibilità inferiore al 20%.

Raccolta differenziata e dispersione idrica

La raccolta differenziata, un indicatore chiave della gestione dei rifiuti, raggiunge un valore medio del 56% nelle isole minori, al di sotto dell’obiettivo europeo del 65%. Inoltre, la dispersione idrica rappresenta un grave problema, con una perdita di rete media del 40%, secondo i dati Istat del 2018.

Energia e mobilità: obiettivi lontani

Sul fronte energetico, i dati del 2021 mostrano che le isole minori necessitano di un significativo cambio di passo. Le zone insulari non interconnesse raggiungono appena il target per il solare fotovoltaico indicato nel decreto ministeriale del 2017. Per il solare termico, invece, gli obiettivi sono ancora lontani, con una media del 16,21%.

La mobilità rappresenta un ulteriore ostacolo, con una prevalenza dell’uso dell’auto privata: si registrano infatti 63 auto ogni 100 abitanti, secondo i dati Aci 2022. Questo dato sottolinea la necessità di promuovere alternative sostenibili come i mezzi pubblici e le biciclette.

Il rapporto “Isole Sostenibili 2024” evidenzia chiaramente che la sostenibilità nelle isole minori italiane è una sfida complessa e multidimensionale. Ischia, in particolare, deve affrontare significativi miglioramenti per raggiungere standard accettabili di sostenibilità. Tuttavia, con interventi mirati e politiche efficaci, è possibile invertire la rotta e trasformare queste isole in modelli di sviluppo sostenibile.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto