Collegati con noi

Cronache

La Corte di Appello di Salerno sentenzia: le inchieste “Why not” e “Poseidone” furono sottratte con abusi al pm de Magistris. Ma chi commise gli abusi non paga perchè il reato è prescritto

Pubblicato

del

La Corte di Appello di Salerno  ha in parte riformato e accolto nella sostanza il ricorso dell’ex pm di Catanzaro Luigi de Magistris (difeso dagli avvocati Stefano Montone ed Elena Lepre)  rispetto alla sentenza emessa dai diudici di primo grado nel processo “Scontro tra Procure”, che aveva assolto tutti gli imputati per l’illecita revoca del procedimento “Poseidone” e l’illecita avocazione del procedimento “Why Not”, due inchieste che furono nella forma e nella sostanza tolte all’allora pm di Catanzaro Luigi de Magistris.
La Corte di Appello di Salerno con la sentenza appena emessa ha in sostanza riconosciuto commesso in violazione di legge il provvedimento di revoca del procedimento “Poseidone” avvenuto il 29.3.2007 ad opera dell’allora procuratore aggiunto di Catanzaro  Salvatore Murone. Atto commesso col concorco del senartore di Forza Italia Gian Carlo Pittelli e dall’allora sottosegretario del Ministero delle Attività Produttive, Giuseppe Galati, ritenendo i fatti sussumibili nel reato di abuso d’ufficio, per il quale ha dichiarato di non doversi procedere per intervenuta prescrizione. La Corte di Appello ha inoltre riconosciuto commesso in violazione di legge il provvedimento di avocazione del procedimento “Why Not” avvenuto il 19.10.2007 ad opera dell’allora procuratore aggiunto di Catanzaro  Salvatore Murone, dell’avvocato generale facente funzioni di procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Catanzaro,  Dolcino Favi in concorso con l’imprenditore della Compagnia delle Opere Antonio Saladino, ritenendo i fatti sussumibili nel reato di abuso d’ufficio, per il quale ha dichiarato di non doversi procedere per intervenuta prescrizione.

Luigi de Magistris. Da Magistrato era titolare di inchieste delicate in Calabria

La sentenza di appello ribalta dunque il processo di  primo grado celebratosi dinanzi al Tribunale di Salerno – prima sezione –  che ha avuto inizio il 2 febbraio 2011 ( a quasi 4 anni dai fatti) e terminato il 20 aprile 2016, dopo ben 98 udienze dibattimentali, nel corso delle quali  i giudici di primo grado pur riconoscendo in sentenza la ricorrenza della condotta in violazione di legge, mandavano assolti gli imputati.
Una assoluzione impugnata da Luigi de Magistris che aveva chiesto ai giudici di Appello di ritenere le condotte contestate agli imputati sussumibili nel reato di abuso d’ufficio, pur consapevoli che tali reati commessi nel 2007 erano già coperti da intervenuta prescrizione. 

La Corte di Appello ha infatti così sentenziato, stabilendo che effettivamente al magistrato di Catanzaro Luigi de Magistris furono tolte con abusi gravi le inchieste “Poseidone” e “Why Not” ma coloro che hanno commesso il reato di abuso di ufficio non possono essere condannati perchè prescritto. In pratica de Magistris, quando era pm a Catanzaro, subì una guerra di logoramento prima (da certa politica che lo bombardava di interrogazioni parlamentari) e abusi (commessi da suoi colleghi magistrati, politici e uomini di governo) per fiaccare prima le sue inchieste e poi togliergliele per farle approdare su un binario morto. Cosa che accadde. Per tutto questo nessuno pagherà perché c’è la prescrizione che tutto salva e tutto lava.

Che cosa dice Luigi de Magistris, oggi sindaco di Napoli, di questa sentenza della Corte di Appello di Salerno? Esprime “soddisfazione per il fatto che, seppur a distanza di così tanto tempo e seppur con tante ingiustizie che ho dovuto subire, la Corte d’Appello di Salerno abbia riconosciuto la responsabilità per il delitto di abuso d’ufficio a carico del procuratore aggiunto di Catanzaro Salvatore Murone, con il concorso del senatore Gian Carlo Pittelli e dall’allora sottosegretario del ministero delle Attività produttive,  Giuseppe Galati, dell’Avvocato Generale facente funzioni di procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Catanzaro,  Dolcino Favi in concorso con l’imprenditore della Compagnia delle Opere Antonio Saladino che utilizzarono le istituzioni, nelle condotte loro contestate, per sottrarmi illecitamente le inchieste Why Not e Poseidone. Da oggi – spiega de Magistris –  abbiamo la prova che quelle indagini, che riguardavano i rapporti tra criminalità organizzata, istituzioni, politica e massoneria deviata, che arrivavano fino al cuore dello Stato, mi furono illecitamente sottratte, affinchè non arrivassi alla verità e non mi si consentisse di fare le doverose indagini che svolsi nell’esclusivo adempimento delle norme costituzionali e nel rispetto della legge. Ho tanta amarezza nel cuore, ma oggi lo Stato, anche se in parte, mi ha ripagato con una sentenza cosi importante”. Una pagina inquietante della storia recente repubblicana. La sentenza dice che ad un magistrato furono tolte due inchieste molto delicate senza alcuna motivazione ma commettendo degli abusi. E il peggio è che questi abusi furono commessi da superiori gerarchici del pm de Magistris in concorso con politici, uomini di governo e imprenditori.

Advertisement

Cronache

Potenza, bus pieno di studenti fuori strada, grave l’autista di un’auto coinvolta

Pubblicato

del

Una mattina che avrebbe potuto trasformarsi in una tragedia si è conclusa con un grande sollievo, nonostante l’incubo vissuto da una quarantina di studenti a bordo di un pullman. Il veicolo, diretto verso destinazioni scolastiche, è finito fuori strada questa mattina nelle vicinanze di Baragiano, una località a trenta chilometri dal capoluogo lucano. Secondo le prime ipotesi, l’incidente potrebbe essere stato causato da un sorpasso azzardato di un’auto.

Fortunatamente, non ci sono stati feriti gravi tra gli studenti a bordo del pullman. La situazione più critica è stata riscontrata nel conducente dell’auto coinvolta nell’incidente. Secondo le prime relazioni fornite dai sanitari del 118 di Potenza, è il conducente dell’auto a riportare le ferite più serie.

Dalle prime ricostruzioni condotte dalla Compagnia dei Carabinieri di Potenza, sembra che il conducente dell’auto abbia tentato un sorpasso, un’azione che il conducente dell’autobus avrebbe cercato di evitare, ma che ha purtroppo portato al tragico epilogo dell’uscita di strada del pullman.

Le autorità competenti  stannop indagando sulle cause esatte dell’incidente.

Continua a leggere

Cronache

Carabinieri scovano arsenale da guerra sui tetti nel Napoletano

Pubblicato

del

Armi da guerra sulla tettoia di un box, in un borsone sportivo. In provincia di Napoli, attorno i palazzi del rione Moscarella di Castellammare di Stabia, quelli popolari del lotto 4, al centro di un triangolo ai cui lati corrono due strade statali e viale della Repubblica. La scoperta è dei carabinieri della sezione operativa stabiese. Coperto da erbacce, edera e da rami secchi, un borsone di tela blu poggiava sulla lamiera barcollante di un piccolo box abusivo. All’interno, erose dalle intemperie e dalle piogge ma perfettamente funzionanti, 8 armi da fuoco pesanti. Un fucile d’assalto Ak47 (Kalashnikov), un fucile a pompa SPAS cal 12, di quelli capaci di sfondare una porta. E poi due fucili d’assalto Steyr AUG di produzione austriaca, con una cadenza di tiro pari a 650 colpi al minuto, quasi 11 al secondo. Ancora un fucile a pompa M870s Maverick Eagle Pass con matricola abrasa, due doppietta a canne mozzze, un fucile da caccia. Le armi sono state sequestrate a carico di ignoti e saranno sottoposte ad accertamenti balistici per verificare se siano state utilizzate in azioni criminose.

Continua a leggere

Cronache

Vannacci sospeso dall’incarico per 11 mesi dopo libro

Pubblicato

del

Il generale dell’Esercito, Roberto Vannacci, è stato sospeso dall’impiego per 11 mesi . E’ quanto si apprende da fonti legali in riferimento al procedimento disciplinare avviato nei mesi scorsi dal ministero della Difesa dopo la pubblicazione del libro “Il mondo al contrario”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto