Collegati con noi

Politica

La famiglia Berlusconi si congratula, Fascina assente

Pubblicato

del

La famiglia Berlusconi si congratula con il neo eletto segretario Antonio Tajani, ma la compagna del Cavaliere, Marta Fascina diserta il congresso di Forza Italia, anche se incassa l’elezione del “suo” Stefano Benigni alla vicesegreteria del partito. Fascina in realtà, dalla scomparsa di Silvio Berlusconi, non ha quasi mai partecipato agli appuntamenti pubblici del Movimento. Non andò a Paestum, né a Gaeta alla festa dei giovani, né per il trentennale della discesa in campo di Berlusconi. Ma quella di Fascina è senz’altro l’unica assenza che si registra nella due giorni dedicata alla costruzione del nuovo partito e all’elezione del primo segretario del dopo-Berlusconi. Tutti presenti, infatti, i 1200 delegati, quelli di diritto e quelli elettivi, e in platea anche chi ricopre cariche istituzionali, a livello locale e nazionale.

Nelle prime file della sala del Palazzo dei Congressi di Roma (decisamente in over-booking visto che se ne è dovuta allestire un’altra con tanto di maxi-schermo per ospitare tutti) ministri e sottosegretari, i vicepresidenti di Camera e Senato, Giorgio Mulè e Licia Ronzulli, i presidenti di Commissione e quasi tutti i parlamentari. Al tavolo, sul palco, i capigruppo Maurizio Gasparri e Paolo Barelli che hanno scandito i tempi della kermesse, decidendo le modalità di voto e dando la parola a circa 70 esponenti di Forza Italia che si sono alternati sul podio degli oratori. Per gli altri 20 che avevano chiesto di intervenire, invece niente da fare. Hanno dovuto lasciare il posto alla presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola, che è stata accolta da Tajani fuori del Palazzo e che per circa 20 minuti ha tessuto le lodi del suo “amico Antonio”, di Berlusconi che a suo dire “ha scritto la storia d’Italia e d’Europa degli ultimi 30 anni” e di Forza Italia.

Applauditissimo anche il discorso dello spagnolo Antonio Lopez che si è concluso con un caloroso abbraccio tra lui e l’altro Antonio che lo ascoltava sorridente qualche metro più in là sullo stesso palco. Tra gli interventi più significativi, anche quelli dei ‘fuoriusciti’ rientrati nel partito. Uno dei più intensi quello di Letizia Moratti che alla fine si è anche commossa. Nutrita la pattuglia dei giovani, per lo più uomini, che rigorosamente in abito blu e spilletta d’ordinanza, hanno fatto più di una ‘foto di classe’ sulla scalinata accanto al loro leader Stefano Benigni. Decisamente entusiasta per il voto unanime ricevuto, Antonio Tajani che, dopo aver abbracciato sempre sul palco anche i componenti della Direzione e della segreteria appena eletti, sulle note dell’Inno, di Azzurra libertà e di ‘Felicità’ di Albano, alla fine del congresso ha fatto il giro tra i tavoli della sala stampa per ringraziare tutti augurando buon lavoro.

Advertisement
Continua a leggere

Politica

Arriva la legge italiana sull’Ia, sconti ai ricercatori

Pubblicato

del

L’Intelligenza artificiale rivoluzionerà la vita di tutti e il governo italiano vara la prima legge che comincia a mettere dei paletti per evitare che lo sviluppo della tecnologia più attesa, e allo stesso tempo più temuta, vada fuori controllo. Dall’ingresso dell’Ia nei settori della giustizia e della sanità, all’accentramento della regia a Palazzo Chigi, il provvedimento declina il regolamento europeo AI Act lasciando l’uomo al centro di ogni processo decisionale. E per attrarre gli esperti, estende le agevolazioni fiscali per i rimpatriati anche a chi ha lavorato sull’Ia all’estero. Inoltre, introduce un nuovo reato: reclusione da 1 a 5 anni per chi crea danno con Ia.

Il sottosegretario per l’Innovazione tecnologica, Alessio Butti, ha spiegato che il ddl definisce chi elabora la strategia (Palazzo Chigi), chi monitora e vigila (l’Agenzia per l’Italia digitale e l’Agenzia per la cybersicurezza nazionale che diventano Autorità nazionali per l’intelligenza artificiale) e chi notifica e sanziona. “Crediamo che sia un prodotto di buona qualità”, ha detto Butti, “realizzato con la collaborazione di tutti” gli interessati, ministeri compresi. Tanto che, in conferenza stampa, è il ministro della Giustizia Carlo Nordio a spiegare la stretta sul codice penale che si aggiorna alla nuova tecnologia: “L’aspetto penale può essere devastante perché può creare una realtà che non è più virtuale ma reale” e allora “per questo interviene la norma penale”. E l’uso dell’Ia per alcuni reati diventa un aggravante.

Come annunciato dalla premier Giorgia Meloni già il mese scorso, l’Italia punta allo sviluppo dell’Ia con un miliardo di euro grazie all’impegno di Cdp, e in particolare di Cdp Venture Capital. Il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso ha spiegato che “si affronta anche il tema dell’impatto dell’Ia nel mondo delle imprese soprattutto tenendo conto che abbiamo oltre 4 milioni di Pmi che devono essere messe nelle condizioni di usare appieno queste tecnologie”. Il provvedimento, ha detto Urso, “indirizza un miliardo di euro del fondo innovazione al venture capital gestito da Cdp da un lato per facilitare la nascita di start up e di far crescere start up esistenti che operano nell’Ia, e dall’altro per consentire la nascita di un campione nazionale cone fanno altri paesi Ue”. Il ddl, suddiviso in 25 articoli, affida la regia sul tema a Palazzo Chigi.

Oltre a una serie di norme a tutela del diritto d’autore, altre sono pensate per guidare la diffusione dell’Ia nel mondo del lavoro, ricordando che “è al servizio della persona ed è impiegata per migliorare le condizioni di lavoro”, anche se ha come obiettivo “accrescere la qualità delle prestazioni lavorative e la produttività delle persone”. Viene poi disciplinata la sua introduzione nei diversi settori, ad esempio per semplificare e organizzare il lavoro giudiziario, precisando che il magistrato ha sempre la decisione finale “sull’interpretazione della legge, sulla valutazione dei fatti e delle prove e sulla adozione di ogni provvedimento”. Stesso ragionamento per sanità e pubblica amministrazione: l’Ia farà da “supporto” nei processi di prevenzione, diagnosi, cura e scelta terapeutica, lasciando al professionista sanitario ogni decisione, così come nella Pa.

Continua a leggere

Politica

Riforma Giustizia a metà maggio, le ipotesi dal vertice

Pubblicato

del

Concorsi in magistratura separati, due Csm con aumento del numero dei membri laici e il sorteggio dei togati, oltre a una modifica per la discrezionalità dell’azione penale. Sono in via di definizione le varie ipotesi sul tavolo della nuova riforma costituzionale della Giustizia, ovvero quella che prevede la separazione delle carriere dei magistrati. Dopo il vertice tecnico delle ultime ore in via Arenula, viene confermata l’intenzione (e la possibilità) del governo di presentare il provvedimento entro la prima metà di maggio, così come annunciato dal ministro Nordio. Nulla è ancora chiuso e il confronto sulle varie proposte resta aperto: non ci sarebbe quindi nulla di progettuale e sarebbero ancora in corso valutazioni.

Ma alcuni capisaldi già ci sono. Del resto meno di un mese fa il Guardasigilli aveva già sottolineato che la separazione delle carriere – la quale prevede distinti percorsi tra i magistrati giudicanti e quelli requirenti – sarà “consustanziale alla riforma del Consiglio della magistratura, quindi due Csm separati”. Ed essendo costituzionale, il provvedimento avrà un iter più lungo. Tra le ipotesi, ci sono la previsione di concorsi di accesso separati per i magistrati e dei due distinti Consigli superiori della magistratura (quella giudicante e quella requirente). Sempre secondo le valutazioni in campo, vi è l’aumento del numero dei membri laici dei Consigli, almeno un quarto nominati dal Parlamento, oltre al sorteggio dei togati.

E solo qualche giorno fa Nordio aveva auspicato che, “se domani dovessimo arrivare a una riforma costituzionale, fosse inserito il ruolo fondamentale che hanno gli avvocati”. Ancora aperto il dibattito sulla presidenza dei due Csm: anche se resta prevalente l’ipotesi che resti il presidente della Repubblica a presiederli, non si può ancora escludere l’eventualità che la scelta ricada sul primo presidente della Corte di Cassazione e sul procuratore generale presso la Corte, entrambi rispettivamente per i due distinti Consigli. Una ulteriore riflessione potrebbe essere dedicata all’esercizio dell’azione penale e alla sua discrezionalità. Il proposito potrebbe essere quello di riformare l’articolo 112 della Costituzione, in cui è attualmente prevista l’ ‘obbligatorietà’ dell’azione penale, introducendone invece la ‘discrezionalità’, la quale in questo senso attuerebbe pienamente il sistema accusatorio. E le priorità di questo esercizio potrebbero ad esempio essere stabilite per legge.

Continua a leggere

Politica

In Basilicata Bardi vince col 56,6%, Fdi primo partito col 17,3% mentre al Pd va il 13,8%

Pubblicato

del

Il candidato del centrodestra Vito Bardi è stato confermato governatore della Basilicata con il 56,63% dei voti, secondo i risultati definitivi dello scrutinio delle elezioni regionali. Piero Marrese del centrosinistra ha ottenuto il 42,16% dei consensi. Al terzo candidato Eustachio Follia è andato l’1,21%.  Fratelli d’Italia risulta il partito più votato, con il 17,39%.  Segue il Partito democratico col 13,87%.  Nella coalizione di centrodestra Forza Italia ottiene il 13,01% dei voti, mentre la Lega si ferma al 7,81% dei consensi seguita da Azione con il 7,51%. Nel centrosinistra il Movimento 5 stelle ottiene il 7,66%, dietro a Basilicata casa comune (11,18%).

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto