Collegati con noi

Sport

L’altra metà del pallone, il Mondiale donne per stupire

Pubblicato

del

Stati Uniti, Inghilterra e Germania le principali favorite, Spagna, Brasile, Francia e Australia (9 vittorie nei suoi ultimi 10 match), come outsiders, Italia che si giocherà tutto o quasi fin dal match di esordio, lunedì 24, contro l’Argentina, sua principale avversaria nella corsa al superamento della fase a gironi. In più c’è il Canada che, dopo aver vinto l’oro nel torneo dell’Olimpiade di Tokyo 2020, viene ora considerato team da terza fila. Parte il Mondiale di calcio femminile, a 32 squadre, che comincia domani dall’altra parte del pianeta, in Nuova Zelanda e Australia con le sfide che vedranno impegnate le nazionali di casa rispettivamente contro la Norvegia e l’Irlanda.

Per quest’ultima partita, a Sydney, è annunciato il sold out con 83mila biglietti venduti e quindi una tendenza contraria a quanto invece sta accadendo ad Auckland e dintorni perché il pubblico neozelandese per ora è freddo, semmai i media locali si occupano di ‘female soccer’ per attaccare le giocatrici della Spagna a causa di un maldestro tentativo di haka divenuto virale. Così oggi c’è stato un incontro ‘riconciliatore’ fra Alexia Putellas e compagne e un rappresentanza di autorità locali e comunità Maori di Palmerston North, dove la Roja è in ritiro. intanto il presidente della Fifa Gianni Infantino, messa da parte l’ennesima polemica (rilanciata nei giorni scorsi da australiane e inglesi) su premi e contributi che per il calcio femminile sono di un quarto rispetto alle cifre dei maschi, e accantonata anche quella sullo scarso interesse dei media televisivi per questa competizione per via anche degli orari scomodi imposti dal fuso, ha lanciato un appello al pubblico neozelandese affinché acquisti più biglietti delle partite.

Finora, su un milione e 375mila tagliandi disponibili nel paese degli All Blacks, ne sono stati venduti solo 320mila. “C’è bisogno di voi – ha detto Infantino – e visto che c’è ancora tempo pe prendere i biglietti, venite a vedere le partite del Mondiale. Molte persone che credono ancora che il calcio femminile sia una brutta copia di quello maschile quando guardano una partita per la prima volta capiscono che è un gioco fantastico ed è molto divertente, anche perché il livello è cresciuto incredibilmente negli ultimi 10 anni”. Quello del 2023 sarà anche il Mondiale di Marta, 37enne fuoriclasse mai riuscita a vincere il titolo iridato con il suo Brasile, e che per ora deve accontentarsi di stabilire il record della sesta partecipazione.

Ma nella numero 10 verdeoro il sogno della Coppa è ancora vivo, perché alla guida della Seleçao è arrivata una Maestra di calcio come la svedese Pia Sundhage, che punta molto anche sulla nuova stella Duda Sampaio, 22enne del Corinthians. E a proposito di giocatrici da tenere d’occhio, non possono mancare la colombiana Linda Caicedo, 18enne del Real Madrid che l’anno scorso ha trascinato la sua nazionale alla finale dei Mondiali under 17, e l’azzurra Chiara Beccari, attesa con molta curiosità dagli addetti ai lavori del calcio femminile. E hai visto mai che la ragazza del Sassuolo con cittadinanza di San Marino ma che ha scelto l’Italia non riesca a trascinare le compagne a traguardi finora mai raggiunti.

Advertisement
Continua a leggere

Sport

Grazie ad Atalanta e Fiorentina, 5 italiane in Champions 2024/25

Pubblicato

del

Il passaggio in semifinale di Atalanta e Fiorentina, rispettivamente in Europa League e Conference League, garantirà all’Italia di avere cinque club, e non quattro, nella prossima edizione della Champions League, allargata a 36 squadre. I risultati ottenuti, insieme alle eliminazioni delle squadre inglesi Liverpool e West Ham, permettono infatti all’Italia di mantenere un vantaggio decisivo sulle possibili rivali nel ranking Uefa, che la vede al primo posto considerando anche i punti messi in carniere grazie alla Roma, la quale ha eliminato il Milan nel derby dei quarti di Europa League. Altri potranno venire se le tre italiane dovessero proseguire ulteriormente il loro cammino.

Continua a leggere

Sport

Europa League, gol di Mancini e Dybala: Milan ko e la Roma va in semifinale

Pubblicato

del

Una Roma bella e concreta vola in semifinale di Europa League nella magica serata dai due volti, nel solito Olimpico sold out. Nei primi venti minuti i giallorossi mettono alle corde il Milan e in cassaforte la qualificazione con i gol di Mancini (che fa il bis dopo San Siro dedicando l’1-0 al suo conoscente stretto e giovane calciatore morto lunedì) e Dybala, ma poi dalla mezz’ora restano in dieci per il fallaccio di Celik su Leao e sono costretti a dover resistere per tutto il match agli attacchi veementi dei rossoneri facendo anche a meno dei muscoli di Lukaku fuori per infortunio.

Forcing milanista che porta all’unico gol di Gabbia nel finale per un 2-1 per la squadra di De Rossi, confermato proprio stamattina per il prossimo futuro sulla panchina giallorossa, che dovrà affrontare i campioni di Germania del Bayer Leverkusen per sognare la finalissima di Dublino. Nel Milan torta titolare Tomori che rientra dopo la squalifica, a sorpresa a centrocampo spazio a Musah al posto di Reijnders, mentre in avanti fiducia a Giroud e Leao. De Rossi si affida a Bove a centrocampo per sostituire Cristante squalificato e al tridente Dybala, Lukaku, El Shaarawy.

Pronti via con la Roma subito pericolosa con Lukaku e che nei primi minuti si mostra più presente nell’area del Milan costretto a fare subito due falli pesanti prima su Dybala e poi su Bove per frenare i giallorossi. Passano solo 12 minuti e la squadra di De Rossi passa in vantaggio ancora con Mancini che come all’andata firma l’1-0: destro a giro di Pellegrini che colpisce il palo, sulla respinta è lesto è il difensore giallorosso che di piatto a porta vuota spinge in rete. L’esultanza di Mancini è commovente con i suoi compagni che lo baciano e lo abbracciano per il lutto subito lcon la morte del fratello del fidanzato di sua sorella, il giovane calciatore Mattia Giani.

A lui il difensore della Roma dedica il gol mostrando una maglia con la scritta ‘Ciao Mattia per sempre con noi’. La reazione del Milan non si fa attendere: i rossoneri provano a pareggiare subito con il tiro di Loftus-Cheek che si infrange sulla traversa, ma si sbilanciano troppo e dieci minuti dopo aver subito lo svantaggio incassano il secondo gol con un bel contropiede della Roma. Lukaku vince il duello di fisico sulla sinistra dell’area, il belga prova il cross in mezzo, cross respinto proprio sui piedi di Dybala che con uno splendido sinistro a giro insacca.

E così dopo soli venti minuti, i giallorossi forti della vittoria 1-0 a San Siro ipotecano il passaggio del turno, con il Milan chiamato ora a segnare quattro gol per andare in semifinale. Pochi minuti e la Roma perde Lukaku per un problema muscolare al flessore della coscia destra: il belga viene sostituito da Abraham. Subito dopo aver dovuto fare a meno di Lukaku i giallorossi restano in dieci per il rosso a Celik: il terzino turco in recupero su Leao interviene in scivolata sulla caviglia del portoghese e viene espulso dall’arbitro polacco Marciniak. Il Milan sotto di due gol si ritrova in superiorità numerica e si riversa nell’area romanista sfiorando più volte il gol e vedendosi negare un rigore dal Var. De Rossi corre ai ripari e mette dentro un altro difensore, Llorente al posto di Dybala, mentre Pioli rinforza l’attacco lanciando in campo Jovic al posto di Bennacer.

Sono ben sette i minuti di recupero nel primo tempo decisi da Marciniak ma i rossoneri non riescono a bucare la difesa romanista. Mentre le squadre rientrano negli spogliatoi De Rossi aspetta l’arbitro polacco per chiedergli probabilmente spiegazioni sull’espulsione diretta di Celik. Doppia sostituzione per il Milan che prova a giocarsi il tutto per tutto con l’uomo in più nel secondo tempo: entrano Reijnders e Chukwueze, escono Calabria e Loftus Cheek. La squadra di Pioli è costantemente in attacco ma è la Roma a sfiorare il 3-0 prima con una ripartenza di El Shaarawy e poi con una clamorosa palla gol di Abraham a due passi da Maignan.

Pioli cambia ancora le sue carte: entrano Florenzi e Okafor, escono Musah e Pulisic, ma il gol per i rossoneri non arriva. Cambia anche De Rossi: fuori Pellegrini, autore di un super salvataggio nel finale di partita, per Renato Sanchez e Bove per Angelino. Nel finale il Milan accorcia con Gabbia, ma la Roma resiste con ordine fino alla fine festeggiando una semifinale strameritata in un Olimpico da impazzire insieme anche a N’Dicka sotto la curva sud dopo la paura di Udine.

Continua a leggere

Sport

Europa League: impresa dell’Atalanta, il Liverpool vince ma va fuori

Pubblicato

del

L’unica pecca è la squalifica di Hien e Zappacosta, diffidati. Il vantaggio di Salah è di rigore, la sofferenza nel prosieguo molto relativa, le occasioni non sfruttate sui due fronti una manciata. Forte dei tre gol di vantaggio di Anfield, l’Atalanta perde di misura nel ritorno dei quarti di Europa League col Liverpool centrando la seconda semifinale europea della sua storia a 36 anni dalla precedente, quella mitica col Malines in coppa Uefa dopo aver battuto lo Sporting Lisbona. Presenza significativa allo stadio di Bergamo in festa, il capitano di allora Glenn Stromberg, acclamato dai tifosi prima del calcio d’inizio. Sette minuti, compresi il paio per il check, e la strada si fa in salita per i bergamaschi.

Il braccio largo di Ruggeri su palla di Alexander-Arnold dal lato corto provoca il penalty realizzato dall’egiziano spiazzando Musso, lasciando ai Reds due gol da recuperare e tre per ribaltare il risultato dell’andata. Il pericolo del raddoppio intorno al dodicesimo è sventato da Musso, quando costringendolo all’uscita risolutiva Luis Diaz gli si presenta davanti, smarcato dall’azione di Robertson prolungata da Gakpo, e Szoboszlai ci prova centralmente dalla lunetta. Per la prima conclusione atalantina, tra una rete di possesso degli ospiti e l’altra, bisogna aspettare il ventottesimo col sinistro a incrociare largo di Miranchuk sul controllo dal limite sbagliato da Scamacca, su passaggio di Ederson, diventato assist.

L’undici di Klopp sembra vivere di fiammate, come la triangolazione tra Diaz e Salah oltre la mezzora che costringe Djimsiti a chiudere con la diagonale in scivolata, mentre Salah al trentanovesimo spreca il rilancio di Gakpo allargando il pallonetto solo davanti a Musso. Gioia strozzata in gola alla Curva Nord e a Koopmeiners due minuti più tardi, perché sul filtrante di De Roon il tiratore scelto di casa è in fuorigioco. Comincia la ripresa ed Ederson telefonata fra le braccia di Alisson il rigore in movimento nel flipper d’area innescato dal fondo da Zappacosta con tocchi di Miranchuk e Scamacca, mentre Kolasinac ovvia spazzando l’area all’uscita a vuoto di Musso su una punizione da lontano di Robertson.

Van Dijk corregge di testa centralmente lo schema di Alexander-Arnold prima del quarto d’ora, con la risposta sempre centrale dal limite di Koopmeiners a rimorchio di Zappacosta. Oltre il ventesimo Ruggeri scambia con Miranchuk trovando Mac Allister in traiettoria e Scamacca, ancora su iniziativa del laterale destro, che lascia spesso Robertson sul posto, alza decisamente la mira. Quando Klopp ha già cambiato quattro pedine, Gasperini fa entrare Pasalic per Ederson e per Scamacca il più fresco De Ketelaere, che non riesce a mandare in porta l’impreciso Koopmeiners oltre la mezzora. Chiude la fiera delle mezze chances in rosso il terzo tempo di Nunez sulla punizione di Mac Allister: Bergamo può esultare.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto