Collegati con noi

Cronache

Monnezza e inchieste, l’atto di accusa del sindaco di Marcianise Velardi: fuori i mercanti dal tempio

Pubblicato

del

Mentre la Procura distrettuale antimafia di Napoli spedisce i suoi migliori investigatori negli uffici di molti comuni del Napoletano e del Casertano a caccia di notizie di reato, di prove che dimostrino l’esistenza di un patto scellerato tra cattiva politica, mafie e imprenditoria opaca sull’affare monnezza, c’è chi regola conti politici con avversari politici procedendo a colpi di espulsione. Perchè chi prova a fare chiarezza e pulizia in un mondo sporco, non per i rifiuti materiali ma per quelli umani, deve essere fatti fuori, espulso dal sistema. Antonello Velardi*, sindaco di Marcianise, è uno di questi. Non è parte del sistema. Vuole pulizia, vuole legalità, vuole che funzioni il sistema rifiuti vuole che la sua terra non subisca più insulti dalla camorra della monnezza.  Purtroppo la letteratura giudiziaria del territorio, senza indulgere in facili sociologismi o inutili scandalismi, ci consegna uno Stato che sulla monnezza è andato spesso a braccetto con la mafia dei Casalesi. Lo dicono sentenze passate in giudicato e altre sentenze in attesa del sigillo della Cassazione che parlano di questo disgusto matrimonio di interessi tra politici e camorristi in questi anni nefasti. È per questo motivo che ci sentiamo di pubblicare, con immenso piacere, questo commento del sindaco di Marcianise, Antonello Velardi, oggetto di reiterati attacchi mai propriamente politici e mai diretti. Troppe volte trasversali. 

pc

 

I fatti delle ultime ore accaduti in provincia di Caserta, ovvero l’inchiesta giudiziaria avviata dalla Direzione distrettuale Antimafia di Napoli, ci consegnano uno scenario molto torbido che ci induce ad alcune riflessioni.

La pubblica amministrazione ne esce malissimo: asservita ad interessi di parte, schierata al fianco del privato e non del pubblico, con il perpetuarsi di un andazzo antico che persiste nell’assoluta impunità dei responsabili. Non solo. Il quadro che emerge segnala una classe politica pessima, votata agli affari e non all’esercizio di una funzione e all’assolvimento di un compito per il bene comune.

Secondo i canoni della retorica noi dovremmo esprimere solidarietà ai soggetti coinvolti nell’inchiesta, auspicando la loro estraneità. Facciamolo pure, ma questa è retorica: non serve a niente, serve a fuggire dalle responsabilità. Ma un conto sono le responsabilità penali, un conto quelle politiche e quindi quelle storiche. E sono gravissime.

Fuori i mercanti dal tempio! Via i ladri e gli affaristi, via i politici che sono complici degli affaristi! Sui rifiuti in pochi hanno lucrato ingenti guadagni e in molti ci hanno rimesso la pelle. Quei molti siamo noi, sono le comunità.

L’inchiesta della Dda mi fa ancor di più capire che il settore dei rifiuti cambierà solo se ci saranno protagonisti nuovi. Nuovi. Con una testa completamente diversa, in assoluta discontinuità con il passato. Per questo sono sempre più convinto di aver fatto bene nel lasciare la presidenza dell’Ato Rifiuti di Caserta: un gioiello che invece rischia di trasformarsi in carrozzone, in continuità con il passato. Ero e sono troppo fuori asse, il partito dei rifiuti ha tutto l’interesse a tenermi fuori.

Non credo all’Ato Rifiuti così come è stato concepito nella nostra provincia, con la presidenza del sindaco di Caserta Carlo Marino. È un mondo distante anni luce dal mio, è un mondo che non potrà essere mai il mio.

In tutto questo, il presidente dell’Ato Rifiuti ha adesso avuto il tempo di convocare una riunione del consiglio per deliberare la mia espulsione: facciano pure, c’è modo e modo di zittire le persone. Ovviamente io non starò zitto.

Ringrazio la Dda di Napoli per quello che sta facendo e per quello che farà. La ringrazio non da sindaco di Marcianise, ma da cittadino. Da cittadino! Da figlio di una terra disperata, persa, condannata a vivere nell’arcaismo. Ma noi siamo figli dell’illuminismo, della modernità, e non vogliamo più accettare pratiche e commistioni che ci consegnano al buio del Medioevo. Fuori i mercanti dal tempio!

*Antonello Velardi

(Sindaco di Marcianise)

Advertisement

Cronache

Potenza, bus pieno di studenti fuori strada, grave l’autista di un’auto coinvolta

Pubblicato

del

Una mattina che avrebbe potuto trasformarsi in una tragedia si è conclusa con un grande sollievo, nonostante l’incubo vissuto da una quarantina di studenti a bordo di un pullman. Il veicolo, diretto verso destinazioni scolastiche, è finito fuori strada questa mattina nelle vicinanze di Baragiano, una località a trenta chilometri dal capoluogo lucano. Secondo le prime ipotesi, l’incidente potrebbe essere stato causato da un sorpasso azzardato di un’auto.

Fortunatamente, non ci sono stati feriti gravi tra gli studenti a bordo del pullman. La situazione più critica è stata riscontrata nel conducente dell’auto coinvolta nell’incidente. Secondo le prime relazioni fornite dai sanitari del 118 di Potenza, è il conducente dell’auto a riportare le ferite più serie.

Dalle prime ricostruzioni condotte dalla Compagnia dei Carabinieri di Potenza, sembra che il conducente dell’auto abbia tentato un sorpasso, un’azione che il conducente dell’autobus avrebbe cercato di evitare, ma che ha purtroppo portato al tragico epilogo dell’uscita di strada del pullman.

Le autorità competenti  stannop indagando sulle cause esatte dell’incidente.

Continua a leggere

Cronache

Carabinieri scovano arsenale da guerra sui tetti nel Napoletano

Pubblicato

del

Armi da guerra sulla tettoia di un box, in un borsone sportivo. In provincia di Napoli, attorno i palazzi del rione Moscarella di Castellammare di Stabia, quelli popolari del lotto 4, al centro di un triangolo ai cui lati corrono due strade statali e viale della Repubblica. La scoperta è dei carabinieri della sezione operativa stabiese. Coperto da erbacce, edera e da rami secchi, un borsone di tela blu poggiava sulla lamiera barcollante di un piccolo box abusivo. All’interno, erose dalle intemperie e dalle piogge ma perfettamente funzionanti, 8 armi da fuoco pesanti. Un fucile d’assalto Ak47 (Kalashnikov), un fucile a pompa SPAS cal 12, di quelli capaci di sfondare una porta. E poi due fucili d’assalto Steyr AUG di produzione austriaca, con una cadenza di tiro pari a 650 colpi al minuto, quasi 11 al secondo. Ancora un fucile a pompa M870s Maverick Eagle Pass con matricola abrasa, due doppietta a canne mozzze, un fucile da caccia. Le armi sono state sequestrate a carico di ignoti e saranno sottoposte ad accertamenti balistici per verificare se siano state utilizzate in azioni criminose.

Continua a leggere

Cronache

Vannacci sospeso dall’incarico per 11 mesi dopo libro

Pubblicato

del

Il generale dell’Esercito, Roberto Vannacci, è stato sospeso dall’impiego per 11 mesi . E’ quanto si apprende da fonti legali in riferimento al procedimento disciplinare avviato nei mesi scorsi dal ministero della Difesa dopo la pubblicazione del libro “Il mondo al contrario”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto