Collegati con noi

In Evidenza

Intervento al cuore senza bisturi, esclusi 155mila malati

Pubblicato

del

C’è un esercito di 155 mila italiani affetti da malattie del cuore che non riesce ad avere accesso in tempi ragionevoli alla procedura per correggere il difetto cardiaco. Una parte di loro, spesso anziani, muore aspettando l’intervento. È questo il dato saliente che arriva dal monitoraggio dell’attività di 273 laboratori di emodinamica e cardiologia interventistica italiani realizzata dalla Società Italiana di Cardiologia Interventistica (Gise). Il rapporto è stato presentato al ministero della Salute durante il congresso ‘Gise Think Heart’.

“La situazione rispetto al passato sta migliorando ma l’accesso tempestivo agli interventi resta problematico”, dice il presidente della società scientifica Giovanni Esposito. Gli interventi di cardiologia interventistica vengono svolti per via percutanea, cioè attraverso l’utilizzo di sottili cateteri inseriti attraverso un piccolo foro all’altezza dell’inguine, del gomito o del polso. L’uso di questo approccio negli ultimi anni si ampliato a molti difetti cardiaci. Il numero di pazienti trattati in Italia, però, risulta inadeguato rispetto al fabbisogno. Secondo il report, nel 2022 sono state eseguite 11.476 procedura di impianto della protesi della valvola aortica per via percutanea (Tavi) con una crescita di circa il 14% rispetto all’anno precedente; tuttavia si stima che quasi 6 pazienti su 10 candidabili a questo intervento ne siano rimasti esclusi. Va peggio per gli interventi di riparazione della valvola mitrale per via percutanea: sono stati 1.451, con una crescita del 9,5%, ma rimangono 8 pazienti su 10 che non hanno beneficiato della procedura.

La chiusura dell’auricola sinistra, che ha lo scopo di evitare l’ictus in persone con fibrillazione atriale, è stata eseguita in 1.878 pazienti; gli italiani candidabili a questa procedura secondo Gise sono 117 mila, quindi il 98% di chi potrebbe trarne beneficio non ne ha avuto accesso. Ancora: sono stati quasi 4 mila gli interventi di chiusura del forame ovale pervio, pari a un terzo dei pazienti che ne potrebbero beneficiare. Unica eccezione le angioplastiche: nel 2022 ne sono state eseguite 149.993, con un lieve calo rispetto agli anni precedenti. “I tempi di attesa media sono anche di un anno-un anno e mezzo”, dice Esposito. Troppo per alcuni malati: “Molti di questi pazienti non hanno alternative a queste procedure e alcuni muoiono mentre sono in lista”, afferma.

Dal rapporto Gise sono inoltre emerse importanti differenzi regionali, “molto ampie e che non presentano il tradizionale gradiente Nord-Sud”, continua il presidente Gise. Per quel che riguarda le Tavi, per esempio, quasi un quarto degli interventi nazionali (2.646 su 11.476) viene eseguito in Lombardia. Subito dietro, con poco più di 1.100 interventi, il Veneto. Poi, Campania, Emilia Romagna, Sicilia e Piemonte con più di 900 operazioni. Valori molto bassi si osservano, invece, in Friuli Venezia Giulia (181). “Questo significa che il problema è legato a fattori multipli, che vanno dall’organizzazione alla disponibilità di risorse umane”, conclude Esposito.

Advertisement
Continua a leggere

Cronache

Perizia, ‘Alessia Pifferi capace di intendere e volere’

Pubblicato

del

In vista dell’udienza del 4 marzo, che si preannuncia tesa, con tanto di sciopero fuori dall’aula dei legali milanesi a sostegno dell’avvocatessa indagata in un’inchiesta parallela, sul caso di Alessia Pifferi, dopo settimane di polemiche, arriva un dato processuale importante. La 38enne era capace di intendere e volere, “lucida” quando ha abbandonato per sei giorni la figlia Diana di meno di un anno e mezzo da sola in casa, lasciandola morire di fame e di sete. Dopo quattro mesi di lavoro lo psichiatra forense Elvezio Pirfo, nominato dalla Corte d’Assise di Milano presieduta da Ilio Mannucci, ha depositato gli esiti della perizia: assenza di “disturbi psichiatrici maggiori”, né “gravi disturbi di personalità”.

Nessun vizio di mente per l’imputata, accusata di omicidio volontario aggravato anche dalla premeditazione e che a questo punto rischia l’ergastolo, anche se i giudici potrebbero riconoscere attenuanti e, in ipotesi, la pena potrebbe scendere. “Con questa perizia è ergastolo sicuro, ma confido nella Corte d’Assise. Ritengo che il clima sia ormai viziato dal fatto che il pm ha indagato me e le psicologhe, cosa che ha intimorito tutti”, ha sostenuto l’avvocatessa Alessia Pontenani, riferendosi al fascicolo aperto a processo in corso dal pm Francesco De Tommasi. Un filone di indagine per falso e favoreggiamento sulle due psicologhe di San Vittore e sulla legale, perché, con un test psicodiagnostico, il cosiddetto Wais, e con presunte falsificazioni del “diario clinico”, avrebbero aiutato la donna ad ottenere la perizia, sostenendo che avesse un deficit cognitivo e “manipolandola”. Nelle sue quasi 130 pagine Pirfo scrive che in assenza di video-audio registrazioni dei colloqui con le psicologhe “non è possibile dare una valutazione compiuta circa l’eventuale induzione o suggestione dell’imputata”.

Ad ogni modo, l’esperto mette nero su bianco che quel test effettuato dalle due professioniste non è “del tutto conforme ai protocolli di riferimento e alle buone prassi” e “l’esito” non può essere ritenuto “attendibile e compatibile con le caratteristiche mentali e di personalità dell’imputata”. Dalla perizia, infatti, è venuto a galla che Pifferi, lasciando morire la piccola quel luglio 2022 per stare con l’allora compagno, “ha tutelato i suoi desideri di donna rispetto ai doveri di accudimento materno verso la piccola Diana e ha anche adottato ‘un’intelligenza di condotta’ viste le motivazioni diverse delle proprie scelte date”. Conclusioni in linea con quanto sostenuto dal pm De Tommasi e dal suo consulente. La 38enne, si legge, “ha vissuto il proprio contesto familiare e sociale di appartenenza come affettivamente deprivante”. Si è sempre considerata “il pulcino nero” e ha avuto una “visione del mondo ed uno stile di vita caratterizzati da un’immagine di sé come ragazza e poi donna dipendente dagli altri (ed in particolare dagli uomini)”. Ha “sviluppato di conseguenza – scrive il perito – anche un funzionamento di personalità caratterizzato da alessitimia, incapacità cioè di esprimere emozioni e provare empatia verso gli altri”.

Negli interrogatori e nei colloqui della perizia, però, ha sempre mostrato “una ‘resistenza alla fatica’”, una “resilienza, una capacità cioè di sopportare gli eventi avversi, superiore a quanto ci si possa aspettare in una persona segnata da un’esistenza complessa e per certi versi infelice”. Tutto accompagnato da “precisione delle risposte e integrità della memoria”. Il problema, ha detto lei nei colloqui col perito, “è che la mia mente si è spenta, si è proprio distaccata dal ruolo di mamma (…) oggi mi sento una cattiva madre”. E al legale ha ribadito: “Non sono un’assassina”. Mentre la sorella Viviana, parte civile con l’avvocato Emanuele De Mitri, spiega che la perizia “conferma che Alessia non ha mai avuto alcun disturbo mentale”, gli avvocati restano sul piede di guerra. L’Ordine dei legali ha chiesto al procuratore Marcello Viola di intervenire per “salvaguardare l’effettività del diritto di difesa”. Viola che sta per consegnare una relazione richiesta sul caso – che ha visto l’altro pm, Rosaria Stagnaro, lasciare il processo – dalla procuratrice generale Francesca Nanni.

Continua a leggere

Esteri

Israele: ucciso comandante Hezbollah Hossein Salami

Pubblicato

del

Israele: ucciso comandante Hezbollah Hossein Salami

In un raid israeliano nel sud del Libano è stato ucciso Hassan Hossein Salami “il terrorista di Hezbollah responsabile della regione di Hajir”. Lo ha fatto sapere il portavoce militare sottolineando che “Salami faceva parte dell’Unità Nasser di Hezbollah e ha comandato di recente le attività terroristiche degli Hezbollah contro civili e soldati, inclusi lanci di missili anti tank verso la città di Kiryat Shmona e i comandi della 769/a Brigata”.

 

Continua a leggere

Economia

Muore lord Rotschild, finanziere ribelle della dinastia

Pubblicato

del

La dinastia di banchieri più famosa d’Europa perde uno dei suoi eredi e ultimi grandi vecchi. E’ morto a 87 anni lord Jacob Rothschild, finanziere, imprenditore, buon amico di re Carlo III e rampollo in qualche modo ribelle del celebre casato, oltre membro indipendente della Camera dei Lord britannica, in forza dei titolo di IV barone Rothschild, dal 1991 al 1998: anno in cui una riforma, volta a ridimensionare quasi a zero le presenze per diritto ereditario alla Camera alta di Westminster, lo privò del seggio assieme ad altri.

Figlio di Victor, III barone Rothschild, e di Barbara Hutchinson, donna cristiana anglicana convertita per matrimonio all’ebraismo osservante, Jacob studiò secondo copione all’università di Oxford, alma mater dell’élite del Regno Unito, per poi formarsi come finanziere nella banca di famiglia, la NM Rothschild & Sons a partire dal 1963. La svolta è datata 1980, quando Jacob ruppe di fatto con l’istituto di credito fondato dagli avi per creare quello che sarebbe divenuto il suo impero finanziario alla City di Londra: il J Rothschild Assurance Group, promosso in coppia con sir Mark Weinberg, un’incubatrice d’affari e cassaforte di operazioni globali. Ricordato dai familiari alla stregua di un filantropo – e sostenitore convinto, come da tradizione di famiglia, delle comunità ebraiche, dello Stato d’Israele, della causa sionista – ricevette in vita le massime onorificenze britanniche dai reali di casa Windsor, fino all’esclusiva insegna di comandante dell’Ordine Reale Vittoriano (Cvo) attribuitagli dalla regina Elisabetta II nel 2020.

Ebbe inoltre svariati incarichi pubblici, come vicepresidente del gruppo televisivo Sky UK o presidente del comitato dei garanti della National Gallery, museo simbolo di Londra; senza dimenticare, soprattutto, la cooptazione a membro del consiglio del Ducato di Cornovaglia, organismo di gestione delle proprietà reali, sotto la guida dell’allora principe di Galles, l’attuale re Carlo. “Nostro padre Jacob – hanno scritto i 4 figli in un messaggio, precisando che la sepoltura avverrà in privato secondo il rito ebraico – è stata una figura eminente per tante persone, come finanziere stimato, campione delle arti e della cultura, servitore devoto della cosa pubblica, sostenitore appassionato di attività di beneficenza in Israele e per la cultura ebraica, ambientalista entusiasta, amico, papà e nonno amatissimo”.

Nel 2019 era rimasto vedovo dopo 58 anni di matrimonio della donna della sua vita, Serena Dunn, ereditiera anglo-canadese e proprietaria di una rinomata scuderia di cavalli purosangue da corsa. I suoi interessi nel business hanno riguardato prevalentemente la finanza, ambito nel quale fu anche chiamato a ricoprire l’incarico di componente dell’International Advisory Board del colosso americano Blackstone Group. Ma hanno spaziato in altri settori quale, ad esempio, quello petrolifero: come testimoniato fra l’altro dal delicato accordo sottoscritto nel 2003 per provare a mettere in custodia (invano) asset dell’oligarca russo Mikhail Khodorkovsky, oppositore di Vladimir Putin, prima dell’arresto di questi e della confisca di fatto del suo gruppo Yukos; o, ancora, dall’acquisizione nel 2013 dal governo israeliano (tramite la società Genie Energy) del diritto esclusivo d’esplorazione di un giacimento di greggio nell’area del Golan siriano occupato.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto