Collegati con noi

Sport

L’Inter vince a Cagliari e tiene vive le speranze scudetto

Pubblicato

del

L’Inter risponde al Milan, vince a Cagliari senza molti problemi e si ritaglia altri novanta minuti di speranza scudetto. Decidono Darmian nel primo tempo e Lautaro nel secondo con una doppietta. Anche se poi la squadra di Inzaghi lascia che Lykogiannis riapra la partita e per una mezz’ora soffre piu’ del dovuto. Comunque Inzaghi ha ottenuto quello che voleva, il massimo, in queste condizioni. Cagliari con un piede in B: per non retrocedere deve battere il Venezia e sperare che la Salernitana non vinca in casa contro l’Udinese.

Verdetti rimandati: ma scudetto e serie A dipendono soprattutto dagli altri. Per l’inter vittoria come da pronostico: Brozovic non hanno sentito la pressione. E hanno presto tolto ossigeno e speranze all’undici di Agostini. Per il Cagliari e’ la partita della vita. E si vede da come la squadra va subito a pressare alto per evitare che la palla la prenda l’Inter e la nasconda al Cagliari. Per i nerazzurri, invece, calma e nervi saldissimi perche’ il caos fa piu’ gioco ai rossoblu che a loro. Nei primi dieci minuti botta e risposta da fuori con i tiri di Perisic e Lykogiannis: parete di Cragno e Handanovic. Al 12′ la prima grande emozione: punizione cross di Calhanoglu, spiazza Perisic e Skriniar incorna e prende il palo. La palla ritorna in campo e il difensore la accompagna in rete rotolando per terra. Dal Var arriva la segnalazione: c’e’ un tocco di mano. E non e’ gol. Prima o poi la rete arriva. Anche perche’ il Cagliari soffre per ogni pallone alto messo in mezzo. E infatti al 25′ il gol dell’Inter giunge proprio cosi’: Perisic da sinistra pesca Darmian sull’altro lato. E di testa l’esterna destro beffa Cragno. Tutto fin troppo elementare.

Poi il Cagliari fa quel che puo’. Ma e’ sempre troppo poco di fronte a un Inter  superiore. Che, prova e riprova, per poco non chiude i conti alla fine del primo tempo con Lautaro che prende il palo con Cragno battuto. Questione di tempo: nella ripresa al 6′ lancio di Barella per l’uno contro uno tra Lautaro e Altare. Vince l’argentino: rasoterra e palla alle spalle di Cragno. Sembra finita, ma tre minuti dopo un lampo di Lykogiannis riapre i giochi: un tiro da lontanissimo forte e preciso sorprende Handonovic. Per l’Inter un imprevisto che complica un po’ la vita. Anche perche’ il Cagliari e’ disperato. E anche se non riesce a giocare bene, con il cuore continua a provarci. E con l’ex Keita ha anche una buona occasione davanti ad Handanovic anche se forse c’e’ un fallo in partenza che forse non sarebbe sfuggito al Var.

Poi il Cagliari non riesce a osare. E a sei minuti dal novantesimo ancora Lautaro chiude i conti: l’idea e’ di Brozovic, ma poi la rifinitura e’ di Gagliardini. Al Toro non rimane altro che fare lo scavetto su Cragno che esce. Nel finale anche un palo di Dumfries. E finisce con un fumogeno in campo e le contestazioni della curva contro il presidente Giulini. Ancora novanta minuti per i verdetti, l’Inter sogna. Il Cagliari trema.

Advertisement

In Evidenza

Calcio, paura per il giallorosso N’Dicka: malore in campo, sospesa Udinese – Roma

Pubblicato

del

Una serata di calcio a Udine si è trasformata in un momento di paura e apprensione quando Evan N’Dicka, difensore della Roma, è improvvisamente collassato in campo durante il secondo tempo della partita contro l’Udinese. Il giocatore è stato soccorso immediatamente dai medici e portato fuori dal campo su una barella, mentre la partita è stata sospesa inizialmente per due minuti per verificare le sue condizioni. Successivamente l’incontro è stato definitivamente rinviato.

Secondo le prime informazioni, N’Dicka avrebbe avvertito un forte dolore al petto prima di crollare. Tuttavia, il giocatore ha fatto il segno dell’ok verso la panchina mentre veniva trasportato via, indicando che era cosciente. Nonostante ciò, la partita è stata momentaneamente interrotta in attesa che i medici potessero valutare la situazione in modo più approfondito.

Il tecnico della Roma, Daniele De Rossi, insieme al capitano Gianluca Mancini, si è recato negli spogliatoi per monitorare la situazione e dopo qualche minuto sono tornati in campo per comunicare che N’Dicka stava bene. Tuttavia, la gara è rimasta sospesa in attesa di ulteriori aggiornamenti sulla condizione del giocatore.

Fonti del club giallorosso hanno confermato che N’Dicka è rimasto cosciente dopo il malore e che è stato trasferito in ospedale per ulteriori accertamenti.

Daniele De Rossi ha riunito la squadra in cerchio per decidere il da farsi e ha successivamente comunicato all’arbitro e al tecnico dell’Udinese che la Roma non si sentiva in grado di continuare la partita. L’Udinese ha accettato la decisione e la partita è stata ufficialmente sospesa, mentre il capitano Lorenzo Pellegrini si è rivolto ai tifosi per spiegare l’accaduto.

Questa tragica serie di eventi ha messo in evidenza l’importanza della salute e del benessere dei giocatori, oltre alla solidarietà e alla compassione nel mondo del calcio. Mentre tutti sperano in una pronta guarigione per Evan N’Dicka, questo episodio servirà da richiamo per l’importanza di prestare sempre attenzione alla salute di coloro che partecipano al mondo dello sport.

Continua a leggere

Sport

Spalletti al ‘Maradona’, applausi e lacrime di gioia: era la prima volta dopo scudetto

Pubblicato

del

Il commissario tecnico della nazionale Luciano Spalletti torna al ‘Maradona’ per la prima volta dopo la straordinaria stagione alla guida del Napoli culminata con lo scudetto conquistato al termine dello scorso campionato. Spalletti è oggi ospite nella tribuna dell’impianto di Fuorigrotta dove assiste alla partita Napoli-Frosinone. Dopo vittoria dello scudetto il ct azzurro non era mai più tornato a Napoli per assistere a una gara della sua ex squadra.

Momenti di commozione per Spalletti allo stadio Maradona. Il ct della nazionale per la prima volta dal ‘divorzio’ e’ tornato a seguire da spettatore interessato la sua ex squadra, ha ricevuto un caldissimo saluto da parte di tutto il pubblico. L’allenatore ha salutato per ringraziare i tifosi, ma poi non è riuscito a trattenere le lacrime prima di lasciarsi andare ad un grandissimo sorriso.

Continua a leggere

Sport

I tifosi del Napoli contestano duramente gli azzurri e De Laurentiis

Pubblicato

del

Finisce con una durissima contestazione ai giocatori del Napoli la partita pareggiata con il Frosinone. Al termine della gara, nonostante che già al fischio finale dell’arbitro Fabbri e prima ancora sul finire della gara bordate di fischi si fossero levate verso gli azzurri, i calciatori sono andati verso una delle curve per salutare il pubblico.

A questo punto i fischi si sono fatti ancora più intensi e sono partiti i cori di disapprovazione da parte dei tifosi. “Andate a lavorare” e “Meritiamo di più” sono soltanto alcuni degli slogan utilizzati in coro del pubblico.

Durissima anche la contestazione nei confronti della società e in particolare del presidente De Laurentiis, preso di mira durante buona parte del secondo tempo. Sugli spalti del ‘Maradona’ erano presenti 50 mila spettatori che avevano sperato di sostenere la squadra e di assistere a una vittoria che rilanciasse il Napoli nella corsa verso la qualificazione a uno dei tornei d’Europa della prossima stagione.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto