Collegati con noi

Cronache

La storia di Giulio Giaccio, rapito, ucciso e sciolto nell’acido dalla camorra per errore

Pubblicato

del

I suoi genitori, la sorella, lo dissero subito: Giulio Giaccio non aveva a che fare con la delinquenza, di sicuro si era trattato di uno scambio di persona. Ed oggi, a quasi 23 anni dalla sua sparizione, è venuta fuori la verità e i carabinieri hanno arrestato due persone, due che sarebbero collegati al clan Polverino. E cioè Salvatore Cammarota e Carlo Nappi, tutti e due già in carcere per altri reati.

Giulio era nella piazzetta davanti alla chiesa del Sacro cuore,  fra il quartiere di Pianura e la cittadina di Marano, nel napoletano. Venne prelevato da alcune persone a bordo di un’auto. Sembravano poliziotti, avevano il lampeggiante e un’insegna. Da quel momento di Giulio Giaccio, 26enne muratore, incensurato, nessuna frequentazione sospetta, non si ebbe più notizia. Dopo qualche anno entrò a far parte dei cold case: fino al 2015 quando il caso venne  riaperto grazie alle rivelazioni di un pentito della camorra, proprio del clan Polverino.

Roberto Perrone raccontò ai magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli che Giulio Giaccio era stato ucciso dagli emissari del clan. Per un errore di persona. Che avessero sbagliato obiettivo i suoi familiari, la mamma la sorella, ne erano convinti già 15 anni fa.

“Il nostro ragazzo – spiegarono la mamma e la sorella- non frequentava quella gente, lui di ritorno dal lavoro aiutava noi nei campi”. E basandosi sull atestimonianaz adi un ragazzo che vide Giulio portato via da sconosciuti che non seppe riconosere spiegava anche che quelli cercavano un certo Salvatore ma non si accontentarono neppure dei documenti di identità che Giaccio mostrò loro.
Belve vendicative vollero credere che Giulio Giaccio era invece – come aveva spiegato agli inquirenti il pentito Perrone- un tal Salvatore amante della sorella di uno di loro. Lo stesso collaboratore di giustizia spiegò ai magistrati che Giaccio non aveva niente a che fare con la camorra, l’errore fu di uno “specchiettista”, cioè colui che segnala la persona da uccidere al killer, che identificò per errore il muratore. Fu così che Giulio Giaccio venne rapito, subì un processo sommario e venne ucciso. Non venne mai più trovato. Il suo corpo sarebbe stato sciolto nell’acido .

Advertisement

Cronache

Traffico di rifiuti, indagati tre funzionari Regione Campania

Pubblicato

del

Sono tre i funzionari della Regione Campania, uno dei quali arrestato e messo ai domiciliari, coinvolti nell’inchiesta della Dia e dei carabinieri del Noe di Potenza su un presunto traffico di rifiuti tra Italia e Tunisia. Coordinata dalla Procura di Potenza, la polizia giudiziaria ha avuto mandato dal giudice di notificare undici misure cautelari: quattro in carcere, cinque ai domiciliari e due obblighi di dimora. Complessivamente sono sedici le persone coinvolte nell’indagine insieme con quattro società. Disposti anche il sequestro di tre società e di beni per un milione di euro agli indagati.

Tra coloro a cui sono stati notificati i domiciliari c’è il funzionario regionale salernitano 66enne Vincenzo Andreola. Analoga misura cautelare per Antonio Cancro, 53 anni, Innocenzo Maurizio Mazzotta, 62 anni, Ciro Donnarumma, 44 anni, Federico Palmieri, 27 anni. Il gip di Potenza ha invece disposto il carcere per gli imprenditori Alfonso Palmieri, 39 anni, Tommaso Palmieri, 70 anni, per il tunisino Mohamed El Moncef Bin, 45 anni, e per Paolo Casadonte, 43 anni.

L’obbligo di dimora è stato emesso infine per Carmela Padovani, 32 anni, e Francesco Papucci, 48 anni. Una delle società coinvolte avrebbe consentito l’ingresso nell’affare di due degli imprenditori indagati, che avevano la necessità di smaltire grandi volumi di rifiuti. Questi imprenditori, viene sottolineato nell’ordinanza del giudice, “portavano in dote le conoscenze presso gli uffici della Regione Campaniadi un funzionario amministrativo… disponibile ad assecondare illecitamente le pratiche della società consentendo di ottenere le necessarie autorizzazioni anche a fronte di evidenti e macroscopiche irregolarità”.

Continua a leggere

Cronache

Estradato in Italia Maffione, accusato di maxi frode su Iva

Pubblicato

del

Estradato in Italia Vincenzo Maffione, arrestato lo scorso 25 gennaio negli Emirati Arabi Uniti con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale in materia di Iva. L’estradizione di Maffione – indagato nell’ambito dell’operazione ‘Pit stop’ della Guardia di Finanza di Torino coordinata dalla Procura europea – è stata eseguita oggi, in via semplificata, dal Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia, con volo Abu Dhabi-Roma. La consegna avviene all’indomani dell’incontro del ministro della Giustizia, Carlo Nordio, con il suo omologo emiratino Abdullah Al Nuaimi. Il ministro ringrazia le autorità competenti, rilevando – si legge in una nota – la crescente fruttuosa ed amichevole collaborazione tra i due governi.

Continua a leggere

Cronache

Mafia: voto di scambio, estorsioni e droga, 12 arresti

Pubblicato

del

Scambio elettorale politico-mafioso, estorsioni, detenzione di armi e stupefacenti, introduzione in carcere di dispositivi telefonici, con i quali dal carcere gestivano i loro affari : sono alcune delle accuse contestate a 12 persone gravemente indiziate di essere organizzatori ed affiliati al Clan “Nardo” operante nell’rea nord della provincia di Siracusa e ritenuta costola della famiglia di cosa nostra catanese “Santapaola Ercolano”.

Dieci di loro sono finite in carcere e due ai domiciliari , in esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Catania, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia ed eseguita dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Siracusa.

Avvalendosi della forza di intimidazione derivante dal vincolo associativo gli arrestati, secondo quanto emerso nell’indagine,erano riusciti ad acquisire, in modo diretto e indiretto, la gestione o comunque il controllo di numerose attività economiche e imprenditoriali, prevalentemente nel settore agro-pastorale, nell’area nord della provincia siracusana. il reato di scambio elettorale politico- mafioso è contestato anche ad un candidato sindaco delle scorse elezioni amministrative del 2022 che avrebbe accettato la promessa di ottenere voti in cambio di denaro e dell’impegno ad operarsi per agevolare la scarcerazione del figlio di un affiliato.

I destinatari del provvedimento sarebbero “riusciti ad acquisire, in modo diretto e indiretto, la gestione o comunque il controllo di numerose attività economiche e imprenditoriali, prevalentemente nel settore agro-pastorale, nell’area nord della provincia siracusana”. Secondo gli inquirenti i componenti del clan avrebbero minacciato “anche dall’interno degli istituti di pena, utilizzando illecitamente telefonini, chi si fosse rivolto alle forze dell’ordine, per denunciare un’estorsione o una minaccia subita, occultando armi ad alto potenziale offensivo, smerciando stupefacenti del tipo cocaina e marijuana, gestendo una florida piantagione composta da ben 731 piante”.

Sono stati ricostruiti numerosi episodi di estorsione commessi dagli indagati che “mediante minaccia e avvalendosi della forza di intimidazione, avrebbero costretto diversi imprenditori agricoli o esercenti commerciali a fornire somme di denaro o generi alimentari senza corrispettivo, pagare un servizio di “guardiania” per i propri terreni agricoli, sui quali sarebbero stati anche obbligati a tollerare il pascolo di capi di bestiame riconducibili agli associati, subire il cosiddetto “cavallo di ritorno” per la restituzione di escavatori ed altri mezzi oggetto di furto”. Il reato di scambio elettorale politico mafioso è stato contestato ad un candidato sindaco delle elezioni amministrative del 2022 che “avrebbe accettato la promessa di ottenere voti in cambio di denaro e dell’impegno ad operarsi per agevolare la scarcerazione del figlio di un affiliato”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto