Collegati con noi

Spettacoli

Musica: Ramazzotti a Milano, dedicato a Vialli e Sinisa

Pubblicato

del

Il suono di un cuore che batte e poi il boato. Al Forum di Assago è arrivato Eros Ramazzotti per la prima data italiana del suo tour mondiale ‘Battito infinito Tour’ cominciato lo scorso ottobre a Los Angeles e che lo ha già visto esibire negli ultimi mesi nel Nord America e in America Latina. Ramazzotti celebra ancora una volta l’amore in tutte le sue sfaccettature “perché questa è la nostra vita – dice dal palco – bisogna amarsi e questo lato si è un po’ perso”. Vestito di nero con una giacca di paillettes, Ramazzotti ha aperto la serata milanese, la prima di quattro (sarà al Forum anche il 15-17 e 18 marzo, attese in totale oltre 40mila persone) sulle note di ‘Battito infinito’, il brano che dà il nome al suo ultimo disco pubblicato lo scorso settembre e che Ramazzotti porta sul palco del Forum intervallandolo ai suoi più grandi successi.

Dopo ‘Gli ultimi romantici’, canzone dedicata a chi ancora crede nell’amore vero, quello in grado di superare qualsiasi ostacolo, e ‘Sono’, entrambe del suo ultimo album, Ramazzotti ha voluto dedicare la serata “a due amici” che non ci sono più, Sinisa Mihajlovic e Gianluca Vialli. Un omaggio ai due ex calciatori a cui aggiunge anche il ricordo di Vincenzo Spera, manager musicale deceduto ieri. Imponente la scenografia con un palco su più livelli con dei gradoni per la band illuminati dai led. Tra la folla anche suo figlio che il 13 marzo ha compiuto 8 anni e a cui dedica ‘Magia’. Uno dopo l’altra Ramazzotti passa in rassegna tutte le sue tracce più famose, da ‘Più che puoi’ a ‘Se bastasse una canzone’ fino ai brani degli inizi.

Come i tre con cui ha partecipato a Sanremo, da quella ‘Terra promessa’ che gli valse la vittoria nella sezione ‘Nuove proposte’ nel 1984 ad ‘Adesso tu’, la canzone del trionfo tra i big nel 1986. C’è spazio anche per salutare Eleonora, la sua vocal coach “che mi sta insegnando a cantare – scherza – perché la mia voce era troppo nasale” e per un messaggio, muto e proiettato a tutto schermo, contro la guerra, con una frase dello scrittore Alberto Camus: “La pace è l’unica battaglia che vale la pena di essere combattuta”. Si torna ancora indietro con ‘Un’altra te’ e ‘Fuoco nel Fuoco’ e l’amore è sempre il protagonista. Ramazzotti presenta la band e chiude la serata con ‘Più bella cosa c’è’ e con una maglia con su scritto ‘No war, yes music’. E si conferma davvero l’ultimo dei romantici.

Advertisement

Spettacoli

‘Caro presidente, un anno dopo’, Mediaset ricorda Berlusconi

Pubblicato

del

Un anno è passato dalla scomparsa di Silvio Berlusconi. Un anno trascorso senza il fondatore di Mediaset e di Forza Italia: il 12 giugno Mediaset è pronta a commemorare il primo anniversario della sua morte con un omaggio, una programmazione speciale. “Caro Presidente, un anno dopo” andrà in onda alle 20.30, in simulcast su Canale 5, Italia 1, Retequattro e Tgcom24. Il documento di Toni Capuozzo, con la regia di Roberto Burchielli, ricorderà il Cavaliere con le immagini delle persone a lui più vicine, gli affetti più cari, i figli, dal più giovane Luigi a Eleonora, Barbara, Pier Silvio e Marina, uniti nell’amore verso il padre, e il fratello Paolo.

Poi, attraverso un viaggio in Italia tra i luoghi più significativi della storia di Silvio Berlusconi, si alterneranno i racconti degli amici di una vita: Fedele Confalonieri, Marcello Dell’Utri, Gianni Letta e Adriano Galliani, al suo fianco all’inizio dell’avventura televisiva, nelle pagine storiche segnate con il Milan e nell’ultima esperienza con il Monza. E ancora, un ricordo della moglie di Ennio Doris, Lina Tombolato, e di Guido Barilla. Non mancheranno i ricordi di Paolo Del Debbio e di Antonio Tajani, al fianco nella campagna politica fin dal 1994, quando Berlusconi decise di scendere in campo per gli italiani.

A seguire, le testimonianze di chi ha conosciuto il percorso del Cavaliere dalla televisione alla politica: Carlo Freccero, a cui Berlusconi affidò il compito di dirigere i palinsesti della neonata televisione commerciale Fininvest, il primo direttore del Tg5 e attuale direttore di TgLa7 Enrico Mentana, Maria De Filippi, Gerry Scotti e Urbano Cairo. Infine, i ricordi del mondo dello sport: l’ex allenatore del Milan Arrigo Sacchi e Zlatan Ibrahimovic che incontrando il suo ex presidente, nel 2022, ha postato una foto con la scritta “La storia non si cancella… e il futuro è ancora da scrivere…”.

Continua a leggere

Spettacoli

Al via le riprese di Mare Fuori 5, new entry e uscite eccellenti

Pubblicato

del

Al via il 10 giugno le riprese della quinta, attesissima stagione di Mare Fuori, la serie tv coprodotta da Rai Fiction e Picomedia che con le ultime puntate ha totalizzato una total audience superiore ai 6,1 milioni di telespettatori, posizionandosi al primo posto della classifica dei prodotti più visti su RaiPlay. Molte le novità: il regista Ludovico Di Martino (Skam 3, La Belva, I Viaggiatori) sostituisce Ivan Silvestrini alla guida di un cast arricchito da tanti ingressi.

Nuovi personaggi varcheranno infatti le soglie dell’Ipm di Napoli: ragazze e ragazzi con storie difficili alle spalle che si troveranno a interagire e talvolta a scontrarsi con le vecchie conoscenze che gli spettatori hanno imparato ad amare in questi anni. Fanno il loro ingresso in Mare Fuori 5 diverse giovani promesse: Francesco Luciani e Francesco Di Tullio, nei panni dei criminali arrivati dal Nord; Rebecca Mogavero ed Elisa Tonelli, amiche inseparabili e partner in crime; Alfonso Capuozzo e Manuele Velo, che daranno voce a due delle diverse anime di Napoli, quella della strada e quella dei quartieri più benestanti, i quartieri dei “chiattilli”. Tante anche le conferme di volti diventati ormai familiari per i milioni di fan della serie: Carmine Recano, Lucrezia Guidone, Maria Esposito, Giovanna Sannino, Vincenzo Ferrera, solo per citarne alcuni.

Non ci saranno, invece, alcuni degli interpreti più amati come Massimiliano Caiazzo (Carmine), Matteo Paolillo (Edoardo), Clara Soncini (Crazy J) e Kyshan Wilson (Kubra). Novità anche nel team di scrittura. Maurizio Careddu è l’head writer di una squadra composta da cinque sceneggiatori: oltre allo stesso Careddu, firmeranno le puntate Luca Monesi, Angelo Petrella (già nel team di scrittura delle precedenti stagioni), Sara Cavosi ed Elena Tramonti.

Le riprese di questo nuovo capitolo iniziano mentre sono ancora vive le reazioni dei fan all’ultima stagione, dopo il rilascio su RaiPlay e la messa in onda su Rai 2. Una stagione, la quarta, che ha fatto tanto parlare di sé, raggiungendo un pubblico ampio e trasversale. “Mare Fuori è un eccezionale esempio di serialità televisiva fondata sul racconto della contemporaneità e sui valori del servizio pubblico – sottolinea Maria Pia Ammirati, direttrice di Rai Fiction.

Il pubblico ha premiato la capacità di restituire la ricchezza contraddittoria del vissuto di un gruppo di giovanissimi costretti nella condizione estrema di un istituto di pena minorile. È anche la prova strategica di come la fiction possa declinarsi con successo sulla televisione generalista e sulla piattaforma digitale. Per questo saluto l’inizio riprese della quinta stagione con l’orgoglio e la speranza di una grande scommessa vinta, che si rimette in gioco”.

Roberto Sessa, produttore Picomedia, aggiunge: “La serie 5 nel gergo della serialità televisiva è il classico reboot. Ovvero la storia ci dà la possibilità di introdurre diversi nuovi personaggi che diventeranno, insieme ai protagonisti già affermati, le icone delle prossime stagioni. Diamo il benvenuto a sei di loro nella famiglia di Mare Fuori e gli auguriamo un grande percorso umano e professionale”.

Continua a leggere

Musica

Dal Vasco dei record, rock senza sconti a San Siro

Pubblicato

del

E’ un concerto senza vie di mezzo, “rock senza sconti per nessuno”, come aveva preannunciato alla vigilia, il primo dei “magnifici 7” con cui Vasco Rossi si prende San Siro come nessuno mai prima. Sono 7, infatti, le date nella Scala del rock, praticamente una residenza al Meazza, espugnato per la prima volta nel 1990 e da allora riempito ogni volta di più, fino a questo record, premiato non a caso prima dal sindaco di Milano e poi dal presidente della regione, che ha raggiunto il rocker al Meazza pre show per consegnargli l’ennesimo riconoscimento a una carriera ultradecennale. Niente che metta a soggezione il Komandante, o che lo faccia spostare di una virgola dalla sincerità con cui ha cresciuto non un pubblico, ma un “popolo”, come lo chiama lui, che ha riempito San Siro per questa e per tutte le date a seguire.

Cinquantottomila gli spettatori stasera, 400mila in tutto solo a Milano, dove Vasco parte fortissimo, su un palco mastondontico lungo 86 metri e con cinque megaschermi, con una tripletta di pezzi come “Blasco Rossi”, “Asilo republic” e “Gli spari sopra”, scritti in momenti diversi ma che sembrano parlare proprio all’oggi, tanto che sul secondo il Komandante cita direttamente ‘Giorgia’, ossia la presidente del Consiglio. “E allora vedrete con la polizia che la situazione ritornerà, come prima, piu di prima – canta il Blasco – Giorgia! T’amerò (yeah), Giorgia t’amerò” dice prima di rivolgersi al suo popolo: “Siamo sempre qui, lucidi e vivi finalmente a Milano! Noi siamo qui questa sera per fare rock, è lo spettacolo più potente dell’universo, è il primo dei magnifici sette: sette volte sette San Siro”. Se Asilo Republic parla apertamente del potere e del controllo, Vasco dedica ‘Gli Spari sopra’ a “tutti i farabutti che governano questo mondo”.

E poi, più tardi, su ‘Basta poco’, non le manda a dire nemmeno al leader della Lega: “basta poco per essere intolleranti – canta Rossi – ditelo a Salvini, basta poco per essere intolleranti, ditelo a chi vota Salvini” Già sui social il Komandante aveva avvisato il suo ‘popolo’ – che stasera comprende Eros Ramazzotti ed Emma – che quella di quest’anno sarebbe stata una scaletta “un po’ più incazzata, più dura perché questo è un periodo molto complicato e molto difficile. Siamo tutti preoccupati. Speriamo vada bene”. Se i tempi sono duri, anche lo show è “duro e puro, senza sconti per nessuno. Senza sfumature di grigio. Solo bianco e nero”. Ed ecco che ai pezzi più rock seguono le ballad che incatenano il cuore di più generazioni, da ‘Jenny’, una tra le prima canzoni a parlare senza perifrasi di depressione, a ‘Sally’, cantata a una sola voce dal Meazza.

Quello di Vasco con San Siro è un legame indissolubile: data 10 luglio 1990 la prima volta, quella di ‘Fronte del palco’, cui sono seguite ogni tour più date, da due nel ’95, a 3 nel 2003 fino a 6 nel 2019 e al record assoluto di quest’anno. Tutto – parola del Blasco – merito del suo pubblico, anzi, ‘popolo’: in tanti si sono accampati da giorni, con le tende, di fronte al Meazza, tanti altri sono arrivati oggi per condividere ciò che solo Vasco ancora sa dare.

“La musica – ha spiegato non a caso lui appena prima dello show – è una benedizione, qualcosa che unisce, una sostanza spirituale che può solo unire, portare gioia e amore in questo momento storico particolarmente duro”. Ed ecco che il rito si compie di nuovo, brano dopo brano, in due ore e mezza serrate, che passano dal tuffo negli anni 80 di ‘Bollicine’ e ‘Vita spericolata’, all’oggi con ‘Gli sbagli che fai’, sigla de ‘Il supervissuto’ di Netflix. In mezzo un medley tutto al femminile, con cult come ‘La Strega’ o ‘Incredibile romantica’, in una volata rock che non può finire che con ‘Albachiara’. Applausi, abbracci, sudore: buona, anzi ottima, la prima e appuntamento a domani, per altri 60mila.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto