Collegati con noi

Cronache

Messina Denaro sta morendo, anche la figlia appena riconosciuta al suo capezzale

Pubblicato

del

La figlia Lorenza, appena riconosciuta, e la nipote Lorenza Guttadauro, che è pure il suo legale, sono al capezzale di Matteo Messina Denaro. Le condizioni del boss, ricoverato nel reparto per detenuti dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila, dove l’8 agosto è stato di nuovo operato per un’occlusione intestinale, sono talmente gravi che non è previsto il suo ritorno in cella. Indicativo sembra anche il fatto che la cura del tumore al colon sia accompagnata dalla terapia del dolore e dalla alimentazione parenterale. Sono i dati di una condizione molto critica alla quale il padrino risponde con forte determinazione: alterna momenti di lucidità e di buonumore a episodi di grande fragilità. Nei giorni scorsi è andato anche in coma per reazione ai farmaci.

Qualche volta è riuscito ad alzarsi dal letto ma ha rifiutato di incontrare la figlia per non apparire molto provato. Lui per primo e i familiari sono consapevoli di una condizione difficile. E per questo da qualche giorno figlia e nipote si sono trasferite a L’Aquila per seguire il decorso della degenza. È in momenti come questi che si cercano spazi e modi per chiudere conti ancora aperti. Per Messina Denaro il più urgente era il riconoscimento della figlia, nata il 17 novembre 1996 dal rapporto con Franca Alagna. Il boss non l’aveva mai conosciuta, come scriveva dalla latitanza all’ex sindaco di Castelvetrano, Antonio Vaccarino, nome in codice Svetonio. Fino al 2012 Franca e Lorenza vivevano in casa della madre del boss ma poi erano andate altrove anche per sottrarsi a una asfissiante pressione investigativa. La distanza tra padre e figlia si era così allargata. Lorenza aveva seguito il suo percorso di vita da persona normale: aveva studiato al liceo, si era sposata e due anni fa aveva avuto un bambino. La discrezione con cui aveva avvolto la sua vita aveva alimentato la voce che avesse rinnegato il padre e preso le distanze dalla sua storia criminale. Se ne era parlato proprio a ridosso della cattura del “Siccu” nella clinica “La Maddalena” di Palermo, dove si faceva curare come il signor Andrea Bonafede. Ad alimentare quella voce era anche il contenuto di alcuni fogli sequestrati nel covo di Campobello di Mazara.

“Perché Lorenza non vuole vedermi? Perché è arrabbiata con me?”, era il cruccio di un padre che in questo modo rinsaldava la tesi di una rottura ormai consumata. In una lettera alla sorella Matteo Messina Denaro metteva a raffronto i diversi comportamenti tra la nipote del boss Leonardo Bonafede, che non esitava a dichiarare al nonno “onorata di appartenerti”, e lei, Lorenza, che con il suo comportamento induceva Messina Denaro a chiedersi: “Cosa ha fatto al padre, cioè a me? Ma va bene così, non ho più nulla da recriminare”. Dubbi e apparenze hanno lasciato subito il posto a una realtà molto diversa da quella raccontata. “Notizie destituite di ogni fondamento” le aveva definite il legale Franco Lo Sciuto per conto di Lorenza. Smentite tutte le indiscrezioni e negata qualsiasi dichiarazione “che potesse indurre a ritenere la sussistenza di una volontà di chiudere ogni rapporto con il padre”. Lorenza e Matteo Messina Denaro si sono visti per la prima volta ad aprile nel carcere dell’Aquila. È stata lei stessa a decidere di incontrarlo scambiandosi sguardi di affetto attraverso un vetro. Il decorso della malattia ha ora accelerato la decisione di ricomporre, anche per l’anagrafe, un rapporto al quale sono mancate mancate la dimensione fisica e l’atmosfera familiare. È una storia molto privata e non ci sono stati intermediari, ha assicurato l’avvocato-nipote del boss che ha rivendicato un apporto professionale: ha scritto lei l’istanza per fare ammettere in carcere il notaio che ha raccolto la volontà di Messina Denaro. Ora le due donne seguono insieme a L’Aquila l’ultimo tornante di vita di quello che è stato l’ultimo grande latitante di Cosa nostra.

Advertisement

Cronache

In Italia il 10% degli autovelox di tutto il mondo

Pubblicato

del

Tra semafori intelligenti, autovelox e Tutor, nel mondo si contano in totale 111.451 apparecchi di rilevazione automatica delle infrazioni stradali. Di questi 11.171, pari al 10% circa del totale, è installato in Italia. I dati arrivano dal Codacons, che riporta le statistiche ufficiali aggiornate della piattaforma specializzata in autovelox, Scdb.info. Il numero degli apparecchi presenti sulle strade italiane e utilizzati per sanzionare il superamento dei limiti di velocità e le infrazioni semaforiche è in costante aumento, al punto che oggi se ne contano nel nostro paese ben 11.171 – spiega il Codacons – Si tratta del 17% di tutti gli strumenti automatici presenti in Europa, che tra semafori di nuova generazione, autovelox e tutor registra un totale di 65.429 apparecchi. Peggio dell’Italia fanno solo la Russia con 18.414 strumenti automatici di rilevamento delle infrazioni, e il Brasile (17.614), Paesi che però presentano un territorio estremamente più vasto.

Negli Stati Uniti se ne contano 7.973, mentre rimanendo in ambito europeo tra i paesi che registrano più autovelox e semafori intelligenti installati lungo le strade troviamo la Gran Bretagna (7.707) seguita da Germania (4.690), Francia (3.745), Belgio (3.179), Svezia (2.466) e Spagna (2.268). L’incremento di tali dispositivi automatici ha portato in Italia ad un aumento generalizzato delle sanzioni stradali al punto che nel 2023 i comuni hanno incassato in totale oltre 1,5 miliardi di euro con una crescita del +23,7% sul 2019. – analizza il Codacons – A beneficiarne sono soprattutto i piccoli comuni, quelli cioè che più di tutti ricorrono allo strumento dell’autovelox per sanzionare gli automobilisti, e che hanno visto aumentare le entrate legate alle multe stradali di oltre il 50% rispetto al 2019. “Se da un lato è corretto punire con la massima severità chi viola il Codice della strada e supera i limiti di velocità mettendo a rischio la sicurezza pubblica, dall’altro anche il governo dovrebbe fare la sua parte in tema di sanzioni stradali, e rispettare non solo gli impegni presi con i cittadini, ma anche precise leggi dello Stato sul tema”, denuncia il Codacons.

E’ il caso ad esempio del famoso “Osservatorio sulle multe stradali” introdotto dal decreto legge P.a. bis (dl 75/2023) e annunciato la scorsa estate, che come Codacons avevamo da subito salutato con favore: un Osservatorio istituito presso il ministero delle infrastrutture e dei trasporti e che sarebbe dovuto entrare in funzione entro 90 giorni dalla conversione in legge del decreto (pubblicata in GU il 16 agosto 2023) con il compito di realizzare una relazione annuale “contenente in particolare i dati relativi agli incidenti stradali e alla regolarità e trasparenza nell’utilizzo dei proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie e nell’uso dei dispositivi elettronici di controllo della velocità”, nonché di verificare “le segnalazioni delle associazioni dei consumatori operanti nel settore e richiedere dati e informazioni alle competenti amministrazioni”. “Nonostante la crociata avviata dal ministro Salvini contro autovelox e limiti di velocità, di tale Osservatorio, che fa capo proprio al Mit, non si è saputo più nulla. – evidenzia il Codacons – Un paradosso assurdo se si considerano i numeri sulle multe in aumento e l’esigenza di garantire trasparenza e correttezza ai cittadini.

E che dire poi della regolamentazione degli autovelox attesa oramai da 14 anni? L’art. 25, comma 2, della legge n. 120 del 2010 di riforma del Codice della Strada, prevedeva infatti che “con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell’interno, sono definite le modalità di collocazione e uso dei dispositivi o mezzi tecnici di controllo”. “Comuni ed enti locali, i cui bilanci beneficiano enormemente dei proventi delle sanzioni stradali, hanno fatto di tutto per ritardare l’emanazione del provvedimento, in modo da avere carta bianca sulla collocazione degli autovelox sul territorio. Una vergogna nazionale che ha portato alla disastrosa situazione odierna e che, se non sarà sanata, spingerà il Codacons ad avviare una class action contro lo Stato Italiano per l’inottemperanza alle disposizioni del Parlamento”, conclude il presidente Codacons, Carlo Rienzi.

Continua a leggere

Cronache

Ferragni, ‘ora parlo io, difenderò i mei figli’

Pubblicato

del

“Sono stata zitta per troppo tempo. Ora penso sia importante parlare e spiegare”. Chiara Ferragni rompe il silenzio su Instagram, postando la sua intervista a Il Corriere della Sera dove racconta la sua verità e torna con la memoria al 15 dicembre scorso, quando l’Antitrust comunicò di aver sanzionato due società dell’influencer e la Balocco per “una pratica commerciale scorretta”, ovvero per aver pubblicizzato il pandoro griffato Ferragni lasciando intendere erroneamente ai consumatori che, attraverso l’acquisto, avrebbero contribuito a una donazione all’Ospedale Regina Margherita di Torino. “Era venerdì – ricorda l’imprenditrice -, ho passato anche sabato e domenica chiusa in casa, con addosso la stessa tuta, a leggere i tweet terribili su di me e dire: cosa cavolo sta succedendo?”. Insomma, il segnale è chiaro.

Ferragni non intende più subire in silenzio, chiede di smetterla con le fake news e passa al contrattacco, come dimostra la scelta di andare ospite di Che tempo che fa da Fabio Fazio sul Nove il 3 marzo. I primi referenti sono i suoi follower, che ringrazia in una delle stories di questa mattina, successive a quella in cui ha postato l’intervista. “L’avete solo aperta in 383 mila in 30 minuti”, scrive aggiungendo una faccina sorridente. E poi ancora: “1 milione 602 click, grazie”. Tra un post e l’altro sul tema anche un video in cui balla con il figlio Leo davanti alla tv in pigiama. Nell’intervista affronta il momento delicato della sua relazione. Dice riferendosi a Fedez: “Negli ultimi week end non c’è stato, in altri c’è stato. E comunque è mio marito. E in situazioni di caso esterne, è importante tenere le cose dentro la coppia e i problemi tra le mura familiari. La priorità è proteggere la famiglia e i figli”. Sulla vicenda del pandoro Balocco, la sua idea continua a essere che si sia trattato di un errore di comunicazione.

“Ci siamo resi conto che alcuni processi di analisi interna avrebbero potuto essere gestiti meglio. E stiamo lavorando per migliorare alcuni profili organizzativi”, spiega, ribadendo che la donazione era stata voluta da lei e il suo team e inserita nel contratto con Balocco: “È stata fatta subito dopo la firma del contratto ed è stata fatta subito proprio perché l’importo di 50 mila euro era certo e slegato dalle vendite e poi perché speravamo che il macchinario arrivasse prima della messa in vendita del pandoro”. Il futuro, con certezza, riguarda il suo ricorso al Tar “contro una sanzione che ritengo ingiusta e sproporzionata, ovviamente la pago e, se qualcosa otterrò indietro, donerò anche quello”.

Poi rimane un’incognita: “Non so se il mio è un lavoro che farò per tutta la vita o se vorrò raccontare la mia vita per sempre”, risponde spiegando che per lei è una sorta di vocazione da quando, a 16 anni, si faceva gli autoscatti col treppiede per raccontarsi agli altri. E se tutto finisse all’improvviso? “La paura è costante. In un lavoro come il mio che è completamente nuovo, temi sempre che il trend possa cambiare e di non piacere più”. Intanto si rincorrono le indiscrezioni sulla crisi dei Ferragnez. Secondo il settimanale Oggi, Fedez sarebbe andato via da casa non per sua volontà, ma allontanato dalla moglie e starebbe vivendo con grande sofferenza il momento. Sempre secondo queste indiscrezioni, i due si sarebbero rivisti in queste ore e starebbero chiarendosi per capire come gestire questa crisi. Cosa hanno deciso di fare e come si evolverà la loro relazione? Nella storie di Instagram Ferragni si limita a pubblicare una foto. Lo sguardo è malinconico.

Il commento, scarno: “Ciao”. A chi si rivolga e cosa voglia dire, al momento non è chiaro. Ieri anche Fedez, intercettato dall’inviato di Pomeriggio Cinque, aveva detto che la priorità “sono i figli” e che non si tratta di un gioco. La versione di Chiara Ferragni, quella completa e forse definitiva, arriverà domenica 3 marzo da Fabio Fazio.

Continua a leggere

Cronache

Borrelli (Avs): proteste a Caivano per sgomberi, no alla violenza

Pubblicato

del

“Traffico in tilt sabato mattina nelle strade del Parco Verde di Caivano. Alcune famiglie residenti della zona, raggiunte da un’ordinanza di sgombero, hanno inscenato una protesta bloccando la viabilità. I cittadini chiedono di non essere cacciati di casa”. E’ quanto si legge in una nota di Francesco Emilio Borrelli, deputato di Alleanza Verdi-Sinistra. “Bisognerà accertare chi ha diritto all’appartamento e chi no – ha affermato Borrelli – I legittimi assegnatari non saranno lasciati per strada, ma chi non ha diritto ad un appartamento non è certo con comportamenti violenti e prevaricatori che otterrà qualcosa. Questi metodi non sono utili a trovare una soluzione. Senza dubbio gli appartamenti occupati abusivamente vanno sgomberati quanto prima e le chiavi vanno consegnate a chi ha diritto, secondo la legge, all’assegnazione dell’immobile”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto